HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  


CRONISTORIA DOCUMENTATA E CONTESTUALIZZATA DELLA RADIO VATICANA
 
<<   Sommario   >>

Radio Vaticana - 80&deg; anniversario

A cura di Félix Juan Cabasés S.I.

CRONISTORIA

DOCUMENTATA E CONTESTUALIZZATA
DELLA RADIO VATICANA

I primi ottanta anni dell’Emittente Pontificia



Pontificato di Paolo VI
Quarto Papa della Radio Vaticana.
21 giu 1963 - 6 ago 1978

 

Nota: I riferimenti bibliografici relativi agli interventi papali verranno fatti nei riguardi della collezione Acta Apostolicae Se­dis, unico organo ufficiale della Santa Sede e strumento per la pro­mulgazione delle sue disposizioni a carattere normativo, pubblicata in fascicoli mensili che si raggruppano in volumi (uno per ogni an­no a partire dal 1909). Abbreviazione: AAS. Per altri testi di que­sto Pontificato, ci serviremo preferenzialmente dell'opera: Insegna­menti di Paolo VI. (Città del Vaticano. Tipografia Poliglotta Vatica­na. 1965-1979). 16 vol. Abbreviazione: IP6º. Per questi testi e per l’attività della Santa Sede ci siamo serviti pure della collezione de L’Osservatore Romano, e dei volumi Attività della Santa Sede, iniziativa proprio di Paolo Vi quando era Mons. Giovanni Battista Montini nel 1939. Abbreviazione: Att.SS.

 

 

______________________________________________________________________________________________

 

1963

______________________________________________________________________________________________

 

21 giu 1963       Alle 11,22 i microfoni della Radio Vaticana annunciano che la fumata è bianca. Alle 12,05 si apre la Loggia della Basilica e alle 12,12 appare il Cardinale Proto­diacono Alfredo Ottaviani che realizza l'annuncio at­traverso gli altoparlanti. In collegamento con la Piaz­za di San Pietro, la Radio del Papa trasmette al mondo l'annuncio dell’elezione a Papa del Cardinale Giovanni Battista Montini, che assume il nome di Paolo VI. Sarà incoronato il successivo 30 giugno.

In questa occasione dell'elezione e incoronazione la Radio Vaticana deve prestare assistenza tecnica a 27 enti radiofonici, per i quali installa cabine per  postazioni di radiocronaca braccio di Carlomagno.

 

21 giu 1963       Nomina a Segretario di Stato e a Presidente della Ponti­ficia Commissione per lo Stato della Città del Vatica­no del Cardinale Amleto Cicognani.

 

23 giu 1963       Il Presidente statunitense Kennedy visita la Germania e si affaccia al muro di Berlino.

 

27 giu 1963       A 6 giorni della sua elezione, Paolo VI visita la Dire­zione e gli Uffici centrali della Radio Vaticana pres­so la Palazzina Leone XIII. In questa occasione dice: "Mi è parso dovere, in queste visite al Vaticano, dare la precedenza alla Radio Vaticana, per un sentimento di riconoscenza". E più avanti dice: "... oggi quanti sono addetti alla Radio Vaticana ... possono essere considerati come lo strumento più adeguato ed anche più vicino alle esigenze del ministero apostolico". (IP6º I 673-674).

 

29 giu 1963       Discorso di Paolo VI ai giornalisti della stampa estera e italiana, dopo i "servizi" da essa diffusi per la mor­te de Giovanni XXIII e per il Conclave. Il Papa affron­ta il tema delle relazioni, esistenti o possibili, fra il suo ministero apostolico e l'ufficio dei giornali­sti. “... l’ansia dell’evangelizzazione universale... ci fa considerare con immenso rispetto, con immensa ammirazione la capacità, di cui voi siete tanto ricchi, di diffondere la notizia, la parola, in pensiero, la verità”. Parla pure del potere della stampa e della spro­porzione tra la stampa cattolica e quella profana. (AAS 55,1963, 675-678; IP6º 1, 43).

 

30 giu 1963       Solenne incoronazione di Paolo VI. Sarà l'ultima cerimonia di incoronazione, sostituita nel futuro da Messe di inaugurazione del ministero di Supremo Pastore.

 

           6 lug 1963       A Mosca, l'Unione Sovietica e la Cina tentano di su­perare le loro differenze ideologiche, senza riu­scirci.

 

           25 lug 1963     A Mosca, accordo per un trattato sulla soppressione dei test nucleari firmato dall'Unione Sovietica, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna.

 

28 ago 1963      A Washington marcia di più di 200.000 persone in favore dei diritti civili e della libertà dei neri.

 

16 set 1963       Fondazione della Malaysia, malgrado l'opposizione dell'Indonesia.

 

22 set 1963       Discorso di Paolo VI ai giornalisti dell'Unione Cattolica Stampa Italiana, reduci dal Convegno di Bolsena. Il Papa auspica, "non una uniformità di parola, ma una più sostanziale e spontanea conformità di giudizio, che concorrerebbe a dar maggior credito alla Stampa cattolica e a conferirle maggior incidenza sulla pub­blica opinione.

                        "Vorremmo infine la sua voce sempre più squillante di timbro cristiano. Già lo è, ed è sua gloria, sua ca­ratteristica, sua ragion d'essere; e così sempre limpi­da e schietta rimanga! Né deve per questo un giornale limitarsi a dare notizie e commenti d'indole religio­sa, né deve accentuare artificiosamente il suo caratte­re confessionale ed apologetico, a scapito della sua primaria funzione informativa; ma sempre esso dovrà pe­netrare di saggezza cristiana ogni sua parola, e sem­pre mirare all'effetto che il lettore deve dedurre dal­la lettura del suo giornale. ... Non di rado, i giorna­listi d’altre e non sane idee sono, sotto questo aspet­to, a vantaggio delle loro tesi più avveduti e combat­tivi di noi. Non indarno il giornalista è maestro e guida del suo lettore: ricordatelo”. (IP6º X XXX).

 

29 set – 4 dic1963  Secondo periodo del Vaticano II. Alla sua fine saranno promulgati la Costituzione sulla Sacra Liturgia e il Decreto sugli strumenti della Comunicazione Sociale. La Radio Vaticana é impegnata da una parte nei suoi compiti istituzionali di amplificazione sonora e regi­strazione delle assemblee conciliari, e dall'altra par­te nella copertura informativa del periodo conciliare.

 

 1 ott 1963        Discorso di Paolo VI ai giornalisti accreditati presso il Concilio Ecumenico Vaticano II. Il Papa commenta la difficoltà di informare su un'Assemblea che "rassomi­glia sotto alcuni aspetti alle manifestazioni colletti­ve umane, quando in realtà è assai diversa". Il Papa manifesta comprensione con la responsabilità del me­stiere giornalistico, "l'informazione attiva da fonti sicure, il commento fedele, la presentazione oggetti­va, la riflessione equilibrata, in spazi di tempo so­vente assai brevi e in condizioni di lavoro talora dif­ficili". (AAS 55, 1963, 864-866).

 

             1 ott 1963      La Nigeria diventa repubblica in seno al Commonwealth.

 

  3 ott 1963       In Cecoslovacchia è rilasciato l'Arcivescovo di Praga, Josef Beran, agli arresti domiciliari dal 1951.

 

             15 ott 1963    In Germania Federale, dimissioni del cancelliere Adenauer. Gli succede Ludwig Erhard.

 

             18 ott 1963    In Gran Bretagna, il Primo Ministro Harold MacMil­lan presenta le sue dimmissioni. Sarà sostituito da lord Home.

 

            1 nov 1963     Colpo di Stato in  Vietnam del Sud. Il Presidente Ngo Dinh Diem e suo fratello sono uccisi.

 

 2 nov 1963       Il Sostituto della Segreteria di Stato, Mons. Angelo del­l'Acqua, scrive al Direttore della Stazione Radio Vati­cana: "Rinnovo la preghiera di conoscere - prima che venga diffuso dalla Radio Vaticana - ogni commento che abbia un aspetto politico o che possa avere una inter­pretazione politica. A tal fine voglia dare chiare e precise disposizioni". (Lettera della Segreteria di Stato. N. 9791).

 

11 nov 1963      In Italia, primo governo di centro-sinistra, diretto da Moro e Nenni.

 

22 nov 1963      Assassinio del Presidente statunitense John F. Kennedy. Gli subentra il Vicepresidente Lyndon B. Johnson.

 

 1 dic 1963        Omelia di Paolo VI nella Messa per i partecipanti al Symposium dell'Unione Internazionale della Stampa Cattoli­ca. Il Papa dice tra l'altro:

"Alzate la testa, guardate in alto. ... la vostra professione vi costringe di preferenza ad osservare le cose sotto l'aspetto terrestre e profano: vale a dire, ad abbassare la testa, per mantenerla al livello a cui si svolgono gli eventi di cui voi dovete dare notizia. Ma qui appunto si nasconde un pericolo insidioso, contro il quale occorre premunirsi...". (IP6º 1, 355).

 

 4 dic 1963        Promulgazione conciliare sulla liturgia "Sacrosanctum Concilium". Insieme con il Decreto "Inter mirifica” su­gli strumenti della Comunicazione sociale, è il primo documento approvato e promulgato dal Vaticano II. Nel suo num. 20 dice: “Le trasmissioni radio e televisive di funzioni sacre, specie se si tratta della santa Messa, si fac­ciano con discrezione e decoro, sotto la direzione e la garanzia di persona competente, designata a tale uf­ficio dai vescovi. “ (AAS 56, 1964, 97 ss.).

 

 4 dic 1963        Promulgazione del Decreto conciliare "Inter Mirifica" su­ gli strumenti della comunicazione sociale. Insieme con la costituzione sulla liturgia, è il primo documento conciliare arrivato in porto.(AAS v.56, 1964, 145­-157).

 

10 dic 1963       Udienza di Paolo VI ai partecipanti della "Commissione del Piano" della Union Internationale des Télécommuni­cations (UIT). Nel suo discorso, il Papa ricorda l'in­augurazione della Radio Vaticana e la permanente parte­cipazione dello Stato della Città del Vaticano ai lavo­ri dell'UIT. (IP6º I 393-395).

 

10 dic 1963        Zanzibar diventa indipendente.

 

12 dic 1963        Kenya diventa indipendente.

 

31 dic 1963       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

Agenzie di notizie collegate: 3: AFP, ANSA, AGI..

Trasmettitori in esercizio: 7. (2 di OM, 5 di OC)

Ore di produzione giornaliera media: 14.

Programmi trasmessi ogni settimana: 368.

Reti in esercizio: 1.

Bilancio consuntivo annuale: 423.000.000 di lit., pari a 5.810.000.000 di lire del 1993.

I Programmi settimanali sono così divisi: 231 diretti a 28 diversi paesi europei; 47 diretti all'Africa; 42 diretti all'America, 22 diretti all'Asia; ci sono in­oltre altri 12 programmi di carattere generale; con­certi, rosario...

 

____________________________________________________________________________________________

 

1964

______________________________________________________________________________________________

 

 

                  1964         Gli Stati Uniti lanciano il satellite "SYNCOM III", che permettera la trasmissione televisiva in diretta sugli Stati Uniti dei Giochi Olimpici di Tokyo del 1964.

 

       1964          Fondazione a Roma dell'Agenzia "Inter Press Service" (IPS), concepita all'inizio come ponte tra l'America Latina e l'Europa, che poi estenderà il suo ambito di interesse a tutto il "Terzo Mondo".

 

                  1964        In Gran Bretagna, governo laburista presieduto da Harold Wilson.

 

                  1964        Esplosione della prima bomba atomica cinese.

 

                  1964        Elezione a Presidente degli Stati Uniti di Lyndon B. Johnson, in carica dall'assassinio del Presi­dente Kennedy il 22 nov 1963.

 

 4-7  gen 1964   Paolo VI in Terra Santa: per la prima volta redattori e tecnici  della Radio  Vaticana  al  seguito  di  un Papa che inaugura l'epoca dei viaggi apostolici pontifici fuori dall'Italia. (Dal 1812, anno in cui Pio VII era stato  portato da Napoleone all'esilio coatto di Fontaine­bleau, nessun Papa era uscito dall'Italia). Paolo VI farà 9 viaggi extraitaliani, preannunciando la ancor più lunga serie del suo successore Giovanni Paolo II.

                        In questo 1º viaggio extraitaliano di Paolo VI, che ha una durata di 3 giorni, il Papa visita 15 località (Amann, Betania, Gerusalemme, Bireh, Ta Anach, Meghid­do, Nazareth, Cana, Tabgha, Lago di Tiberiade, Cafar­nao, Monte delle Beatitudini, Monte Tabor, Betlemme), appartenenti a 2 Paesi (Giordania, Israele).

                        Le immagini sono prodotte e trasmesse dalla RAI.

 

27 gen 1964      Francia annuncia che ha raggiunto un accordo per stabilire rapporti diplomatici con la Cina Popola­re.

 

18 feb 1964       Entrano in vigore alcune delle riforme liturgiche del Va­ticano II.

 

25 feb 1964       Discorso di Paolo VI ai dirigenti della RAI-TV italiana ed ai tecnici e maestranze che avevano svolto i servi­zi televisivi del pellegrinaggio del Papa in Terra San­ta. Il Papa dice tra l'altro:

                        "Voi comprenderete quale forza travolgente sia la vo­stra nel mondo della cultura, dell'educazione, dell'o­pinione pubblica, del pensiero, della moda, dell'orien­tamento delle anime. Voi assurgete a maestri della vi­ta. ... voi comprenderete anche quale interesse massi­mo noi stessi tributiamo alla funzione decisiva che, per forza di cose, voi venite svolgendo. Comprenderete la nostra ammirazione, ch'è grandissima; e poi la no­stra trepidazione, che è paterna, e, alle volte, la no­stra delusione, e -non vorremmo mai arrivarvi- la no­stra deplorazione" (IP6º, 1964, pp. 137-141).

 

               6 mar 1964    In Grecia, morte di Re Paolo. Gli subentra il fi­glio Costantino.

 

               1 apr 1964     In Brasile, deposizione del Presidente Joao Goulart. L'11 successivo sarà sostituito dal genera­le Humberto Castelo Branco.

 

 2 apr 1964       Paolo VI con il Motu Proprio "In fructibus multis" dà un nuovo nome e nuove competenze al "Pontificio Consiglio preposto agli strumenti della comunicazione sociale" (Pontificium Consilium instrumentis communicationis socialis praepositum). Con questo Motu Proprio, Paolo VI esaudiva il voto dei Padri Conciliari. (Cfr. Inter mirifica, n. 19). (AAS v.56, 1964, 289-292).

                        A capo del dicastero rimangono i responsabili della precedente "Pontificia Commissione per la Cinematogra­fia", Mons. Martin J. O'Connor, come Presidente, e Mons. Agostino Ferrari Toniolo in qualità di Pro Presi­dente.

 

17 apr 1964       Discorso di Paolo VI ai congressisti del Seminario delle Nazioni Unite sulla libertà dell'informazione. Il Papa parla del diritto attivo e passivo all'informazione, dell'importanza dell'informatore, del dovere di ogget­tività e dei limiti dell'informazione. Il Papa dice tra altre cose: L’informazione è adesso riconosciuta unanimemente come un diritto “universale, inviolabile e inalienabile dell’uomo moderno. Essa risponde ad una profonda necessità della sua natura sociale; secondo l’espressione del nostro venerato predecessore Giovanni XXIII nella sua enciclica Pacem in terris, tanto giustamente celebrata, “ogni essere umano ha diritto ad un’informazione obiettiva”. (AAS 56, 1964, 387-389).

 

21 apr 1964       Inaugurazione del 2º canale della BBC-TV.

 

26 apr 1964       Tanganica e Zanzibar si uniscono in una federazione che nel futuro, dal 29 ott 1964, si chiamerà Tan­zania.

 

 2 mag 1964      Discorso ad un pellegrinaggio delle Diocesi del Piemonte promosso dal quotidiano "L'Italia". Il Papa parla del­l'importanza del giornale cattolico, del suo dovere di informare obiettivamente e della funzione di educare i suoi lettori. “bisognerà ricordare che esso deve obbedire anche ad un’altra sua legge fondamentale, quella di educare il lettore a ben valutare i fatti di cui il giornale presenta le notizie; il giornale cattolico deve non solo informare, ma formare il lettore, dev’essere stimolatore di quella sana mentalità che classifica i fatti secondo principi superiori e che, in un senso o in un altro, li idealizza, li rende fermento di pensiero in chi, mediante il giornale, viene a conoscerli. (IP6º II (1964) 305-306).

 

 7 mag 1964      Discorso di Paolo VI dopo la celebrazione della Messa de­gli artisti nella Cappella Sistina. (AAS 56, 1964, 438 ss.).

 

27 mag 1964     In India, morte del Primo Ministro Jawaharlal Nehru. Il 2 giugno successivo gli subentra Bahadur Shastri.

 

            6 lug 1964      Il protettorato britannico di Nyasaland diventa lo Stato indipendente di Malawi.

 

24 lug 1964       Iniziano le riunioni per stabilire accordi sulla proprietà e la gestione di un sistema internazionale di satel­liti per le comunicazioni. Vi partecipa il P. Stefanizi per l’OSCV. Il 20 agosto successivo, con la firma degli accordi, ha luogo la fondazione dell’Organizzazione Commerciale Mondiale delle Telecomunicazioni per satellite INTELSAT.

 

 6 ago 1964       Pablo VI pubblica la sua prima enciclica "Ecclesiam su­am". La Terza Parte dell’Enciclica costituisce un piccolo trattato sul dialogo nella Chiesa.  Dice tra l’altro: "La Chiesa deve venire a dialogo col mondo in cui si trova a vivere. La Chiesa si fa parola; la Chiesa si fa messaggio; la Chiesa si fa colloquio. (AAS 56, 1964, 609 ss.).

 

13 ago 1964      Il regolamento per le riprese audiovisive delle cerimo­nie e dei luoghi direttamente dipendenti dalla Santa Sede, specifica i compiti, le esenzioni e l'esclusiva della Radio Vaticana nella ripresa radiofonica.

 

20 ago 1964      Fondazione dell'Organizzazione Internazionale di Telecomunicazioni per Satellite INTELSAT. Lo Stato della Cit­tà del Vaticano è uno degli 11 Stati fondatori. Oggi ne fanno parte 109 Stati.

 

             6 set 1964     In Cile Eduardo Frei, democristiano, è eletto Presi­dente.

 

14 set-21 nov 1964    Terzo periodo del Vaticano II. Alla sua fine saranno promulgati  la Costituzione dogmatica sulla Chiesa e i Decreti sull'Ecumenismo e sulle Chiese Orientali. Come nei periodi anteriori, la Radio Vaticana é impegnata da una parte nei suoi compiti istituzionali di amplificazione sonora e registrazione delle assemblee conciliari, e dall'altra parte nella copertura informativa del periodo conciliare.

 

22 set 1964       Malta diventa indipendente.

 

26 set 1964       Pubblicazione dell'istruzione della Congregazione dei Ri­ti per l'esecuzione della Costituzione conciliare sul­la Sacra Liturgia "Sacrosanctum Concilium". In essa si legge:

                        “ -... Si faccia in modo che i fedeli, non solo pos­sano vedere il celebrante e gli altri ministri, ma li possano anche bene sentire, mediante le moderne appa­recchiature tecniche. (AAS 56, 1964, 877 ss.).

 

27 set 1964       Negli Stati Uniti, pubblicazione del rapporto War­ren, secondo il quale Lee Harvey Oswald agì da solo per l'assassinio del Presidente Kennedy.

 

28 set 1964       Discorso di Paolo Vi ai partecipanti alla prima Riunione Plenaria della Pontificia Commissione per le Comunica­zioni Sociali. Il Papa dice tra l'altro.

                        "... la vostra attività può e deve rivendicare una superiorità sua propria, che appunto le deriva dalla Sapienza, di cui qui, vicino alla Cattedra di San Pie­tro, è alunna, e di cui vuol essere voce viva, fedele, moderna. L'azione vostra, mentre rinuncia a competere sul piano strumentale delle comunicazioni sociali, si afferma in posizione di vantaggio sul piano ideale e spirituale, sia perché possiede un tesoro di verità di­vina e umana, che nessuno le può contendere e che tut­ti devono almeno considerare come estremamente impor­tante; e sia perché di tale tesoro voi vi servite per servire... (AAS 56, 1964, 939 ss.).

 

   ott 1964         Prima Riunione della Commissione Programmi Radio dell'U­nione Europea di Radiodiffusione (UER). Rappresenta la Radio Vaticana P. Francesco Pellegrino.

 

10 ott 1964        Apertura a Tokyo dei XVIII.mi Giochi Olimpici.

 

15 ott 1964        Nell'Unione Sovietica Nikita Krusciov è obbligato a dimettersi dalle cariche di Segretario del Parti­to e Primo Ministro. E' sostituito da Kossighin come primo ministro e da Breshnev come segretario del partito.

 

15 ott 1964        In Gran Bretagna, vittoria laburista nelle elezio­ni. Harold Wilson sostituisce Alec Douglas Home come Primo Ministro.

 

16 ott 1964        La Cina comunista realizza il suo primo esperimento nucleare nel deserto di Takla Makan.

 

24 ott 1964        La Rhodesia del Nord diventa la Repubblica indipen­dente di Zambia, con Kenneth Kaunda come primo Presidente.

 

 8 nov 1964       Messaggio di Paolo VI ai radioascoltatori di Europa e di altri continenti, in occasione della II Settimana Mon­diale della Radio. Il Papa dice tra l'altro:

                        "[la Radio] in fondo altro non è che un imprevisto e felice incontro dell'ingegno umano con le leggi e le forze della natura, cioè di quell'universo ch'è opera di Dio creatore; è la scoperta d'un pensiero divino nelle cose create; è un dialogo nuovo che l'uomo prose­gue col cosmo che risponde misteriosamente e meravi­gliosamente.

                           "Per noi, cultores Verbi, cultori della Parola, ado­ratori del Verbo di Dio fatto uomo, è facile riscontra­re nella Radio un fatto sublime, proprio perché essa si allinea nell'ordine della parola che si fa linguag­gio umano universale... (AAS 56, 1964, 1020; IP6º II (1964) 982).

 

           3 nov 1964      Negli Stati Uniti, Lyndon Johnson vince le elezioni presidenziali.

