HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  


CRONISTORIA DOCUMENTATA E CONTESTUALIZZATA DELLA RADIO VATICANA
 
<<   Sommario   >>

cronistoria_1.htm
Radio Vaticana - 80&deg; anniversario

A cura di Félix Juan Cabasés S.I.

CRONISTORIA

DOCUMENTATA E CONTESTUALIZZATA
DELLA RADIO VATICANA

I primi ottanta anni dell’Emittente Pontificia



Pontificato di Pio XI
Fondatore e Primo Papa della Radio Vaticana.
6 feb 1922 - 10 feb 1939

Nota: I riferimenti bibliografici relativi agli interventi papali verranno fatti nei riguardi della collezione Acta Apostolicae Se­dis, unico organo ufficiale della Santa Sede e strumento per la promulgazione delle sue disposizioni a carattere normativo, pubbli­cata in fascicoli mensili che si raggruppano in volumi (uno per ogni anno a partire dal 1909). Abbreviazione: AAS. Per altri testi di questo Pontificato, ci serviremo preferenzialmente dell'opera: Discorsi di Pio XI. Edizione italiana a cura di Domenico Bertetto. S.D.B. (Torino. Società Editrice Internazionale. 1960). 3 vol. Abbre­viazione: DD. Per questi testi e per l’attività della Santa Sede ci siamo serviti pure della collezione de L’Osservatore Romano, e, a partire dal 1939, dei volumi Attività della Santa Sede. Abbreviazione: Att.SS.

 

 

 

________________________________________________________________________________

 

1922

________________________________________________________________________________

 

 

6 feb 1922         Elezione a Romano Pontefice del Cardinale Achille Ratti, che assume il nome di Pio XI. Nell'atto di assunzione del Pontificato, il nuovo Pontefice si affaccia alla loggia esterna della Basilica di S. Pietro, che era rimasta chiusa dal 1870, per impartirvi la benedizione "Urbi et Orbi". Viene incoronato il 12 feb 1922. Nel 1931 fonderà la Radio Vaticana.

 

1922                 In Gran Bretagna, avanzata del partito laburista che disgrega il sistema bipartitico finora impe­rante (Conservatori/liberali) e diventa la secon­da forza politica del Paese.

 

1922                 Fondazione dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS).

 

1922                La Società delle Nazioni dà alla Gran Bretagna il mandato sulla Palestina, la cui popolazione è co­stituita per l'80% da arabi musulmani, per l'11% da ebrei, per il 9% da cristiani.

 

1922                 In Turchia, Mustafa Kemal prende il potere e aboli­sce il sultanato.

 

1922                 Nel 1922, prima del dramma di Luigi Pirandello "Sei personaggi in cerca d'autore"; muore a Parigi Mar­cel Proust (1891-1922); Paul Valéry pubblica "Charmes"; François Mauriac pubblica "Il bacio del lebbroso"; Ludwig Wittgenstein pubblica il "Tractatus logico-filosoficus"; James Joyce pub­blica "Ulisse"; Thomas Eliot pubblica "La terra desolata; Friedrich Murnau realizza il film espressionista "Nosferatu il vampiro"; Fritz Lang realizza il film "Il dottor Mabuse"; Robert Fla­herty realizza il film "Nanuk l'eschimese", che viene considerato il primo film documentario del­la storia; inizia la sua carriera di attrice Gre­ta Garbo.

 

6 feb 1922         Nomina a Segretario di Stato del Cardinale Pietro Gaspar­ri.

 

6 feb 1922         Conclusione della conferenza di Washington sul disarmo, iniziata il 12 nov 1921. In essa si stabiliscono limiti alle forze navali delle 5 grandi Po­tenze, si garantisce lo "statu quo" del Pacifico e si riconosce la sovranità della Cina. La Gran Bretagna perde il suo predominio navale, fino a quel momento indiscusso.

 

apr 1922           Nell'Unione Sovietica Stalin è eletto Segretario Generale del Partito, per depurarlo.

 

ott 1922            In Gran Bretagna, sotto la spinta del Ministro delle Poste Neville Chamberlain, si forma la British Broadca­sting Company, proprietà per il 60% di sei grandi so­cietà di produzione di materiale radioelettrico (tra le quali la Marconi Co.) e per il resto di 200 piccoli fabbricanti. Deve vincere problemi con il Post Office e con la Stampa, che voleva limitare la funzione infor­mativa della Radio e impedirle di introdurre la pubbli­cità come fonte di finanziamento. (Cfr. Albert-Tudesq, 15).

 

28 ott 1922        Marcia fascista su Roma. Re Vittorio Emmanuele III si rifiuta di proclamare lo stato di assedio, ac­cetta le dimissioni del ministro Facta e incarica Benito Mussolini di formare governo.

 

14 nov 1922      La BBCompany britannica inaugura il primo servizio regolare di radiodiffusione nel continente europeo.

 

23 dic 1922       Pio XI pubblica la sua prima enciclica "Ubi Arcano" di carattere programmatico. (AAS 14, 1922, 679 ss.).

 

___________________________________________________________________________

 

1923

________________________________________________________________________________

 

 

1923                 Bill Slocum, redattore capo dello "Herald Tribune" di New York, lascia il giornalismo stampato, passa alla Radio e crea il primo "giornale parlato", no­tiziario di 15 minuti di durata. Le Agenzie tele­grafiche di notizie incominciano a temere la con­correnza della Radio.

 

26 gen 1923      Pio XI pubblica l'Enciclica "Rerum omnium" per il 3º centenario della morte di S. Francesco di Sales. Il Santo è proclamato patrono degli scrittori cattolici. Il Pa­pa dice tra l'altro: Egli [S. Francesco di Sales], con l'esempio suo, loro chiaramente insegna la condotta da tenere: che studino con somma diligenza e, per quanto possono, posseggano la dottrina cattolica; non vengano meno alla verità, né, sotto pretesto di evitare l'offe­sa degli avversari, la attenuino o la dissimulino; cu­rino la stessa forma ed eleganza del dire, e esprimano i pensieri con perspicuità e l'ornamento delle parole, sicché i lettori si dilettino della verità; se sia il caso di combattere gli avversari, sappiano confutare gli errori e resistere all'improbità dei perversi, ma in modo da mostrarsi animati da rettitudine e soprat­tutto mossi dalla caritâ".  (AAS 15, 1923, 49 ss.).

 

lug 1923            Nell'Unione Sovietica, nuova Costituzione.

 

1923                 In Gran Bretagna, successo dei laburisti nelle ele­zioni politiche anticipate. Si forma il primo go­verno laburista guidato da Ramsay Mac Donald.

 

1923                 In Turchia, viene proclamata la Repubblica. Mustafa Kemal, che dal 1935 verrà chiamato Atatürk (cioè "padre dei turchi") ne è il Presidente (1923­-1938). Sede del governo è Ankara.

 

5 set 1923         Discorso di Pio XI ad un pellegrinaggio di trecento mila­nesi della Buona Stampa Diocesana. (L'Osservatore Roma­no, 6 settembre 1923).

 

13 set 1923       In Spagna, il generale Miguel Primo de Rivera, dopo un pronunciamento militare, instaura una dittatu­ra.

 

23 set 1923       Decreto del governo italiano che affidava i servizi ra­diotelegrafici alla "Italo Radio", società controllata dalla tedesca Telefunken e dalla francese Société Gene­rale de Télégraphie sans Fil, in concorrenza con la SI­SERT, legata alla Marconi inglese.

 

9 ott 1923         Nomina a Sostituto della Segreteria di Stato di Mons. Giuseppe Pizzardo.

 

nov 1923           In Germania, inaugurazione a Berlino della Vox Haus, che inizia un servizio regolare di radiodiffusione.

 

25 nov 1923      Nell'Unione Sovietica, il Consiglio dei commissari del popolo istituisce i primi servizi di radiodiffusione. Nella primavera del 1924 verranno costruite a Mosca due potenti emittenti: "Popov" e "Radio Internaziona­le". (Cfr. Papa, Storia politica della Radio in Ita­lia. Napoli. 1978. pag. 8).

 

________________________________________________________________________________

 

1924

________________________________________________________________________________

 

 

 1924                In Cina, nel Congresso nazionale del Kuomintang a Canton, i comunisti entrano nel movimento rivolu­zionario.

 

       21 gen 1924    Nell'Unione Sovietica morte di Lenin, artefice del­la Rivoluzione Russa del 1917. Lotta per la suc­cessione, che sarà vinta da Stalin.

 

 1 mag 1924      In Italia un decreto del Governo configura i contenuti che potranno avere le trasmissioni radiofoniche: musi­ca, conferenze... Si consentiva la trasmissione di no­tizie, ma sotto le garanzie da determinarsi nel decre­to di concessione. Come fonti di finanziamento: il ca­none e la pubblicità. Non era previsto il monopolio, anzi si pensava ad un oligopolio. (Papa, 19).

 

30 mag 1924     Guglielmo Marconi riesce a trasmettere un primo messaggio radiofonico audio dall'Inghilterra all'Au­stralia.

 

10 giu 1924       In Italia, assassinio del deputato socialista Giacomo Matteotti. L'opposizione abbandona il Parlamen­to: secessione dell'Aventino.

 

10 lug 1924       In Italia, un decreto del Governo stabilisce il princi­pio del monopolio radiofonico. (R.D.L 10 luglio 1924, n. 1226, art. 24. Cfr. Papa, pag. 21).

 

31 lug 1924       Lettera di Pio XI al Collegio degli Scrittori della Civiltà Cattolica, nel 75º della Rivista. (AAS 16, 1924 360 ss.).

 

27 ago 1924      In Italia, nasce l'Unione Radiofonica Italiana (URI), formata dalla "Radiofono" e dalla SIRAC (Società Ita­liana Radio Audizioni Circolari). Essendo stato stabi­lito previamente il principio del monopolio radiofoni­co, l'URI diventa l'unica iniziativa radiofonica in Italia. (Papa, 21).

 

ott 1924            In Gran Bretagna, l'allarme per il "pericolo bolscevico" riporta al potere i conservatori, che vinco­no le elezioni politiche anticipate: Governo Bald­win.

 

6 ott 1924         Inizio delle trasmissioni radiofoniche dell'Unione Radio­fonica Italiana (URI). Il 27 novembre successivo sotto­scriverà l'atto di sottomissione previsto dalla legge, e il 14 dicembre viene definita la normativa del primo regime radiofonico italiano. (Papa, 21).

 

28 nov 1924      Lettera della Segreteria di Stato al Direttore della rivista "Lettres", in occasione della Settimana degli scrittori cattolici sul tema: "Il giornalismo". (Bara­gli, o.c., pag. 441).

 

Fine 1924          I ricevitori radio raggiungono cifre consistenti: 1.500.000 negli Stati Uniti; 1.130.000 in Gran Bretagna; 500.000 in Germania.

 

________________________________________________________________________________

 

1925

________________________________________________________________________________

 

 

1925                 E' costituita a Ginevra l'UIR "Union Internationale de Radiodiffusion", in cui vengono attribuite frequenze ai diversi Paesi.

 

 3 gen 1925       Discorso di Benito Mussolini, che segna l'inizio della dittatura in Italia. Inizio del ventennio fascista.

 

 4 feb 1925        Lettera della Segreteria di Stato al Presidente dell'Associazione dei giornalisti cattolici italiani, in occa­sione della fondazione dell'Associazione. Il Cardinale Gasparri parla della "unione delle menti quale convie­ne fra quelli che sono stretti nell'unità di una stes­sa fede, ma non meno unione dei cuori, anche quando nelle cose libere occorresse dissenso; onde tutti in modo particolare applichino a sé la raccomandazione ge­nerale dell'apostolato, conservando, anche fra il con­trasto delle opinioni e il dibattersi inevitabile del­le questioni contingenti, unitatem spiritus in vinculo pacis". (Baragli, o.c., pag. 442).

 

28 feb 1925       In Germania, morte del Presidente Ebert. Per sosti­tuirlo, viene eletto Presidente della Repubblica il feldmaresciallo Hindenburg (1925-1934).

 

1925                 Trattato di Locarno: Gran Bretagna, Francia, Ita­lia, Germania, Cecoslovacchia e Polonia si impe­gnano ad una politica di stabilità in Europa.

 

1925                 In Persia, diventa Scià il primo ministro Reza Khan, che prende il nome di Reza Shah Pahlavi (1925-1941).

 

1925                 In Cina, muore Sun Yat-sen. Aveva fondato nel 1905 un movimento nazionalista, che assunse il nome di Kuomintang nel 1912, anno in cui proclamò pure la repubblica a Nanchino. Gli succede alla guida del Kuomintang, Chiang Kai-shek (1988-1975).

 

25 lug 1925       Lettera di P. Giuseppe Gianfranceschi, futuro primo Direttore della Radio Vaticana, all'ingegnere Luigi Re­spighi, che diventerà nel 1931 Reggente della Direzio­ne delle Comunicazioni della Città del Vaticano, in cui espone il progetto di una stazione trasmittente, per la cui giustificazione si pensa alla trasmissione ogni 15 giorni di un Bollettino Scientifico Radio in latino, di 5 minuti di durata, con "le più recenti e più importanti notizie astronomiche e fisiche che po­trebbero essere raccolte dalla Specola e dall'Accade­mia" Pontificie. (Bea, 19).

 

 8 dic 1925        In Italia entra in funzioni la stazione radiofonica di Milano.

 

_______________________________________________________________________________

 

1926

________________________________________________________________________________

 

 

1926                 L'UIR "Union internationale de Radiodiffusion" stabilisce il "Piano di Ginevra" per un prima disciplina e di­stribuzione delle lunghezze d'onda/frequenze.

 

1926                 In Polonia, colpo di Stato del Maresciallo Pilsud­ski.

 

1926                 In Italia, leggi fasciste: decadenza dei deputati dell'Aventino, scioglimento dei partiti politici e della stampa di opposizione, istituzione del Tribunale speciale per la difesa dello Stato.

 

1926                 In Cina, l'esercito nazionale del Kuomintang, al comando di Chiang Kai-shek, inizia da Canton la campagna di conquista della Cina del Nord.

 

1926                 In Giappone, sale al trono l'imperatore Hirohito (nato in 1901, regnerà fino al 1989).

 

3-12 mag 1926  In Gran Bretagna, lo sciopero generale, che riguarda pure i giornali, permette alla BBCompany di manifestare la sua importanza e la sua indipendenza nei riguardi del governo. Il suo direttore, Reith, si scontra con il cancelliere delle Finanze, Winston Churchill, che vuol usare la radio contro gli scioperanti, mentre il Pre­mier Baldwin rispetta la sua autonomia.

 

 9 ago 1926       In Portogallo, elezione del Generale Carmona a Presidente. Il Ministro delle Finanze, Antonio de Oliveira Salazar, risana l'economia con drastiche misure.