 

21 nov 1964      Approvazione e promulgazione di tre documenti del Vaticano II: la Costituzione dogmatica sulla Chiesa "Lumen gentium", il Decreto conciliare sulle Chiese Orientali Cattoliche "Orientalium ecclesiarum"; e il decreto con­ciliare sull'ecumenismo "Unitatis redintegratio". (AAS 57, 1965, 5 ss.).

 

 2-5dic 1964      2º Viaggio extraitaliano di Paolo VI: Beiruth, India.

In questo 2º viaggio extraitaliano di Paolo VI, che ha una durata di 4 giorni, il Papa visita 2 località (Beirut, Bombay), appartenenti a 2 Paesi (Libano, In­dia).

 

 6 dic 1964        In Italia, il Presidente Antonio Segni, colpito da ictus cerebrale, rassegna le dimissioni.

 

21 dic 1964        In Gran Bretagna, abolizione della pena di morte.

 

28 dic 1964        In Italia, elezione a Presidente della Repubblica di Giuseppe Saragat, socialdemocratico.

 

31 dic 1964       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate: 3: AFP, ANSA, AGI.

                        Trasmettitori in esercizio: 7. (2 di OM, 5 di OC).

                                   Lingue regolarmente adoperate: 30.

                        Reti in esercizio: 1.

                        Bilancio consuntivo annuale: 473.000.000 lit. pari a 6.133.000.000 lire del 1993.

                        Nota interessante: da più di un anno i programmi inviati verso l'Europa centro-orientale non vengono più disturbati.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1965

______________________________________________________________________________________________

 

 

       1965          A Montreux (Francia) Conferenza di Plenipotenziari per il centenario dell’Unione Internazionale Telegrafica (poi fusa nel 1932 con la Convenzione Radiotelegrafica, dando origine all’Unione Internazionale delle telecomunicazioni UIT). Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

       1965          Nel 1965 è rimodernato il trasmettitore Marconi di Onda Corta di 50 kW. sostituendo le sue valvole e raddop­piando quasi la sua potenza.

 

       1965          A Santa Maria di Galeria entra in funzione il nuovo tra­smettitore RCA di Onda Corta e 100 kW., che si aggiun­ge agli altri tre della stessa potenza già esistenti.

 

       1965          L'Amministrazione delle Poste e Telecomunicazioni dello Stato della Città del Vaticano diventa membro della Conferenza Europea delle Poste e Telecomunicazioni (CEPT). La Radio Vaticana partecipa alle riunioni del Gruppo di lavoro "Radiocomunicazioni".

 

       1965          Firma di un accordo tripartito tra la ITT Worlds Commu­nications Inc., l’Italcable e lo Stato della Città del Vaticano per l'uso da parte del Vaticano di un canale telegrafico via cavo sottomarino per comunicare telegraficamente a 50 baud con New York.

 

       1965          Presentazione pubblica dei sistemi di televisione a colori SECAM (francese, di Henri de France) e PAL (tedesco, di Walter Bruch).

 

       1965          Applicazione agli elaboratori elettronici dei "cir­cuiti integrati", formati da "transistori" miniatu­rizzati in "chip" di silicio, tecnica sviluppata per i lanci spaziali.

 

       1965          Atterraggio sulla Luna della sonda sovietica "LUNIK 9", primo contatto Terra-Luna.

 

       1965          La società giapponese Sony presenta il primo video­ registratore domestico.

 

       1965          Nel Congo ex belga, il colonnello Mobutu realizza un colpo di Stato e depone il Presidente Kasavu­bu.

 

18 gen 1965      Colloquio di Paolo VI coi giornalisti dell'Unione Cattolica Stampa Italiana. Il Papa nota che, in genere, la cosiddetta grande stampa di informazione ha dimostrato un certo abbassamento di tono circa i lavori della Ter­za Sessione, dedicandosi, più che a porre in risalto le grandi luci dei dibattiti e delle conclusioni, a di­vulgare alcuni aspetti secondari, talvolta con notizie di fatti completamente fantastici e in nessun modo ri­spondenti a realtà. (IP6º 3, 1162).

 

21 gen 1965      L’Indonesia abbandona le Nazioni Unite.

 

24 gen 1965      A Londra morte del politico conservatore britannico Sir Winston Churchill.

 

10 feb 1965       Discorso di Paolo VI all'assemblea generale dell'UNDA (Roma, 8-11 febbraio) sul tema: "La radio-télévision, conscience d'un monde en devenir".  Il Papa dice tra l’altro:

"Reputiamo che, tanto la radio quanto la televisio­ne, devono dare spazio ad ottimi programmi religiosi, rispondenti ai bisogni spirituali degli ascoltatori e degli spettatori. Inoltre, grande sarà il vantaggio del pubblico se questi grandi mezzi di diffusione sa­ranno in mano a persone, sufficientemente formate, e capaci di far passare, attraverso i programmi, le ri­cchezze della cultura e della vita cristiana, da esse prima assimilate; e di informare sugli avvenimenti con giudizi ispirati al Vangelo. (AAS 57, 1965), 312).

 

17 feb 1965       Gambia diventa indipendente in seno al Common­wealth. Dawda K. Jaware è primo Ministro.

 

20 feb 1965       La sonda spaziale statunitense Ranger 8 invia alla Terra 7.000 fotografie della Luna prima di schian­tarsi nel punto previsto, nel mare della Tranquil­lità.

 

23 feb 1965       Lettera di Paolo VI al direttore del quotidiano "La Croix" in occasione del 25.000 numero del giornale. Il Papa scrive tra l’altro.

                        "[La Croix] ne leur rend pas [aux catholiques] un moindre service en les aidant à porter jour après jour sur les faits profanes un jugement chrétien: car il faut nécessairement aujourd'hui que chacun se forme une pensée sur les événements et la marche du monde, et -nous le disions naguère- "il n'est pas possible que cette pensée reste conforme aux principes chrétiens sans l'aliment, la suggestion, le stimulant du journal catholique". (L'Osservatore Romano. 24 febbra­io 1965).

 

24 feb 1965       L'ambasciata statunitense a Saigon dichiara che dei bombardieri pilotati da statunitensi sono stati inviati ad attaccare i Viet Cong in Vietnam del Sud.

 

 7 mar 1965      Pablo VI celebra per la prima volta la Messa in italiano in una parrocchia romana.

 

            7 mar 1965     In Cile il Partito Democratico Cristiano ottiene la maggioranza assoluta nella Camera del Deputati.

 

            18 mar 1965   Prima passeggiata "spaziale" di un astronauta fuori dalla capsula. Ne è protagonista il sovietico Aleksei A. Leonov.

 

22 mar 1965      Francia e Unione Sovietica firmano a Parigi un ac­cordo di cooperazione per lo sviluppo del sistema francese di televisione a colori SECAM.

 

 6 apr 1965       Lancio da parte degli Stati Uniti del satellite "Early Bird" (uccello dell'alba), primo satellite INTELSAT, organizzazione di cui lo stato della Città del Vati­cano è membro fondatore, sistemandolo in orbita geo­stazionaria, equatoriale e sincrona sull'Atlantico, a 35.780 km. di altezza sulla superficie terrestre. Dotato di 240 circuiti telefonici. Entrerà in esercizio il 28 giugno 1965.

 

 9 apr 1965        Scontri armati tra indiani e pakistani nel Gugerat. Iniziano delle ostilità che si prolungheranno fi­no al 25 feb 1966.

 

23 apr 1965       L'Unione Sovietica lancia il suo primo satellite per te­lecomunicazioni, il Molniya 1.

 

24 apr 1965       Il Presidente indonesiano Sukarno decreta la nazionalizzazione di tutte le imprese di proprietà straniera in Indonesia.

 

25 apr 1965       Nella Repubblica Dominicana, ribelli militari rovesciano il triumvirato civile retto da J. Donald Reid Cabral. La vertenza provocherà una guerra civile che durerà fino al 23 di giugno.

 

30 apr 1965       Discorso di Paolo VI ai partecipanti, di venti paesi, del XV Congresso Internazionale della Stampa Periodica. Il Papa dice tra l'altro:

                        "... voi siete la manifestazione eloquente del biso­gno primario dell'uomo, da questi giustamente rivendi­cato contro ogni totalitarismo: il bisogno di pensare liberamente e di liberamente esprimersi. Ecco, senza ombra di dubbio, una delle più preziose conquiste del tempo moderno, di cui la Chiesa è la prima a rallegrar­si con voi, augurandosi ancora con voi che siffatta li­bertà di opinione e libertà di stampa -diciamo liber­tà, non licenza- non restino vanamente proclamate, co­me ancor oggi avviene, nel frontespizio di certe costi­tuzioni, ma siano veramente diritti imprescrittibili, di cui a tutti, a qualsiasi paese appartengano, sia le­cito usare secondo ragione".

Il Papa parla pure della responsabilità che accompa­gna questa libertà, e delle esigenze professionali che spesso condizionano pesantemente i giornalisti: gusto del pubblico, risorse pubblicitarie, condizionamento economico... (AAS 57, 1965, 507 ss.).

 

 3 mag 1965      Paolo VI, tramite il satellite "Early Bird", trasmette un messaggio televisivo agli Statunitensi. E' un’anti­cipazione, in quanto il satellite entrerà in esercizio soltanto il successivo 28 giugno.

 

 7 mag 1965      Lettera di Paolo VI al Presidente dell'Unione Internazionale della Stampa Cattolica, in occasione del VII Con­gresso della stessa sul tema: "Verità nella ricerca della libertà". (New York, 12-22 maggio). Il Papa dice tra l'altro:

                        "Al servizio della verità, una stampa libera aiuta i propri lettori a meglio conoscere, per meglio compren­dere, meglio agire. Contribuisce ad illumina­re e ad istruire gli uomini in un clima di carità, ad inserirli nella comunità umana, dove le solidarietà umane si radicano in una partecipazione vissuta alla grande famiglia dei figli di Dio. Di qui l'importanza dell'oggettività, con la quale i giornalisti cattolici informano i loro lettori sugli avvenimenti che segnano la vita del mondo. Infatti il giornale -lo si acquisti per necessità per interesse o per curiosità- giudicato nella sua qualità di strumento d'informazione, diffonde giorno dopo giorno tutta una concezione della vita, u­na gerarchia di valori e di fini, una visione del mon­do". (AAS 57, 1965, 579 ss.).

 

 7 mag 1965      In Rhodesia del Nord schiacciante vittoria elettorale del "Rhodesian Front", partito del primo mini­stro Ian Smith.

 

14 mag 1965     La Cina Popolare fa esplodere una seconda bomba ato­mica.

 

22 mag 1965     Elezione di P. Pedro Arrupe a Preposito Generale della Compagnia di Gesù: ad essa è affidata la direzione della Radio Vaticana.

 

23 mag 1965     In Austria, elezione a Presidente del socialista Franz Jonas.

 

12 giu 1965       Visita del Presidente italiano Saragat a Paolo VI.

 

28 giu 1965       Inizio dell'attività commerciale del satellite "Early Bird".

 

19 giu 1965       Colpo d Stato in Algeria. Il Presidente Ben Bella è deposto dal Vice Presidente e Ministro della Dife­sa Houari Boumedienne, che il 5 lug successivo as­sumerà la guida del Consiglio della Rivoluzione e del Paese.

 

15 lug 1965       La sonda statunitense Mariner 4 trasmette alla Ter­ra le prime fotografie ravvicinate di Marte.

 

16 lug 1965       I Presidenti francese De Gaulle e italiano Saragat inaugurano la galleria sotto il Monte Bianco.

 

26 lug 1965       Indipendenza delle Isole Maldive.

 

 9 ago 1965       Singapore si separa dalla Malaysia e diventa una città-stato.

 

16 ago 1965      La stampa Sovietica pubblica fotografie della faccia nascosta della Luna, riprese da una sonda so­vietica.

 

14 set–8 dic1965    Quarto ed ultimo periodo del Vaticano II. Alla sua fine l’8 dicembre, sono promulgati 5 documenti: Le Costitu­zioni sulla Divina Rivelazione e sulla Chiesa nel mon­do contemporaneo, i Decreti sull'ufficio pastorale dei Vescovi, sul rinnovamento della vita religiosa, sulla formazione sacerdotale, sull'Apostolato dei laici, sul­l'attività missionaria della Chiesa e sul ministero e la vita dei sacerdoti, e le Dichiarazioni sull'educa­zione cristiana, sui rapporti della Chiesa con le reli­gioni non cristiane e sulla libertà religiosa.

 

17 set 1965       La Cina intima all'India lo smantellamento di tre basi militari nella frontiera di Sikkim.

 

19 set 1965       In Germania, vittoria elettorale del cancelliere Ludwig Erhard.

 

22 set 1965       India e Pakistan accettano il cessate il fuoco proposto dall'ONU.

 

 3-4 ott 1965     3º Viaggio extraitaliano di Paolo VI: New York (Nazioni Unite).

                         In questo 3º viaggio extraitaliano di Paolo VI, che ha una durata di 2 giorni, il Papa visita 1 località (New York), appartenenti a 1 Paese (Stati Uniti), e se­de delle Nazioni Unite.

 

 4 ott 1965        Messaggio di Paolo VI distribuito ai professionisti dei mezzi di comunicazione dopo il suo discorso all'ONU. Il Papa dice tra l'altro:

                        "Dal nostro primo contatto, molti anni fa, le comuni­cazioni hanno subito notevoli progressi, rendendo così il mondo sempre più piccolo. Dietro ognuno di voi una vasta organizzazione lavora per portare a tutti le ul­time notizie. La responsabilità è in proporzione alla conoscenza, e la vostra conoscenza è molto rilevante. Voi potete guidare l'umanità alla conoscenza di molti problemi complessi ed animarla a contribuire personal­mente a risolverli". (Baragli, o.c., pag. 969).

 

15 ott 1965        Messa in servizio nel Centro trasmittente di Santa Maria di Galeria del Trasmettitore di Onda Corta RCA mod. BHF100-A., di 100 kW di potenza. Originariamente raffreddato ad aria, ne è stato modificato il finale per essere raffreddato ad acqua. Opera unicamente nella banda Onda Corta dei 7 MHz. 

 

28 ott 1965        Approvazione e promulgazione di cinque documenti del Va­ticano II: i decreti conciliari "Christus Dominus" sul­l’ufficio pastorale dei vescovi, "Perfectae caritatis" sul rinnovamento della vita religiosa e "Optatam toti­us" sulla formazione sacerdotale; e le dichiarazioni conciliari "Gravissimum educationis" sull'educazione cristiana e "Nostra aetate" sulla relazioni della Chie­sa con le religioni non cristiane. In essi si trovano diversi riferimenti all'uso dei mezzi di comunicazio­ne. (AAS 58 ,1966, 673 ss.). Cfr. Baragli, o.c., pag. 970-972).

 

11 nov 1965      Il governo di Rhodesia, presieduto da Ian Smith, proclama unilateralmente l'indipendenza dalla Gran Bretagna.

 

11 nov 1965      Sui giornali governativi e di partito della Cina Po­polare l'Unione Sovietica è accusata di collabora­re con gli Stati Uniti in una cospirazione per do­minare il mondo.

 

15 nov 1965      Radiomessaggio di Paolo VI ai cattolici dell'Olanda nel 40º anniversario della "Fondazione cattolica di Radiodiffu­sione". Ringrazia il suo contributo alla costituzione della nuova trasmittente "della nostra Radio Vatica­na". (IP6º III 1098).

 

16 nov 1965      Nell'Unione Sovietica, un articolo pubblicato sulla Pravda e le Izvestia attacca la Cina Popolare.

 

18 nov 1965      Approvazione e promulgazione di due documenti del Vatica­no II: La costituzione dogmatica "Dei verbum" sulla di­vina rivelazione e il decreto conciliare "Apostolicam actuositatem" sull'apostolato dei laici. (AAS 58, 1966, 817 ss.). Nello stesso giorno, Paolo VI pronun­cia in Aula un'allocuzione, in cui parla dei tre diffe­renti momenti spirituali suscitati dalla celebrazione del Concilio: quello dell'entusiasmo all'annuncio, quello della realizzazione in cui apparvero delle dif­ficoltà e "in alcuni settori tutto diventò discusso e discutibile", e quello in cui "ciascuno deve disporre il proprio spirito per attuare quanto i Decreti conci­liari avranno disposto". (AAS 57, 1965, 978 ss.).

 

25 nov 1965      Colpo di Stato nel Congo ex belga: Mobutu depone il Presidente Kasavubu e si autoproclama Presidente per 5 anni.

 

26 nov 1965      Discorso di Paolo VI nell'Ufficio Stampa del Concilio ai giornalisti accreditati presso il Concilio. Il Papa di­ce tra l'altro:

"Come non rimanere impressionati quando si pensi al­l'enorme mole degli sforzi che avete compiuto, ad un lavoro come è stato il vostro, e spesso in circostanze che vi obbligavano ad agire in tutta fretta, condizio­nati come siete dalle leggi odierne dell'informazione? E come non essere colpiti anche dall'importanza consi­derevole del ruolo da voi svolto in questo Secondo Con­cilio Vaticano. Se la Chiesa ha sentito -come mai nel corso della sua storia bimillenaria- milioni e milioni d'uomini interessarsi all'assise dei vescovi del mondo intero, senza alcun dubbio, cari signori, ciò è dovuto ampiamente a voi. Siatene vivamente complimentati e ringraziati di tutto cuore!".

                        Il Papa parla pure della difficoltà di capire vera­mente il Concilio: "Per poter informare, bisogna esse­re informati; per insegnare, occorre sapere; per corri­spondere pienamente al vostro così nobile compito di informatori, bisogna aver compreso. Così, dunque, per parlare della Chiesa, bisogna conoscerla e, per cono­scerla, occorre studiarla"... (AAS 57, 1965, 991 ss.).

 

 

26 nov 1965      Francia lancia dal Sahara algerino e colloca in or­bita il suo primo satellite.

 

 1 dic 1965        Discorso di Paolo VI ai giornalisti dell'Agenzia Naziona­le Stampa Associata (ANSA), nel 20º anniversario della stessa. Il Papa parla dell'enorme importanza assunta nel mondo moderno dai servizi d'informazione:

                        "Aparte il fatto che la diffusione di una notizia è come un sasso lanciato in uno specchio d'acqua sul qua­le si spandono in cerchi sempre più larghi le onde sol­levate dalla prima percussione, è da notare, primo, che il mondo moderno, in quella sua espressione indefi­nibile e formidabile ch'è l'opinione pubblica, vive di codeste onde, palpita con esse, cioè alimenta il suo pensiero del nutrimento di notizie, di commenti, di giudizi, che voi gli fornite; e, secondo, che molto, moltissimo la tonalità, la vibrazione, l'acquisizione dell'opinione pubblica dipende dal modo con cui la noti­zia giunge a lei formulata". (L'Osservatore Romano, 3 dic 1965).

 

 7 dic 1965        Paolo VI e il Patriarca ecumenico Atenagora pubblicano un documento in cui vengono ritirate le mutue scomuni­che delle relative Chiese.

 

 7 dic 1965        Nona ed ultima Sessione Pubblica del Concilio Vaticano II, in cui sono definitivamente approvati e promulgati la Dichiarazione "Dignitatis humanae" sulla libertà religiosa, il Decreto "Ad gentes" sull'attività missio­naria della Chiesa, il Decreto "Presbyterorum ordinis" sul ministero e vita sacerdotale e la Costituzione pastorale "Gaudium et spes" sulla Chiesa nel mondo contemporaneo. (AAS 58, 1966, 929 ss.).

 

 7 dic 1965        Pubblicazione del Motu Proprio di Paolo VI "Integrae servandae", che inizia la riforma della Curia Romana cam­biando il nome, la struttura e le competenze del Santo Uffizio, che d'ora in poi si chiamerà "Congregazione per la dottrina della fede". (AAS 57 , 1965, 952 ss.).

 

 8 dic 1965        Solenne conclusione del Concilio Ecumenico Vaticano II. La Radio Vaticana conclude il suo compito istituzionale di registrare tutte le Assemblee generali e tutte le Sessioni Pubbli­che dell'assise conciliare che si sono celebrate nel­la Basilica di San Pietro. Il risultato finale è rac­colto in 1524 bobine, divise in due collezioni paralle­le e identiche, ognuna formata di 762 bobine di 18 cm. di diametro, il che suppone, a velocità di 9,5 cm. al secondo, 762 ore di registrazione di altrettante 762 ore di sedute conciliari. Cfr. Aula Sancta Concilii. Testo del Dott. Ing. Francesco Vacchini. Tipografia Po­liglotta Vaticana. 1967. Città del Vaticano. Pag. 36). Oggi questa registrazione storica, curata da, allora, Mons. Pericle Felici segretario del Consiglio è custodita nell'Ar­chivio del Vaticano II, creato da Paolo VI nel settem­bre del 1966; attualmente nell'ambito del Pontificio Consiglio per l'interpretazione dei testi legislativi in piazza Pia 12

                        Come produttrice di radiodiffusione, la Radio Vatica­na ha realizzato durante il Concilio oltre 100 collega­menti con stazioni estere. Più della metà dei Padri Conciliari è passata per i suoi microfoni.

 

28 dic 1965       Il Presidente nordvietnamita Ho rivolge un messaggio a Paolo VI sulle condizioni per un assetto del Vietnam sulla base del ritiro di tutte le truppe statunitensi. Il giorno successivo, il rappresentante dell'ONU Gold­berg incontra Paolo VI in ordine al raggiungimento del­la pace in Vietnam.

 

31 dic 1965       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate: 3 ANSA, AGOI, AFP.

                        Trasmettitori in esercizio: 7. (2 di OM, 5 di OC)

                                   Reti in esercizio: 1.

                        Bilancio consuntivo annuale: 631.000.000 lit., pari a 7.841.000.000 lire del 1993.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1966

______________________________________________________________________________________________

 

 

       1966          A Santa Maria di Galeria entra in funzione il nuovo trasmettitore Brown Boveri di Onda Media e 250 kW. su 1529 kHz di potenza che, insieme con gli altri due di Onda Corta di 100 kW., sará inaugurato da Paolo VI il 30 giugno. Questo trasmettitore OM di 250 kw. potrà fun­zionare in parallelo con quello di 150 kW. già esi­stente dal 1957 per maggiore sicurezza d’esercizio.