 

14 nov 1926      In Italia entra in funzione la stazione radiofonica di Napoli.

 

15 nov 1926      Inaugurazione negli Stati Uniti della NBC "National Bro­adcasting Company", che da gennaio 1927 avrá due reti, Rossa e Blu, ambedue con sede a New York.

 

18 nov 1926      Pubblicazione dell'Enciclica di Pio XI "Iniquis afflictisque" sulla persecuzione religiosa scatenata nel Mes­sico. Riferimenti agli attacchi contro la Chiesa a mez­zo Stampa. (AAS 18,1926, 463 ss.).

 

24 nov 1926      Guglielmo Marconi è ricevuto in udienza da Pio XI. (Cfr. PARESCE MARCONI, Degna. Marconi, mio padre. Milano 1967. Pag. 280). Marconi era l'autodidatta che dal 1895 aveva fatto delle onde elettromagnetiche -postula­te da Maxwell (1831-1879), e la cui esistenza era sta­ta sperimentalmente dimostrata da Hertz (1857-1894)- lo strumento per la comunicazione a distanza di messag­gi senza l'uso di cavi, malgrado gli scoraggiamenti che i suoi primi tentativi avevano ricevuto dallo stes­so Hertz, che gli aveva detto: "Mi pare del tutto inu­tile pensare ad un'utilizzazione pratica della teoria che ha occupato con fatica i miei giorni". (Cfr. BELLO­NI, Lanfranco. Non insista signor Marconi, le mie onde non servono. Corriere della sera. 8 maggio 1994, pag. 36).

 

________________________________________________________________________________

 

1927

________________________________________________________________________________

 

 

1927                 Per porre rimedio al caos dell'etere, il Congresso de­gli Stati Uniti promulga il "Radio Act", con cui vengo­no regolate nel Paese le frequenze e viene creata la Federal Radio Commission (FRC), formata da 5 membri.

 

1927                 Le principali reti radiofoniche degli Stati Uniti copro­no in diretta il ricevimento a Washington di Charles Lindbergh, pilota che ha realizzato il primo volo transatlantico. Nasce la trasmissione di avvenimenti in diretta radiofonica.

 

1927                 In Italia, viene pubblicata la "Carta del lavoro", base dell'ordinamento corporativo del fascismo.

 

1927                 Nell'Unione Sovietica, con la vittoria di Stalin al XV Congresso del PCUS, si ha l'espulsione di Trotzkij, Zinoviev e Kamenev del partito. Due an­ni dopo, Trotzkij sarà bandito dalla Russia.

 

1 gen 1927        In Gran Bretagna, in virtù di una decisione del governo presa a luglio 1926, inizia per un periodo di 10 anni il monopolio della radiodiffusione, attribuito per de­creto reale alla "British Broadcasting Corporation" (BBC), sotto la tutela del Ministero delle Poste che le cede una parte delle imposte pagate dai detentori di radioricevitori. La British Broadcasting Company, nata nel 1922, diventa la British Broadcasting Corpo­ration (BBC), corporazione di diritto pubblico. La BBC era governata da 7 "governatori" presieduti da un di­rettore generale. Lo Stato comprava le stazioni della precedente British Broadcasting Company, fondata nel 1922. La pubblicità nella radio era vietata. Nasce un monopolio, una corporazione di diritto publico che non è però un'organizzazione statale. John Reith, che lavo­rava alla BB Company dalla sua creazione, fu il creato­re della BB Corporation.

 

26 gen 1927      Il Sant'Uffizio risponde all'Arcivescovo di Praga Mons. Kordak che in merito all’ "uso e l'applicazione del Radio [sic] nel­le chiese, sia per la Messa sia per le prediche od al­tre cerimonie sacre, il S. Padre ha espresso giudizio assolutamente contrario in modo da non permettersi per nessun motivo; ed ha aggiunto di aver dato egli stesso direttamente risposta negativa in varie occasioni, co­me ha sempre mantenuto il divieto per le riproduzioni cinematografiche delle funzioni sacre nelle Chiese. (Baragli, o.c., pag. 451).

 

apr 1927           In Cina Chiang Kai-shek rompe con il partito comunista, istituisce a Nanchino un governo sostenuto dalla destra del Kuomintang e perseguita i comuni­sti.

 

30 apr 1927       Il Tribunale della Sacra Rota dichiara nullo il primo matrimonio di Guglielmo Marconi, celebrato il 16 marzo 1905 a Londra con Beatrice O'Brien (dal quale erano na­ti tre figli: Degna, Giulio e Gioia). Il 15 giugno suc­cessivo, Marconi sposa la Contessa Maria Cristina Bez­zi-Scali, matrimonio dal quale nascerà la figlia Elet­tra.

 

ago 1927           In Cina, insurrezione dei comunisti contro Chiang Kai-shek. A novembre, Mao Tse Tung dà vita al pri­mo governo operaio-contadino sull'altopiano di Ching Kang Shau.

 

18 set 1927       Negli Stati Uniti, inaugurazione della rete radiofonica UIB "United Independent Broadcasters", creata da Ar­thur Judson, che l'anno successivo si trasformerá nel­la CBS, "Columbia Broadcasting System.

 

17 nov 1927      In Italia, un decreto legge (n. 2207), al quale seguirà il 28 dicembre successivo una convenzione, sostituisce l'Unione Radiofonica italiana (URI), che nei tre anni di esistenza aveva avuto un'attività piuttosto mode­sta, con il più ambizioso Ente Italiano per la Audizioni Radiofoniche (EIAR), al quale veniva concesso l'eserci­zio per la radiodiffusione in Italia [in esclusiva, in virtù del principio stabilito il 10 luglio 1924] per 25 anni. In quel momento, gli abbonati alla radio in Italia erano soltanto 40.778 (mentre in Germanie e In­ghilterra avevano già superato i due milioni).

 

________________________________________________________________________________

 

1928

________________________________________________________________________________

 

 

1928                 Negli Stati Uniti nasce il "Columbia Broadcasting Sy­stem" (CBS), in concorrenza con la RCA "Radio Corpora­tion of America", nata nel 1919, e con la NBC "Natio­nal Broadcasting Company", nata nel 1926.

 

1928                 In Europa e in Nord America la trasmissione di servizi informativi radiofonici diventa regolare.

 

1928                 Nell'Unione Sovietica, Stalin avvia il primo piano quinquennale di sviluppo economico, che rivoluzio­na l'agricoltura e dà grande sviluppo alla indu­stria pesante.

 

1928                 In Cina, Chiang Kai-shek conquista Pechino e diven­ta l'indiscusso padrone della Cina centrosetten­trionale.

 

1928                 In Italia, il tribunale speciale fascista condanna il comunista Antonio Gramsci, che viene tenuto in carcere e poi al confino fino alla morte.

 

1 gen 1928        Guglielmo Marconi è nominato dal Governo italiano Presidente del Consiglio Superiore delle Ricerche. Verrá in­sediato il 2 febbraio successivo.

 

 mar 1928         Una risposta del Sant'Uffizio chiarisce che se è vero che il Santo Padre ha concesso la celebrazione della Santa Messa in un apposito locale adibito esclusivamen­te a cappella nella sede di Radio Nacional di Salaman­ca, in Spagna, perché si possa farne la radiotrasmis­sione a conforto e vantaggio spirituali di molti fede­li che, nelle dolorose attuali circostanze, non posso­no frequentare la chiesa, tali trasmissioni non hanno nulla a che fare con la soddisfazione del precetto fe­stivo. "Se altre chiese cattoliche dell'universo si so­no permesse di diffondere, con l'aiuto della radio, i canti liturgici della Messa, il Santo Ufficio ci tiene a dichiarare che si tratta di un abuso, che è stato praticato senza il suo consenso. (Baragli, o.c., pag. 459).

 

15 apr 1928       Pio XI, nel discorso al Consiglio nazionale degli Uomini Cattolici, fa il suo primo riferimento alla Radio: "Il Santo Padre ricordava che l'attenzione degli Uomini Cattolici si era rivolta al cinematografo, alla radio­fonia ed in generale alla lotta contro l'immoralità, che Sua Santità ritiene debba essere svolta di prefe­renza dagli Uomini Cattolici. In questo combattimento, ai giovani cattolici è da consigliarsi, secondo la buo­na regola, piuttosto la fuga, perché è con la fuga che essi possono vincere le insidie del male, come diceva San Filippo Neri, allorché proclamava che in questa lotta la vittoria è dei vili, per quanto per tale fuga si richiede talvolta molto coraggio e perfino del vero eroismo. Agli uomini quindi il combattimento". (DD I, 788).

 

27 ago 1928             Firma a Parigi del Patto Briand-Kellogg da parte di 15 Paesi, che l'anno successivo diventeranno 54: rifiuto della guerra come mezzo per risolvere con­troversie internazionali.

 

 

 

 

 

 

________________________________________________________________________________

 

1929

________________________________________________________________________________

 

 

1929                 Negli Stati Uniti inizia il mandato del Presidente Hoover (1929-1932).

 

1929                 In Gran Bretagna, i laburisti vincono le elezioni. Torna alla guida del governo Ramsay MacDonald.

 

1929                 All'assemblea della Società delle Nazioni il mini­stro degli Esteri francese Briand presenta un piano per la creazione degli "Stati Uniti d'Euro­pa" (unione doganale ed economica).

 

1929                 Nell'Unione Sovietica, Stalin liquida l'opposizione di destra. Bucharin, Tomskij e Rykov, accusati di frazionismo, devono ritrattare. Inizia in URSS la dittatura staliniana.

 

1929                 In Jugoslavia, il re Alessandro I Karagiorgjevic dà inizio ad una dittatura serba (1929-1934), a dan­no delle minoranze croate e slovene.

 

11 feb 1929       Firma del Trattato Lateranense, stipulato tra la Santa Sede e l'Italia, col quale si risolve la "questione ro­mana", che aveva confrontato la Santa Sede e lo Stato Italiano soprattutto a partire dalla presa di Roma il 20 set 1870.

Nel Premesso del Trattato sono indicate sinteticamente le motivazioni per l’eliminazione del “dissidio”.

                            L’Articolo 1 riconosce come sola religione dello Stato la Cattolica. L’Articolo 3 riconosce alla Santa Sede la assoluta potestà e giurisdizione sovrana sul Vaticano e sue pertinenze e dotazioni: nasce lo Stato della Città del Vaticano, come Ente sovrano di diritto pubblico internazionale, distinto dalla Santa Sede, di cui è Capo dello Stato il Sommo Pontefice, al quale spetta la pienezza dei poteri le­gislativo, giudiziario ed esecutivo.

                            Nell'Articolo 6 del Trattato Lateranense si dice: "L'Italia provvederà ... altresì al collegamento, di­rettamente anche con altri Stati, dei servizi telefoni­ci, radiotelegrafici, radiotelefonici e postali della Città del Vaticano, e provvederà al coordinamento degli altri servizi pubblici." (AAS, XXI, 1929, 209-274).

                            Insieme al Trattato vengono stabiliti un Concordato e un Accordo economico.

                            Il Concordato, nell’Articolo 1, garantisce il rispetto dell’Italia per la Chiesa Cattoli ca e per l’attività dei suoi ecclesiastici. L’Articolo 2 dice tra l’altro: la Santa Sede comunica e corrisponde liberamente con i Vescovi, col clero e con tutto il mondo cattolico senza alcuna ingerenza del Governo italiano. (AAS XXI, 1929, 275-29)

 

16 feb 1929       Guglielmo Marconi e il P. Giuseppe Gianfranceschi (futuro primo Direttore della Radio Vaticana) fanno un primo sopralluogo nei giardini vaticani in ordine all’installazione in essi di una Stazione Radio. (Giu 09).

 

30 mag 1929     Pio XI, in un chirografo rivolto al Segretario di Stato, Cardinale Pietro Gasparri, commenta alcune critiche espresse da varie fonti sui Patti Lateranensi. In esso scrive tra l’altro:

                        “Stato cattolico”, si dice e si ripete, ma Stato fascista”; ne prendiamo atto senza speciali difficoltà, anzi volentieri, giacché ciò vuole indubbiamente dire che lo Stato fascista, tanto nell’ordine delle idee e delle dottrine quanto nell’ordine della pratica azione, nulla vuol ammettere che non s’accordi con la dottrina e con la pratica cattolica; senza di che lo Stato cattolico non sarebbe ne potrebbe essere. (AAS, XXI, 1929, pagg. 297-306). (Giu 09).

 

1 giu 1929         Lo Stato della Città del Vaticano entra a far parte a parità con gli altri Stati dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni. (UIT) (Giu 09).

 

7 giu 1929         Scambio degli strumenti di ratifica del Trattato Lateranense.

 

11 giu 1929       Guglielmo Marconi è ricevuto in udienza da Pio XI, quattro giorni dopo la ratifica del Trattato Lateranense. Il Papa incarica a Marconi la costruzione e messa in opera di una stazione radio vaticana, e poi visita, accompagnato da Marconi e da Mons. Carlo Confalonieri, segretario personale di Pio XI, il luogo dei giardini vaticani in cui verrà eretto l'edificio della prima Ra­dio Vaticana. (Conf. 147-148).

 

19 giu 1929       Il Re d'Italia Vittorio Emanuele III insignisce Guglielmo Marconi del titolo ereditario di marchese.

 

26 giu 1929       Discorso di Pio XI ai giornalisti cattolici, dopo un lo­ro congresso a Roma, sul tema: "La stampa cattolica è la voce del Papa". Il Papa insiste sull'importanza pre­valente della questione redazionale, "cosicché il pro­blema si risolve, in fondo, in una questione di perso­ne, nella questione dei redattori, di persone cioè che siano comprese dei principi, delle direttive generali e delle particolari applicazioni che deve avere la stampa cattolica e che abbiano, da tali principi, sicu­ra linea che li guidi e che, in ogni circostanza, dica loro dove devono andare e cosa devono fare". (DD II, 110 ss.).

 

21 set 1929       Pio XI incarica P. Giuseppe Gianfranceschi di attendere alla Direzione della Radio “importante servizio”, nominandolo Direttore della Stazione Radio della Città del Vaticano.

 

24 ott 1929        "Venerdì nero" della Borsa di New York. Inizia la crisi economica degli Stati Uniti, che poi si estenderà a Sudamerica, all'Australia e all'Euro­pa. Recessione economica e disoccupazione di mas­sa in tutto il mondo industrializzato.

 

 4 nov 1929       L’Osservatore Romano, fondato nel 1861, e che aveva avuto a Roma ben 13 diverse sedi, si trasferisce dall’ultima di queste, via Silla, 35, e passa definitivamente all’interno dei confini dello Stato delle Città del Vaticano (Cfr. VIAN, Giovanni Maria. Il giornale del Papa. Nel volume Singolarissimo giornale. I 150 anni dell’”Osservatore Romano”. (Allemandi & C. Torino, 2010. pag. 29).

 

18 nov 1929      Convenzione tra lo Stato della Città del Vaticano e l'Italia sulle comunicazioni, "in esecuzione del terzo comma dell'art. 6 del Trattato Lateranense, in ordine ai servizi radiotelegrafici e radiotelefonici". In es­sa si stabilisce che, oltre al collegamento con le re­lative stazioni italiane (con la stazione Radio San Paolo, e in seguito con quella di S. Palomba e della Cecchignola, a spese del governo italiano), "La Città del Vaticano provvederà alla costruzione nel suo terri­torio di un impianto autonomo radiotelegrafico e radio­telefonico". ... "Tale impianto sarà eseguito ad esclu­siva cura dello Stato della Città del Vaticano ed a spese del medesimo". (Soc.10, 1).

 

19 dic 1929        Nomina a Prefetto della Sacra Congregazione degli affari ecclesiastici straordinari del Cardinale Eugenio Pacel­li. Previamente, dal 1920 al 1929, aveva ricoperto la carica di Nunzio Apostolico in Germania.

 

31 dic 1929        Pubblicazione dell'Enciclica di Pio XI "Divini illius Magistri" sull'educazione cristiana della gioventù. (AAS 21, 1929 689 in italiano; AAS 22, 1930 49 ss. in latino).

 

________________________________________________________________________________

 

1930

________________________________________________________________________________

                                                                    

 

       1930          Preparazione e realizzazione della prima Stazione Radio Vaticana. Del progetto era stato incaricato dal Segretario di Stato Eugenio Pacelli (futuro Pio XII) l’inventore della Radio, Guglielmo Marconi, il quale aveva già collaborato nella riorganizzazione e nell’adeguamento tecnologico del lavoro della Segreteria di Stato (cominciarono ad essere usate le macchine da scrivere e fu istituita un’efficiente rete telefonica.)

                        Fu costruito un edificio in prossimità di una torre delle mura leonine (oggi Torre S. Giovanni). L’edificio verrà denominato Palazzina Marconi. Conteneva all’interno le apparecchiature per la trasmissione e quelle per la ricezione. Le vicine antenne, tipo Franklin, erano appese a torri, alte 40 m. circa. Vi erano due antenne atte a trasmettere nella banda dei 20 m. (15 MHz) e due dei 50 m. (6 MHz). collegate ad un commutatore per radio frequenza che connetteva il trasmettitore Marconi (15 Kw nominali per servizio o di Radiotelefonia o di Radiotelegrafia) all’antenna da usare. Nell’interno della Palazzina erano collocate le varie parti del trasmettitore, il raffreddamento “a petrolio” delle valvole finali, le apparecchiature di trasmissione per l’amplificazione dei segnali provenienti dal microfono (od altro, per es. grammofono), le apparecchiature per la trasmissione telegrafica in codice Morse, e la ricezione del sistema radiotelegrafico. (Giu 09).

                        Quanto installato nell’edificio della trasmittente vaticana era essenzialmente concepito per i servizi di radiotelegrafia e radiotelefonia, ma non per la radiodiffusione (intesa ad inviare a “tutti” la comunicazione, senza certezza di buona ricezione). La radiotelegrafia e la radiotelefonia, avendo bisogno di un corrispondente lontano che “risponde”, hanno l’immediata conferma del funzionamento buono o cattivo del collegamento. All’epoca, l’Unione Internazionale delle Radiocomunicazioni (UIR, oggi UIT) curava l’applicazione delle regole per i servizi radiotelefonici e radiotelegrafici. Invece non era stato definito il servizio di radiodiffusione, tanto meno internazionale. Vi erano però già trasmissioni di radiodiffusione del Lussemburgo, di Radio Mosca (sulla quale veniva già fatto lo “jamming”, come essa lo faceva agli altri). Comunque, lo Stato della Città del Vaticano era divenuto membro dell’UIR, con la sigla C.V.A.  (Cité du Vatican), e le sue frequenze per la Radiotelefonia e la Radiotelegrafia, segnalate all’UIR, erano poi da questa protette. La Radio Vaticana aveva come sigla HVJ. Per la trasmissione della Radiotelegrafia la radiofrequenza era emessa ad impulsi con cadenza Morse; la trasmissione della Radiotelefonia era a doppia banda laterale a piena portante modulata con segnale audio (fonia). (Giu 09).

 

1930                 La catena statunitense NBC riesce a trasmettere in diret­ta il suo collegamento con Guglielmo Marconi, che si trovava nel Mediterraneo a bordo della sua nave speri­mentale "Elettra".

 

1930                 In Brasile sale al potere il liberale Getulio Vargas (1930-1945), che mette fuori legge gli estre­misti di destra e di sinistra, imponendo un regi­me dittatoriale e populista (trabalhismo).

 

1930                 Prima regolamentazione mondiale delle frequenze radiofoniche, per diminuire le interferenze e migliorare la qualità della ricezione.

 

1930                 In India, Gandhi promuove la marcia del sale: ini­zia la seconda campagna di "disobbedianza civile" che mobilita milioni di uomini. Gandhi viene arre­stato.

 

1930                 In Cina, inizia la guerra civile tra l'Armata rossa, formatasi nelle regioni meridionali, e le truppe del Kuomintang di Chiang Kai-Shek.

 

1930                 In Vietnam, Ho Chi Minh (1890-1969) fonda il partito comunista indocinese.

 

1930                 In Italia in questo anno si fanno le prime radiocronache sportive di calcio, ciclismo e automobilismo.

 

13 gen 1930      In Italia, inaugurazione della nuova stazione radio dell'EIAR di Santa Palomba, di 50 kW onda media, la cui potenza era superata in Europa soltanto dell'emittente di Oslo in onda lunga.

 

2 feb 1930         In Italia, la radiocronaca esce per la prima volta dalle competizioni sportive per trasmettere dal vivo l'arri­vo a Torino dei principi reali.

 

7 feb 1930         Nomina a Segretario di Stato del Cardinale Eugenio Pacelli che subentra al dimissionario Card. Pietro Gaspar­ri.

 

26 mar 1930      Guglielmo Marconi, da bordo dell’Elettra accende le luci in Australia. Il 19 settembre successivo diventa presidente dell’Accademia d’Italia. (Giu 09).

 

giu 1930            In Italia, nelle trasmissioni radiofoniche dell'EIAR ap­pare per la prima volta la denominazione di Giornale Radio o Radiogior­nale.

 

23 ago 1930      Discorso di Pio XI ad un gruppo di pellegrini maltesi. "Ci sono falsi profeti parlanti e falsi profeti scri­venti. ... E' più facile evitare i primi... I profeti scriventi sono più pericolosi, giacché gli stampati (oggi non si scrive quasi più e non si fa che stampa­re) vengono mandati a chi li vuole, a chi li paga e a chi non li paga"... (DD II, 406 ss.).

 

19 set 1930       Guglielmo Marconi è nominato Presidente della Reale Acca­demia d'Italia.

 

21 set 1930       Lettera di nomina a Direttore della Stazione Radio Vaticana di P. Giuseppe Gianfranceschi S.I. (1875-1934). (Lettera Segreteria Stato, N. 94310). La nomina di P. Gian­franceschi fu suggerita al Papa da Guglielmo Marconi. (Soc.10, 2).

 

22 set 1930       Incontro di Pio XI, Guglielmo Marconi e P. Gianfranceschi nei giardini vaticani, presso la già costruita Stazione Radio Vaticana. (Bea, 23).

 

nov 1930           In Germania, dove le misure impopolari del cancelliere H. Brüning tentano di superare la crisi eco­nomica e favoriscono, di fatto, la propaganda comu­nista e nazionalsocialista, nelle elezioni per il Reichstag il partito di Hitler ottiene 107 seggi.

 

6 nov 1930        Padre Gianfranceschi assiste all'inaugurazione della nuo­va sede a Piazza della Pilotta dell'Università Grego­riana, di cui è Rettore. (Bea, 24).

 

26 nov 1930      P. Gianfranceschi lascia il Rettorato dell'Università Gregoriana e si trasferisce alla Specola, nei giardini vaticani per dedicarsi alla Radio Vaticana. La sua in­dennità di carica è di 1.400 lire mensili. (Bea 24).

 

1 dic 1930         Come Direttore designato della Stazione Radio dello Stato della Città del Vaticano, il P. Giuseppe Gianfranceschi incomincia a ricevere una modesta indennità dal Governatorato. Nel gruppo del personale addetto ai lavori della trasmittente ed alla dipendenza di P. Gianfranceschi figurano vari tecnici suggeriti da Marconi: Arrù, divenuto poi responsabile della parte trasmittente; (R.F.) Mornese, divenuto poi responsabile della parte telegrafica, ricezione e traffico; Ercole, divenuto poi responsabile della produzione tecnica dei programmi e delle riprese e diffusione audio delle cerimonie pontificie. Questo personale era stipendiato dal Governatorato S.C.V. (Giu 09).

 

21 dic 1930       Pio XI, inaugurando il nuovo anno accademico dell'Accade­mia Pontificia delle scienze, di cui P. Gianfranceschi è Presidente, parla de "la bellissima Stazione Radio" e si rallegra per "i servizi squisiti ed importanti che potrà rendere alla Santa Sede e proprio nel gover­no della Chiesa cattolica, ma anche di quelli che po­trà rendere all'Accademia e all'attività scientifica". Saluta inoltre il marchese Guglielmo Marconi, gradito ospite della seduta inaugurale. (DD II 451).

 

31 dic 1930       Pubblicazione dell'Enciclica di Pio XI "Casti connubii" sul matrimonio cristiano. Nel paragrafo 46, dice: "E' un fatto che ... apertamente ... con trasmissioni ra­diofoniche ... è conculcata o messa in derisione la santità del matrimonio, e invece si lodano i divor­zi...". (AAS 22,1930 539 ss.).

 

________________________________________________________________________________

 

1931

________________________________________________________________________________

 

 

1931                 Guglielmo Marconi, a bordo dell’Elettra, comincia le esperienze sulle Onde cortissime. (Giu 09).

 

1931                 In Italia, viene emanato un decreto legge che impo­ne tra l'altro ai docenti universitari il giura­mento di fedeltà al regime fascista. Su circa 1.200 docenti universitari, solo 13 si rifiuta­no di adempiervi.

 

1931                 In Gran Bretagna, con lo statuto di Westminster vengono definiti i rapporti tra i "dominions" e il Regno Unito di Gran Bretagna: nasce il nuovo Com­monwealth.

 

1931                 Negli Stati Uniti, il Presidente Hoover, per combattere la crisi economica mondiale, annuncia la so­spensione per un anno di tutti i pagamenti debito­ri internazionali (moratoria Hoover).

 

1931                 Prima trasmissione del Programma Francese della Radio Vaticana.

 

 6 feb 1931        Pio XI, nell'inaugurazione della Centrale Elettrica Vaticana (Centrale Volta), dice: "Per il domani è già annunziata, e già an­zi matura e sarà sempre più perfetta un'altra meravi­glia dovuta alle geniali cure e sollecitudini del Mar­chese Marconi –presente e salutato dal Papa- meravi­gliosa davvero; che permetterà al Vicario di Gesù Cri­sto di estendere la Sua conversazione all'Universo in­tero, una conversazione che era stata già iniziata e con ottimi risultati, non soltanto con i più lontani punti e le più remote latitudini del globo, ma con i più lontani antipodi". (DD II 472).

 

12 feb 1931       Pio XI inaugura alle 16,30 la Radio Vaticana pronunciando ai suoi microfoni il primo radiomessaggio pontifi­cio della storia, in latino in presenza dell'inventore della Radio e realizzatore dell'emittente vaticana, Gu­glielmo Marconi, del Cardinale Segretario di Stato Eu­genio Pacelli (futuro Pio XII) e del primo Direttore dell'emittente, P. Giuseppe Gianfranceschi S.J.

            Intorno alle 16,30 Marconi si collegò per i test con i centri Radiotelefonici e Radiotelegrafici di Stati Uniti, Australia, Canada, ecc. con risultato positivo (radiofrequenza pulita, buona propagazione). Prima delle 16,30 il Santo Padre trasmise il “Laudetur Jesus Christus” in Morse. Finalmente, alle 16,49 il Santo Padre pronuncia il discorso “Ad Universam Creaturam”. (AAS, XXIII, pag. 69) trasmesso in fonia.

                    Guglielmo Marconi annuncia: "Ho l'altissimo onore di annunciare che fra pochi istanti il Sommo Pontefice Pio XI inaugurerà la stazione Radio dello Stato della Città del Vaticano. Le onde elettriche trasporteranno in tutto il mondo, attraverso gli spazi, la sua parola di pace e di benedizione. Per circa venti secoli il Pontefice Romano ha fatto sentire la parola del suo di­vino magistero nel mondo; ma questa è la prima volta che la sua viva voce può essere percepita simultanea­mente su tutta la superficie della Terra. Con l'aiuto di Dio, che tante misteriose forze della natura mette a disposizione dell'umanità, ho potuto preparare que­sto strumento che procurerà ai fedeli di tutto il mon­do la consolazione di udire la voce del Santo Padre. Beatissimo Padre! L'opera che la Santità Vostra si è degnata affidarmi, io oggi Vi consegno: il suo compi­mento è oggi consacrato dalla Vostra augusta presenza: degnateVi, Santo Padre, di volere far sentire la Vostra Augusta parola al mondo".

 

                       E Pio XI iniziò così: "Qui arcano Dei consilio suc­cedimus in loco Principis Apostolorum, eorum nempe quo­rum doctrina et praedicatio iussu divino ad omnes gen­tes et ad omnem creaturam destinata est, et qui primi in loco ipso mira sane ope Marconiana uti frui possu­mus, ad omnia et ad omnes primo Nos convertimus atque, hic et infra Sacro Textu iuvante, dicimus: Audite cae­li quae loquor, audiat terra verba oris mei. Audite haec omnes gentes, auribus percipite omnes qui habita­tis orbem, simul in unum dives et pauper. Audite insu­lae et attendite populi de longe". (Essendo, per arca­no disegno di Dio, Successori del Principe degli Apos­toli, di coloro cioè la cui dottrina e predicazione per divino comando è destinata a tutte le genti e ad ogni creatura (Mt 28,19; Mc 16,15), e potendo per pri­mi valerci da questo luogo della mirabile invenzione marconiana, Ci rivolgiamo primieramente a tutte le co­se e a tutti gli uomini, loro dicendo, qui e in segui­to, con le parole stesse della Sacra Scrittura: "Udi­te, o cieli, quello che sto per dire, ascolti la terra le parole della mia bocca (Dt 32,1). Udite, o genti tutte, tendete l'orecchio, o voi tutti che abitate il globo, uniti in un medesimo intento, il ricco e il po­vero (Sal 48,1). Udite, o isole, ed ascoltate, o popo­li lontani". (Is 49,1).