Con ciò si intende venire incontro all’espansione dell’ascolto in Onda Media indotto dalla moltiplica­zione dei ricevitori portatili transistorizzati, la mag­giore facilità di ascolto su questa gamma d'onda e la maggiore disciplina nell'uso della stessa in Europa. Per evitare perdite, il nuovo trasmettitore e la sua antenna sono installati a 1200 metri dall’edificio cen­trale esagonale, ma dispongono di comandi automatici che permettono il suo maneggio dall'edificio centrale dell'emittente.

Il trasmettitore O.M. BB2 dal 2011 opera opera unicamente in modulazione analogica, come riserva.

Nel 2001 è stata ridotta la potenza in O.M. per rispetto dei limiti di campo elettromagnetico imposto dall’Italia.

 

       1966          Durante l'anno 1966, l'unica Rete finora esistente nella Radio Vaticana viene sdoppiata per la prima volta in due, Rossa e Verde. La Rossa, rivolta all'Europa e al bacino Mediterraneo, utilizza l'Onda media (pro­dotta dal trasmettitore Brown Boveri) e 3 on­de corte. La Verde, rivolta ai Paesi più lontani, uti­lizza 3 onde corte e, per l’ascolto in Europa l'Onda Media del Brown Boveri di 150 kW ).

 

       1966          I tecnici della Radio Vaticana hanno rinnovato interamente l’installazione di amplificazione del suo­no della Basilica di San Pietro.

                        Si abbandona la primitiva soluzione, basata su pochi altoparlanti di grande potenza, sostituendoli con nume­rosi altoparlanti piccoli (80, riuniti in 20 gruppi), per poter distribuire i livelli sonori secondo il nume­ro di fedeli presenti).

                        Questa distribuzione diminui­sce il livello sonoro generale, permettendo un ascolto più distinto e piacevole in un ambiente di difficilis­sime condizioni acustiche. Essendo la risonanza il principale nemico dell'amplificazione, in alcuni punti della Basilica si registrano fino a 50 secondi di (riso­nanza) tempo di riverbero: questo all’altezza del suolo è di in media 10 sec.

 

       1966          A Ginevra, Conferenza sulle Radiocomunicazioni Aereo nautiche (Conclusione. Cfr. 1949). Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

       1966          Negli Stati Uniti è introdotto il sistema di archi­viazione automatica su nastro video.

 

       1966          Patto internazionale sui diritti politici e civili, approvato dall'ONU.

 

                     1966     In Argentina, colpo di Stato militare. Presidente provvisorio il generale Ongania, che instaura un regime autoritario.

 

                 1 gen 1966 Nella Repubblica Centroafricana, il colonnello Jean Bedel Bokassa depone il Presidente David Dacko e assume il potere.

 

 1 gen 1966       Paolo VI fa un appello ai Capi di Stato dell'Unione So­vietica, la Cina Popolare, gli Stati Uniti e Vietnam del Nord e del Sud per la fine della guerra nel Viet­nam.

 

            4 gen 1966     Nell'Alto Volta, il colonnello Sangoule Lamizana depone il Presidente Maurice Yaméogo e assume il po­tere.

 

 8 gen 1966       Il Primate polacco Cardinale Wyszynski è impedito dal go­verno polacco di assistere in Vaticano alle celebrazio­ni del millennio della cristianità in Polonia.

 

10 gen 1966      Il Presidente pachistano Ayub Khan e il primo ministro indiano Shastri firmano un accordo di pace a Tashkent. Il giorno successivo, Shastri muore di un attacco al cuore.

 

19 gen 1966      In India, il partito del Congresso al potere sce­glie come Primo Ministro Indira Gandhi, figlia di Jawaharlal Nehru.

 

 3 feb 1966        La sonda sovietica Luna 9 fa il primo at­terraggio morbido della storia sulla Luna, e incomincia ad in­viare segnali alla Terra.

 

17 feb 1966       Francia sistema in orbita il suo secondo satellite, lanciato dalla base francese presso Hammaguir in Algeria

 

22 feb 1966       In Uganda il Primo Ministro Milton Obote assume tut­ti i poteri. Il 2 marzo successivo assumerà formalmente la presidenza del Paese.

 

24 feb 1966       In Ghana, il generale Joseph A. Ankrah depone il Presidente Kwame Nkrumah e diventa capo di un Con­siglio di Liberazione di 7 membri, che l'1 marzo successivo ordinerà l'espulsione dei tecnici e i­struttori dei paesi comunisti.

 

 1 mar 1966       La sonda spaziale sovietica Venus 3, lanciata il 16 novembre precedente, si schianta su Venere. Primo impatto di un oggetto umano su un altro pianeta.

 

12 mar 1966      In Indonesia, dopo diverse settimane di violente di­mostrazioni anticomuniste, il Presidente Sukarno è obbligato dai militari, capeggiati dal generale Suharto, a vietare il Partito Comunista Indonesia­no.

 

18 mar 1966      Discorso di Paolo VI ad un gruppo di giornalisti canadesi. "In verità i problemi di quello che oggi viene det­to "il Terzo Mondo" sono enormi, tanto che ci si sente del tutto impotenti a risolverli, e facile è la tenta­zione di scoraggiamento. Ma proprio qui, pensiamo, la vostra professione è chiamata ad assolvere un compito di capitale importanza: per opera vostra, infatti, il grande pubblico può essere messo al corrente sui veri termini in cui si pongono i problemi del Terzo Mondo; che può rendersi pienamente conto del contrasto -insie­me doloroso ed allarmante- tra il livello di vita dei paesi sviluppati e quello dei paesi in via di svilup­po, perciò anche dei doveri gravi ed urgenti dei primi riguardo ai secondi". (Baragli, o.c., pag. 998).

 

22 mar 1966      Il Presidente del Congo ex Belga, Mobutu, abolisce il Parlamento ed assume i poteri legislativi.

 

23 mar 1966      Visita a Paolo VI del Primate della Chiesa Anglicana Ar­thur Michael Ramsey. E' la prima visita ufficiale di un Primate Anglicano al Papa.

 

25 mar 1966      Paolo VI, in un discorso ai Consultori della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali, convocati a Roma per preparare l'Istruzione Pastorale prevista dal Decreto conciliare "Inter mirifica", [la futura "Commu­nio et progressio"], espone il rapporto tra ambedue i documenti:

                          "Era ovvio che il Concilio non potesse scendere a tutti i particolari dei principi generali riguardanti le tecniche audiovisive... Suo intento principale era testimoniare il suo interesse per questo campo ... e fissarne le relative linee maestre della dottrina e della prassi nella Chiesa. Ora si tratta di studiarlo, questo impianto generale, di concretarlo in norme pra­tiche e di completarlo con competenza e visuale aper­ta, nello spirito del Concilio quale traspare dalle due grandi Costituzioni sulla Chiesa e sulla Chiesa nel mondo moderno. (L'Osservatore Romano, 26 marzo 1966) (IP6º IV,1966, 214).

 

            3 apr 1966      La sonda sovietica Luna 10 è il primo oggetto fatto dall'uomo che compie un'orbita intorno alla Luna.

 

27 apr 1966       Paolo VI riceve il Ministro degli Esteri sovietico An­drej Gromiko, il più alto rappresentante sovietico ri­cevuto in Vaticano.

 

            9 mag 1966    Esplosione della terza bomba atomica cinese.

 

            24 mag 1966 In Nigeria diverse misure proclamate dal Capo dello Stato Aguiyi-Ironsi aboliscono il sistema federa­le, sopprimono i partiti e aumentano il centrali­smo statale.

 

            26 mag 1966 La Guyana britannica diventa indipendente col nome di Guyana.

 

29 mag 1966     Prima trasmissione della Radio Vaticana in lingua armena. Settimanale all'inizio, diventerà quotidiana nel 1975.

 

 1 giu 1966        Nella Repubblica Dominicana, vittoria elettorale su Juan Bosch di Joaquín Balaguer, che diventa Presi­dente.

 

 1 giu 1966        In Irlanda, rielezione per un altro settennio del Presidente Eamon de Valera.

 

 2 giu 1966        La sonda statunitense Surveyor 1 realizza un atter­raggio morbido sulla Luna e incomincia a inviare fotografie alla Terra.

 

23 giu 1966       Discorso di Paolo VI ai dirigenti della Federazione Na­zionale della Stampa Italiana. Il Papa dice tra l'al­tro:

                         "L'immensa responsabilità [dei giornalisti] cresce a dismisura, ed è tanto più bisognosa d'essere coltiva­ta, quanto meno è frenata e guidata da norme esterne, che non siano quelle, nobili e ideali, ma talora trop­po labili, dell'autocontrollo".

                        Il Papa insiste poi nel duplice aspetto del rispet­to dell'obiettività e della "valutazione dell'effetto che ciò che si scrive produrrà sui lettori: di fatto l'opinione pubblica non è un'entità astratta e lonta­na, ma è la somma di persone singole, ognuna con il suo carattere, con la sua formazione, coi suoi pregi, con i suoi difetti". (L'Osservatore Romano, 24 giu 1966). (IP6º IV (1966) 310).

 

28 giu 1966       In Argentina il Presidente Arturo Illia è deposto da un colpo di Stato incruento. Verrà sostituito dal generale Juan Carlos Onganía il giorno successi­vo.

 

30 giu 1966       Paolo VI inaugura due nuovi trasmettitori RCA per Onde Corte, ciascuno di 100 kW, offerti l'uno dal Cardinale Francis Spellmann e l'altro dai Cavalieri di Colombo, e un trasmettitore Brown Boveri 2  per Onde Medie, dono di personalità ed enti degli Stati Uniti.

Nel discorso di Paolo VI annuncia: "il proposito di darle nuovi perfezio­namenti e nuovi incrementi, specialmente per quanto ri­guarda il settore programmi. E' questa la parte princi­pale dell'opera relativa alla radio: cioè il suo sco­po, il suo uso, la sua effettiva utilità. A nulla ser­virebbe avere un magnifico strumento, se poi non lo sa­pessimo magnificamente adoperare...  Diremo qui sol­tanto ch'è allo studio un piano organico di ampliamen­to dei programmi della nostra Radio... faremo perciò quanto ci sarà possibile per dare ai programmi della nostra Radio quanto è necessario: di persone, di loca­li, di servizi, di mezzi, affinché, nei limiti sempre delle nostre modeste possibilità, essi possano avere nuova ed ordinata efficienza.

                        Queste affermazioni di Paolo VI chiudono la prima era della Radio Vaticana, in cui il centro di gravità si trovava nel settore Tecnico, per trasferirlo ai contenu­ti ai programmi. E' superata l'era della Radio come strumento tecnico, come intermittente altoparlante del Papa. (IP6º IV 343-348).

                        Questa giornata storica costituisce, come si vedrà quasi una seconda fonda­zione della Radio Vaticana.

                       

 2 lug 1966        Lettera della Segreteria di Stato al Presidente delle "Semaines Sociales de France" per la 53ª settimana (Ni­ce, 9-15 luglio), sul tema: "L'opinione pubblica".

                        Questo importante documento consta dei seguenti cinque capito­li: 1) Valore dell'opinione pubblica. 2) Opinione pub­blica e persona umana. 3) Responsabilità dei cittadini e dei fedeli. 4) Opinione pubblica nella Chiesa. 5) Impegno comune. (L'Osservatore Romano, 10 lug 1966).

 

 2 lug 1966        La Francia fa esplodere una prima bomba atomica "tattica" a sudest di Tahiti, nel Pacifico.

 

              5 lug 1966    Il Congresso indonesiano spodesta il Presidente Sukarno dalla sua carica vitalizia e dai suoi pote­ri di emettere decreti.

 

            10 lug 1966    L'Agenzia cinese Hsinhua rivela che Lu Ting-yi, capo della propaganda del Comitato Centrale del par­tito, è stato spodestato come parte di una purga descritta come la "grande rivoluzione culturale proletaria".

 

            29 lug 1966    Colpo di stato militare in Nigeria contro il Presi­dente Aguiyi-Ironsi. Il 1º agosto il colonnello Yakubu Gowon assumerà il potere, e il 3 agosto successivo verrà ritrovata la salma di Aguiyi­-Ironsi.

 

            13 ago 1966   Il comitato centrale del Partito Comunista Cinese conclude la sua plenaria manifestando ampio ap­poggio alla "grande rivoluzione culturale prole­taria".

 

            17 ago 1966   In Cina, il ministro della difesa Lin Piao è pubblicamente indicato come l'erede di Mao Tse Tung.

 

           23 ago 1966    In Cina, dimostrazioni di massa delle Guardie Rosse in favore della rivoluzione culturale e contro gli influssi occidentali. Il 31 ago successivo verranno ammoniti da Lin Piao di portare avanti la rivoluzione "ragionando, e non con la forza".

 

21 set 1966       Lettera di Paolo VI al Cardinale Pizzardo, Prefetto del­la Congregazione dei Seminari, in occasione del romano Convegno Internazionale sulla Teologia del Concilio Va­ticano II.

                          Nella lettera il Papa afferma che "con la promulga­zione dei decreti non è completamente terminato il Con­cilio Ecumenico, poiché tali decreti, come insegna la storia dei Concili, più che un punto di arrivo costi­tuiscono un inizio verso nuove mete". E poi esorta af­finché il Congresso "rifletta lo spirito del Concilio stesso e ne faccia propri l'indirizzo e il metodo". Fi­nalmente svolge l'aurea norma: "in necessariis unitas, in dubiis libertas, in omnibus caritas", che tutti i partecipanti al Congresso debbono sempre tener presen­te. (AAS 58 (1966), 877 ss.).

 

28 set 1966       L'Indonesia riprende il suo posto all'ONU.

 

30 set 1966       Botswana, ex protettorato britannico di Bechuanaland, diventa indipendente con Seretse Khama come Presidente.

 

   ott 1966         Iniziano i lavori della Commissione di studio per la ri­organizzazione della Radio Vaticana. E' presieduta a Mons. Angelo Felici, Sottosegretario della Congregazio­ne per gli Affari Ecclesiastici Straordinari, Mons. Silvio Luoni, il Conte Enrico Galeazzi, P. Antonio Ste­fanizzi, l'Avvocato Vittorio Trocchi e l'Ing. Giovanni Battista Vicentini. I Lavori della Commissione si e­stendono per i mesi di ottobre e novembre.

 

 1 ott 1966        Discorso di Paolo VI ai partecipanti al romano Convegno Internazionale sulla Teologia del Concilio Vaticano II, in cui espone i rapporti tra Magistero e Teologia. (AAS 58, 1966, 889 ss.).

 

 3 ott 1966         In Brasile, elezione di Arturo da Costa e Silva a Presidente.

 

 4 ott 1966         Indipendenza di Lesotho, ex colonia britannica di Basutoland, con Moshoeshoe come Re, e Leabua Jo­nathan come Primo Ministro.

 

19 ott 1966        L'Osservatore Romano pubblica un comunicato della Ponti­ficia Commissione per le Comunicazioni Sociali, nel quale si comunica:

"Si è aperta in questi giorni a cu­ra della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali la Sala Stampa della Santa Sede ... allo scopo di promuovere quelle iniziative che rispondono alle esigenze della informazione moderna, come ad esempio: conferenze stampa, interviste, colloqui con i giornali­sti, ecc. ... Il nuovo Ufficio non sostituisce il Ser­vizio Stampa de L’Osservatore Romano [Lo fará soltanto a partire dal 29 feb 1968]. La Direzione della Sala Stampa è stata affidata a Mons. Fausto Vallainc, che i giornalisti ben conoscono perché ha diretto per cinque anni l'Ufficio Stampa del Concilio. La Sala sarà inol­tre aperta per conferenze stampa in occasione della pubblicazione di documenti della Santa Sede di parti­colare interesse per l'opinione publica". (L'Osserva­tore Romano, 19 ott 1966).

 

 4 nov 1966     Inondazioni in Italia del nord e del centro. Straripamento dell'Arno a Firenze. Grossi danni alle opere d'arte.

 

28 nov 1966    Colpo di Stato in Burundi. Re Ntare V è deposto, e il primo ministro Michel Miconbero si autoprocla­ma Capo dello Stato.

 

30 nov 1966    Indipendenza delle Barbados in seno al Common­wealth. E` primo ministro Errol W. Barrow.

 

 1 dic 1966      In Germania, Kurt Georg Kiesinger, democratico cristiano, succede come cancelliere a Ludwig Erhard. Willy Brandt, socialdemocratico, è vice cancellie­re e ministro degli esteri.

 

 2 dic 1966      Rielezione di U Thant a segretario generale dell'O­NU.

 

 8 dic 1966        La Segreteria di Stato pubblica il regolamento del Sinodo dei Vescovi, istituito col Motu proprio di Paolo VI "Apostolica Sollicitudo" del 15 settembre 1965.

In esso, l'Art. 14 assegna al Segretario Speciale i compiti informativi, e l'Art. 18 stabilisce l'obbligo di osservare il segreto nei riguardi degli atti prepa­ratori, dei lavori dell'assemblea, dei pareri e voti dei singoli e delle deliberazioni dell'assemblea. (AAS 59, 1967, 91 ss.).

                        Tra queste due esigenze, il Sinodo avrà difficoltà a trovare un equilibrio funzionale.

 

 8 dic 1966        Accordo degli Stati Uniti, l'Unione Sovietica e 26 altri paesi per l'uso pacifico dello spazio ester­no.

 

21 dic 1966        Una commissione federale statunitense approva l'acquisto dell'American Broadcasting Co. (ABC) da parte della International Telephone and Telegraph Corp. (ITT).

 

23 dic 1966       Lettera del Cardinale Segretario di Stato, Amleto Cico­gnani, al P. Pedro Arrupe, Preposito Generale della Compagnia di Gesù. Ad essa fino a quel momento era affida­ta di fatto la Radio Vaticana. Nella lettera si descrive e si decreta la riorganizzazione dell'emittente, d'ac­cordo con le direttive tracciate da Paolo VI nel suo discorso del 30 giugno precedente e come risultato del­le deliberazioni della Commissione di studio sulla stessa.

La nuova struttura gerarchica è costituita da un De­legato in funzione di Direttore Generale, al quale si aggiungono altri tre Direttori: un Direttore dei Pro­grammi, un Direttore del Radiogiornale e dei servizi giornalistici ed informativi e un Direttore Tecnico. Il Delegato in funzioni di Direttore Generale sarà nominato dal Papa su proposta del Preposito Generale della Compagnia di Gesù, e gli altri Direttori saranno nominati dalla Segreteria di Stato su proposta della Compagnia di Gesù.

Diversi allegati descrivono le funzioni dei diversi Direttori e precisano che la Radio Vaticana, per quan­to riguarda il contenuto programmatico, dottrinale e informativo dipende dalla Segreteria di Stato,e per quanto riguarda l'economia e l'amministrazione dipende dal Governatorato dello Stato della Città del Vaticano.

Dalla volontà di Paolo VI, espressa nel discorso del 30 di giugno, e da questa lettera del Cardinale Segretario di Stato nasce la Nuova Radio Vaticana.

 

31 dic 1966       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate: 3 : AFP, ANSA, AGI.

                        Trasmettitori in esercizio: 10. (3 di OM, 7 di OC)

                                   Reti in esercizio: 2. (Chiamate Verde e Rossa).

                        Bilancio consuntivo annuale: 567.000.000 lit., pari a 6.907.000.000 lire del 1993.

 

 

______________________________________________________________________________________________

 

1967

______________________________________________________________________________________________

 

      

       1967          A Ginevra, Conferenza dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT) sulle Radiocomu-nicazioni Marittime. Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

       1967          Nomina a Presidente della Consulta dello Stato della Città del Vaticano del Marchese Giulio Sacchetti.

 

       1967          Iniziano le trasmissioni regolari di televisione a colori in Francia (SECAM) e in Germania (PAL).

 

   gen 1967        Lancio e sistemazione di un Satellite della serie INTEL­SAT II (240 circuiti telefonici, 1 canale televisivo) sull'Oceano Pacifico.

 

 1 gen 1967       All'inizio dell'anno i soldati statunitensi in Viet­nam salgono a 380.000.

 

 5 gen 1967       Nomina del nuovo vertice della Radio Vaticana, d'accordo con la riorganizzazione proposta dalla Commissione di Studio e comunicata al Preposito Generale della Compagnia di Gesù con la lettera del Cardinale Segretario di Stato, Amleto Cicognani, del 23 dicembre 1966.

Paolo VI nomina il P. Giacomo Martegani S.J. Delega­to con funzione di Direttore Generale della Radio Vati­cana e approva le nomine di P. Jorge Blajot a Diretto­re dei Programmi; di P. Francesco Farusi a Direttore del Radiogiornale e dei servizi giornalistici e informa­tivi; e di P. Antonio Stefanizzi a Direttore Tecnico.

 

 6 gen 1967       Motu proprio di Paolo VI "Catholicam Christi Ecclesiam" con quale istituiva il "Consiglio per i Laici" e la Pontificia Commissione "Iustitia et pax", auspicati dalla Costituzione pastorale del Concilio "Gaudium et spes" (n. 90). (AAS 59, 1967, 25 ss.).

 

            8 gen 1967     In Cina, il primo Ministro Chu En-lai fa un appello alla moderazione mentre si moltiplicano le noti­zie sugli eccessi della Rivoluzione Culturale.

 

          13 gen 1967     In Togo, il Presidente Nicolas Grunitsky è deposto da un colpo di Stato incruento guidato dal colon­nello Etienne Eyadema.

 

          27 gen 1967     Morte a Capo Kennedy in un incendio di tre astronau­ti destinati a volare con la capsula spaziale Apollo 1.

 

          27 gen 1967     Firma di un accordo sull'uso pacifico dello spazio esterno da parte di 60 nazioni, ivi compresi gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica.

 

29 gen 1967      Paolo VI riceve in udienza il Presidente dell’Unione So­vietica Nikolai Podgorny, in visita in Italia.

 

 5 feb 1967        In Nicaragua il generale Anastasio Somoza è eletto Presidente.

 

 7 feb 1967        Il Comitato Centrale del Partito comunista Cinese invita le Guardie Rosse, protagoniste della Rivo­luzione Culturale, a rientrare nelle loro case.

 

22 feb 1967       In Indonesia tutti i poteri passano dal Presidente Sukarno al generale Suharto, anche se Sukarno con­serva il suo titolo.

 

28 feb 1967       Negli Stati Uniti, il Presidente Johnson propone la crea­zione di una corporazione pubblica per promuovere la televisione e la radio non commerciali.

 

 1 mar 1967       In Uruguay, inizia il madato del Presidente Oscar Diego Gestido.