                   

E dopo queste parole, rivolte a tutto il creato, Pio XI dedicò i brani di questo primo radiomessaggio ponti­ficio della storia a Dio, ai cattolici, alla gerar­chia, ai religiosi, ai missionari, a tutti i fedeli, agli infedeli e dissidenti, ai governanti, ai sudditi, ai ricchi, ai poveri, agli operai e datori di lavoro, agli afflitti e perseguitati. Concluse con la sua be­nedizione.(DD II 479. Originale latino: Acta Apostoli­cae Sedis. XXIII, 1931 65-70).

                                  

                        Per l’occasione erano collegati l’EIAR per l’Italia ed i centri prima indicati. Dopo la trasmissione (17,30) il santo Padre, Marconi, P. Gianfranceschi e il resto del corteo si spostarono alla Casina Pio IV e Marconi fu nominato Socio dell’Accademia delle Scienze. Nella Palazzina Marconi le trasmissioni proseguirono con l’emissione del primo radiomessaggio tradotto in italiano, francese, inglese, tedesco, spagnolo, polacco, ecc. e anche di queste trasmissioni si ebbero risultati positivi.

                    Il primo trasmettitore è stato costruito dalla Socie­tà Marconi di Londra, ed è dotato di antenne a greca Franklin. Ha una potenza di 15 kw. e trasmette sulle frequenze in Onda Corta di 18,84 e di 50,26 metri, per telegrafia e radiodiffusione, irradiate da due antenne omnidirezionali, sostenute da due torri di ferro. L'im­pianto permette lo scambio telefonico in duplex con al­tre stazioni di tutto il mondo e la radiodiffusione a raggio pure mondiale. La cerimonia è registrata in un film sonoro, girato dalla Paramount, conservato nell’'archivio della Radio Vaticana. Nella Sala Marconi della Sede della Radio Vaticana a Palazzo Pio è conser­vato pure il microfono utilizzato dal Papa e da Marco­ni in quella occasione.

                    Essendosi impegnata la Città del Vaticano con la Con­venzione tra la Santa Sede e il Regno d'Italia del 18 novembre 1929 a osservare le norme internazionali che regolano le radiocomunicazioni, la Radio Vaticana noti­fica all'Ufficio di Berna dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni i servizi che essa avrebbe ef­fettuato e annuncia, inizialmente, solo servizi radiote­legrafici e radiotelefonici e non servizi di radiodif­fusione. (Soc.10, 4).

                    Dall'inizio, Pio XI affida al Direttore della Radio Vaticana il compito di vigilare sui diritti della Santa Sede circa l'uso delle onde, segnalando gli eventuali problemi e le appropriate soluzioni a tutela degli stessi dirit­ti. (Socc. 6). Inoltre il Papa riceveva ogni settimana il Direttore della Radio, prima il P. Gianfranceschi, poi a partire dal 1934, P. Soccorsi. (Soc.10, 3).

                        Nei mesi successivi all’inaugurazione la Radio Vaticana effettuava trasmissioni in radiotelegrafia e radiotelefonia nel pomeriggio sui 15 MHz (19,84 m.) e verso sera, sui 6 MHz (50,26 m). Queste esercitazioni contribuirono a studiare meglio la propagazione ionosferica, oltre a far conoscere nel mondo la RV. (Giu 09).

 

12 feb 1931       La registrazione delle parole di Pio XI e di Guglielmo Marconi nella cerimonia dell'inaugurazione della Radio Vaticana costituisce la prima registrazione dell'Ar­chivio sonoro di base dell'emittente, al presente (1994) l'unica registrazione della voce di Pio XI.

 

12 feb 1931       Subito dopo l'inaugurazione dell'emittente, Pio XI assiste ad una seduta celebrativa della stessa presso la Pontificia Accademia delle Scienze, presieduta da P. Gianfranceschi e presente Guglielmo Marconi. Il Papa si riferisce alla Radio, dono di Dio al piccolo e gran­de luogo ove trovasi la Sede Apostolica, il cui privi­legio consiste nel fatto che "tutto quello che ivi si fa di importante, di avente tratto ed efficacia nell'e­sercizio proprio e caratteristico del Primato di Pie­tro, nella funzione caratteristica di questo centro di unità e di fede, non è più umano, terreno e mondano, ma è ultraterreno, ultramondano e molto vicino a Dio". (DD II 483).

 

16 feb 1931       Discorso di Pio XI ai parroci e predicatori quaresimali­sti di Roma, sulla stampa e il cinema. (Irib.: OR 14 feb 31, p. 2).

 

22 feb 1931       L'Osservatore Romano pubblica l'orario delle esercitazioni della Stazione Radio Vaticana: due mezze ore. L'8 marzo successivo, queste esercitazioni occuperanno tre mezze ore. (Bea, 65).

 

 9 mar 1931      Inizio delle trasmissioni radiofoniche giornaliere in diverse lingue. (Gian.1). Il suo scopo era dare "un rego­lare segno di vita con un minimo di emissioni quotidia­ne; altrimenti la Radio Vaticana, da nessuno seguita, avrebbe rivolto al deserto le sue parole qualora aves­se avuto intenzione di far sentire la sua voce. Si trattava di trasmissioni radiofoniche quotidiane, pre­sentate non già a modo di programmi di radiodiffusio­ne, ma a modo di emissioni sperimentali che permettes­sero di conoscere come la Radio Vaticana venisse rice­vuta nei vari paesi. Si usava allora leggere, per l'i­taliano, notizie e articoli dell'Osservatore Romano e per le lingue estere, notizie dell'Agenzia Fides. Leg­gevano al microfono lo stesso P. Gianfranceschi, qual­che impiegato della Radio e altri volonterosi collabo­ratori. Prestarono fin da quel tempo la loro cordiale collaborazione Mons. Smith, Vice Rettore del Collegio Inglese, e P. Delaire, Vice Rettore del Seminario Fran­cese. (Soc.10,6).

 

19 mar 1931      Pio XI, nell'udienza agli alunni del Collegio Americano degli Stati Uniti, rimemora il suo radiomessaggio inau­gurale della Radio Vaticana e ringrazia che "da nessun Paese fu risposto a quel messaggio così largamente, co­sì gioiosamente come dagli Stati Uniti d'America" "una montagna di telegrammi, di lettere, non solo da catto­lici". (DD II 504).

 

 8 apr 1931       La Radio Vaticana inizia prove di trasmissione con la Cina (Zikawei - Pekino). (Gian.1).

 

17 apr 1931       In Spagna, proclamazione della Seconda Repubblica, dopo le elezioni municipali vinte dai repubblica­ni nelle maggiori città del Paese. Re Alfonso XIII parte per l'esilio.

 

19 apr 1931       Primo numero del notiziario scientifico in latino tra­smesso dalla Radio Vaticana, "Scientiarum Nuncius Ra­diophonicus". Dopo la sua trasmissione, il Papa pren­deva la parola davanti al microfono, chiamando questa occasione "seconda inaugurazione della Radio Vaticana" "Se la prima infatti fu l'inaugurazione sacra alla fe­de, la seconda era l'inaugurazione sacra alla scien­za". (DD II 530).

 

12 mag 1931     Inaugurazione del servizio radiofonico duplex della Ra­dio Vaticana con la Spagna (Gian. 1).

 

14 mag 1931     Inaugurazione del servizio radiofonico duplex della Radio Vaticana con New York. (Gian. 1).

 

15 mag 1931     Pio XI pubblica l'enciclica sociale "Quadragesimo anno", nel 40º anniversario della "Rerum Novarum" di Leone XIII. (AAS XXIII ,1931 177-228).

 

15 mag 1931     La Radio Vaticana trasmette l'Udienza pubblica destinata alla commemorazione della "Rerum novarum", autorizzan­do tutte le altre stazioni Radio a ritrasmettere la ce­rimonia. (Oss.Rom., 11-12 mag 31).

 

21 mag 1931     La Radio Vaticana inaugura il servizio radiotelegrafico con la Spagna. (Gian. 1).

 

29 giu 1931       Pio XI pubblica l'Enciclica "Non abbiamo bisogno" sull'A­zione Cattolica, difendendola dalla persecuzione organiz­zata dal regime fascista. L'Enciclica è scritta in ita­liano, ma di fatto è indirizzata a tutto l'episcopato. In essa Pio XI critica la concezione totalitaria dello Stato e ribadisce i diritti naturali della famiglia e quelli soprannaturali della Chiesa nell'educazione, con­frontandosi col regime fascista, al potere in Italia dal­la marcia su Roma nel 1922. (AAS XXIII,1931, 285-312).

 

 1 lug 1931        La Radio Vaticana inaugura il servizio radiotelegrafico con la Germania. (Gian. 1).

 

10 lug 1931       La Radio Vaticana inizia le trasmissioni radiofoniche giornaliere con le Nunziature. (Gian. 1). "Il Santo Padre volle fornire ad ogni Nunzio e Delegato un appa­recchio ricevente tecnicamente perfetto, persuaso che la spesa sostenuta era ben compensata dal vantaggio di avere una comunicazione rapida e diretta con i rappre­sentanti diplomatici della Santa Sede.

                        La conversazione però era unilaterale soltanto, cioè la Radio Vaticana parlava e i corrispondenti stavano in ascolto. Molte Nunziature e Delegazioni interruppe­ro il contatto per mancanza di materia che le interes­sasse: rimasero in contatto soltanto le Delegazioni Apostoliche di Leopoldville, Mombasa e Pechino. (Soc.10, 6-7).

 

25 lug 1931       L'Osservatore Romano pubblica un comunicato della Dire­zione della Radio Vaticana: "Ci si domanda da varie parti il programma delle nostre radioemissioni. E' be­ne che si sappia che noi non facciamo né faremo radio­diffusioni. Abbiamo però ore fisse di esercitazioni radiofoniche e precisamente alle ore 11 del tempo medio dell'Europa Centrale sull'onda di metri 19,84... In queste esercitazioni diamo informazioni e notizie e leggiamo lettere delle missioni. La domenica e gli al­tri giorni festivi alle ore 11 del tempo medio dell'Eu­ropa Centrale diamo letture liturgiche e spirituali di­rette specialmente ai malati". (Cit. da Bea, 68).

 

 6 ago 1931       La Radio Vaticana inaugura il servizio radiotelegrafico con la Francia. (Gian. 1).

 

    23 ago 1931       In Gran Bretagna, per far fronte alla crisi economica, il primo ministro laburista MacDonald dà vi­ta ad un governo di "unità nazionale", formato da laburisti, conservatori e liberali (1931-1935).

 

18 set 1931       Col pretesto di una bomba collocata nella ferrovia della Manciuria meridionale, il Giappone attacca la Manciuria e la occupa, togliendola alla Cina.

 

21 set 1931       La Radio Vaticana inaugura il servizio radiotelegrafico con la Polonia. (Gian. 1).

 

 2 ott 1931        Pio XI firma l'enciclica "Nova impendet" sulla crisi economica, la disoccupazione e il progressivo riarmo. (AAS XXIII, 1931,  pag. 393 ss.).

 

12 ott 1931        Guglielmo Marconi, invitato dalla Santa Sede, mediante un impulso radio comanda da Roma l’accensione della colossale statua del Redentore sulla cima del Corcovado a Rio de Janeiro. Per l'occasione, Pio XI invia una lettera al suo Delegato, l'Arcivescovo di Rio de Janeiro Cardinale Sebastiano Leme da Silveira Cintra. (AAS XXIII, 1931, 440). Nello stesso autunno compie le prime dimostrazioni sulle micronde tra Santa Margherita Ligure e Sestri Levante e poi aumenta la portata fino a Levanto. (Giu 09).

 

24 ott 1931        Pio XI inaugura presso la Radio Vaticana il sistema di telefotografia Belinograph. Il sistema inizierà le sue trasmissioni il 21 agosto 1932 (Gian. 1).

 

 8 dic 1931        La Radio Vaticana trasmette (per Onda Corta di 50,26 me­tri, mediante un microfono posto nella cella campana­ria) il concerto delle campane di S. Pietro, mosse e­lettricamente da motori Herborder Gesellschaft. (L'Il­lustrazione Vaticana. Anno II. Num. 23. Pag. 12).

 

 9 dic 1931        In Spagna, nuova Costituzione, liberale-progressi­sta, che sancisce la separazione tra lo Stato e la Chiesa.

 

20 dic 1931       Pio XI, inaugurando il nuovo anno accademico della Pon­tificia Accademia delle Scienze, si congratulava della trasmissione del "Scientiarum Nuncius Radiophonicus", "che rappresentava, in qualche vero modo, l'applicazio­ne e la utilizzazione della Sua stazione Radio in ser­vizio della scienza, dopo che la Radio stessa aveva co­sì bene, così perfettamente e in tutto, servito alla parola della Fede". Ricorda inoltre il 30º anniversa­rio della prima trasmissione attraverso l'oceano di un segnale radiotelegrafico, fatta da Marconi". (DD II 614).

 

24 dic 1931       Pio XI, nell'Udienza al Collegio Cardinalizio e alla Pre­latura Romana per lo scambio degli auguri natalizi, ri­memora le consolazioni dell'anno che sta per finire. "Pensava Egli anzitutto a quel giorno del messaggio ra­diofonico, quando Gli fu data l'indicibile consolazio­ne di far sentire la Sua voce ai più lontani dei Suoi figli e di averne immediata risposta, come se essi fos­sero presenti proprio davanti a Lui, proprio per dir­Gli questo: che avevano sentita la voce di Pietro, che l'avevano sentita come se fossero stati alla Sua pre­senza". (DD II 618).

 

31 dic 1931       Nomina a Sostituto della II sezione della Segreteria di Stato di Mons. Alfredo Ottaviani.

 

________________________________________________________________________________

 

1932

________________________________________________________________________________

 

 

1932                 P. Giuseppe Gianfranceschi partecipa per lo Stato delle Città del Vaticano (SCV) alla I Conferenza Internazionale di Enti Radio. I Plenipotenziari fondono la Convenzione Telegrafica (dal 1865 Unione Internazionale Telegrafica) con la Convenzione Radiotelegrafica. Nasce così la Convenzione Internazionale delle Telecomunicazioni: gli Stati che vi aderiscono, tra i quali lo Stato della Città del Vaticano, fanno parte, come tuttora oggi (2011), dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni, UIT, (con sede, nel 1932, a Berna, Svizzera). Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

1932                 In Portogallo, formazione del Governo Salazar.

 

1932                 In Germania, è rieletto Presidente della Repubblica di Weimar l'ottantaquattrenne Hindenburg.

 

1932                 In Germania, il cancelliere Brüning è sostituito con il conservatore Franz von Papen, che revoca lo scioglimento delle organizzazioni nazionalso­cialiste decretato da Brüning. Alle elezioni per il nuovo Reichstag, grande avanzata nazionalsocia­lista. Hindenburg rifiuta di nominare Hitler can­celliere.