 

 6 mar 1967       La figlia di Stalin, Svetlana Alliluyeva, in visita in India, chiede asilo negli Stati Uniti.

 

25 mar 1967      In Sierra Leone, colpo di Stato incruento. Il suc­cessivo 27 marzo, il colonnello Andrew Juxon­-Smith è invitato e presiedere il Consiglio Nazio­nale delle Riforme.

 

28 mar 1967      Paolo VI pubblica l'Enciclica "Populorum progressio", sullo sviluppo dei popoli. (AAS 59, 1967, 257 ss.).

 

 7 apr 1967       Allocuzione di Paolo VI alla II Assemblea post-conciliare della Conferenze Episcopale Italiana (CEI). Il Papa ammonisce:

"Qualche cosa di molto strano e doloroso sta avvenen­do, non soltanto nella mentalità profana, areligiosa e anti-religiosa, ma altresì nel campo cristiano, non escluso quello cattolico, e sovente, quasi per inespli­cabile "spirito di vertigine" (Is. 19,14), anche fra coloro che conoscono e studiano la Parola di Dio: vie­ne meno la certezza nella verità obiettiva e nella ca­pacità del pensiero umano di raggiungerla...". (IP6º 5, 143 ss.).

E' una prima denuncia dei dissensi postconciliari.

 

15 apr 1967       A New York più di 100.000 dimostranti, tra i quali il Rev. Martin Luther King. marciano in protesta contro la guerra del Vietnam.

 

19 apr 1967       Morte dell’ex cancelliere tedesco Konrad Adenauer.

 

20 apr 1967       In Cina, centinaia di migliaia di dimostranti celebrano lo stabilimento del Comitato Rivoluzionario di Pekino in opposizione al Capo dello Stato Liu Shao-shi.

 

21 apr 1967       Colpo di stato in Grecia. Konstantinos Kollias di­ venta primo ministro. Re Costantino è agli arre­sti nel suo palazzo di campagna.

 

24 apr 1967       Il cosmonauta sovietico Vladimir Komarov muore nel rientro della capsula spaziale Soyuz I.

 

 6 mag 1967      Celebrazione della 1ª Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, voluta dal Concilio Vaticano II. (Cfr. Inter mirifica, n. 18). Per la preparazione di questa giornata, che d’ora in poi si celebrerà ogni anno, i Sommi Pontifici pubblicano in anticipo un messaggio. Tema del messaggio papale per la prima giornata: “I mez­zi di comunicazione sociale”..

                        Nella stessa giornata, discorso di Paolo VI nella Ba­silica Vaticana, ai professionisti della comunicazione. Il Papa spiega i motivi dell'interessamento della Chie­sa nella comunicazione sociali. E dice tra l'altro:

                        "Non sappiamo se in pratica gli uomini di Chiesa so­no sempre abili ad esercitarlo; ma il dovere, la voca­zione per esercitarlo l'avrebbero". (AAS 59,1967, 505 ss.).

 

 9 mag 1967      In India, Zakire Hussain è eletto Presidente.

 

10 mag 1967     La giunta militare greca prende il controllo della Chiesa Ortodossa Greca, espellendo il primate Chrisostomos e i 12 membri del Sinodo.

 

13 mag 1967     4º Viaggio extraitaliano di Paolo VI: Fátima.

In questo 4º viaggio extraitaliano di Paolo VI, che ha una durata di 1 giorno, il Papa visita 1 località (Fátima), appartenente a 1 Paese (Portogallo)

 

22 mag 1967     Il Presidente egiziano Nasser annuncia il blocco dello stretto di Tiran, che dà accesso al golfo di Aqaba. Sarà motivo di una nuova guerra arabo­-israeliana.

 

30 mag 1967     La regione orientale della Nigeria annuncia la propria secessione e la creazione della Repubblica in­dipendente di Biafra. Inizia una guerra che non finirà fino all’11 maggio 1970.

 

31 mag 1967     Paolo VI riceve in Vaticano il Presidente francese de Gaulle. Nell'udienza parlano del Medio Oriente e del Vietnam.

 

 5 giu 1967        Scoppia la guerra tra Israele e i paesi arabi. L'8 giugno successivo, l'Egitto accetterà l'alto il fuoco proposto dall'ONU e Israele comunicherà l'occupazione della penisola del Sinai. Due gior­ni più tardi pure la Siria, che ha subito una pe­netrazione delle truppe israeliane, accetterà il cessate il fuoco. L'Unione sovietica rompe i rap­porti diplomatici con Israele.

 

13 giu 1967       Trasferimento della Direzione e degli uffici dei Program­mi dall'ex Petriano (dove erano dal 29 giu 1959) nella sede provvisoria di Palazzo Torlonia, in Via della Conciliazione Nº 30, in attesa di una nuova sede più adeguata, che in un prossimo futuro (a partire da fine 1969) sará l'ala destra di Palazzo Pio, nell'angolo tra la stessa Via della Conciliazione e Piazza Pia.

 

17 giu 1967       La Cina popolare fa esplodere la sua prima bomba all'idrogeno.

 

24 giu 1967       Paolo VI pubblica l'enciclica "Sacerdotalis coelibatus". (AAS 59, 1967, 657 ss.).

 

26 giu 1967       Paolo VI rinnova il suo appello in favore di uno statuto internazionale per Gerusalemme.

 

           27 giu 1967     Il parlamento israeliano approva una legge che unifica Gerusalemme sotto l'autorità di Israele.

 

29 giu 1967       Nomina a Sostituto della Segreteria di Stato di Mons. Giovanni Benelli. Subentra a Mons. Angelo dell'Acqua.

 

 5 lug 1967        Nella Repubblica Congolese, rivolta di gendarmi e mercenari bianchi nel Katanga contro il Presiden­te Mobutu. La rivolta finirà il 4 novembre succes­sivo.

 

 6 lug 1967        In Nigeria scoppiano gli scontri tra le truppe del governo federale e quelle del Biafra, la regione orientale secessionista. Il 9 agosto successi­vo, i secessionisti prenderanno il controllo del­la regione. Il 4 ottobre le truppe federali occu­peranno la capitale del Biafra, Enugu.

 

23 lug 1967       A Newark (Stati Uniti) conferenza del movimento Black Power, che propone un ordinamento separato per i neri statunitensi.

 

24 lug 1967       Il Presidente francese De Gaulle, in visita in Canada, lancia l'appello per un Quebec libero. Rimpro­verato il giorno successivo dal Primo Ministro ca­nadese Pearson, interrompe bruscamente la sua vi­sita in Canada.

 

25 lug 1967       5º Viaggio extraitaliano di Paolo VI: Turchia.

 

26 lug 1967       In questo 5º viaggio extraitaliano di Paolo VI, che ha una durata di 2 giorni, il Papa visita 3 località (Istanbul, Smirne, Efeso), appartenenti a 1 Paese (Turchia).

 

15 ago 1967      Pubblicazione della Costituzione Apostolica "Regimini Ecclesiae Universae" sulla Curia Romana. La Costituzione doveva essere sperimentata per un periodo di 5 anni, ma il periodo sperimentale si prolungherà di fatto per quasi 21 anni, dato che sarà vigente fino alla pubblicazione della Costituzione Apostolica "Pastor bonus" di Giovanni Paolo II, promulgata il 28 giugno 1988.

Nel art. 23 della stessa si dice: "La Segreteria di stato, o Papale, col Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa, ha speciale competenza sulla Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali. E poi, nel­l'art. 133, viene specificato: "Restano immutati come erano ... la Pontificia Commissione per le Comunicazio­ni Sociali...”. (AAS v. 59, 1967, 885-928).

 

29 set-29 ott1967            Assemblea generale 1ª ordinaria del Sinodo dei Vescovi d’accordo col Motu proprio di Paolo VI

                        "Apostolica sol­licitudo", promulgato il 15 settembre 195, che istitu­iva il Sinodo.

I temi di questa prima sessione sono: Revisione del Codice di Diritto Canonico; Opinioni pericolose e ate­ismo; Rinnovamento dei Seminari; Matrimoni misti; Rif­orma liturgica.

                        Questa 1ª Sessione del Sinodo dei Vescovi inaugura la Nuova Aula del Sinodo (che forma un'unità con la nuova Aula delle Udienze), allestita con gli impianti di audio e video progettati e realizzati dai tecnici della Radio Vaticana, i quali, in adempimento dei com­piti istituzionali dell'emittente vaticana, ne curano il funzionamento. Tra l'altro assicurano il corretto funzionamento degli impianti di amplificazione sonora e ripresa televisiva in circuito chiuso, e la registra­zione integrale delle assemblee generali.

                        Dal punto di vista informativo, la presenza nell'Au­la Sinodale di rappresentanti della Radio Vaticana e la tempestiva disponibilità per i redattori della rela­tiva documentazione, impegnerà particolarmente la Ra­dio pontificia e alzerà il livello della sua copertura di questa e delle successive assemblee del Sinodo, che diventano così avvenimenti pure dell'emittente.

 

 9 ott 1967         Indonesia rompe i rapporti diplomatici con l'Unione Sovietica.

 

10 ott 1967        Le autorità militari boliviane confermano la morte in uno scontro armato, accaduto due giorni prima, del guerrigliero cubano Ernesto "Che" Guevara.

 

10 ott 1967        Entrata in vigore del trattato sull'uso pacifico dello spazio esterno.

 

18 ott 1967        L'Unione Sovietica annuncia che una capsula con strumenti lanciata dalla sonda Venere 4 è atter­rata sul pianeta. Il giorno successivo, la sonda statunitense Mariner 5 passa vicino al pianeta, raccoglie dati e prosegue il su viaggio in torno al Sole.

 

26 ott 1967        A Teheran, solenne incoronazione dello Sha (Sciat) Mohammed Reza Pahlavi e dell'Imperatrice Farah.

 

17 nov 1967      In Bolivia, il giornalista francese Jules Regis Debray è condannato a 30 anni di carcere per il suo ruolo nella guerriglia di Che Guevara.

 

28 nov 1967      Indipendenza dalla Gran Bretagna della Federazione dell'Arabia meridionale, che il 30 novembre suc­cessivo eleggerà come Presidente Qahtan al-Shaabi e come nome quello di Repubblica Popolare dello Yemen del Sud.

 

 3 dic 1967        Primo trapianto di cuore, eseguito dal chirurgo sudafricano Christian Barnard.

 

13 dic 1967        Re Costantino di Grecia fa un appello per spodesta­re la giunta militare. L'insuccesso lo obbligherà a esiliarsi il giorno successivo a Roma insieme con la famiglia e il Primo Ministro Kollias.

 

17 dic 1967        In Dahomey (oggi Benin) il Presidente Christophe So­glo è deposto da un colpo di stato militare incru­ento guidato da Maurice Kouandete, il quale pre­siederà una Giunta militare di 15 membri.

 

19 dic 1967        In Australia, John MacEwen è nominato primo ministro provvisorio, tre giorni dopo la scomparsa mentre nuotava in mare del Primo Ministro Holt.

 

22 dic 1967       Paolo VI preme per una pace senza vittorie in Vietnam, ed offre la sua disponibilità per mediare.

 

23 dic 1967       Il Presidente statunitense Johnson, di rientro da una vi­sita in Australia e Vietnam, incontra in Vaticano Pao­lo VI.

 

31 dic 1967       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate: 3 (ANSA, AGI, AFP).

                        Trasmettitori in esercizio: 10. (3 di OM, 7 di OC).

                        Lingue regolarmente usate in trasmissione: 32.

                        Reti in esercizio: 2. (Rossa e Verde).

                        Bilancio consuntivo annuale: 615.000.000 lit., pari a 7.345.000.000 lire del 1993.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1968

______________________________________________________________________________________________

 

 

       1968          In quest'anno, la Radio Vaticana, che ha trasferito provvisoriamente il suo Centro di Produzione a Palazzo Tor­lonia, incomincia a aumentare progressivamente il nume­ro di trasmissioni, che non si realizzano in diretta, bensì preregistrate. Si arriva a stabilire la norma generale della registrazione previa dei program­mi che non abbiano un’mmediata attualità informativa, ottenendo con ciò un miglioramento nella qualità tecni­ca delle trasmissioni.

 

       1968          La Direzione dei Programmi sviluppa una Segreteria dei Programmi, che provvede alle pratiche amministrative, cura l'ordine e manutenzione della sede e provvede ai bisogni del personale.

 

       1968          Viene creato all'interno della Segreteria di Stato l’Ufficio Informazione e Documentazione (An­nuario Pontificio 1968). La creazione dell’Uffi­cio fa parte della riorganizzazione della Curia intro­dotta dalla Costituzione "Regimini Ecclesiae Univer­sae", pubblicata il 15 agosto 1967. Il primo responsa­bile dell'Ufficio Informazioni é Mons. Alberto Tricari­co. Gli succederanno Mons. Giovanni De Andrea, Mons. Agostino Cacciavillan, Mons. Crescenzio Sepe e Mons. Aldo Cavalli.

 

       1968          Il Radiogiornale stabilisce un contatto sistematico giornaliero con l’Ufficio Informazioni della Segreteria di Stato per ottenere puntualmente informazioni e documen­ti.

 

              5 gen 1968   In Cecoslovacchia, Antonin Novotny è sostituito come primo segretario del Partito Comunista da Ale­xander Dubcek, l'uomo che col tentativo di co­struire un socialismo dal volto umano darà origi­ne alla "primavera di Praga".

 

            10 gen 1968   In Australia, John Grey Gordon è insediato come Primo Ministro.

 

            23 gen 1968   La nave spia statunitense "Pueblo" è catturata dalla Corea del Nord. Inizia una lunga vicenda che si concluderà soltanto il ...

 

27 gen 1968      Il Direttore Generale P. Martegani invia un rapporto al Card. Alberto di Jorio, Vice Presidente della Pontifi­cia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, (dal Governatorato la Radio Vaticana dipende per la parte amministrativa e economica d'accordo con la riorganizzazione del 23 dicembre 1966) sul piano di sviluppo del Settore Programmi secondo le direttive del Papa del 30 giugno 1966.

Nel rapporto il Direttore Generale si riferisce ad una caratteristica essenziale della Radio Vaticana, cioè, alla necessaria diversificazione dei contenuti dei diversi programmi, affermando che essi, "già dif­ferenziati in sé per lingue, si distinguono tra loro secondo le differenti condizioni degli ascoltatori sia per l'ambiente sociale, sia per le strutture etniche e culturali, sia per l'organizzazione giuridica e politi­ca in cui vivono, sia per i movimenti di idee e i plu­ralismi spirituali che ne conseguono. Ogni responsabi­le di programma, perché sia efficace nella sua trasmis­sione, non può perciò accontentarsi di una semplice versione di un testo preparato, ma deve preoccuparsi di adattarlo opportunamente ovvero di creare un servi­zio proprio, e di contribuire per parte sua all'effi­cienza di tutto il complesso radiofonico".

                        Il rapporto indica inoltre il bisogno di consolidare con una retribuzione economica un impegno permanente, che non può dipendere dal volontariato.

 

31 gen 1968      Nel Vietnam, alcuni commando Viet Cong riescono a penetrare nel palazzo presidenziale e nell'amba­sciata statunitense di Saigon. E' proclamato lo stato marziale.

 

31 gen 1968      L'isola di Nauru, nel Pacifico, diventa indipenden­te.

 

11 feb 1968       In Paraguay, il generale Stroessner è rieletto Presidente per un altro quinquennio.

 

29 feb 1968       Ristrutturazione della Sala Stampa della Santa Sede, nella quale confluisce il Servizio Stampa dell'Osservato­re Romano, che era stato creato nel 1939 in occasione del conclave per l'elezione di Pio XII. Sono allestiti nuovi locali in Via della Conciliazione, 54. E' sempre Direttore Mons. Fausto Vallainc.

 

         11 mar 1968      In Polonia, diecine di migliaia di cittadini, che protestano contro la politica culturale del gover­no, si scontrano con polizia ed esercito.

 

         12 mar 1968      L'isola di Mauritius, nell'oceano Indiano, diventa indipendente dalla Gran Bretagna.

 

         16 mar 1968      In Italia, scontri tra studenti di sinistra e di destra nell'università di Roma.

 

         22 mar 1968      In Cecoslovacchia, Antonin Novotny deve presentare le sue dimissioni. Sarà sostituito il 30 marzo successivo dal generale Ludvik Svoboda.

 

 4 apr 1968       Inaugurazione dell'edizione settimanale in inglese de L'Osservatore Romano.

 

 4 apr 1968        Negli Stati Uniti, il Reverendo Martin Luther King, difensore dei diritti umani, è assassinato a Mem­phis. L'8 giugno successivo, il suo attentatore sarà arrestato a Londra.

 

 5 apr 1968        In Cecoslovacchia Dubcek riconosce la libertà di stampa e di espressione delle minoranze.

 

13 apr 1968       In Germania, avvertenza del cancelliere Kiesinger contro i disordini studenteschi di sinistra moti­vati dal tentativo di assassinare il dirigente  Rudi Dutschke.

 

18 apr 1968       In Sierra Leone, colpo di Stato militare.

 

20 apr 1968       In Canada, insediamento di Pierre Trudeau come Pri­mo Ministro.

 

 2 mag 1968      In Francia, studenti di sinistra occupano un’aula dell'Università suburbana di Nanterre. Iniziano i disordini del maggio francese del 68, il cui pun­to culminante sarà lo sciopero di lavoratori e studenti del 13 maggio e l'occupazione della Sor­bonne del 14 maggio, che porteranno la Francia verso una virtuale paralisi.

 

 8 mag 1969      Paolo VI pubblica la Costituzione “Sacra Rituum Congregatio”, dividendo le sue competenze in due Congregazioni, l’una per il Culto Divino e l’altra per le Cause dei Santi.

 

21 mag 1968     Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite condanna l'unificazione amministrativa di Gerusalem­me realizzata dal Governo Israeliano.

 

24 mag 1968     In Francia, il Presidente de Gaulle chiede un voto di fiducia ai francesi. Il 30 successivo, scioglie l'Assemblea Nazionale e promette di opporsi con tutti i mezzi a sua disposizione alla dittatu­ra comunista. Nelle elezioni avutesi il 23 e il 30 giugno successivi, grossa vittoria gaullista.

 

26 mag 1968     2ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali. Tema del messaggio papale, reso pubblico il 2 maggio prece­dente: "La Stampa, il cinema e la radio-televisione per il progresso dei popoli". (AAS 59, 1967, 517 ss.).

 

               5 giu 1968   Il Senatore Robert Kennedy è assassinato a Los Ange­les.

 

             20 giu 1968   In Vietnam, il comando statunitense informa che i morti statunitensi in combattimento hanno raggiun­to il numero di 25.000.

 

  30 giu 1968     Autografo di Paolo VI al Presidente dell'Unione Cattolica Internazionale della Stampa, in occasione dell’ 8° Congresso della stessa sul tema: "Una stampa cambia in un mondo che cambia". Il Papa descrive il potere dei giornalisti così:

 "Voi detenete oggi un potere considerevole: il mondo intero viene, da voi, sempre più abbondantemente infor­mato su ciò che accade nei punti più disparati della terra. Siete voi a scegliere questi fatti, a presentar­li ed a commentarli ai vostri lettori. E con questa scelta si esprime tutta una visione ed interpretazione dell’esistenza umana". (L'Osservatore Romano, 3 lug 1968).

 

 1 lug 1968        Firma del patto di non proliferazione necleare da parte di 62 paesi, tra i quali gli Stati Uniti, l'Unione Sovietica e la Gran Bretagna.

 

15 lug 1968       La Radio Vaticana trasmette alla Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano l'organico tipo della Radio (personale, funzioni di ognuno, titolazio­ne necessaria...). Da esso appare che i programmi etni­co-linguistici (trasmissioni parlate diverse dal Radio­giornale) erano in quel momento 35.

 

17 lug 1968       In Iraq il governo di Abdul Rahman Arif è deposto da un colpo di Stato guidato dal generale Ahmed Hassan al-Bakr.

 

29 lug 1968       Paolo VI pubblica l'enciclica "Humanae Vitae".

 

 6 ago 1968       Messaggio di Paolo VI letto a Vienna nella seduta inaugurale delle 1ª Conferenza Internazionale sull'esplora­zione e la utilizzazione dello spazio extraatmosferico. (L'Osservatore Romano, 18 agosto 1968). Il Papa dice tra l'altro:

                            "Con l'esplorazione e l'utilizzazione dello spazio si può dire che la vita umana disponga, in qualche ma­niera, di una nuova dimensione. Grazie ai satelliti ar­tificiali, che probabilmente andranno moltiplicandosi e perfezionandosi ogni giorno di più, possibilità sino ad oggi impensabili si sono ormai aperte agli uomini ed ai popoli per la trasmissione di conoscenze e di in­formazioni in tutti i campi". (L'Osservatore Romano, 18 agosto 1968).

 

           20 ago 1968    La Cecoslovacchia è invasa dalle truppe dell'Unione Sovietica, Germania Orientale, Polonia, Ungheria e Bulgaria. Diversi membri del governo, tra i quali Dubcek, sono arrestati. Fine della primavera di Praga e inizio della "normalizzazione". L'Unione Sovietica tenta di giustificare l'intervento, ma i leader dei partiti comunisti occidentali lo cri­ticano.

 

22-25  ago 1968            6º Viaggio extraitaliano di Paolo VI: Colombia, Bermude.

In questo 6º viaggio extraitaliano di Paolo VI, che ha una durata di 4 giorni, il Papa visita 2 località (Bogotá, Hamilton), appartenenti a 2 Paese (Colombia, Bermude).

 

23 ago 1968      Colloquio di Paolo VI ai giornalisti ed ai tecnici della Radio e della televisione a Bogotà, durante il viaggio del Papa in Colombia. Paolo VI dice tra l’altro:

                        "Certamente molte volte vi vedete obbligati a riferi­re eventi dolorosi, che rattristano o appassionano l'o­pinione pubblica. Però è altrettanto vero che il buo­no, il bello ed i valori profondi passano inosservati. ... La pace, la virtù, gli eroismi silenziosi hanno an­ch'essi la loro storia: siatene voi i cronisti esatti e coraggiosi". (AAS 60 (1968), 624 ss.).

 

            24 ago 1968   Nel Congo Brazzaville, il Presidente Massamba-Debat è obbligato a dimettersi. Gli subentra come presi­dente interino il capitano Alfred Raoul.

 

 1 set 1968        Un rapporto del Direttore dei Programmi, P. Jorge Bla­jot, notifica che è stata fissata la norma generale della registrazione dei programmi prima della loro tra­smissione quando questi non hanno urgente attualità in­formativa. Gran parte della produzione della Radio Va­ticana (quasi tutta, tranne il Radiogiornale) è pertan­to trasmessa in differita, ma poco dopo il momento della sua realizzazione in Studio.

 

 6 set 1968        Lo Swaziland diventa indipendente. E' l'ultima colonia britannica in Africa.

 

18 set 1968       Discorso di Paolo VI all'udienza generale. In esso il Pa­pa parla della contestazione nella Chiesa. Dice tra l'altro:

"Uno spirito di critica corrosiva è diventato di moda in alcuni settori della vita cattolica: vi so­no, ad esempio, riviste e giornali che pare non abbia­no altra funzione oltre quella di riportare notizie spiacevoli circa fatti e persone dell’ambito ecclesia­stico; non di rado le presentano in modo unilaterale e fors'anche un po' alterate e drammatizzate per render­le interessanti e piccanti, e abituano così i loro let­tori non giá a un giudizio obiettivo e sereno ma a un sospetto negativo, a una diffidenza sistematica, a una disistima preconcetta verso persone, istituzioni, atti­vità ecclesiastiche; e quindi inducono i lettori e se­guaci a un affrancamento dal rispetto e dalla solida­rietà che ogni buon cattolico, anzi ogni onesto letto­re, dovrebbe avere verso la comunità e l'autorità ec­clesiali. Non la premura dell'informazione esatta e completa, non il desiderio della correzione fraterna là dove essa è meritata, ma il gusto del sensazionale, la compiacenza della denuncia o della contesa guidano certi pubblicisti, seminando inquietudine e indocilità negli animi di tanti buoni cattolici, non esclusi alcu­ni sacerdoti e compresi non pochi giovani fervorosi". (IP6º VI, 1968, 909).

 

27 set 1968       In Portogallo, Marcelo Gaetano è insediato come pri­mo ministro, in sostituzione dell'ammalato Olivei­ra Salazar.

 

 3 ott 1968         In Peru, il Presidente Belaunde Terry è deposto. Gli subentra il generale Juan Velasco Alvarado a capo di un governo militare.

 

12 ott 1968        Indipendenza della Guinea Equatoriale.

 

12 ott 1968        Apertura dei Giochi Olimpici di Messico.

 

20 ott 1968        La vedova di John Kennedy, Jacqueline, sposa l'armatore greco Aristoteles Onassis.

 

30 ott 1968        Il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese annuncia che il Capo dello stato Liu Shao-Shi è stato spodestato da tutte le sue cariche per sem­pre.

 

 4 nov 1968       Lettera delle Segreteria di Stato al Presidente dell'U­nione Cattolica della Stampa Italiana (UCSI), per la IV Assemblea della stessa (Taranto, 7-9 nov), sul tema: "Il codice deontologico della professione giornalisti­ca e i suoi riflessi nella vita e nel costume della na­zione". (L'Osservatore Romano, 8 nov 1968).

 

             5 nov 1968    Negli Stati Uniti, elezione a Presidente del repub­blicano Richard Nixon.

 

           19 nov 1968    In Mali, colpo di stato militare. Il Presidente so­cialista Modibo Keita è deposto. Gli subentra il colonnello Moussa Traore.

 

23 nov 1968      Discorso di Paolo VI al Consiglio Direttivo dell'Unione Cattolica Internazionale della Stampa. Il Papa dice tra l'altro:

"Tutti sanno ed ogni giorno costatano, quanto, in questo campo, la Chiesa dipenda dalla grande stampa d'informazione. La stampa "indipendente"presta sovente al settore religioso soltanto un'attenzione ed un inte­resse marginale, spesso condizionato da esigenze psico­logiche e commerciali, nelle quali qui non è il caso di entrare. Ma se ne dovessimo trattare, sarebbe piut­tosto per rallegrarci, costatando che, specialmente dopo il concilio, il fatto religioso è veramente diven­tato, anche per la stampa neutra o di grande informa­zione, un centro d'interesse più vivo e sentito che non in passato". ... "Voi avete assistito, in questi ulti­mi tempi, nei vostri differenti paesi, a fatti che ri­velano nella Chiesa, a diversi livelli, un disaccordo di pensiero anche su punti molto gravi di dottrina e di disciplina. Non a torto voi giudicate che faccia parte del dovere professionale il darne notizia. Ma è davvero servire la Chiesa dare rilievo soprattutto al­le tendenze ed alle iniziative più contestabili, meno conformi alle sane tradizioni, e ad una genuina fedel­tà ai testi del recente Concilio, alla stessa verità del Vangelo? E' servire la Chiesa farsi continuamente eco compiacente della contestazione, rischiando di tur­bare e di disorientare la gran massa dei buoni fedeli? (L'Osservatore Romano, 24 nov 1968).

 

28 nov 1968      Discorso di Paolo VI all'Assemblea plenaria della Ponti­ficia Commissione per le Comunicazioni Sociali. Il Pa­pa descrive la strada percorsa dalla Chiesa in questo terreno, ma aggiunge:

                        "Ma i risultati raggiunti non devono nasconderci un'altra verità, purtroppo altrettanto evidente. A sif­fatta graduale consapevolezza ed a siffatte iniziative della Chiesa per mettere in opera certi strumenti ed organismi, corrispondono in concreto risultati molto magri, in ogni caso non proporzionati alla vastità del terreno da seminare". (L'Osservatore Romano, 29 nov 1968).

 

 2 dic 1968        In Venezuela, elezione a Presidente di Rafael Caldera, leader del partito social-cristiano. Prenderà possesso l'11 marzo successivo.

 

 6 dic 1968        Il Partito Comunista francese rivendica una sua via autonoma per sviluppare un programma socialista per la Francia.

 

13 dic 1968        In Brasile, il Presidente Arturo da Costa e Silva sospende il Parlamento e assume poteri dittatoria­li.

 

18 dic 1968       Lancio del primo satellite della nuova serie (3ª) di INTELSAT (sistema commerciale di telecomuni­cazioni per satellite).

 

21 dic 1968        Lancio del missile "Apollo 8" verso la Luna, con tre uomini a bordo, destinati a entrare in orbita lunare. Il primo ingresso di uomini in orbita lu­nare avrà luogo il 24, e il 27 la sonda spaziale rientrerà alla Terra.

 

22 dic 1968        Rilascio degli 82 membri dell'equipaggio della nave spia statunitense "Pueblo" da parte della Corea del Nord, previa firma di un documento, dichiara­to anticipatamente falso, in cui gli Stati Uniti riconoscevano la violazione delle acque territoria­li.

 

31 dic 1968       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate: 3 (ANA, AGI, AFP).

                        Trasmettitori in esercizio: 10. (3 di OM, 7 di OC).

                        Potenza complessiva dei trasmettitori: 1.110 kw.

                        Bilancio consuntivo annuale: 953.000.000 lit., pari a 11.239.000.000 lire del 1993.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1969

______________________________________________________________________________________________

 

       1969          Nomina a Segretario generale del Governatorato della Citt­à del Vaticano dell'avvocato Vittorio Trocchi.

 

 5 ene 1969       Inaugurazione dell'edizione settimanale in spagnolo de L'Osservatore Romano, pubblicata nella Città del Vati­cano. Dal 4 novembre 1951 si pubblicava in Argentina il settimanale "L'Osservatore Romano. El Observador Ro­mano". Questa iniziativa è durata fino alla fine del 1969, momento in cui si è integrata con la pubblicazio­ne vaticana.

 

20 gen 1969      Negli Stati Uniti, inizia il mandato del Presidente Richard M. Nixon, che sarà rieletto nel 1972, e presenterà le sue dimissioni, a causa dello scan­dalo "Watergate" il 6 ago 1974.

 

23 gen 1969      Discorso di Paolo VI al Consiglio direttivo dell'Unione Cattolica della Stampa Italiana (UCSI). Il Papa parla della difficoltà dei giornalisti, "obbligati ad una in­sonne tensione e ad una ininterrotta osservazione del mondo esteriore" ... "psicologicamente estroflessi", a rientrare in sè stessi. (L'Osservatore Romano, 24 gen 1969).

 

 1 feb 1969        Lettera della Segreteria di Stato al Presidente dell'UNDA in occasione dell'Incontro Inter-Africano dei responsa­bili delle radiotrasmissioni cattoliche in Africa (Kin­shasa, 30 gen - 2 feb). "In Africa la radio è il mezzo principe per la trasmissione delle notizie, delle ide­e e dei ritmi musicali, soprattutto da quando sono an­dati diffondendosi i transistors". (L'Osservatore Roma­no, 1 feb 1969).

 

            3 feb 1969      Yasir Arafat è eletto capo di un nuovo comitato ese­cutivo dell'Organizzazione per la Liberazione del­la Palestina.

 

24 feb -21 mar  Conferenza di Plenipotenziari  per  gli  accordi definitivi riguardanti il        Consorzio Internazionale di Telecomuni­cazioni per Satellite (INTELSAT) a Washington. Gli 11 Stati firmatari degli accordi di agosto 1960 sono di­ventati 66, più 28 osservatori. La complessità dei pro­blemi rende necessaria la convocazione di una nuova se­duta a febbraio 1970.

 

             26 feb 1969   A Gerusalemme, morte in un attacco di cuore del primo Ministro Levi Eshkol.

 

             1 mar 1969    In Siria il generale Hafez al-Assad si impadronisce del potere.

             2 mar 1969    Scontri di frontiera tra le truppe sovietiche e ci­nesi sul fiume Ussuri. Nasce una lunga controver­sia.

 

            5 mar 1969     In Germania Occidentale, Gustav Heinemann è eletto presidente dagli elettori congregati a Berlino Oc­cidentale, malgrado le obiezioni sovietiche.

 

          10 mar 1969     Il Giappone annuncia che il suo prodotto lordo nel 1968 ha oltrepassato quello della Germania Occi­dentale, diventando il 2º nel mondo non comuni­sta.

 

          28 mar 1969     Morte a Washington dell'ex Presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower.

 

 2 apr 1969       Discorso di Paolo VI all'udienza generale. In esso il Pa­pa parla delle gioie e sofferenze della Chiesa, e di­ce tra l'altro:

"Soffre [la Chiesa] per l'abbandono di tanti cattolici della fedeltà che la tradizione secola­re le meriterebbe e lo sforzo pastorale, pieno di com­prensione e di amore, le dovrebbe ottenere. Soffre so­prattutto per l'insorgenza inquieta, critica, indocile e demolitrice di tanti suoi figli, i prediletti -sacer­doti, maestri, laici, dedicati al servizio e alla te­stimonianza di Cristo vivente nella Chiesa viva- con­tro la sua intima e indispensabile comunione... soffre per la defezione e lo scandalo di certi ecclesiastici e religiosi che crocifiggono oggi la Chiesa". (Ip6º VII, 1969, 904)

 

 3 abr 1969       Omelia di Paolo VI durante la Messa "in coena Domini" in Laterano. Il Papa dice tra l'altro:

"Si parla di un rinnovamento nella dottrina e nella coscienza della Chiesa di Dio: ma come potrà essere autentica e persi­stente la Chiesa viva e vera, se la compagine che la forma e la definisce "corpo mistico", spirituale e so­ciale, è oggi così spesso e così gravemente corrosa dalla contestazione e dall'oblio della sua struttura gerarchica, contraffatta nel suo divino e indispensabi­le carisma costitutivo, ch'è l'autorità pastorale?". (IP6º VII, 1969, 187 ss.).

 

 7 abr 1969       Messaggio di Paolo VI per la 3ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "La comunicazione so­ciale e la famiglia". Il Papa parla della penetrazione della comunicazione sociale nel cuore della vita fami­liare, degli aspetti positivi e negativi di questa pe­netrazione. Il Papa dice:

"Bisogna saper guardare ed accettare la realtà qual essa è: nella società futura l'influsso di queste nuove tecniche crescerà sempre di più. Tutto deve quindi essere fatto perché tale influs­so si eserciti in modo positivo nell'intimo delle fami­glie". (AAS 61, 969, 455 ss.).

 

           17 apr 1969     In Cecoslovacchia, Alexander Dubcek è sostituito an­che formalmente come primo segretario del Partito comunista da Gustav Husak.

 

24 apr 1969       Nomina a Pro Presidente della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali di Mons. Agostino Ferrari To­niolo. Mons. Martin J. O'Connor, nominato il 30 genna­io 1948, rimane come Presidente, insieme con il Pro Presidente, fino all'8 settembre 1971.

 

27 apr 1969       Morte in incidente di elicottero del Presidente della Bolivia Barrientos. Gli subentra il vice presi­dente Luis Adolfo Siles.

 

27 apr 1969       In Francia, la proposta di De Gaulle di una maggiore regionalizzazione è rifiutata in referendum. Fedele alle sue promesse, il giorno successivo De Gaulle si dimette e si ritira dalla politica. Gli subentra il presidente del senato Alain Poher.

 

 2 mag 1969      Nomina a Segretario di Stato e a Presidente della Ponti­ficia Commissione per lo Stato della Città del Vatica­no del Cardinale Jean Villot e a Pro Presidente della stessa del Cardinale Sergio Guerri.

 

 3 may 1969      In India, morte del Presidente Zakir Husain.

 

12 mag 1969     La Presidenza della Consulta dello Stato della Città del Vaticano propone all'Assemblea una serie di criteri che dovrebbero guidare il lavoro della Radio Vaticana. Vi parla pure della eventuale nuova sede della Radio Vaticana.

                        Nell'avvicinarsi la fine del periodo di due anni previsti per l'uso della sede provvisoria di Palazzo Torlonia, finalmente l'attenzione dei responsabili si fisserà su Palazzo Pio, situato nel primo isolato di Via della Conciliazione, area che sembrava presentare l'inconveniente di non godere di extraterritorialità e di essere alquanto più lontana dalla Basilica di San Pietro e dai Palazzi Apostolici. Ma era un edificio nuovo ed ampio, in cui si prevedevano, soprattutto nel futuro, ampi spazi disponibili. In essi si intendeva concentrare tutto il lavoro complesso, ma omogeneo e convergente verso una stessa fine, dei diversi settori della Radio.

                        Già nel 1969 incominciano i lavori di adattamento all’attività radiofonico della nuova sede nei piani 3º e 4º di Palazzo Pio, aprendo cunicoli per ogni tipo di ca­vi, strutturando due primi Studi, ecc., mentre si progettava un’ulteriore espansione nello stesso edificio (realizzato negli anni 50 dall’architetto Piacentini).

 

18 mag 1969     3ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, sul tema: "La comunicazione sociale e la famiglia".

 

           20 mag 1969   In Rhodesia, approvazione di una nuova costituzione destinata a perpetuare il dominio bianco e fare della Rhodesia una repubblica indipendente.

 

           25 mag 1969   In Sudan, colpo di stato militare di sinistra. Depo­sizione del governo di coalizione di Muhammad Ah­med Mahgoub. Abubakr Awadallah diventa primo mini­stro e ministro degli esteri.

 

   giu 1969         Lancio e sistemazione in orbita di un nuovo satellite della serie INTELSAT III (1200 circuiti telefonici, 4 canali televisivi) sull'Oceano Indiano. Con tre satel­liti sui tre grandi Oceani, il sistema INTELSAT diven­ta un sistema integrato mondiale, che permette tra l'altro la trasmissione televisiva simultanea su tutta la Terra (mondovisione).

 

10 giu 1969       7º Viaggio extraitaliano di Paolo VI: Ginevra.

In questo 7º viaggio extraitaliano di Paolo VI, che ha una durata di 1 giorno, il Papa visita 1 località (Ginevra), appartenente a 1 Paese (Svizzera), Sede del Consiglio Mondiale delle Chiese

 

           15 giu 1969     In Francia, Georges Pompidou è eletto Presidente.

 

           21 giu 1969     Gli statunitensi Armstrong, Collins e Aldrin sono i primi uomini a sbarcare sulla Luna.

 

24 giu 1969       Paolo VI promulga una legge sul governo dello Stato del­la Città del Vaticano. La Direzione della Radio Vatica­na trova differenze tra il testo della legge e quello usato nella lettera costitutiva del nuovo ordinamento della Radio Vaticana (23 dic 1966). Ha inizio una lun­ga controversia tra la Direzione Generale della Radio e la Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, di cui è Pro Presidente il Cardinale Ser­gio Guerri, che non condurrà ad alcun risultato.

 

24 giu 1969       La Segreteria di Stato comunica il Regolamento del Sino­do dei Vescovi. In esso si crea un Comitato per l'in­formazione sul Sinodo e si mantiene l'obbligo di osser­vare il segreto, stabilito l'8 dicembre 1966. Ogni ses­sione del Sinodo ha dovuto cercare laboriosamente un compromesso tra queste due esigenze. (AAS 61, 1969, 525 ss.).

 

28 giu 1969       Discorso di Paolo VI ai partecipanti al Capitolo Genera­le della Pia Società San Paolo e a circa mille membri delle Congregazioni dipendenti da essa. Il Papa dice tra l'altro:

                          "Voi, che avete pubblicazioni, le quali hanno rag­giunto una tanto larga e popolare diffusione, vorrete sempre essere vigilanti a questo proposito; dovrete va­lutare, non solo l'interesse che una notizia può susci­tare, ma dovrete considerare gli effetti buoni o noci­vi che la sua divulgazione può produrre... (Baragli, o.c., pag. 1123).

 

 1 lug 1969        Pubblicazione di un Decreto della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano con relativo Re­golamento, col cui articolo 129 si disciplinano i rap­porti di lavoro del personale assunto per bisogni spe­cializzati del Governatorato. Nel futuro questo artico­lo offrirà un inquadramento giuridico al personale dei Programmi della Radio Vaticana.

 

16 lug 1969       Lancio dell'Apollo 11, missile statunitense destina­to a portare l'uomo sulla Luna. Nella notte tra il 20 e il 21 luglio successivo, il modulo "Ea­gle" atterra sulla Luna, e Armstrong e Aldrin pas­seggiano sulla superficie lunare, Collins resta in orbita. I tre rientreranno fe­licemente alla Terra il 24 successivo.

 

22 lug 1969       In Spagna, il generale Franco designa il Principe Juan Carlos de Borbón come erede al trono spagnolo.

 

31 lug-2 ago 1969  8º Viaggio extraitaliano di Paolo VI: Uganda.

                        In questo 8º viaggio extraitaliano di Paolo VI, che ha una durata di 3 giorni, il Papa visita 3 località (Entebbe, Kampala, Namugongo), appartenenti a 1 Paese (Uganda),

 

 1 ago 1969       Paolo VI in Uganda incontra rappresentanti della Nigeria e del Biafra in un tentativo di mediare per la fine della guerra civile.            

 

20 ago 1969      In India V.V. Giri è eletto Presidente.

 

31 ago 1969      In Brasile, mentre il Presidente da Costa e Silva è vittima di un attacco al cuore, i ministri dei tre serciti assumono il controllo del Paese.

 

 1 set 1969        In Libia, i militari rovesciano il regime di Re Idris I e prendono il potere.

 

 4 set 1969        Radio Hanoi annuncia la morte del Presidente nord­ vietnamita Ho Chi Minh.

 

15 set 1969       Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU adotta una riso­luzione che chiede a Israele di abolire tutte le misure che tendono ad alterare lo status di Geru­salemme.

 

20 set 1969       Discorso di Paolo VI ai redattori, collaboratori e lettori del settimanale cattolico di Brescia "La voce del popolo". Il Papa dice tra l'altro:

                        "L’arte del giornalista, ed in genere dell'uomo che parla al pubblico, dell'uomo che svolge azione sociale e politica, è proprio quella dell'applicazione felice delle idee alla situazione concreta d'un dato momento storico". Poi, citando un autore, dice: "Il povero è colui che ascolta sempre" Colui che non ha voce, cioè; colui perciò che deve subire l'impero, la superiorità, la sopraffazione di chi invece può parlare e farsi sen­tire, e quindi prevalere. Voi siate la voce del pove­ro; siate sempre "La voce del Popolo". (L'Osservatore Romano. 20 set 1969).

 

            26 set 1969    In Bolivia, il Presidente Luis Adolfo Siles Salinas è deposto. Gli subentra il Capo delle forze arma­te Alfredo Ovando Candia.

 

            28 set 1969    Il Comitato Centrale del Partito Comunista Cecoslo­vacco annuncia che Alexander Ducek è stato espul­so dal Partito.

 

  5 ott 1969       Prima trasmissione della Santa Messa quotidiana in latino presso la Radio Vaticana.

 

 7 ott 1969         In Brasile, le forze armate annunciano di aver elet­to il generale Emilio Garrastazu Médici a Presi­dente del Paese.

 

11-28 ott 1969   Assemblea generale straordinaria del Sinodo dei Vescovi, sul tema delle Conferenze Episcopali.

La Radio Vaticana assiste per mezzo dei suoi rappre­sentanti alle assemblee generali, di cui cura anche il servizio di traduzione simultanea. I tecnici della Ra­dio Vaticana curano il funzionamento degli impianti au­dio e video e realizzano per la Segreteria del Sinodo la registrazione integrale delle assemblee generali.

 

12 ott 1969        In Cecoslovacchia, Ota Sik, artefice della rivitalizzazione economica del 1968, è espulso dal Par­tito.

 

15 ott 1969        Paolo VI, nell'udienza generale, dice in riferimento all'avvenimento sinodale:

"Non deve eccitare in noi la psicologia, come si dice dei "tifosi", che drammatizza­no le cose ricorrendo a espressioni superficiali e con­venzionali, ma piuttosto deve invitarci a considerare, come a tutti è possibile, le questioni in esame secon­do verità, secondo il disegno di Dio, e non secondo la psicologia volubile e talora ostile dell'opinione pub­blica". (L'Osservatore Romano, 16 ott 1969).

 

15 ott 1969        In Somalia il Presidente Abd-i.Rashid Ali Shermarke è ucciso da un poliziotto.

 

18 ott 1969        Truppe libanesi si scontrano nel sud del Libano con comandi arabi. Il 26 ott successivo, con la me­diazione del Presidente egiziano Nasser, accordi di cessate il fuoco, e il 3 novembre successivo raggiungeranno un accordo.

 

 5 nov 1969       Nell'udienza generale di questo giorno, e in quella del successivo mercoledì, 12 novembre, Paolo VI fa l'anali­si di due forme dello spirito di indipendenza e perfi­no di ribellione nella Chiesa: la rottura con la tradi­zione e la vanificazione dell'obbedienza. (L'Osservato­re Romano, 6 e 13 nov 1969).