 

1932                 La Manciuria diventa stato indipendente sotto la protezione del Giappone. Prende il nome di Manciu­kuo e viene governata dal detronizzato imperatore cinese Pu-Yi.

 

11 gen 1932      Inaugurazione del servizio radiofonico duplex della Ra­dio Vaticana con Montreal e Sidney. (Gian. 1).

 

15 gen 1932      L’Italia consegna a Marconi la decorazione di cavaliere di Gran Croce dei Santi Maurizio e Lazzaro. Il 10 marzo successivo la città di Filadelfia gli conferisce il premio John Scott; il 3 maggio riceve a Londra la medaglia d’oro “Kelvin”. Nello stesso anno la Società Nazionale Italiana di Salvamento rende omaggio a Marconi con una medaglia d’oro che reca l’iscrizione. “Al divinatore della radio, salvatore delle navi e della gente, l’aureo pegno della riconoscenza marinara offre”. Infatti, le trasmissioni via radio dello SOS e delle coordinate della nave il 15 aprile 1912 avevano salvato 700 naufraghi del Titanic. (Giu 09).

 

12 feb 1932       Il Capo del Governo Italiano, Benito Mussolini, si reca in Vaticano a visitare Pio XI.

 

2 apr 1932        La Radio Vaticana realizza chiamate in varie lingue per sapere le condizioni di salute del Nunzio a Managua, colpita da un terremoto. (Gian. 1).

 

26 apr 1932       Pio XI assiste insieme a Guglielmo Marconi presso la trasmittente vaticana alle prove del ponte di onde ultracorte di 50 cm (600 MHz), con antenna parabolica d dipoli, che collegava i Giardini Vaticani con il Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, dove P. Soccorsi era presente e rispondeva P. Gianfranceschi. Il ponte rimarrà attivo anche durante la 2ª Guerra Mondiale (1939-1945). Nel 1943 fu sostituito da un ponte prestato dalla Marina Italiana. (L'Illu­strazione Vaticana, Anno III, Num. 23 (1° mag 1932, pag. 425 e 428 ss.).

 

 3 mag 1932      Pubblicazione dell'Enciclica di Pio XI "Caritate Chri­sti". (AAS 24, 1932, 177 ss.).

 

giu-lug 1932      Nella Conferenza di Losanna, le potenze vincitrici della 1ª Guerra Mondiale decidono di condonare quanto resta del debito tedesco per le riparazio­ni di guerra.

 

21 ago 1932      La Radio Vaticana inizia le sue trasmissioni Radiotelefo­tografiche col sistema Belin (belinograph), come "Foto attualità della Santa Sede". In questa occasione sono trasmesse le seguenti fotografie: Campionati ciclisti­ci mondiali; Incendio del piroscafo francese PHILIPAR; Arrivo di MacDonald Premier britannico laburista a Roma. Visita di Mussolini al Papa. Il servizio è aperto con la Germania. Si realizzano esperimenti tra l'Australia e il Vaticano per stabili­re la distanza di propagazione con l'onda di 19,84 metri. (Gian. 1).

 

set 1932            La Radio Vaticana partecipa al Congresso di Enti Radiofo­nici a Madrid. Il Direttore, P. Gianfranceschi, coeren­te con la sua affermazione che la Radio Vaticana non faceva radioemissioni (cioè, radiodiffusione) menziona soltanto un servizio radiotelegrafico e radiotelefoni­co, non un servizio di radiodiffusione. (Cfr. Bea, 76). (Socc. 10, 5).

 

29 set 1932       Pubblicazione dell'Enciclica di Pio XI "Acerba nimis" sulla critica situazione del cattolicesimo nella Repub­blica del Messico. (AAS 24,1932,  321 ss.).

 

nov 1932           In Germania, nuove elezioni. Dimissioni di von Pa­pen, e nomina di K. von Schleicher a cancelliere.

 

nov 1932           Negli Stati Uniti, Roosevelt è eletto Presidente per il quadriennio 1933-1936.

 

22 nov 1932      Lettera della Segreteria di Stato (firmata dal Cardinale Pacelli) all'Arcivescovo di Parigi, Cardinale Verdier, nel centenario della morte di P. Vincent de Paul Bail­ly e nel cinquantenario del giornale "La Croix". "... il Padre Vincenzo de Paolo Bailly intendeva soprattut­to presentare ai suoi lettori, nella luce della dot­trina della Chiesa, i fatti della vita pubblica. Egli era convinto della necessità di abituare i cattolici a considerare gli eventi sotto l'aspetto religioso, a giudicarli in vista del Regno di Gesù Cristo, ed a sen­tire interiormente, quasi a propria insaputa, la gran­de domanda apostolica del Pater, di cui "La Croix" ha fatto il proprio motto: Adveniat Regnum Tuum!. (Bara­gli, o.c., pag. 481).

 

5 dic 1932         Il Regolamento degli Uffici Tecnici del Governatorato, pubblicato in questa data, stabilisce: "la Direzione della Radio dipende direttamente del Sommo Pontefice; amministrativamente dal Governatorato". (Art. 39). (Socc. 15).

 

10 dic 1932       Discorso di Pio XI agli universitari cattolici di Roma sul problema della Stampa. (Irib. OR 12-13 dic 32).

 

22 dic 1932       Discorso di Pio XI ai dirigenti della Federazione Universitaria Cattolica Italiana (FUCI). In esso il Papa fa riferimento alla "scienza del giornalismo", alla "Zei­tungswissenschaft" e alle sue letture sulla stessa. (DD II, 779).

 

24 dic 1932       Udienza al Collegio Cardinalizio e alla Prelatura romana per lo scambio degli auguri natalizi, trasmessa dalla Radio Vaticana, contenente l'annuncio dell'Anno Santo giubilare della Redenzione 1933. Il Papa dice: "Appro­fittiamo con gioia del mirabile apparecchio marconiano che sta alla nostra disposizione". (DD II 780).

 

_______________________________________________________________________________

 

1933

________________________________________________________________________________

 

 

1933                 In Portogallo, dopo l'approvazione di una costitu­zione autoritaria, Salazar instaura la dittatura.

 

1933                 A Cuba, il dittatore Machado è costretto dai militari alle dimissioni. Inizia la sua ascesa politica "il sergente" Fulgencio Battista (1901-1973).

 

1933                 In risposta all'opposizione della Stampa a condividere con la Radio la produzione delle Agenzie telegrafiche di notizie, la CBS statunitense crea l'Agenzia "Colum­bia News Service", prima agenzia di notizie per la Ra­dio.

 

gen 1933           Negli Stati Uniti inizia il mandato del Presidente Roosevelt. Per far fronte alla recessione economi­ca proclama un "nuovo corso" (New Deal).

 

20 gen 1933      Firma di un Concordato tra la Santa Sede e la Germania.

 

24 gen 1933      La Radio Vaticana inizia il collegamento radiotelegrafi­co con l’America del Nord. (Gian. 1).

 

28 gen 1933      Discorso di Pio XI ai dipendenti della Ditta Marelli che gli avevano offerto in dono un radioricevitore. Parla dell'efficacia e della rapidità della Radio e in parti­colare dell'annuncio dell'Anno Santo fatto tramite la Radio Vaticana:

"che cosa c'è di più meraviglioso di questo mezzo che tanto facilita i rapporti vicini e lontani, socia­li e politici dei popoli? E che cosa ci darà esso doma­ni di quei segreti che la natura ha in parte soltanto rivelati, e che si dischiuderanno ancor maggiormente in un avvenire forse non lontano? ... Pensiamo allo sviluppo che queste tre forze, che questi tre potenti mezzi di moto hanno dato e daranno all'opera grandiosa dei missionari, alla evangelizzazione del mondo, alla dilatazione del Regno di Cristo Signore!.

                     "... mentre anticamente e fino a tempi non lontani dai nostri, perché i consolanti annunzi degli Anni San­ti giungessero sino agli estremi confini della terra ... occorreva mettersi in viaggio per sei o per quat­tro mesi ed altrettanto era necessario per avere le ri­sposte del ricevuto annuncio, risposte che anche non sempre arrivavano; oggi, invece, allo stesso momento nel quale il Papa parlava, egli veniva ascoltato dai suoi figli contemporaneamente nelle più lontane regio­ni del mondo; e pochissime ore dopo, grazie appunto al­la radio, da Pechino, da Shanghai, dal Capo di Buona Speranza, dalla Nuova Zelanda arrivavano le notizie della perfetta ricezione del messaggio... (DD II 811 ss.)).

 

30 gen 1933      In Germania, Hitler è nominato Cancelliere dal Presidente Hindenburg.

 

feb 1933            In Germania, incendio del Reichstag, provocato dai  nazionalsocialisti, ma attribuito ai comunisti. Un decreto di Hindenburg abroga i diritti fonda­mentali sanciti dalla costituzione. Fine della Re­pubblica di Weimar.

 

11 feb 1933       Pio XI inaugura il Ponte Radio ad onde ultracorte che collega il Vaticano con la Villa Pontificia di Castel­gandolfo, allora la prima e la sola stazione radiofo­nica del genere che (dice il Papa) "potrà essere il centro di nuove scoperte e di nuove utili applicazio­ni".

                        "La nostra prima parola, disse il Papa, sarà per voi, Signor Marconi, e sarà una parola di congratula­zione per i continui successi che la Divina Provviden­za e la Divina Bontà hanno riservato alle vostre ricer­che e applicazioni in questo campo". E Marconi rispo­se: "Questa prima applicazione pratica delle micro-on­de riempie di orgoglio il mio cuore di italiano e di scienziato. Possa la mia modesta opera contribuire al­la realizzazione della vera pace cristiana nel mondo". (DD II 822).

 

18 feb 1933       La Radio Vaticana inaugura il servizio radiotelegrafico con l'Austria. (Gian. 1).

 

mar 1933          In Austria, colpo di Stato di Dollfuss.

 

mar 1933          Il Giappone esce dalla Società delle Nazioni.

 

9-16  mar 1933  Negli Stati Uniti, periodo dei "Cento Giorni", prima fase del programma di riforme del Nuovo Corso (New Deal).          

 

16 mar 1933      La Radio Vaticana inizia prove settimanali con Lovanio (Belgio), con i Missionari di Scheut, per il collaudo delle loro stazioni radio, da inviare alle missioni del Congo Belga. (Gian. 2 e SRT 6,1).

 

23 mar 1933      In Germania, il Reichstag, in cui i nazionalsocia­listi dopo nuove elezioni a marzo hanno ottenuto il 44% dei seggi, vota a grande maggioranza la Legge dei pieni poteri, che autorizza il Governo, diretto dal 30 gennaio precedente da Adolf Hit­ler, a legiferare per quattro anni senza il con­senso dello stesso Reichstag e senza vincoli co­stituzionali.

 

 2 apr 1933       La Radio Vaticana trasmette la cerimonia di Apertura del­la Porta Santa per l'Anno Santo della Redenzione.

 

 2 apr 1933       Pio XI, accende dalla Città del Vaticano, tramite un comando trasmesso dalla Radio Vaticana, la Croce eretta sul Monte Senario.

 

Pasqua 1933      La Radio Vaticana trasmette la Benedizione "Urbi et Or­bi". (E' la prima volta che la Benedizione Urbi et Orbi viene trasmessa per Radio). (SRT 6,1).

 

 3 apr 1933       La Radio Vaticana inizia le trasmissioni domenicali e festive per i malati, con letture liturgiche e dischi di musica sacra. (Gian. 1).

 

10 apr 1933       La Radio Vaticana trasmette la Quinta Settimana Accademica della Pontificia Accademia dei Nuovi Lincei. (Gian. 2).

 

24 apr 1933       La Radio Vaticana lancia un avviso rivolto ai Missionari del Brasile per effettuare le ricerche dell'aviatore De Robilant. (Gian. 2).

 

mag 1933          Negli Stati Uniti, il Presidente Roosevelt dà avvio alla politica del Nuovo Corso (New Deal).

 

giu 1933            Firma a Roma del "Patto delle quattro potenze" (Francia, Gran Bretagna, Germania, Italia) per il mantenimento della pace in Europa.

 

3 giu 1933         Pio XI firma l'Enciclia "Dilectissima Nobis" sull'ingiusta situazione creata alla Chiesa Cattolica in Spagna. (AAS XXV, 1933, pag. 261 ss.).

 

 6 giu 1933        Discorso di Pio XI ai giornalisti cattolici, in pellegri­naggio per il Giubileo della Redenzione.

                         "Anche a considerare soltanto la stampa in , in quanto tale, non si può non avvertire subito la poten za di questo grande strumento maneggiato con tanta con­fidenza, maestria e abilità. Alcuni hanno detto che i giornalisti sono i "portavoce" della pubblica opinio­ne, altri che essi ne sono invece i "fabbricatori". L'una e l'altra definizione sembrano vere, ed esse di­cono chiaramente tutta la potenza dei giornalisti, ma anche tutte le loro formidabili responsabilità. (DD II, 905 ss.).

 

8 giu 1933         Desta grande curiosità il collegamento radiotelefonico tra la Radio Vaticana e Pechino, in occasione di una visita sui Giardini Vaticani di un gruppo di pellegrini cinesi.

 

lug 1933            In Germania, il governo vieta tutti i partiti, tranne quello nazionalsocialista.

 

18 set 1933       Discorso di Pio XI ai partecipanti al Congresso internazionale della pubblicità. E' la prima volta che Pio XI tratta dell'argomento. (DD II 964 ss.).

 

21 set 1933       Udienza di Pio XI al personale della Radio Vaticana: "... Noi sappiamo che la Radio Vaticana va bene, va ve­ramente bene, è altamente apprezzata in tutto il mon­do...". (Bea, 83).

 

ott 1933            Incidenti in Palestina: gli arabi si oppongono alla politica inglese che favorisce l'immigrazione ebraica.

 

ott 1933            In Cina, dopo il fallimento della quarta campagna, il Kuomintang scatena un'altra campagna contro i comunisti impiegando un milione di uomini.

 

ott 1933            Nella VII Conferenza Panamericana a Montevideo, Roo­sevelt promette una politica del "buon vicinato" tra gli Stati Uniti e gli altri Paesi americani, rinnegando la politica imperialista.

 

ott 1933            La Germania si ritira dalla Società delle Nazioni e dalla Conferenza per il disarmo.

 

nov 1933           In Germania, plebiscito per Hitler: 40.600.000 voti contro 2.100.000.

 

19 nov 1933      In Spagna, vittoria elettorale delle destre, capeggiate dalla Confederación Española de las Dere­chas Autónomas (CEDA). Segue un periodo di fre­quenti crisi di governo.

 

25 nov 1933      La Radio Vaticana inizia le trasmissioni giornaliere del Bollettino Meteorologico, trasmissione che viene annun­ciata sull'Osservatore Romano. (Gian. 2).

 

________________________________________________________________________________

 

1934

________________________________________________________________________________

 

 

1934                 Negli Stati Uniti promulgazione del "Communications Act" che sostituisce il "Radio Act” del 1927, stabilisce la regolamentazione nazionale della Radio e crea la Fede­ral Communications Commission (FCC), un'Agenzia indi­pendente formata da 7 membri, nominati dal Presidente, considerata uno strumento del Congresso.

 

gen 1934           La Polonia conclude un patto di amicizia e di non aggressione con la Germania.

 

mar 1934          Prima trasmissione del Programma Spagnolo della Radio Vaticana.

 

apr 1934           In Germania, H. Himmler diventa capo della polizia segreta di Stato (Gestapo).

 

1 apr 1934        La Radio Vaticana trasmette il Solenne Pontificale della Pasqua e la Canonizzazione di S. Giovanni Bosco a San Pietro.

 

giu 1934            Primo incontro a Venezia tra Mussolini e Hitler.

 

10 giu 1934       Discorso di Pio XI ai giornalisti di Roma. Ringrazia i giornalisti per quanto avevano scritto durante l'Anno Giubilare, e specialmente L'Osservatore Romano, "sia per l'immediata vicinanza al centro della fede, sia per sua ispirazione, sia qualche volta per vero e pro­prio mandato". (DD III, 160 ss.).

 

30 giu 1934       In Germania, "notte dei lunghi coltelli". Vengono massacrati gli oppositori al nazismo (tra cui l'ex cancelliere Schleicher) e i nazionalsociali­sti sgraditi.

 

9 lug 1934         Morte a Roma di P. Giuseppe Gianfranceschi, Primo Direttore della Radio Vaticana, ai 59 anni di età. (Era nato ad Arcevia (Ancona) il 21 febbr. 1875).

 

25 lug 1934       In Austria, i nazisti, appoggiati da Hitler, assassinano Dollfuss, tentando un colpo di stato per legare l'Austria alla Germania. Il progetto fal­lisce anche per la reazione italiana, che difende l'indipendenza dell'Austria. Hitler è costretto a sconfessare i nazisti austriaci.

 

     2 ago 1934       In Germania, morte di Hindenburg. Hitler assume le funzioni di capo dello Stato Tedesco col titolo di "Führer e Cancelliere del Reich".Nasce il Ter­zo Reich.

 

12 ago 1934      Nomina a Direttore della Radio Vaticana di P. Filippo Soccorsi S.I., che, seguendo le direttive ricevute da Pio XI, convertirà lo strumento tecnico e scientifico, messo a disposizione del Papa da Guglielmo Marconi, in uno strumento per la produzione di radiodiffusione. Per l'elezione del successore di P. Gianfranceschi il Papa aveva consultato Marconi ed altre persone. (Soc. 10,7). P. Soccorsi era laureato in Fisica Matematica ed era stato compagno di studi di Enrico Fermi e del suo gruppo. Poi era entrato con vocazione tardiva nella Compagnia di Gesù. (Giu 09).

                        P. Soccorsi raccoglie una radio in cui esistono:

1) Un'attività radiotelegrafica;

2) Un'attività radiotelefonica specialmente dedicata ad alcune Nunziature;

3) Un'attività di radiodiffusione intermittente e irre­golare, quasi occasionale, che ogni tanto metteva in onda interventi del Papa -e questa era la cosa più im­portante-, e una volta al mese trasmetteva un bolletti­no informativo scientifico in Latino di un quarto d'o­ra di durata, redatto dalla Pontificia Accademia delle Scienze;

4) Un'attività di radiodiffusione regolare a carattere sperimentale, a supporto dell'attività radiofonica in­termittente, perché altrimenti una Radio Vaticana, "da nessuno seguita, avrebbe rivolto al deserto le sue pa­role [quelle della Santa Sede] qualora avesse avuto in­tenzione di far sentire la sua voce". In questa attivi­tà regolare di radiodiffusione sperimentale si faceva atto di presenza nelle onde leggendo articoli dell'Os­servatore Romano, e, per le lingue estere, notizie dell’Agenzia Fides. (Socc.10, 5 ss).

                        L'attività radiotelegrafica era di base. L'at­tività radiotelefonica, rivolta soprattutto alle Nun­ziature, era in crisi, perché il contatto unidireziona­le con esse presto si era rivelato poco interessante (Soc.10, 7-8). E l'attività di radiodiffusione regola­re sperimentale destava critiche: troppo durevole per essere sperimentale, di scarsa qualità per essere ve­ra radiodiffusione.

                         Questo vuol dire che P. Soccorsi ereditava la dire­zione di uno strumento tecnico in acuta crisi d'uso, uno strumento di prestigio che si interrogava sulla propria ragion d'essere. Che fare?

                         P. Soccorsi si rivolse a Pio XI con questi problemi, e il Papa rispose: "Migliorare sì, tornare indietro no". (Socc.10, 8).

                         P. Soccorsi si dedicò allora a cercare collaboratori (alcuni Padri della Compagnia di Gesù, Mons. Smith e il P. Delaire) per migliorare il contenuto delle emis­sioni quotidiane. Non si seguitò a leggere unicamente articoli e notizie già editi da altri, ma si cominciò a comporre qualche cosa espressamente per la Radio, mentre le emissioni continuavano a presentarsi al pub­blico come emissioni sperimentali. Veniva composto un testo, per lo più storico o apologetico, oltre a notizie cattoliche, e poi era tradotto e letto durante la settimana nelle diverse lingue. "Stato germinale più che embrionale della radiodiffusione" (Socc.10,9).

 

12 ago 1934      Pio XI invia tramite la Radio Vaticana un messaggio al Congresso di Messina e da Castelgandolfo accende tra­mite un comando trasmesso per Radio, l'immagine della Madonna della Lettera sita all'estremità del Porto di Messina.

 

       set 1934         L'Unione Sovietica entra nella Società delle Nazioni.

 

 2 ott 1934        Un rapporto dal titolo "Attività della Stazione Radio Vaticano dal 12 febbraio 1931 al 2 ottobre 1934", racco­glie ovviamente quella che è stata l'attività sotto la direzione di P. Gianfanceschi. Questo documento, di so­le 3 pagine, viene da noi citato come documento Gian­franceschi, e abbreviato: Gian.

                        Oltre ad un elenco di date relative a diverse inaugu­razioni, servizi straordinari, ecc, la maggior parte dei quali sono stati raccolti nella presente cronolo­gia (Gian.), il rapporto fa l'elenco di "Attività va­rie che la Radio esegue continuamente o a brevi inter­valli".

                         Molte di esse hanno evidente carattere sperimentale (campane di S. Pietro...) o di servizio radiotelegrafi­co o radiotelefonico tra Castelgandolfo e il Vaticano quando il Papa è nella Villa Pontificia o con Nunziatu­re. Altre si definiscono per l'evento trasmesso e non sono quindi né regolari né tantomeno quotidiane: funzio­ni papali e encicliche papali, Congressi eucaristici di Dublino e Buenos Aires, appelli ai Missionari del Segretario della Propaganda Fide, concerti della Guar­dia Palatina o dell'Istituto Superiore di Musica Sa­cra, Bollettino dell'Anno Santo...

                         L'Anno Santo della Redenzione però (annunciato dal Papa tramite la Radio il 24 dic 1932), con le sue ceri­monie, dall'apertura della Porta Santa, passando per le santificazioni, beatificazioni e discorsi vari fino alla chiusura della Porta Santa, ha provocato un "ser­vizio quasi giornaliero nella Sala Benedizioni".

                        Sono anche presenti le attività che poi verranno chiamate "compiti d'istituto", dalla verifica e ripara­zione di apparecchi radio del Vaticano alla cura degli altoparlanti nella Basilica e nella Piazza di S. Pie­tro.

                        La Radio espleta il suo servizio tutti i giorni com­prese le domeniche e giorni festivi, con orario diur­no, serale e (quando lo esige il servizio) anche not­turno.

                         Il personale è composto da 8 persone: il Cavaliere Andrea Marchese, Capo Posto; Luigi Arrù come Assisten­te Tecnico; e 6 radiotelegrafisti: Achille Villa, Mau­ro Ercole, Mario Mornese, Domenico Orlandi, Giuseppe Peroni e Alberto Ricciardi. (SRT 7, 1-3).

 

 9 ott 1934         In Jugoslavia, il re Alesandro I è ucciso in un at­tentato ordito dal movimento croato terroristico e filofascista degli Ustascia. Il paese piomba nella guerra civile.

 

14 ott 1934        Radiomessaggio di Pio XI al Congresso Eucaristico di Buenos Aires. Nel radiomessaggio il Papa dice: "abbiamo seguito ogni giorno e quasi ogni ora i vostri pii lavo­ri, quasi di presenza, per mezzo dell'invenzione marco­niana". (DD III 222). Lo stesso dirà parlando alla gioventù dell'Azione Cattolica il successivo 4 nov 1934. (DD III 227).

 

16 ott 1934        In Cina, l'Armato rossa, decimata dagli scontri con il Kuomintang, inizia sotto Mao Tse-tung la "lun­ga Marcia": 12.000 km. dal Kiangsi nella Cina me­ridionale, attraverso quella occidentale, fino al­la provincia settentrionale di Shensi, per sfuggi­re all'accerchiamento nazionalista.

 

11 nov 1934      Radiomessaggio di Pio XI per l'inaugurazione del Congresso Giuridico Internazionale. (Socc.10, 48).

 

dic 1934            Nella Somalia Italiana, incidenti a Ual-Ual alla frontiera con l'Etiopia.

 

 6 dic 1934        Radiomessaggio di Pio XI per la chiusura del Congresso Eucaristico Australiano di Melbourne.

 

________________________________________________________________________________

 

1935

________________________________________________________________________________

 

 

1935                     In Francia, formazione del Fronte Popolare, allean­za tra socialisti e comunisti.

 

7 gen 1935        Discorso di Pio XI ai giornalisti francesi, venuti a Roma in occasione della visita del Ministro Pierre Laval.

                        "Vous représentez, vous, journalistes, la plus gran­de puissance dans le monde. On dit souvent que cette puissance c'est l'opinion, c'est une erreur, une er­reur manifeste, car c'est la presse qui fait l'opi­nion, et la cause est toujours plus puissante que l'effet". (Baragli, o.c., pag. 496).

 

apr 1935           Conferenza di Stresa: Italia, Francia e Gran Breta­gna condannano il riarmo tedesco e fanno appello alla pace.

 

apr 1935           Negli Stati Uniti, Roosevelt inaugura la seconda fase del Nuovo Corso (New Deal) con misure per dimi­nuire la disoccupazione, per garantire i diritti sindacali dei lavoratori, l'assistenza e la previ­denza sociale.

 

21 apr 1935       La Radio Vaticana trasmette il solenne Pontificale di Pasqua e la canonizzazione dei due martiri inglesi: Gio­vanni Card. Fisher e Tommaso More. Hanno ritrasmesso: Società Svizzera di Radiodiffusione; Emisora Nacional di Lisbona; Stazioni di Spagna, Austria, Budapest, Bri­tish Broadcasting Company e l'olandese Radio Omroep. (Socc.10, 48).

 

28 apr 1935       Radiomessaggio di Pio XI ai fedeli convenuti a Lourdes per la chiusura del Giubileo dell'Umana Redenzione. (DD III 312). (Socc.10, 49)

 

31 mag 1935     La Radio Vaticana inaugura il servizio radiotelegrafico con Beyrouth. (SRT 1,1).

 

giu 1935            Convenzione navale anglo-tedesca: la Gran Bretagna concede a Hitler un aumento dell'armamento navale tedesco.

 

giu 1935            Nella Gran Bretagna, torna al governo il conservatore S. Baldwin, che persegue una politica estera di pace a tutti i costi.

 

estate 1935       Il Direttore della Radio Vaticana, P. Soccorsi, realizza un viaggio privato per visitare la sede dell'Unione In­ternazionale di Radiodiffusione (U.I.R.) a Ginevra e il Centro Tecnico a Bruxelles. In esso apprese che nell’ambiente internazionale di radiodiffusione non vi e­ra alcuna contrarietà o diffidenza per una radiodiffu­sione da parte della Radio Vaticana, anzi, il regola­mento dell'Unione aveva previsto (per merito a quanto sembra dell’Austria) la possibilità di accogliere in se­no alla stessa "a titolo speciale" quegli Enti che e­sercitassero la radiodiffusione, non per i propri Pae­si, bensì con un carattere internazionale.

                        Rientrato a Roma, P. Soccorsi propone al Papa la par­tecipazione della Radio Vaticana all'UIR e ai suoi Con­gressi, proposta che Pio XI accettò per la ragione che era pericoloso essere assenti da un'organizzazione che tratta questioni e prepara norme di interesse vivo anche per la Radio Vaticana. Inoltre informa il Papa sulla convenienza di ampliare la Radio Vaticana per far fronte all'accaparramento delle onde da parte de­gli Stati. (Socc.10. 22 e 26).

 

giu-ago 1935  VII Congresso dell'Internazionale Comunista (Komintern) Vi partecipano rappresentanze di 65 Paesi. Viene decisa la lotta contro il fascismo da parte dei partiti comunisti alleati con i socialdemocra­tici (politica dei "fronti popolari").

 

1 lug 1935         La Radio Vaticana inaugura il servizio radiotelegrafico con la Siria. (SRT 1,1).

 

15 set 1935       In Germania, "leggi di Norimberga" contro gli ebrei e i non ariani.

 

26 set 1935       Radiomessaggio di Pio XI al Congresso Eucaristico Nazio­nale di Cleveland. (DD III 394).

 

ott 1935            In Grecia, un colpo di stato del generale J. Metaxas instaura un governo reazionario (1936-1941) e favorisce il ritorno del re Giorgio I. Venizelos è costretto all'esilio.

 

 ott 1935           In Cina, la "lunga marcia" guidata da Mao Tse-tung raggiunge lo Shensi e termina dopo 12.000 km: dei 90.000 partiti, solo 10.000 hanno raggiunto la me­ta.

 

3 ott 1935          Le truppe italiane invadono l'Abissinia. Nei successivi 10 e 11 ottobre, la Società delle Nazioni di Ginevra vota sanzioni contro l'Italia.