 

12 nov 1969      Negli Stati Uniti il tenente William Calley è accusato dell'assassinio di un numero indeterminato di civili vietnamiti a Song My nel marzo 1968.

 

12 nov 1969      Il romanziere Aleksandr Solzhenitsyn espulso dall'U­nione Sovietica.

 

13 nov-15 1969  Negli Stati Uniti "Marcia contro la morte" dei soldati Statunitensi in Vietnam. Più di 250.000 mani-

                        festanti.

 

17 nov 1969      Inizio dei negoziati di un Trattato per la Limita­zione delle Arme Strategiche (SALT) tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica a Helsinki.

 

19 nov 1969      Gli astronauti statunitensi Charles Conrad e Alan Bean atterrano sulla Luna.

 

24 nov 1969      Il Presidente Sovietico Nikolai Podgorny e quello statunitense Nixon ratificano a Mosca e Washington il trattato sulla non proliferazione nucleare.

 

   dic 1969         Inizia il trasloco alla nuova sede di Palazzo Pio, edi­ficio offerto dall'amministrazione vaticana a Pio XII nel 1950, (da dove il suo nome di "Palazzo Pio"), si­tuato di fronte a Castel Sant'Angelo, nell'angolo di Via della Conciliazione e Piazza Pia (questa così chia­mata in onore di Pio IX), ed occupato poi da diversi enti ecclesiali vaticani ed italiani. Prosegue l’alle­stimento per usi radiofonici della futura sede. L’in­gresso alla nuova sede è da Via della Conciliazio­ne, che sarà l'indirizzo del Centro di produzio­ne fino all'apertura dell'ingresso di Piazza Pia Nº 3, ben avanzato il 1974,

 

 3 dic 1969        Nell'udienza generale, Paolo VI confessa. "Un senso di incertezza percorre, come un brivido febbrile, il cor­po ecclesiale; è mai possibile che questo paralizzi nella Chiesa cattolica il suo carisma caratteristico, quello della sicurezza e del vigore?". (L'Osservatore Romano, 4 dic 1969).

 

10 dic 1969        A Dahomey (oggi Benin) il Presidente Emile Derlin Zinsou è deposto dai militari.

 

12 dic 1969        A Milano esplode una bomba nella Banca dell’Agri­cultura di Piazza Fontana, causando 14 morti e più di 90 feriti. Al­tre tre bombe esplodono a Roma.

 

18 dic 1969        In Gran Bretagna, la Camera dei Lords approva l'abolizione della pena di morte.

 

31 dic 1969       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate: 3 (ANSA, AGI, AFP).

                        Trasmettitori in esercizio: 10. (3 di OM, 7 di OC).

                                   Ore di produzione giornaliera media: 20.

                        Reti in esercizio: 2. (Rossa e Verde).

                        Bilancio consuntivo annuale: 866.000.000 lit., pari a 9.934.000.000 lire del 1993.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1970

_____________________________________________________________________________________________

 

 

       1970          Alle due Reti già esistenti dal 1966 (Rossa e Verde), si aggiunge una terza Rete (Gial­la), originariamente rivolta all'Africa, che utilizza soltanto le Onde Corte.

 

       1970          Nella cornice dello sviluppo dei Programmi promosso da Paolo VI, la Radio Vaticana rinforza la Redazione Cen­trale dell'emittente, dedicata a produrre "Studi" de­stinati all'alimentazione redazionale delle diverse se­zioni. Anche il Radiogiornale produce, oltre al bollet­tino quotidiano delle sue trasmissioni, studi di utili­tà generale per tutta l'emittente, e incrementa i suoi contatti con le fonti informative, per esempio con l'A­genzia cattolica africana DIA del Congo Kinshasa, con la Conferenza Episcopale Tedesca, con "Radio Veritas" di Manila...

 

       1970          IPonti-Radio che uniscono la Palazzina Leone XIII col Centro trasmittente di Santa Maria di Galeria salgono a 6 e sono totalmente transistorizzati, miglio­rando la loro qualità, affidabilità e economia.

 

       1970          La Radio Vaticana realizza una nuova installazione di altoparlanti nella Piazza di San Pietro, capa­ce di trasmettere segnali mono e stereo e di ridurre l'effetto eco con l'applicazione del ritardo elettronico. Il sistema è dotato di 9 amplificatori, più uno di riserva, che in caso di avaria di un amplificatore qualsiasi entra automaticamente in  servizio. Tutto il sistema può essere telecomandato.

 

       1970          Proseguono i lavori di adattamento all’attività radiofoni­ca del nuovo centro di produzione di Palazzo Pio, nel pianterreno e nei piani 1º, 3º, 4º, 5º e 6º. In esso si ha il progetto di installare, oltre agli uffici, 6 Studi radiofonici, un Centro tecnico di Trasmissioni per la messa in onda di due Reti simultanee, un grande Studio per registrazioni di prosa, una discoteca-na­stroteca, cabine di ascolto. Sono anche progettate le installazioni di aria condizionata e gruppi elettrogeni di con­tinuità per garantire l'alimentazione elettrica costan­te.

 

       1970                     Nasce in questo anno l’edizione settimanale in portoghese de L’Osservatore Romano.

 

                  1970        Nella composizione tipografica dei quotidiani appa­re la fotocomposizione, o composizione a freddo, che sostituirà rapidamente la tradizionale compo­sizione a caldo (con fusione di piombo in due fa­si del processo).

 

                  1970        Negli Stati Uniti inizia il servizio commerciale di videofono.

 

                  1970        Negli Stati Uniti inizia la commercializzazione di dischi e nastri in quadrifonia.

 

                  1970        Il professore statunitense Alvin Toffler pubblica il libro "Future Shock" sull'impatto umano e culturale delle nuove tecnologie.

 

1 gen 1970        Prima uscita dell'edizione settimanale in portoghese de L'Osservatore Romano.

 

 1 gen 1970       Trasferimento dei primi Programmi al nuovo Centro di Pro­duzione della Radio Vaticana a Palazzo Pio.

 

 3 gen 1970       Il Congo Brazzaville diventa la Repubblica Popolare del Congo, paese a partito unico (Partito Congole­se dei Lavoratori) il cui capo è automaticamente capo dello Stato.

 

 4 gen 1970       L'Agenzia Nuova Cina accusa l'Unione Sovietica di preparare la guerra contro la Cina. Due giorni dopo la Pravda sovietica formula la stessa ac­cusa contro la Cina.

 

 9 gen 1970       Nomina a Segretario della Pontificia Commissione per le Comunicazioni sociali di Mons. Andrea Maria Deskur. Subentra a Mons. Albino Galletto.

 

          11 gen 1970     In Nigeria la regione secessionista del Biafra capi­tola davanti al Governo federale. Finisce una guerra civile che è durata 31 mesi.

 

          14 gen 1970     In Giappone Eisaku Sato è rieletto Primo Ministro.

 

29 gen 1970      Il Cardinale Segretario di Stato, Jean Villot, inaugura il primo gruppo di Studi radiofonici del nuovo Centro di Produzione di Palazzo Pio.

 

      16 feb-20 mar 1970    Seconda sessione a Washington della Conferenza di Plenipotenziari per preparare gli accordi

                                 definitivi per la gestione dei satelliti per telecomunicazioni (INTEL­SAT). I Paesi membri del sistema sono saliti a 74. Assistono inoltre 19 Paesi osservatori. Vi partecipa lo Stato delle Città del Vaticano rappresentato da Mons. Peressin e dal Direttore Tecnico della Radio Vaticana P. Antonio Stefanizzi S.J.  Una terza sessione avrá luogo nel 1971.

 

           23 feb 1970     La Guyana diventa una Repubblica cooperativa. Il 17 marzo successivo Arthur Chung ne è eletto Primo Pre­sidente.

 

            2 mar 1970     La Rhodesia si autoproclama repubblica, rompendo tutti i vincoli con la corona britannica.

 

            5 mar 1970     Entrata in vigore del trattato di non proliferazio­ne nucleare.

 

          18 mar 1970     In Cambogia un colpo di Stato incruento spodesta il Capo dello Stato, principe Norodom Sihanuk, che era a Mosca. Tre giorni dopo, Cheng Heng è nomina­to Capo dello Stato.

 

           21 mar 1970    In Cecoslovacchia, l'ex Primo Segretario Alexander Dubcek è sospeso dal Partito.

 

 6 apr 1970       Pubblicazione del messaggio di Paolo VI per la 4ª Giorna­ta mondiale delle Comunicazioni Sociali, da celebrarsi il successivo 10 maggio, sul tema: “Gli strumenti della comunicazione sociale e la gioventù". In esso il Papa scrive tra l'altro:

                        "... il fenomeno assume ogni giorno proporzioni più vaste, la stampa, la radio, il cinema, la televisione tendono sempre più ad assorbire, ed anzi a sostituire, tutto ciò che i rapporti familiari, scolastici, parroc­chiali... permettevano alle generazioni passate di tra­smettere in eredità ai loro discendenti". (AAS 62, 1970, 456 ss.).

 

          21 apr 1970      In Austria, Bruno Kreisky è Cancelliere.

 

          23 apr 1970      Gambia diventa indipendente in seno al Common­wealth.

 

          24 apr 1970      La Cina lancia il suo primo satellite.

 

26 apr 1970       In Colombia, vittoria elettorale di Miguel Pastrana Borrero che diventa Presidente.

 

10 mag 1970     4ª Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali. Il te­ma è: “Gli strumenti di comunicazione sociale e la gio­ventù”. (Cfr. sopra 6 apr 1970).

 

          16 mag 1970    Nella Repubblica Dominicana, Joaquín Balaguer è rieletto Presidente.

 

          29 mag 1970    In Sri Lanka la vittoria della coalizione di sini­stra porta la Sig.ra Sirimavo Bandaranaike alla carica di Primo Ministro.

 

            4 giu 1970      Tonga diventa indipendente in seno al Commonwealth.

 

 5 giu 1970        Discorso di Paolo VI ai partecipanti alla Sessione Plenaria della Pontificia Commissione per le Comunicazio­ni sociali. Il Papa dice che bisogna promuovere "uno studio rigoroso e approfondito, in sede dottrinale, di quella realtà che con termine ormai classico chiamiamo la comunicazione sociale" e poi studiare il grave pro­blema dei contenuti. "In particolare, si dovrà studia­re ulteriormente il problema della opinione pubblica nella Chiesa, tema delicato e non facile, grave di con­seguenze tanto sul piano positivo come su quello nega­tivo, secondo che sia o no correttamente impostato e risolto". (AAS 62, 1970, 508 ss.).

 

            8 giu 1970      In Argentina i capi militari costringono alle dimissioni il Presidente Juan Carlos Onganía e assumono il potere.

 

           18 giu 1970     In Gran Bretagna, vittoria del conservatori. Il gior­no successivo, Edward Heath sostituisce Harold Wilson.

 

           22 giu 1970     In Ecuador, il Presidente José Maria Velasco assume poteri dittatoriali.

 

             1 lug 1970     In Guatemala, Presidenza di Carlos Arana Osorio.

 

             3 lug 1970     Il Portogallo richiama il suo Ambasciatore presso il Vaticano e formula proteste per l'udienza con­cessa due giorni prima da Paolo VI a tre capi africani di movimenti indipendentisti.

 

             5 lug 1970     In Messico, elezione di Luis Echeverría a Presiden­te.

 

           10 lug 1970     Il Vescovo Cattolico James Walsh arriva a Hong Kong dopo 12 anni di prigionia in Cina.

 

11 lug 1970       Nomina del Professore Federico Alessandrini, finora vicedirettore dell'Osservatore Romano, a Direttore della Sala Stampa della Santa Sede. Subentra a Mons. Fausto Vallainc, che la dirigeva dalla sua creazione il 19 ott 1966, e adesso è stato nominato Vescovo ausiliare di Siena.

 

            27 lug 1970    In Portogallo, morte di Antonio Oliveira Salazar, Capo dello Stato per 40 anni.

 

14 ago 1970      Ripristino dei rapporti diplomatici tra la Santa Sede e la Yugoslavia, dopo quasi 18 anni di interruzione.

 

17 ago 1970      In Libano, Suleiman Franjieh è eletto Presidente in sostituzione di Charles Helou.

 

21 ago 1970      In questa data un rapporto della Direzione Generale stabilisce che la Radio Vaticana conta su 15 trasmettitori distribuiti tra il Centro trasmittente Vaticana e S. Maria di Galeria, così divisi: Onda Media (3 tra­smettitori); Onda Corta (12 trasmet­titori, tra i quali cinque da 100 kW, uno di 80 kW, u­no di 30 kW, due di 10 kW e 3 di 5 kW). Come personale, lavorano nella Ra­dio 240 persone a tempo pieno (32 delle quali sono Ge­suiti) e ci sono inoltre 170 collaboratori permanenti. La produzione è di 470 programmi settimanali equivalen­ti a 19/20 ore giornaliere di trasmissione così distri­buite: Europa, 259; Africa, 112; America, 42; Austra­lia e Nuova Zelanda, 14; programmi liturgici, 11; pro­grammi musicali, 2.

 

30 ago 1970      Discorso di Paolo VI a 350 propagandisti del settimanale diocesano di Lucca: "L'essere nuovo", nel suo 25º di vi­ta. Il Papa parla tra l'altro della duplice funzione della stampa cattolica: "quella di gareggiare nobilmen­te con l'altra stampa, e di meritarsi una preferenza presso i buoni cattolici; e quella non solo d'informa­re i suoi lettori, ma di formarli, di abituarli a giu­dicare le cose e gli avvenimenti in conformità alla co­scienza cristiana: compito questo insostituibile ed og­gi più che mai degnissimo, anzi indispensabile". (L'Os­servatore Romano, 31 ago 1970).

 

          31 ago 1970     In Ghana, elezione a Presidente di Edward Akufo-Addo.

 

             4 set 1970     In Cile, vittoria con maggioranza relativa del candidato marxista Salvador Allende, che il 24 otto­bre successivo sarà eletto dal Congresso dei depu­tati a Presidente del paese.

 

             6 set 1970     Nella Repubblica Malgascia, vittoria elettorale del Presidente Philibert Tsiranana.

 

13 set 1970       Discorso di Paolo VI ai partecipanti al 7º Congresso In­ternazionale dell'Union Internationale des Agents de Diffusion de la Presse e de l'Edition. In esso il Papa afferma: "Conoscete l'attenzione particolare che abbia­mo sempre portato ai problemi del giornalismo, dato che il giornale, anche con l'avanzare della radio e della televisione, resta il mezzo principe d'informa­zione, di formazione, di cultura e di svago". (IP6º 8, 872 ss.).

 

14 set 1970       Paolo VI annuncia la decisione di sciogliere i corpi militari pontifici. È la vigilia del centenario delle presa di Roma e la fine degli Stati Pontifici.

   ott 1970         Nella Conferenza generale dell'UNESCO, a Parigi, i Paesi del Terzo Mondo denunciano lo squilibrio dell'informa­zione. Comincia il dibattito su un "Nuovo Ordine Mon­diale dell'Informazione e della Comunicazione” (NOMIC).

 

          28 ott 1970       In Egitto, il Presidente Nasser muore vittima di un attacco al cuore.

 

            6 ott 1970       In Bolivia, colpo di Stato militare condotto dal capo dell'esercito generale Rogelio Miranda. Il giorno successivo, il generale Torres espelle Mi­randa e si autonomina Presidente.

 

            8 ott 1970       Il Premio Nobel per le Letteratura è attribuito al letterato dissidente russo Alexandre Solzhenit­syn.

 

               9 ott 1970    La Cambogia si denomina Repubblica Khmer.

 

             10 ott 1970    Fiji diventa indipendente in seno al Commonwealth.

 

             15 ott 1970    In Egitto, Anwar el Sadat è eletto Presidente in plebiscito.

 

             21 ott 1970    Secondo BritEnc. Paolo VI sembra condannare le torture della polizia inflitte ai prigionieri politici.

 

12 nov 1970      Visita del Ministro degli Esteri sovietico Andrej Gromi­ko a Paolo VI.

 

           13 nov 1970    Colpo di stato sanguinoso in Siria, capeggiato dal Ministro delle  Difesa Hafez al-Assad. Viene spodestato il governo di Nureddin al-Attassi.

 

23 nov 1970      Paolo VI pubblica un decreto secondo il quale i Cardinali ultra ottantenni perdono il diritto a partecipare al Conclave per l'elezione del nuovo Papa.

 

26 nov-5dic  1970  9º Viaggio extraitaliano  di Paolo VI: Iran,  Pakistan,  Filippine, Samoa, Australia, Indonesia, Hong

                        Kong, Sri Lanka.

In questo ultimo viaggio extraitaliano di Pao­lo VI, che ha una durata di 10 giorni, il Papa visita 9 località (Teheran, Dhaka, Manila, Pago Pago, Apia, Sydney, Djakarta, Hong Kong, Colombo), appartenenti a 8 Paesi (Iran, Pakistan, Filippine, Samoa, Australia, Indonesia, Hong Kong, Sri Lanka), e pronuncia X discor­si.

                        Durante questo viaggio, il 27 novembre 1970, Paolo VI subisce a Manila un attentato.

                        Per questo viaggio, la Radio Vaticana inaugura i colle­gamenti via satellite. Si stabilisce un canale audio con Teheran (26 nov), uno telegrafico con la Radio (2SM) di Sidney e uno audio con Manila. Inoltre si sta­bilisce un ponte radio di Onda Corta con "Radio Veri­tas" di Manila (26-30 nov) per l'invio di materiali so­nori e di informazioni in voce degli inviati di Radio Vaticano, ponte col quale si realizzano pure alcune radiocronache in diretta con "Radio Veritas".

                        Il 1º di dicembre si stabilisce un singolare canale audio tra Manila e Sidney attraverso la Città del Vati­cano, realizzando il tratto Manila-Vaticano tramite ponte-radio di Onda Corta, e il tratto Vaticano-Sidney tramite satellite geostazionario. Il circuito supera i 100.000 km,, rendendo sensibile il ritardo (0,33 secon­do) dovuto alla distanza di propagazione.

Un altro canale audio via satellite è attivato con Hong Kong (4 dic). La Radio Vaticana, la Radio di uno degli 11 Stati fondatori SCV INTELSAT, incomincia l'uso sistematico di questa tecnologia della telecomunicazio­ne che in futuro adopererà sempre più intensamente.

 

29 nov 1970      Messaggi di Paolo VI per la Radio e Televisione del Venezuela nell’inaugurazione del collegamenti via satellite con il sistema mondiale di comunicazioni televisive. Il radiomessaggio, registrato prima della partenza del papa per l’Asia, è diffuso nel Venezuela domenica, 29 novembre. In esso il Papa dice tra l’altro:

“Non soltanto la nostra voce, bensì, in qualche modo, la nostra stessa persona entra oggi in tanti focolari venezuelani, e vi chiediamo che ognuno consideri come una visita personale, piena di amoree di paterna benevolenza”. la nostra presenza”.  (IP6º, 1970. pp. 1404-1405)

 

   dic 1970         P.Pasquale Borgomeo diventa Capo della Redazione Centrale della Radio Vaticana.

 

   dic 1970         Viene chiuso il regolare collegamento radiotelegrafico della Radio Vaticana con l'Argentina, che era stato in­augurato il 1º giugno 1943, a causa della disponibili­tà di altri canali di telecomunicazione affidabili (SRT 2,1).

 

            1 dic 1970      In Italia, introduzione della legalizzazione del divorzio.

 

 2 dic 1970        Discorso di Paolo VI ai giornalisti ed ai tecnici della radio-televisione di Sidney durante il suo viaggio in Estremo Oriente. Il Papa dice tra l'altro:

"In questo momento in cui l'insieme degli uomini tende ad accede­re alla cultura, in cui il transistor, in particolare, porta fino ai più modesti villaggi la voce dei giorna­listi, voi potete, anzi dovete essere gli artefici, più che molte altre forme di potenza, nell'edificazio­ne di una società più giusta, più vera, più pacifica". (AAS 63,1971, 66 ss.).

 

 7 dic 1970        In Pakistan, vittoria della lega Awami del Pakistan Orientale nelle prime elezioni.

 

15 dic 1970        La sonda sovietica "Venera 7" atterra su Venere.

 

14 dic 1970        In Spagna, processo di Burgos contro terroristi indipendentisti baschi. Le 6 condanne a morte, in­flitte dal tribunale il 28 successivo, saranno commutate il 30 dicembre in condanne a 30 anni di prigione.

 

20 dic 1970        In Polonia, dimissioni del Primo Segretario Wladys­law Gomulka. E` sostituito da Edward Gierek.

 

31 dic 1970       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate: 3 (ANSA, AGI, AFP).

                        Personale dipendente: 240.

                        Trasmettitori in esercizio: 10. (3 di OM, 7 di OC).

                        Ore di produzione giornaliera media: 19/20.

                        Reti in esercizio: 3. (Rossa, Verde e Gialla).

                        Bilancio consuntivo annuale: 908.000.000 lit., pari a 9.911.000.000 lire del 1993.

 

 

______________________________________________________________________________________________

 

1971

______________________________________________________________________________________________

 

 

       1971          In questo anno la Radio Vaticana celebra con diverse iniziative il 40º anniversario della sua inaugurazione.

 

       1971          La Redazione Centrale della Radio Vaticana pro­duce in media uno Studio ogni giorno.

Si consolida la pratica della preregistrazione in studio di tutte le trasmissioni tranne il Radiogiornale. Ciò migliora la qualità tecnica e radiofonica del prodotto e rende più comoda e precisa la sua messa in onda, che comun­que segue con piccolo ritardo la registrazione in Studio.

 

       1971          Proseguono i lavori di adattamento di Palazzo Pio al lavoro radiofonico. Il collegamento tra Palazzo Pio e la Palazzina di Leone XIII in Vaticano è assicurato da due cavi audio di 30 coppie ognuno e da un cavo video coassia­le.

 

       1971          Lo scambio di rapporti di ascolto con corrispondenti tecnici stabili, appartenenti ad emittenti europee e ex­traeuropee (12.000 circa rapporti di questo genere so­no stati ricevuti nel 1971) permette di stabilire che in questo anno la ricezione della Radio Vaticana nei Paesi europei è soddisfacente come pure è soddisfacente in Asia, Australia, America Centra­le e Settentrionale, Africa meridionale e Ghana. Manca­no rapporti sufficienti per poter formare un giudizio definitivo sulla ricezione nel resto dei Paesi dell'A­frica e in Sudamerica.

 

       1971          A Ginevra, Conferenza Mondiale sulle telecomunicazioni e Radiocomunicazioni Spaziali. Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

       1971          Nel Centro di S. Maria di Galeria, i due trasmettitori in Onda Media sono mes­si in parallelo sulla frequenza di 1529 kHz, per servire con migliore affidabilità le trasmissioni della Rete Rossa, rivolta all'Europa e al bacino del Mediterraneo.

 

       1971          Primo lancio di un satellite della Quarta Serie INTELSAT IV (4000 circuiti telefonici, 2 canali televisivi).

 

11 gen 1971      Lettera della Segreteria di Stato al Presidente dell'UNDA in occasione dell'Assemblea generale della stessa (New Orleans, 11-17 gennaio). "I recenti progressi -di­ce la lettera- specialmente della televisione, sono stati veramente sbalorditivi. Mediante i satelliti di comunicazione, la televisione sta raggiungendo le di­mensioni mondiali già conquistate dalla radio per le comunicazioni simultanee...". (Baragli, o.c., pag. 1172).

 

25 gen 1971      In Uganda, colpo di Stato. Idi Amin depone il Capo dello Stato Milton Obote, mentre questo rientrava dalla Conferenza dei Capi di Stato del Common­wealth.

 

31 gen 1971      Gli Stati Uniti lanciano verso la Luna l'Apollo 14 con equipaggio umano. Atterrerà sul satellite il 5 febbraio successivo.

 

 7 feb 1971        In Polonia, espulsione dal Partito dell'ex Primo Segretario Wladyslaw Gomulka.

 

12 feb 1971       Quarant'anni della Radio Vaticana. Visita di giornalisti al Centro Trasmittente di Santa Maria di Galeria.

 

           20 feb 1971     Negli Stati Uniti è diffuso per radio per errore l'allarme di attacco nucleare: grande panico.

 

27 feb 1971       Udienza di Paolo VI ai dirigenti e al personale della Ra­dio Vaticana, nel 40º anniversario di fondazione. Nel suo importante discorso, il Papa dice tra l'altro:

"... questo strumento moderno, scientifico, tecnico, posto in questo luogo e a questo servizio costituisce di per sé la apologia della modernità della Chiesa nei suoi contatti con il mondo circostante, della sua sim­patia per il progresso delle scienze, della sua stima per il lavoro umano, della sua attualità storica”.

Più tardi, Paolo VI raccoglie e riassume dal "Regola­mento programmi", letto da P. René Arnou, Delegato del padre Generale della Compagnia di Gesú il 29 di febbraio del 1960, il passaggio che definisce lo scopo essenziale della Radio Vaticana:

                        "Lo scopo essenziale della Radio Vaticana, noi leggiamo nei vostri Statuti, è quello di unire diretta­mente il centro della cattolicità con i diversi Paesi del mondo, di dare al Papa la possibilità di rivolger­si direttamente a tutti i fedeli della terra, e diffon­dere la sua parola e il suo pensiero, di informare sul­l'attività della Santa Sede, di farsi eco della vita cattolica nel mondo, di mostrare il modo di vedere del­la Chiesa e, in genere, di esporre il messaggio cri­stiano”. (IP6º IX 151-155).

 

           3 mar 1971      In Cina, lancio del secondo satellite artificiale.

 

12 mar 1971      In Siria, Hafez al-Assad, che aveva guidato il sanguinoso colpo di Stato del 13 nov 1970, è eletto Presidente con referendum.

 

15 mar 1971      Discorso di Paolo VI ai partecipanti all'8ª Assemblea plenaria della Pontificia Commissione  per le Comunica­zioni sociali e ai rappresentanti del "Catholic Media Council". Paolo VI si riferisce all'Istruzione Pastora­le in preparazione, e, parlando del dovere di "appro­fondire la coscienza ideale della funzione dei mezzi di comunicazione sociale di cui disponiamo", afferma:

                          "Essi si inseriscono con la esile vena, nell'oceano delle comunicazioni sociali moderne: talché la loro vo­ce sembra talora sommersa e impotente. Poi, citando le iniziative esistenti, si riferisce alle iniziative "della stessa Radio Vaticana, che ha celebrato il suo quarantennio"... (AAS 63, 1971, 278 ss.; IP6º IX 181-186).

 

           22 mar 1971    In Argentina, i militari depongono in un colpo di Stato incruento il Presidente Roberto Marcelo Le­vingston. Il 26 marzo successivo gli subentra Ale­jandro Agustín Lanusse.

 

25 mar 1971      Pubblicazione del messaggio di Paolo VI per la 5ª Giornata delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "Gli strumen­ti di comunicazione sociale a servizio dell'unità de­gli uomini". (Baragli, o.c., pag. 1190).

 

30 mar 1971      Promulgazione di una legge che regola il lavoro del per­sonale assunto per esigenze specializzate del Governa­torato (come la Radio, che in quel momento era una Di­rezione Generale del Governatorato). In questa catego­ria entrava la quasi totalità del personale che lavora­va sotto la Direzione dei Programmi (130 a tempo pie­no, più 170 collaboratori fissi). Il 1º aprile succes­sivo furono pubblicate le norme di esecuzione della legge. Di conseguenza, buona parte del personale dei Programmi della Radio Vaticana, legata fino allora con contratti a termine, incomincia ad essere in­quadrata con contratti speciali a tempo indeterminato. Con la loro entrata in vigore il 1º gennaio 1972, sará meglio definita anche la loro retribuzione economica.

 

 9 apr 1971        Il leader comunista italiano Berlinguer proclama nel 24º Congresso del Partito Comunista Sovietico il diritto del Partito Comunista Italiano ad un percorso autonomo.

 

14 apr 1971       Terza ed ultima sessione a Washington della Conferenza di Plenipotenziari per gli accordi definitivi sul sistema di telecomunicazioni commerciali mondiali via satel­lite INTELSAT. I Paesi membri sono diventati nel frat­tempo 79. Lo Stato della Città del Vaticano, membro fondatore di INTELSAT, è rappresentato da Mons. Peres­sin, Consigliere della Delegazione Apostolica di Wa­shington e da P. Stefanizzi, Direttore Tecnico della Radio Vaticana. Sono siglati due accordi definitivi: uno, principale, firmato dai Governi, che dà all'Orga­nizzazione la sua configurazione; l'altro, Operativo, firmato dai Governi o da enti di esercizio di telecomunicazioni, che tratta di questioni dettagliate sul piano tecnico, finanziario e di esercizio.

 

19 apr 1971       Sierra Leone proclama la sua indipendenza in seno al Commonwealth.

 

22 apr 1971       In Haiti, morte del Presidente François Duvalier. Gli subentra come Presidente vitalizio suo figlio Jean-Claude.

 

25 apr 1971       La sonda sovietica Soyuz 10, con tre cosmonauti a bordo, si allaccia nello spazio con la stazione spaziale previamente messa in orbita Salyut. Il successivo 7 giugno tornerà nella Terra.

 

 3 mag 1971      In Germania Orientale Erich Honecker subentra come Primo Segretario a Ulbricht, dimissionario per mo­tivi di salute e di età.

 

 3 mag 1971      Il Vaticano annuncia che rappresentanti vaticani e polacchi hanno avuto conversazioni per discutere sui rapporti Chiesa-Stato. E' la prima volta dopo la 2ª Guerra Mondiale.

 

14 mag 1971     Pubblicazione della lettera apostolica di Paolo VI "Octogesima adveniens", al Cardinale Roy, Presidente del Consiglio per i laici e della Commissione "Iustitia et Pax", nell'80º anniversario dell'Enciclica Rerum nova­rum. Il Papa enumera "tra i principali mutamenti del nostro tempo ... l'importanza che assumono gli strumen­ti di comunicazione sociale e il loro influsso sulla trasformazione delle mentalità, delle cognizioni, del­le organizzazioni e della società stessa"... (AAS 63, 1971, 401 ss.).

 

19 mag 1971     L'Unione Sovietica lancia una prima sonda verso Marte. Il 28 successivo lancerà una seconda, e il 30 dello stesso mese gli Stati Uniti lanciano verso lo stesso obiettivo il Mariner 9.

 

23 mag 1971     5ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, sul te­ma: "Gli strumenti di comunicazione sociale a servizio dell'unità degli uomini".

 

23 mag 1971     Con occasione della Giornata delle Comunicazioni Sociali, viene resa pubblica l'Istruzione Pastorale "Commu­nio et progressio" della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali, fatta in adempimento di un man­dato conciliare (Cfr. "Inter Mirifica", n. 23). A giu­dizio universale, è uno dei migliori documenti postcon­ciliari. (AAS v.63, 1971, 593-656).

 

25 giu 1971       Lettera della Segreteria di Stato al Presidente dell'U­nione Cattolica Internazionale della Stampa (UCIP) in occasione del 9º Congresso della stessa (Lussemburgo, 14-18 luglio), sul tema "L'opinione pubblica nella Chiesa". (L'Osservatore Romano, 15 lug 1971). Nei ri­guardi di questa lettera, il Congresso ebbe reazioni che sono state definite "poco edificanti". (Cfr. Jour­nalistes Catholiques, 1971, nn. 58/59, p. 26, e 1972, nn. 62/63, p. 17).

 

30 giu 1971       Inaugurazione in Vaticano della nuova aula delle Udienze, progettata e realizzata dall’architetto Pier Luigi Nervi. L'edificio si trova a cavallo tra lo Stato Italiano e quello Vaticano in un'area italiana però soggetta ad extraterritorialità a favore della Santa Sede. I lavori furono avviati nel 1966. L'Aula, realizzata facendo ampio ricorso al calcestruzzo armato, è capace di ospitare fino a 12.000 persone ed è coperta da una volta parabolica che concentra l'attenzione del pubblico verso il palco, dove Pericle Fazzini realizzò la scultura bronzea della Resurrezione (1977); le grandi vetrate ovali che danno luce all'interno sono di Giovanni Hajnal. Il grande organo, che si trova sul fondo, nascosto dai pannelli dietro la scultura di Fazzini, fu costruito da Mascioni nel 1970 seguendo lo stesso progetto che Raffaele Manari elaborò nel 1933 per l'organo del Pontificio Istituto di Musica Sacra. Per l’occasione dell’inaugurazione Paolo VI disse tra l’altro:

                        “l’incombente vicinanza della Basilica di San Pietro esigeva non certo la velleità di un’emulazione, ma l’impegno a tentare opera non meschina e banale, ma cosciente della sua privilegiata collocazione e della sua ideale destinazione2 (IP6º, 1971, IX, pag. 600).

                        Nel futuro verrà chiamata “Aula Paolo VI”.

 

         19 lug 1971       In Sudan, militari di sinistra prendono il potere, ma il Presidente Gaafar Nimeiry, aiutato dalla Li­bia, riprende il potere il 22 luglio successivo.

 

         26 lug 1971       Gli Stati Uniti lanciano verso la Luna l'Apollo 15. Arriverà il 31 successivo, e tornerà sulla Terra il 2 agosto.

 

         14 ago 1971      Bahrein proclama la sua indipendenza dalla Gran Bre­tagna.

 

         20 ago 1971      I Capi di stato di Egitto, Siria e Libia firmano a Damasco la costituzione della Confederazione del­le Repubbliche Arabe.

 

         22 ago 1971      In Bolivia, Hugo Banzer Suárez occupa la Presidenza dopo 4 giorni di guerra civile.

 

 8 set 1971        Nomina a Presidente della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali di Mons. Edward Heston. Subentra al Presidente, Mons. Martin J. O'Connor, in carica dal 30 gennaio 1948, e al Pro Presidente Mons. Agostino Ferrari Toniolo, in carica dal 23 aprile 1969.

 

28 set 1971       Il Cardinale Jozsef Mindszenty, dopo 15 anni di reclusione nell'ambasciata statunitense di Budapest, arriva in Vaticano.

 

30 set - 6 nov 1971  Assemblea generale 2ª ordinaria del Sinodo dei Vescovi sui temi del sacerdozio ministeriale e della giustizia nel mondo.

Malgrado che, secondo il Regolamento del Sinodo, le sedute plenarie siano riservate, la Segreteria del Si­nodo, comprendendo le esigenze della Radio Vaticana, autorizza la assistenza alle stesse di redattori del­l'emittente, il che permette al Radiogiornale di fare poco dopo la fine di ogni seduta mattutina, nella tra­smissione delle 14,30, un resoconto aggiornato della stessa.

 

 8 ott 1971        Inaugurazione dell'edizione settimanale in tedesco de L'Osservatore Romano.

 

             25 ott 1971    L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite vota l'am­missione della Cina popolare e l'espulsione di Tai­wan. La Cina succede a Taiwan anche nel diritto di ve­to all'interno del Consiglio di Sicurezza. Il 15 novembre successivo la rappresentanza cinese occu­perà i propri seggi nell'Assemblea.

 

             27 ott 1971    Il governo del Congo Kinshasa annuncia che d'ora in poi il paese si chiamerà Repubblica dello Zaire.

 

14 nov 1971      Colloquio di Paolo VI dopo la recita dell'Angelus nella Giornata del quotidiano cattolico. In esso il Papa di­ce:

1) E' importante essere informati: la circolazione complessa e febbrile delle notizie non ci deve trovare ai margini dell'ignoranza o dell'indifferenza. 2) Non meno importante è che l'informazione circa la vita vis­suta abbia il suo specchio limpido e onesto. 3) E' an­che importante che questo quadro mobile della realtà quotidiana abbia una sua interpretazione conforme ai principi ed ai fini veri ed indispensabili della vita, un'interpretazione cristiana. (L'Osservatore Romano, 15-16 nov 1971).

 

27 nov 1971      Discorso di Paolo VI ai partecipanti al Convegno dell'Ufficio Promozionale Stampa della Conferenza Episco­pale Italiana (CEI). Il Papa si chiede:

"Non si indulge, alle volte, consapevolmente o no, ad una visione troppo ottimistica, per un verso, e che sa di meccanicismo positivistico e storicistico, per altro verso, quando si pensa o si dà per scontato che la proposizione di notizie o di immagini -quali che es­se siano o comunque essa avvenga- avrà necessariamente il magico effetto di portare l'opinione pubblica ad un effetto benefico? (L'Osservatore Romano, 28 nov 1971).

 

30 nov 1971      La 2ª Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi, nella Proposta conclusiva sulla Giustizia nel Mon­do, afferma tra l’altro:

                        24) Gli uomini del nostro tempo esigono che sia co­municata con gli strumenti della comunicazione sociale la verità; il che comprende anche il diritto di vedere le immagini veritiere che gli stessi strumenti offro­no, e la possibilità di rettificare la verità alterata dei fatti.

                        45) La Chiesa riconosce a tutti il diritto ad una ragionevole libertà di parola e di opinioni; nel quale diritto rientra anche quello di essere ascoltati in u­no spirito di dialogo rispettoso della legittima diver­sità nella Chiesa. (AAS 63, 1971, 929 ss.).

 

17 dic 1971        Resa del comando militare del Pakistan, nel Pakistan Orientale all'India che favoriva la secessione di questa parte del Paese.

 

21 dic 1971        L'austriaco Kurt Waldheim è eletto a Segretario Ge­nerale delle Nazioni Unite in sostituzione di U Thant.

 

23 dic 1971       Discorso di Paolo VI ai Cardinali in occasione degli auguri natalizi. Il Papa dice tra l'altro:

[Il Concilio] "è stato proprio un'integrazione logi­ca e coerente e fedele del sacro depositum, e un'appli­cazione nuova ed adeguata dell'azione pastorale della Chiesa. Vero è che ... è affiorata da qualche parte u­na certa ambiguità nell'interpretazione del Concilio­... Gli aspetti principali di questa ambiguità, che ta­lora ha non poco turbato il sensus fidei del Popolo di Dio sono: il ripudio della tradizione; la contestazio­ne dell'autorità"... (AAS 64, 1972, 31 ss.).

 

           24 dic 1971      In Italia, Giovanni Leone è eletto Presidente della Repubblica.

 

31 dic 1971       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Personale dipendente: 240.

                        Agenzie di notizie collegate. 3 (ANSA, AGI, AFP).

                        Trasmettitori in esercizio: 10. (3 di OM, 7 di OC).

                        Ore di produzione giornaliera media: 19/20.

                        Reti in esercizio: 3. (Rossa, Verde e Gialla).

                        Bilancio consuntivo annuale: 1.159.000.000 lit., pari a 12.049.000.000 lire del 1993.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1972

_____________________________________________________________________________________________

 

 

       1972          Proseguono e si avvicinano al termine i lavori di adattamento del Palazzo Pio alla sua nuova destinazione a Centro di Produzione della Radio Vaticana.

Sono praticamente finiti i piani:

Primo (in cui sono insediati i 15 programmi destina­ti all'Europa Orientale e la Biblioteca);

Terzo (in cui si insediano la Direzione dei Program­mi, la Redazione Centrale, i Programmi Musicali e i Programmi in francese, spagnolo, portoghese, tedesco e scandinavo);

Quarto (che ospita il Radiogiornale e i Programmi Italiano, arabo, cinese, etiopico, e giapponese, e nel quale funziona il Centro Tecnico Trasmissioni, vero Centro Controllo del Centro di Produzione di Palazzo Pio, punto di collegamento con la Palazzina di Leone XIII e punto della messa in onda di molteplici trasmis­sioni);

Quinto e Sesto (che contengono Studi radiofonici ed altre installazioni e servizi tecnici di manutenzione, ecc.). Gli Studi radiofonici ultimati sono già 7.

 

       1972          La Redazione Centrale prosegue la sua produzione di Studi (media uno al giorno). Inoltre inizia la pubbli­cazione di brevi commenti su avvenimenti e questioni di attualità, chiamati "Appunti", e inizia la costitu­zione di un Archivio di materiali redazionali e di do­cumentazione.

 

       1972          Il quotidiano statunitense "U.S. Today", affidando ai suoi redattori gli appositi terminali, introdu­ce i "sistemi editoriali", che unificano i lavori di redazione e di composizione tipografica.

 

 9 gen 1972       Lettera della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali in occasione del III Incontro interamericano sul­la pastorale dei mezzi di massa (Guatemala, 9-14 genna­io). In essa si dice:

                        "Alla Chiesa stessa, come Popolo di Dio e organismo sociale, occorre una sana interna opinione pubblica; e questa, a sua volta, richiede un'informazione abbondan­te e pronta circa i differenti aspetti della sua vita. Anzi, al giorno di oggi, essa stessa è notizia: deve dunque curare il volto che di sé mostra alla curiosità o all'interesse di tutti gli uomini. E questo può in­durla a rinnovare i suoi metodi e le sue maniere di esprimersi, ed a curarsi dell'immagine che l'opinione pubblica si farà dei suoi atti e delle sue prole". (Baragli,n o.c., pag. 1334).

 

            13 gen 1972   In Ghana, colpo di Stato. Il Primo Ministro Kofi Busia, assente a Londra per motivi di salute, è de­posto dai militari guidati dal colonnello Igna­tius Acheampong.

 

           15 gen 1972    In Danimarca, la regina Margrethe II succede al suo de­funto padre Re Frederik IX.

 

           22 gen 1972    Firma a Bruxelles del trattato per l'ingresso della Gran Bretagna, Danimarca, Irlanda e Norvegia nel­le Comunità Economiche Europee.

 

           24 gen 1972    Scoperta nella selva di Guam del sergente giapponese Shoichi Yokoi, che era rimasto nascosto per 28 anni dalla presa dell'isola da parte degli Stati Uniti nella Guerra Mondiale.

 

            15 feb 1972    In Ecuador, un colpo di Stato incruento depone il Presidente José María Velasco Ibarra.

 

     21-27 feb- 1972     Visita del Presidente statunitense Richard Nixon in Cina: finirà con un comunicato congiunto in cui si parla di coincidenze generali malgrado dif­ferenze essenziali.

 

           22 feb 1972     Nelle Repubblica Centroafricana, Jean Bedel Bokassa è designato Presidente vitalizio.

 

 4 mar 1972      Discorso di Paolo VI ai partecipanti all'assemblea plena­ria della Pont. Commissione per le Comunicazioni Socia­li. Il Papa dice tra l'altro:

"Il vostro servizio ... deve innanzi tutto, a noi pa­re, educare i vostri ascoltatori all'attenzione per l'avvenimento, per la storia che si distende davanti alla nostra esperienza, all'attualità; i giornalisti sanno bene questa esigenza quanto sia importante per la loro professione; tanto più per voi che intendete svegliare il mondo che vi ascolta all'attenzione, al­l'apprezzamento della realtà vissuta nel flusso degli avvenimenti, quasi come per una lettura non solo delle opere umane, ma per quella misteriosa presenza del go­verno divino nella vicenda umana, presenza che chiamia­mo Provvidenza"... Poi il Papa parla della formazione dell'opinione pubblica e dell'informazione religiosa. (L'Osservatore Romano, 5 marzo 1972).

 

10 apr 1972       Firma a Washington, Londra e Mosca del trattato che vieta l'immagazzinamento di armi biologiche da parte di più di 70 nazioni.

 

21 apr 1972       Messaggio di Paolo VI per la 6ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "Gli strumenti della comunicazione sociale al servizio della verità". Il Papa dice tra l'altro:

                        "Ogni fatto ha la sua propria verità... Qui appare il compito dell'informatore, che consiste non soltanto nel rilevare ciò che è immediatamente riscontrabile, ma anche nel cercare elementi di inquadramento e di spiegazione circa le cause e le circostanze dei singo­li fatti... La responsabilità è poi ancora più grave qualora il comunicatore sia chiamato, come spesso av­viene, ad aggiungere, alla semplice relazione del fat­to, elementi di giudizio e di orientamento". (Baragli, o.c., pag. 1343).

 

21 apr 1972       In Pakistan, Zulfikar Ali Bhutto diventa Presidente sotto una nuova Costituzione.

 

24 apr 1972       Discorso di Paolo VI ai participanti al 4º Convegno Federativo delle Congregazioni Mariane d’Italia. Il Papa dice tra l'altro:

"... si può davvero essere severi anche nel giudizio verso la Chiesa, sì, ma quando si ama, quando si è vera­mente amorosi della Chiesa". (L'Osservatore Romano, 25-26 apr 1972).