 

27 ott 1935        Radiomessaggio di Pio XI al Congresso Eucaristico di Li­ma. (DD III 407).

 

19 dic 1935       Nomina a Sostituto della Segreteria di Stato di Mons. Domenico Tardini.

 

20 dic 1935       Pio XI firma l'Enciclica "Ad catholici sacerdotii" sul sacerdozio cattolico. (Cfr. AAS XXVIII, 1936, pag. 5 ss.).

 

________________________________________________________________________________

 

1936

________________________________________________________________________________

 

 

1936                 Entra in servizio nella Palazzina Marconi dei Giardini Vaticani del Trasmettitore AEG Olympia, di 25 kW di potenza, operabile anche in telegrafia. Verrà accesso fino al 2001, e poi trasferito al Museo della Radio Vaticana nella Palazzina Marconi, nei giardini vaticani.

 

1936                 In Nicaragua, il generale Somoza con un colpo di stato instaura una dittatura (1936-1952).

 

gen 1936           In Gran Bretagna, alla morte di Giorgio V sale al trono il figlio Edoardo VII (1894-1975).

 

feb 1936           Durante il Congresso dell'Unione Internazionale di Ra­diodiffusione (UIR), svoltosi a Parigi, la Radio Vati­cana è accolta a unanimità di voti nell'Unione come "Membro a titolo speciale", giacché per essere membro attivo è necessario realizzare un "servizio nazionale" che la Radio Vaticana non fa. (Socc. 13). Con questa partecipazione, la Radio Vaticana poteva "con pieno diritto e senza timore alcuno intraprendere una vera e propria attività di Radiodiffusione" (Socc.10, 9).

 

16 feb 1936       In Spagna, vittoria elettorale del Fronte popolare, formato da socialisti, comunisti e anarchici. Si forma il governo di Manuel Azaña (1880-1940).

 

mar 1936          In Germania, Hitler denuncia il Patto di Locarno (cfr. XX XXX 1925). Comincia la rimilitarizzazio­ne della Renania.

 

apr 1936           In Palestina, sciopero nazionale arabo contro la massiccia immigrazione ebraica. Si intensifica la guerriglia tra arabi ed ebrei.

 

apr 1936           In Francia, vittoria elettorale del Fronte popolare (comunisti, socialisti, radicali). Si costituisce un governo frontista guidato dal socialista Léon Blum, che avvia audaci riforme.

 

12 apr 1936       La Radio Vaticana trasmette la Messa Pontificale Pasqua­le (senza la Benedizione "Urbi et Orbi"). (SRT 6,1).

 

18 apr 1936       Discorso di Pio XI ai partecipanti al 36º Congresso di "La Croix" e della "Bonne Presse" (Roma, 17-19 apri­le).

                         ..."La parole est une force qui sait fléchir les âmes et, omnium regina rerum, est dominatrice de tout. Que dire de cette parole si puissante à elle seule, que dire d'elle quand elle dispose de cet organisme, de ce dynamisme: la presse?. (DD III 467 ss.).

 

5 mag 1936       Le truppe italiane entrano in Addis Abeba. Haile Selassie abbandona il Paese. Mussolini proclama l'Impero e il 9 maggio Vittorio Emanuele III as­sume il titolo di Imperatore d'Etiopia.

 

26 mag 1936     Discorso di Pio XI ai rappresentanti dell'Associazione Stampa Estera in Roma. Il Papa parla della potenza "di quello che c'è di più potente nel mondo: il pensiero, la parola che dice il pensiero. ... Ora di questa paro­la e questa sua forza, e come di un'insegna si servono i giornalisti. Anch'essi, infatti, sono i grandi maneg­giatori di anime, e perciò grandi padroni del mondo". (DD III, 496 ss.).

 

 7 giu 1936        Il Papa esamina insieme a P. Soccorsi le proposte per nuovi impianto della Radio Vaticana presentate dalla Società Marconi e Telefunken. Si decide per la propo­sta Telefunken e il Papa dà subito disposizione per il finanziamento, in modo che i lavori si eseguano al più presto possibile (Socc.10, 27).

 

29 giu 1936       Pio XI firma l'Enciclica "Vigilanti cura" sugli spettacoli cinematografici. (Cfr. AAS XXVIII, 1936, pag. 249 ss.).

 

  metà 1936       La situazione critica creata in Germania dal regime nazista e le tensioni in altri stati europei provocano la formazione di un doppio progetto: l'ampliamento e il perfezionamento delle emissioni di radiodiffusione, con particolare sviluppo dei notiziari, e la creazione di un servizio informativo radiofonico di notizie cat­toliche per la Stampa, una vera e propria Agenzia che avrebbe coperto le proprie spese con il contributo dei giornali abbonati. Lo stesso Pio XI impartì importanti direttive al riguardo. (Socc. 8).

                            In esecuzione del primo progetto –l’unico che si porte­rà a termine- si verificò un aumento dell'attività del­la Radio Vaticana che, a dispetto delle affermazioni fatte su L'Osservatore Romano il 25 luglio 1931 dall’allora Direttore dell'emittente, P. Gianfranceschi, seguendo le nuove direttive di Pio XI, si afferma ulte­riormente come strumento di produzione di radiodiffu­sioni.

                            Dai primi mesi del 1936 si effettuano numerose emis­sioni in lingua tedesca, e si elevò per ragioni di op­portunità la frequenza delle emissioni in altre lingue in modo di avere una misura uniforme per tutte le lin­gue principali.

                         Collaborano a queste emissioni con la loro raccolta di interessanti notizie il P. Federico Muckermann, pra­ticamente esiliato a Roma dal regime nazista e diretto­re del "Segretariatus defensionis contra atheismum", e il P. Joseph Ledit, direttore della pubblicazione "Let­tre de Rome sur l'athéisme moderne". Tutti e due abita­vano al Pontificio Collegio Russicum di Roma, gestito dai Gesuiti, e disponevano di una rete di redattori e di corrispondenti. (Bea, 97).

 

18 lug 1936       In Spagna esplode la Guerra Civile, che durerà fino al 1 apr 1939. Il successivo 1 ott 1936 il Genera­le Francisco Franco sarà eletto dai Capi militari della rivolta militare Capo del Governo, carica che si trasformerà in quella di Capo dello Stato. Rimarrà al potere fino alla sua morte, che avver­rà il 20 novembre 1975. Durante la guerra civile, nella parte repubblicana vengono uccisi 12 Vesco­vi, un Amministratore Apostolico, 6.832 sacerdo­ti, 2.365 religiosi e 283 religiose.

 

14 set 1936       La Radio Vaticana trasmette da Castelgandolfo il discorso pronunciato da Pio XI nell'udienza a 500 profughi spagnoli. (SRT 7,1).Il discorso finisce con parole di perdono per gli assassini: "Li dobbiamo amare con amo­re particolarmente colmo di compassione e di misericor­dia; amarli e, non potendo fare altra cosa, pregare per loro ... perché ... i loro cuori si aprano al desi­derio e alla ricerca fraterna del vero bene comune..." (AAS 28, 1936, 373 ss.).

                        Hanno ritrasmesso le Stazioni E.I.A.R, National Broadcasting Company Inc. (NBC), Columbia Broadcasting System (CBS), Engineer Broadcasting Studio Dublin.

 

22 ott 1936        Pio XI, parlando in udienza agli elettrotecnici italiani, diceva della Radio Vaticana che era piccola, ma già così potente, che "si potrebbe rievocare quell'e­spressione a proposito dei cavallini sardi, definiti "piccoli ma pepati": anche alla Radio Vaticana può dirsi che, se è piccola, è abbastanza pepata per farsi sentire pur a gran distanza". (DD III 577).

 

24 ott 1936        Trattato di collaborazione tra Germania e Italia: nasce l'Asse Roma-Berlino.

 

27 set 1936       Discorsi di Pio XI ai partecipanti al Congresso internazionale della stampa cattolica. A Castel Gandolfo. (DD III, 564-569).

 

31 ott 1936        Discorso di Pio XI al I Convegno internazionale cattoli­co della pubblicità. (DD III, 580 ss.).

 

      nov 1936         Roosevelt è rieletto Presidente degli Stati Uniti per il quadriennio 1937-1940.

 

10 nov 1936      Pio XI, ricevendo in udienza l'Ufficio Cattolico Internazionale della Radio dice della Radio:

                        "Non esistono, infatti, termini di confronto per la ra­dio: la radio da per sé sola, è senza concorrenti... Le sue novità ... con le lezioni che comportano, sono tuttora al principio: Dio solo sa che cosa siano que­ste forze così misteriosamente potenti, così sperimen­tabili e, allo stesso tempo, così inafferrabili". (DD III 588, ss).

 

      dic 1936          In Gran Bretagna, Edoardo VII abdica per sposare Wallis Simpson. Gli succede il fratello Giorgio VI (1936-1952).

 

   dic 1936         Scade il trattato di Washington del 1922. Il Giappone non rinnova l'accordo, e inizia il riarmo nava­le.

 

19 dic 1936        L'Italia, sanzionata per l'invasione dell'Etiopia, abbandona la Società delle Nazioni.

 

21 dic 1936       Lettera della Congregazione dei Riti al Segretario della Congregazione del S. Uffizio. In essa la Congregazione dei Riti dice che non sembra esserci difficoltà a per­mettere che vengano trasmessi al di fuori tanto i ser­moni sacri quanto lo svolgimento delle cerimonie della sacra liturgia che si compiono nelle chiese, compresa la parte musicale; ciò anzi può essere in alcuni casi opportuno e proficuo sotto due condizioni: a) che non si creda con ciò soddisfatto il precetto di assistere alla S. Messa, b) che tali radiodiffusioni non si mesco­lino con soggetti frivoli e disdicevoli. Si esclude pe­rò che dall'esterno vengano diffuse nelle chiese per radio musiche vocali a sostituire le vive voci del po­polo e dei cantori. (Baragli, o.c., pag. 510).

 

24 dic 1936       La Radio Vaticana trasmette per la prima volta il Radiomessaggio natalizio del Papa. (DD III 608).

                        Ritrasmettono: Italia; Stati Uniti (NBC, CBS, MBS), Austria, Irlanda, Belgio, Francia, Svizzera, Olanda, Brasile, Inghilterra, Lussemburgo, Praga, Vienna, Bue­nos Aires, Budapest, Varsavia, Olanda (KRadio).

 

________________________________________________________________________________

 

1937

________________________________________________________________________________

 

 

       1937          Prima trasmissione del Programma Tedesco della Radio Vaticana.

 

   gen 1937        Negli Stati Uniti, Roosevelt inizia il suo secondo mandato come Presidente.

 

 7 feb 1937        Radiomessaggio di Pio XI al Congresso Eucaristico di Ma­nila. (DD III 615).

                        Ritrasmettono: Filippine, Ungheria, Austria, Stati Uniti (NBC, CBS), Svizzera, Cecoslovacchia, Francia, Olanda, Irlanda, Argentina, Italia (EIAR, Italo Radio).

 

14 mar 1937      Pio XI firma l'Enciclica "Mit brennender Sorge" in cui condanna le dottrine del nazional-socialismo tedesco. Sarà pubblicata dall'Osservatore Romano il 22-23 marzo successivo. In essa si parla dei "fedeli cattolici del­la Germania. In questa ora, in cui ... essi sono accer­chiati da mille forme di organizzata compressione del­la libertà religiosa, in cui l'impossibilità di aver informazioni conformi a verità e di difendersi con mez­zi normali molto li opprime, i medesimi hanno un dop­pio diritto ad una parola di verità e di incoraggiamen­to da parte di colui al cui primo predecessore il Sal­vatore diresse quella parola densa di significato: ''Io ho pregato per te, affinché la tua fede non vacil­li, e tu a tua volta corrobora i tuoi fratelli'' (Lc 22,32).  (AAS XXIX ,1937, 145 ss.).

 

19 mar 1937      Pio XI firma l'Enciclica "Divini Redemptoris" in cui condanna le dottrine del comunismo ateo. Il Papa fa espli­cito riferimento alla propaganda comunista:

                         "Propaganda diretta da un solo centro e che abilissi­mamente si adatta alle condizioni dei diversi popoli, propaganda che dispone di grandi mezzi finanziari, di innumerevoli organizzazioni, di giganteschi congressi internazionali, di quadri bene addestrati e provvisti; propaganda che si fa attraverso riviste e fogli volan­ti, nei cinematografi, nei teatri, con la radio... (AAS 29,1937, 78 ss.).

 

28 mar 1937      Pio XI firma l'Enciclica "Firmissimam constantiam" sulla situazione religiosa in Messico. (Cfr. AAS XXIX ,1937, Pag. 189 ss.).

 

 mag 1937-40    In Gran Bretagna, governo conservatore presieduto da Neville Chamberlain.

 

 giu 1937           Pio XI e il P. Soccorsi, portati dalla necessità di trasmettere con varie frequenze, più flessibilmente e con maggiore potenza, scelgono il sistema Telefunken con trasmettitore da 25 KW per fonia e grafia con 10 frequenze, bicanale per il rapido cambio di una frequenza all’altra, con un commutatore RF coassiale e 4 antenne di Onda Corta a cortina, dirette verso Sud America, Estremo Oriente, America Centrale e India-Australia. Quattro torri supportavano le cortine. Per il servizio su distanze europee, su una delle torri fu installato un dipolo a ¼ d’onda variabile in lunghezza secondo la frequenza, con terra riportata (piattaforma a 50 m. circa dalla terra) che verrà chiamata “Il Dito del Papa”. Vengono smontate le vecchie torri e le antenne di Marconi.

 

      lug 1937          Il Giappone aggredisce la Cina: inizia il conflitto cino-giapponese. Con un accordo di alleanza tra il Kuomintang del generale Chang Kai-shek e i co­munisti viene sospesa la guerra civile e viene formato un fronte unico per la lotta antigiapponese.

 

20 lug 1937       Muore a Roma l'inventore della Radio e primo realizzato­re delle Radio Vaticana Guglielmo Marconi.

                        Il sabato precedente, 17 luglio, era stato ricevuto dal Papa a Castelgandolfo. Colpito la sera del 19 da un'angina pectoris, ricevette i Sacramenti e chiese che il Papa fosse informato della sua malattia.

                        Il Papa era stato già avvisato, e chiamò per telefo­no da Castelgandolfo interessandosi presso il medico curante, Prof. Frugoni sullo stato dell'ammalato, assi­curando la sua preghiera e la sua benedizione.