 

13 mag 1972     Discorso di Paolo VI ai docenti e agli alunni dell'Università Gregoriana in occasione del 4º centenario del­l'elezione a papa di Gregorio XIII, dal quale la Grego­riana si nomina. In esso il papa torna sul rapporto tra Magistero e Teologia. (L'Osservatore Romano, 14 mag 1972).

 

14 mag 1972     5ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "Gli strumenti della comunicazione sociale al servizio della verità". In occasione dell'Angelus, il Papa dice tra l'altro: "... è l'opinione pubblica, in fondo, la regina anonima che domina il mondo, la sto­ria, la civiltà... e la Chiesa vive ... per fare con suo annuncio ... buoni e saggi e fraterni gli uomini". (L’Osservatore romano .15-16 mag 72).

 

21 mag 1972     Danneggiamento della "Pietà" di Michelangelo nella Basilica Vaticana da parte di Laszlo Toth, armato di un martello.

 

22 mag-1giu 1972  Visita del presidente Statunitense Richard Nixon in Unione Sovietica. Il 26 giugno firma un

trattato sulla limitazione dei missili offensivi e dei si­stemi antimissili e accordi di cooperazione scien­tifica. Il 28, si rivolge inaspettatamente al po­polo sovietico per televisione, e al suo rientro in patria afferma che sono state messe le basi per nuovi rapporti tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica.

 

22 mag 1972     Ceylon diventa la repubblica di Sri Lanka. William Gopallawa è il suo Presidente.

 

30 mag 1972     Radio Burundi denuncia che in un fallito colpo di Stato del 29 aprile almeno 30.000 persone sono state uccise da ribelli che vengono accusati di voler eliminare la tribu Tutsi.

 

 1 giu 1972        Il terrorista tedesco Andreas Baader è arrestato a Frankfurt. Il 15 giugno successivo lo sarà pure la terrorista Ulrike Meinhof a Hannover.

 

17 giu 1972       Cinque uomini sono arrestati perchè sorpresi a installare un dispositivo clandestino di ascolto nel quartiere generale del Comitato del Partito Democratico a Washington. Inizia l'affare Water­gate.

 

23 giu 1972       Discorso di Paolo VI al Collegio Cardinalizio per il suo onomastico. Il Papa fa un'analisi delle condizioni ge­nerali della Chiesa, segnalando la crisi di fiducia presso un certo numero di cristiani, gli aspetti nega­tivi, il servizio della giustizia e della verità, il rapporto Chiesa-Mondo, i motivi di speranza... (L’Ossservatore Romano, 24 giu 72).

 

   lug 1972         Inizia in via sperimentale la pubblicazione di un bollettino con i Programmi della Radio Vaticana.

 

         16 lug 1972       Il metropolita Dimitrios è eletto dal Sacro Synodo delle Chiese Ortodosse Orientali a Patriarca Ecu­menico come  successore di Athenagoras I, deceduto il 7 luglio precedente.

 

         18 lug 1972       Il Presidente egiziano Sadat annuncia che ha chie­sto a tutti gli assistenti militari ed esperti so­vietici di lasciare immediatamente l'Egitto e che ha deciso di mettere tutte le basi sovietiche nel Paese sotto controllo dell'Egitto.

 

            28 lug 1972    Un portavoce cinese conferma che l'ex ministro del­la difesa Lin Piao era morto in incidente aereo l'anno precedente dopo aver tentato di rovesciare Mao tse-tung. Il 12 agosto successivo, la Cina accuse­rà l'Unione Sovietica di aver cospirato con Lin Piao per assassinare Mao Tse-tung.

 

           26 ago 1972    Apertura dei 20º Giochi Olimpici a Monaco di Bavie­ra.

 

28 ago 1972      Il Direttore Generale della Radio, P. Martegani, in let­tera al Segretario di Stato, imposta il problema dell’ "imprimatur" per le pubblicazioni che nascono nella Ra­dio Vaticana, suggerendo che possa essere la stessa Di­rezione generale della Radio ad assumere questa respon­sabilità, meno impegnativa di quella del contenuto del­le stesse trasmissioni.

 

              2 set 1972    In Uruguay, arresto a Montevideo del fondatore dei guerriglieri Tupamaros, Raul Sendic.

 

              2 set 1972    Un portavoce governativo egiziano conferma che il Paese si sta avvicinando all'Occidente in richie­sta di aiuto militare, economico e politico.

 

             5 set 1972     A Monaco di Baviera, attacco di terroristi palestinesi di Settembre Nero che uccidono due israelia­ni e prendono altri nove come ostaggi. La vicenda finirà tragicamente in una sparatoria in cui mori­ranno gli ostaggi, cinque terroristi e un poli­ziotto tedesco.

 

           25 set 1972     I norvegesi rifiutano in referendum l'ingresso del Paese nelle Comunità Economiche Europee, firmato a Bruxelles dal loro governo il 22 gennaio prece­dente. Due giorni dopo, il Governo annuncia le proprie dimissioni.

 

16 ott 1972        Chiusura dello Studio radiofonico della Radio Vaticana a Via dei Penitenzieri, 120., residenza dei redattori Gesuiti. Questo Studio, collegato con la Palazzina di Leone XIII, aveva funzionato per molti anni, data la sua maggiore accessibilità in ogni momento. Il Centro di Produzione di Palazzo Pio, perfettamente accessibi­le, lo rende inutile.

 

              26 ott 1972   Radio Hanoi annuncia che tra gli Stati Uniti e il Viet­nam del Nord è stato raggiunto un piano di pace di nove punti. A Washington il consigliere presi­denziale Kissinger dice che la pace in Indocina è a portata di mano. Il Presidente sudvietnamita Thieu denuncerà il 1 novembre successivo che il piano e una resa del Sud Vietnam ai comuni­sti.

 

              7 nov 1972   Negli Stati Uniti Nixon vince le elezioni Presiden­ziali.

 

           17 nov 1972    In Argentina, rientro di Juan Perón dopo un esilio di 17 anni.

 

28 nov 1972      Promulgazione di un decreto della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano in cui si intro­ducono modifiche al regolamento generale per il perso­nale di ruolo.

 

30 nov 1972      Approvazione da parte della Segreteria di Stato dei nuovi Statuti dell'UNDA (l'associazione internazionale cattolica per la radio e la televisione), previamente approvati dall'Assemblea Generale dell'associazione (New Orleans, 11-17 gen 1971).

 

10 dic 1972       Inasprimento della guerra in Vietnam. I B-52 statunitensi riprendono i bombardamenti.

 

18 dic 1972       Il Segretario di Stato, Cardinale Villot, in risposta alla consultazione fatta dalla Direzione della Radio sul­l’ "imprimatur" (cfr. 28 ago 72), suggerisce l'istitu­zione di una commissione, interna alla Radio, che ab­bia la responsabilità del controllo previo dei testi destinati ad essere trasmessi (almeno nelle principali lingue europee, spesso note anche in altri continenti, e singolarmente importanti nella formazione dell'opi­nione pubblica mondiale).

 

31 dic 1972       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Personale dipendente: 240.

                        Agenzie di notizie collegate. 3 (ANSA, AGI, AFP).

                        Trasmettitori in esercizio: 10. (3 di OM, 7 di OC).

                        Ore di produzione giornaliera media: 19/20.

                        Reti in esercizio: 3. (Rossa, Verde e Gialla).

                        Bilancio consuntivo annuale: 1.125.000.000 lit., pari a 12.550.000.000 lire del 1993.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1973

_____________________________________________________________________________________________

 

 

       1973          Nel 1973 si costituisce l'Ufficio Propaganda della Radio Vaticana, dipendente dalla Direzione Generale, che as­sume tra altri compiti la pubblicazione del Bollettino "Radio Vaticana Programmes", in lingua italiana. Questo, dal mese di gennaio diventa mensile e già nel corso dell’anno passa da 30.000 a 70.000 copie, e la formazione di un Archivio fotografico della Radio Vaticana.

 

       1973          Sulla base della biblioteca dei Padri Gesuiti Scrittori della Radio Vaticana si forma la nuova Biblioteca di Consultazione del Centro di Produzione, installata nel Primo Piano di Palazzo Pio.

 

       1973          Nel 1973 si costituisce a Palazzo Pio l'Archivio musica­le sonoro della Radio Vaticana, nel quale confluiscono la Discoteca e una Nastroteca con le registrazioni musicali fatte dalla Radio Vaticana dall'inizio della registrazione su nastro magnetico.

 

       1973          Le Messa per l'Europa, che si trasmetteva quotidianamen­te in Latino (con le letture in varie lingue moderne) nei mesi di maggio e giugno alle 07,30 di Roma, si estende alla Quaresima, all'ottava di Pasqua, all'Av­vento e al Natale, col proposito di renderla quotidia­na.

 

       1973          Viene chiuso il regolare collegamento radiotelegrafico della Radio Vaticana con la Spagna, che era stato in­augurato il 18 giugno 1931, a causa della disponibili­tà di altri canali di telecomunicazione affidabili. (SRT 2,1).

 

       1973          A Torremolinos (Málaga, Spagna), Conferenza di Plenipotenziari dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT). Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

         1 gen 1973        Il Trattato di ingresso della Gran Bretagna, Irlan­da e Danimarca nelle Comunità Economiche Europee entra in vigore.

 

15 gen 1973      Visita al Papa del Primo Ministro israeliano Golda Meir.

 

           23 gen 1973    Nixon e il governo nordvietnamita di Hanoi annunciano simultaneamente che i loro rappresentanti nel­le conversazioni di pace di Parigi hanno raggiun­to un accordo per porre fine alla guerra. Il 27 succes­sivo, la pace sarà firmata a Parigi e incomincerà lo scambio di prigionieri.

 

24 gen 1973      Discorso di Paolo VI ai membri dell'Associazione della Stampa Estera in Italia, in occasione del 60º della stessa. Il Papa dice tra l'altro:

                           "Nessuna istituzione può disprezzare quell'opinione pubblica che voi, unita­mente agli altri strumenti della comunicazione socia­le, contribuite a formare in maniera notevole". Parla poi dei condizionamenti cui sono sottoposti i giornali­sti, e più avanti: "Il diritto all'informazione, che vi è stato proclamato e precisato, trova applicazione nella Chiesa stessa: oltre ad essere istituzione gerar­chica che agisce nel nome di Cristo, non è, infatti, la Chiesa, anche una comunità umana, con la necessità del dialogo e della partecipazione?. (AAS 65, 1973, 76 ss.).

 

   feb 1973        Le condizioni provvisorie dell'Organizzazione INTELSAT di satelliti per telecomunicazioni diventano definitive.

 

17 feb 1973       Il Delegato speciale della Pontificia Commissione per lo Stato della Città del Vaticano, Marchese Giulio Sac­chetti, comunica alla Direzione Generale della Radio che la Pontificia Commissione ha disposto che ogni per­manenza del personale fuori Roma, anche se di un solo giorno e per ragioni di studio o lavoro, debba essere preventivamente autorizzata dalla stessa. La rappresen­tazione fatta dalla Direzione della Radio che l'osser­vanza di questa norma è incompatibile col lavoro radio­fonico inciampa su un burocratismo incapace di capi­re i bisogni di un mezzo radiofonico di comunicazione e di informazione. La norma muore di inosservanza natu­rale non contestata.

 

22 feb 1973       Pubblicazione di Direttive sul ministero pastorale dei Vescovi da parte della Congregazione dei Vescovi. In esso si legge: "34 – Nell’esercitare la sua autorità a servizio dei fedeli che formano una comunità di fede e di carità, il Vescovo sta bene attento a rispettare la loro legittima libertà di opinione. Nelle varie que­stioni consulta, per quanto è possibile, tutti gli in­teressati; da parte sua non nega informazioni complete ed esatte a chi gliele chiede, salva sempre la giusti­zia e la carità". Il documento parla anche della re­sponsabilità dei Vescovi nei riguardi dei comunicatori e dei mezzi di comunicazione. (Baragli, o.c., pag. 1389).

 

             4 mar 1973    Elezioni in Cile. La coalizione dell’opposizione ottiene la maggioranza in ambedue le camere, ma non raggiunge i due terzi necessari per mettere sotto accusa il Presidente Allende.

 

           12 mar 1973    Elezioni in Argentina. Vittoria del peronista Campo­ra.

 

           29 mar 1973    In Sud Vietnam ultimi rilasci di prigionieri e ritiro delle ultime truppe degli Stati Uniti.

 

              8 apr 1973    Morte a Mougins (Francia) del pittore spagnolo Pa­blo Picasso.

 

 1 mag 1973      Messaggio di Paolo VI in occasione della 7ª Giornata mon­diale delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "Le comu­nicazioni sociali e l'affermazione e promozione dei valori spirituali". Il Papa dice tra l'altro:

"Ogni cristiano di ogni epoca ... è tenuto a dare la testimonianza del suo buon esempio e a dimostrare i mo­tivi della sua speranza. E'sempre stato così. Una del­le più provvidenziali conquiste del nostro tempo, tut­tavia, è il progresso della tecnologia e il grande pas­so in avanti fatto nelle comunicazioni sociali. Oggi, come non mai prima d'ora, i valori spirituali si posso­no affermare e diffondere da un capo all'altro della terra. La divina Provvidenza ha generosamente riserva­to alla nostra epoca questa meraviglia". (Baragli, o.c., 1406).

 

2 may 1973       Morte del Presidente in carica della Pontificia Commis­sione per le Comunicazioni Sociali di Mons. Edward Heston. Era in carica dall’8 set 1971.

 

         12 mag 1973     La FAO annuncia che nel Sahel sahariano la fame minaccia dieci milioni di persone a causa di 5 anni di siccità.

 

         20 mag 1973     Gli svizzeri annullano col loro voto in referendum due articoli anticattolici presenti nella loro Co­stituzione dal 1974.

 

            1 giu 1973      Il Governo greco abolisce la monarchia, e nomina il Primo Ministro Papandreu a Presidente provviso­rio. Il 19 agosto successivo Papandreu diventa il Primo Presidente della Grecia. Re Costantino era in esilio dal 13 dic 1967.

 

            1 giu 1973      Honduras britannico diventa Belize.

 

 3 giu 1973        7ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "Le comunicazioni sociali e l'affermazione e promo­zione dei valori spirituali". In occasione dell'Ange­lus, il Papa dice tra l'altro:

                          "Puntiamo l'attenzione sul problema dei "mezzi" a servizio del Vangelo... e siamo subito desolati dalla pochezza e dall'inferiori­tà dei nostri "mezzi" rispetto al bisogno e rispetto a quelli di cui il mondo profano dispone". (L’Osservatore Romano, 4-5 giu 1973).

 

 8 giu 1973        In Spagna il generale Franco nomina l'Ammiraglio Luis Carrero Blanco capo di governo, rimanendo co­me Capo dello Stato.

 

20 giu 1973       In Argentina, arrivo di Juan Domingo Perón.

 

27 giu 1973       Discorso di Paolo VI ai delegati dell'Associazione dei giornalisti cattolici del Belgio. Il Papa dice tra l'altro:

"Nello stile richiesto dalla stampa quotidiana, vale a dire con l'urgenza che molto spesso si impone e con la necessità d'una presentazione che prenda un lettore stordito da tante notizie di interesse inuguale, siete chiamati ad un compito appassionante e difficile, sul quale spesso trattiamo con i nostri visitatori: dare delle informazioni o dei reportages che corrispondano il più possibile alla verità; fornire ai vostri letto­ri quello che potrà ampliare il loro spirito e il loro cuore, cimentare la loro solidarietà; testimoniare, nel rispetto di tutti, la fede cristiana che vi anima e la fiducia che alimentate verso la Chiesa. (IP6º 11, 1973, pag. 664).

 

          27 lug 1973      In Uruguay il Presidente Bordaberry scioglie il Con­gresso e crea un Consiglio di Stato interrompendo 40 anni di governo costituzionale.

 

            3 lug 1973      Inizia a Helsinki la Conferenza per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, con l'assistenza di tutti i Paesi europei tranne l'Albania più gli Stati Uniti e il Canada.

 

 5 lug 1973        Pubblicazione della dichiarazione della Congregazione per la dottrina della fede "Mysterium Ecclesiae", per difendere la Chiesa da alcuni errori d'oggi. Il docu­mento riguarda l'unicità della Chiesa, l'infallibili­tà di tutta la Chiesa e quella del suo magistero. (IP6º 11, 1973, pag. 708 ss.).

 

 5 lug 1973        In Rwanda, colpo di Stato incruento guidato dal Ministro della Difesa Juvenal Habyalimana.

 

10 lug 1973       Bahamas diventa indipendente dalla Gran Bretagna.

 

13 lug 1973       In Argentina le dimissioni del Presidente Campora spianano la via per la futura elezione di Perón.

 

17 lug 1973       Il Re di Afghanistan Mohammed Zahir Shah in viaggio a Roma per motivi di salute, è deposto da suo cogna­to Mohammad Daud Khan,

 

 1 ago 1973       In Germania Orientale, morte dell'ex Primo Segreta­rio del Partito Comunista e attuale Capo dello Stato Walter Ulbricht.

 

15 ago 1973      Il Leader sovietico Breshnev in un messaggio televisivo trasmesso da Alma Ata nel Kazakistan accusa la Cina di portare avanti una politica "basata su un rabbioso antisovietismo e un'attività sovversi­va contro i Paesi socialisti".

 

22 ago 1973      Il Presidente Nixon annuncia che Henry Kissinger sostituirà come Segretario di Stato il dimissionario William Rogers.

 

29 ago 1973      Il Presidente egiziano Sadat e il leader libico Gheddafi firmano un accordo che proclama lo Stato Arabo Unito.

 

29 ago 1973      La Stampa sovietica inizia una campagna contro il fisico atomico dissidente Andrej Sakharov che il 21 agosto precedente aveva detto che l'Occidente avrebbe dovuto diffidare della distensione così come veniva presentata dai sovietici.

 

 5-9 set 1973     Nella 4ª Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dei Paesi non allineati, tenutasi ad Algeri, si auspica un "piano comune di azione in materia di comunicazioni di massa allo scopo di fornire un canale per lo scambio di idee e la circolazione, attraverso i mezzi di comu­nicazione, di notizie relative alle realizzazioni na­zionali". (Cfr. Lepri, S. Le macchine dell'informazio­ne. Milano 1982. Pag. 116; López Escobar, E. Análisis del "nuevo orden" internacional de la información. Pam­plona 1978. Pag. 304).

 

10 set 1973       Discorso di Paolo VI ai partecipanti alla sessione straordinaria dell'Istituto di Diritto Internazionale. Il Papa afferma tra l'altro:

                          "...il diritto pubblico non saprebbe rimanere sordo ad un certo numero di esigenze che oltrepassano il bene e gli interessi dei singoli Stati: esiste un bene comune universale, ciò è ogni volta più chiaro. E soltanto un diritto internazionale può fissare le sue norme". (IP6º, 11, 1973, pag. 829).

 

10 set 1973       Discorso di Polo VI ai dirigenti della Reuters News Agency. In esso il Papa dice tra l'altro:

"...siamo convin­ti che lo sviluppo integrale e ancor più lo sviluppo spirituale dell'uomo richiede informazione che sia in­tegra, consistente, accurata e vera. Quindi la vostra funzione porta con sé una grande responsabilità perché è destinata a rendere l'uomo più capace di agire in conformità con la propria dignità e di assumere un ruo­lo attivo nella vita economica, politica, culturale e religiosa della sua comunità. Con la rapida ed accura­ta disseminazione di notizie voi non soltanto aiutate gli uomini nell'esercizio del loro diritto all'informa­zione sulle cose che li riguardano ma lavorate pure nello stimolarli al mutuo aiuto". (IP6º 11, 1973, pag. 832).

 

           11 set 1973     In Cile, colpo di Stato militare contro il governo di sinistra del Presidente Allende, del quale si dice che si sia suicidato. Due giorno dopo si for­ma una Giunta Militare, che nomina Presidente il generale Augusto Pinochet.

 

           17 set 1973     Ambedue le Germanie e Bahamas sono accettate come membri delle Nazioni Unite.

 

           23 set 1973     In Argentina, Juan Perón e sua moglie Isabel sono e­letti Presidente e Vicepresidente del Paese.

 

24 set 1973       Nomina a Presidente della Pontificia Commissione per la Comunicazioni Sociali di Mons. Andrea Maria Deskur, fino a quel momento Segretario dell'organismo. Suben­tra al defunto Mons. Edward Heston (cfr. 2 mag. 1973). Nella stessa data è nominato Segretario della Pontifi­cia Commissione il comboniano P. Romeo Panciroli.

 

25 set 1973       P. Giacomo Martegani lascia la Direzione Generale della Radio Vaticana. Gli succede P. Roberto Tucci S.I. Nel­la stessa data è nominato Direttore Tecnico della Ra­dio Vaticana il P. Sabino Maffeo S.I., in sostituzione di P. Antonio Stefanizzi che è nominato Consulente Tec­nico della Presidenza della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali.

 

 3 ott 1973         In Germania Orientale il Parlamento sceglie Willi Stoph come capo dello Stato e Horst Sindermann co­me primo ministro.

 

 6 ott 1973         Egitto e Siria attaccano simultaneamente a sorpresa Israele, provocando la 4º Guerra Arabo-israelìana o guerra dello Yom Kippur e ottenendo trionfi ini­ziali. Ma poi vengono respinti dall'esercito is­raeliano, obbligando la Siria (il 24 ott) e l'E­gitto (l'11 nov) ad accettare il cessate il fuo­co.

 

11 ott 1973        Discorso di Paolo VI ai componenti della Commissione Teologica Internazionale in occasione della quinta sessio­ne plenaria della stessa. Il Papa dice tra l'altro:

"Conviene pure affermare che tutti i teologi, quasi per la legge del loro mestiere, partecipano, anche se con diversi gradi di autorità, al compito che è pro­prio dei Pastori della Chiesa: cioè il compito di far fruttificare la fede e di rimuovere gli errori che mi­nacciano il loro gregge" (Lumen gentium, 25). ... "Il compito dei Pastori è esercitato dal magistero autenti­co; questo è dotato del carisma della verità, che non può essere comunicato ad altri e che non può essere sostituito da nessun altro. Ma essi non perciò vengono dispensati dall'obbligo di cercare gli aiuti convenien­ti con cui investigare la rivelazione divina. Quindi il loro autentico magistero ha anche bisogno dell'aiu­to "tecnico" dei teologi, i quali, osservando le leggi del metodo loro proprio, facciano che