                         Marconi morì alle 03,45 del martedì, 20 luglio. I suoi funerali si celebrarono mercoledì, 21 luglio, nel­la Basilica romana di Santa Maria degli Angeli. All'or­a dell'inizio dei funerali, tutte le stazioni radiote­legrafiche e radiotelefoniche terrestri, navali e aero­nautiche italiane, inglesi e statunitensi in patria, nelle colonie e all'estero interruppero per alcuni mi­nuti il loro funzionamento, per disposizione delle ri­spettive autorità, e il personale addetto si mantenne in silenzio. La salma di Marconi fu poi trasferita in treno a Bologna per essere tumulata.

 

ago 1937           Patto di non aggressione tra Cina e Unione Sovietica.

 

 set 1937           Il Congresso dell'Unità araba a Damasco respinge la proposta di spartizione della Palestina in uno stato arabo e uno ebraico.

 

2 set 1937         Prima trasmissione del Programma Inglese della Radio Vaticana.

 

29 set 1937       Pio XI firma l'Enciclica "Ingravescentibus Malis" , in cui, davanti alla critica situazione mondiale, esorta i fedeli a implorare la Madonna. (AAS XXIX, 1937, pag. 373 ss.).

 

18 ott 1937        Radiomessaggio di Pio XI al Congresso Eucaristico di New Orleans. (Bea, 95).

 

nov 1937           L'Italia aderisce al Patto Antikomintern.

 

Nov-dic 1937     I giapponesi occupano Pechino e da Shangai giungono a Nanchino. La Cina però non si arrende.

 

13 dic 1937        Nomina a Sostituto della Segreteria di Stato di Mons. Giovanni Battista Montini. Subentra a Mons. Domenico Tardini, nominato a sua volta Segretario degli affari ecclesiastici straordinari, in sostituzione di Mons. Pizzardo, creato Cardinale.

 

23 dic 1937        Radiomessaggio di Pio XI al Congresso Eucaristico di Madras. (DD III 682).

 

25 dic 1937        Inaugurazione del nuovo trasmettitore Telefunken per onde corte di 25 kw e delle nuove antenne direzionali, per le quali le due torri di ferro primitive erano sta­te sostituite da altre quattro, atte a sopportare quat­tro nuove antenne. Una quinta antenna, verticale e non direzionale, formata da un palo metallico verticale retrattile, fu montata nella sommità di una delle quattro torri. Per la sua forma singolare i tec­nici tedeschi la denominarono "Papstfinger", (dito del Papa). (Stef. 3).

                        L'acquisto è stato personalmente deciso da Pio XI su proposta di P. Soccorsi. (Socc. 7). L'inaugurazione av­viene con la messa in onda di un concerto orchestrale e vocale diretto da Mons. Lorenzo Perosi, con la parte­cipazione di Beniamino Gigli tenore, Gianna Pederzini contralto e Licia Albanese soprano. Il concerto fu ri­trasmesso da stazioni radiofoniche di 23 Paesi.

                        Si trattava di un trasmettitore regolabile su tutta la gamma delle Onde Corte su 10 frequenzediverse, il che permetterà di salvare le radiocomunicazioni durante le 2ª Guerra Mondiale, e in particolare la sua utilizzazione da parte del Servizio Informazioni prigionieri di guerra, istituito dalla Santa Sede in quella circostanza. (Socc. 7).

                            Potenza installata della Radio Vaticana. 40 kW.

 

________________________________________________________________________________

 

1938

________________________________________________________________________________

 

 

1938-1939         Nella Palazzina Leone XIII, negli ambienti in cui aveva funzionato la Specola Vaticana ormai trasferita a Castelgandolfo, sono installati gli studi Telefunken per la produzione di programmi. Negli stessi ambienti sono trasferiti dalla Palazzina Marconi i ricevitori e gli apparti telegrafici, per sottrarli ai forti campi elettromagnetici generati dal trasmettitore Telefunken (25 kW) e da quello vecchio Marconi (15 kW). (Giu 09).

 

1938                 Conferenza dell'Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT) al Cairo per il Regolamento delle Radioco­municazioni. Il Direttore della Radio Vaticana rappre­senta in essa il Vaticano.

                        L'Inghilterra, appoggiata da Germania, Russia e Sta­ti Uniti tenta tenacemente di introdurre un regolamen­to che avrebbe sanzionato un diritto di precedenza nell’uso delle onde da parte dei grandi Paesi, già in quel tempo tecnicamente bene attrezzati. Si sarebbe avuto un monopolio dei grandi, con esclusione anche in futu­ro dei piccoli. In particolare i diritti del Vaticano sarebbero stati compromessi.

                        La Delegazione del Vaticano è stata la sola che ha reagito; poche altre delegazioni avevano capito il tra­nello celato sotto astuta forma, e solo le delegazioni di Italia, Romania e Irlanda hanno trovato il coraggio di pronunciarsi pubblicamente in favore della Delega­zione del Vaticano. Il Capo della Delegazione France­se, poi Segretario dell'UIT, M. Mulatier, comunicò con­fidenzialmente al P. Soccorsi che all'occasione avreb­be votato in suo favore, ma che non avrebbe potuto so­stenerlo prendendo la parola. La decisione finale, ri­messa ad un accordo tra la Delegazione degli Stati Uni­ti e quella del Vaticano, rigettò la proposta dell'In­ghilterra. (Socc. 9).

                        A questa conferenza di El Cairo partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

feb 1938            Hitler assume il comando supremo delle forze armate, dopo il licenziamento del Ministro della guer­ra e del comandante dell'esercito, entrambi in di­saccordo con il protocollo segreto Hosbach (con­quista violenta dello "spazio vitale tedesco").

 

13 mar 1938      Annessione (Anschluss) dell'Austria alla Germania. Le truppe di Hitler entrano nel Paese.

 

 apr 1938          In Francia, crollo del governo del Fronte Popolare e formazione di un secondo governo Daladier, sen­za i socialisti.

 

 apr 1938          In Cecoslovacchia si solleva il problema delle minoranze tedesche nel Paese.

 

 1 apr 1938       Una radioconversazione trasmessa dalla Radio Vaticana, in cui si stigmatizzava il Cardinale austriaco Theodor Innitzer, che si era dichiarato in favore dell' Ansch­luss, provoca chiarimenti: fatti da L'Osservatore Roma­no, ribadiscono il carattere puramente privato del­le radioconversazioni trasmesse dalla Radio Vaticana. La Radio Vaticana è definita come il "prolungamento" della voce del Papa, uno strumento tecnico i cui conte­nuti non erano sotto il controllo e la direzione della Segreteria di Stato, al contrario di quanto avveniva per l'Osservatore Romano. (L'Osservatore Romano, 1 apr 1938).

 

Pasqua 1938      Trasmissione del Solenne Pontificale Pasquale e canoniz­zazione dei Santi Andrea Bobola e Salvatore da Horta.

                        Hanno ritrasmesso: Polonia, Ungheria, Italia, Stati Uniti (NBC, CBS), Irlanda, Svizzera, Olanda.

 

24 apr 1938       P. Soccorsi trasmette al Papa l'offerta del Generale della Compagnia di Gesù: P. Ledóchowski, per una più am­pia collaborazione della Compagnia di Gesù, offerta che il Papa accetta con gratitudine. (Bea, 108).

 

      3 mag 1938     Visita di Hitler in Italia. Il Papa assente??.

 

22 mag 1938     Viene presentato al Papa un piano organico di collabora­zione, preparato, per voler del Papa, sotto la supervi­sione del generale dei Gesuiti. (Bea, 109).

 

29 mag 1938     Radiomessaggio al Congresso Eucaristico Internazionale di Budapest. "Mentre Ci è dato parlarvi come se foste presenti, per mezzo della mirabile invenzione della Ra­dio...". (DD III 748).

 

lug 1938            In Italia, pubblicazione del "manifesto della raz­za", cui fanno seguito provvedimenti antisemiti.

 

estate 1938       Presso il "Pontificio Collegio Russicum" di Roma, gestito dalla Compagnia di Gesù, nasce il "Servizio Informazio­ni Cattoliche" esclusivo per la Radio Vaticana. Ne è Direttore P. John Delaney S.I. I programmi, finora set­timanali, diventano bisettimanali. I locutori per le diverse lingue venivano scelti tra gli appartenenti a nazioni neutrali. (Bea,    ).

 

29 set 1938       Conclusione della Conferenza di Monaco di Baviera. Cessione alla Germania dei territori "etnicamente tedeschi" di Boemia, Moravia e Slesia.

 

29 set 1938       In occasione della Conferenza di Monaco, la catena radiofonica statunitense CBS stabilisce un collegamento mol­teplice diretto: 471 trasmissioni tra il 10 e il 29 settembre, dei quali 98 in diretta dall'Europa.

                            Questo è pure l'anno in cui la stessa CBS realizzò la trasmissione radiofonica di finzione "Invasione da Marte", diretta da Orson Welles. Il panico collettivo destato testimoniava indirettamente la diffusione e la credibilità raggiunte dalla Radio.

 

29 set 1938       Pio XI lancia nel radiomessaggio "Mentre milioni di uomini" un appello di pace. "Nelle sue ultime parole, pro­nunciate attraverso la sua Radio disse tra l'altro: "Noi di tutto cuore offriamo per la salute e per la pa­ce del mondo, o che il Signore della vita e della mor­te voglia toglierci l'inestimabile già lungo dono del­la vita o voglia invece prolungare ancor più la giorna­ta di lavoro all'afflitto e stanco Operaio". (Stef. 13). (Cfr. AAS XXX (1938) Pagg. 309-310)

 

 ott 1938           In Cina, i giapponesi occupano Hangchow e Canton. Il governo di Chiang Kai-shek viene trasferito a Chung King. A dicembre, rifiuto delle proposte di pace giapponesi.

 

 6 ott 1938        In Italia, il Gran Consiglio del fascismo approva diver­si provvedimenti razzisti. Ferma protesta del Papa.

 

28 ott 1938        Negli Stati Uniti, costruzione della prima fotoco­piatrice su carta comune per mezzo della elettro­fotografia (che sarà poi chiamata "xerografia"), inventata da Chester R. Carlson. Il brevetto sarà depositato il 4 aprile 1939. Nata negli Stati Uni­ti in mezzo alla grande depressione, questa tecni­ca chiamata a rivoluzionare i metodi di documenta­zione anche radiofonica, soltanto apparirà sul mercato 21 anni più tardi, nel 1959.

 

nov 1938           In Romania, colpo di stato del Re Carol II (1930­-1940), che abroga la costituzione e proibisce tutti i partiti.

 

     9 nov 1938       In Germania, "notte dei cristalli" (tra il 9 e il 10), pogrom contro gli ebrei organizzato da Goeb­bels.

 

24 nov 1938      Prima trasmissione del Programma Polacco della Radio Vaticana.

 

25 nov 1938      Pio XI è colpito da un grave attacco di asma cardiaca. (Att.SS., 1939, pag. 7).

 

 1 dic 1938        Inizio del periodo di copertura della pubblicazione "L'Attività della Santa Sede", che riporta in ordine cronologico quanto è avvenuto in Vaticano, incluse di­verse vicende e attività della Radio Vaticana. E' un’i­niziativa di Mons. Giovanni Battista Montini, Sostitu­to della Segreteria di Stato, in risposta alle richie­ste del Corpo Diplomatico accreditato presso la Santa Sede.

 

________________________________________________________________________________

 

1939

________________________________________________________________________________

 

 

 9 feb 1939        Discorso preparato da Pio XI per l'Episcopato italiano, che doveva riunirsi a Roma nel decennale della Conci­liazione. Il testo, mai pronunciato perché è intervenu­ta la morte del Papa, sarà reso pubblico da Giovanni XXIII il 6 febbraio 1959.

                         "Voi sapete, carissimi e venerabili fratelli, come spesso è trattata la parola del Papa. Ci si occupa, e non soltanto in Italia, delle nostre allocuzioni, del­le nostre udienze, il più spesso per alterarle in fal­so senso ed anche, inventando di sana pianta, farci dire delle vere ed incredibili sciocchezze ed assurdi­tà. C'è una stampa che può tutto dire contro di noi e contro le cose nostre, anche ricordando e interpretan­do in falso e perverso senso la storia vicina e lonta­na della Chiesa, fino alla pertinace negazione di ogni persecuzione in Germania, negazione accompagnata alla falsa e calunniosa accusa di politica, come la persecu­zione di Nerone si accompagnava all'accusa dell'incen­dio di Roma: fino a vere e proprie irriverenze; e si lascia dire, mentre la nostra stampa non può neanche contraddire e correggere”. (DMC di Giovanni XXIII, 1, 889).

 

10 feb 1939       Alle 6,30 la Radio Vaticana annuncia la morte di Pio XI, suo fondatore, avvenuta alle 5,31 dello stesso giorno. L’annuncio dai microfoni della Radio Vaticana viene dato da P. Soccorsi. (Giu 09).

 

11 feb 1939       Durante i Novendiali (le 9 Messe celebrate in suffragio per il Papa) la Radio Vaticana prepara gli impianti audio di San Pietro e di Piazza San Pietro: assieme all’EIAR (la Radio italiana) via cavo, si preparano i collegamenti per le fumate e l’elezione. (Giu 09).

 

20 feb 1939       Durante questo periodo di "sede vacante" è costituito l'Ufficio Informazioni de L'Osservatore Romano cui è affidato il compito di trasmettere informazioni ai giornalisti ammessi (prima forma di una specie di "Sa­la Stampa" del Vaticano). Questo ufficio assisteva i giornalisti italiani ed esteri interessati alle noti­zie riguardanti il Vaticano. Per quasi trent'anni l'Uf­ficio pubblicò un bollettino quotidiano e accreditò i giornalisti in Vaticano finché le sue funzioni non fu­rono assorbite dalla Sala Stampa.

 

 1 mar 1939      Inizio del Conclave per l'elezione del successore di Pio XI.

                        Per la prima volta, un impiegato della Radio Vatica­na è rinchiuso come "conclavista" all'interno del re­cinto della riservatissima assemblea, per far fronte agli eventuali problemi di natura elettronica che si possano presentare in essa. Per questo compito è desi­gnato il Tecnico Radiotelegrafista Sig. Mario Mornese. Tra i suoi compiti, quello di, una volta fatta l'ele­zione papale, attivare i microfoni sigillati tramite i quali il Cardinale Protodiacono farà l'annuncio dell'e­lezione, e il nuovo Pontefice saluterà e benedirà la folla.

 

 2 mar 1939      Alle 13,00, prima fumata "nera".

 

2 mar 1939       Prima trasmissione del Programma Ungherese della Radio Vaticana.

 

 3 mar 1939      Alla mattina, seconda fumata "nera".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fine del Pontificato di Pio XI

Fondatore e Primo Papa delle Radio Vaticana.

Pontificato durato 17 anni e 4 giorni.

                                                




<<   Sommario   >>


Chi siamo Palinsesti Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá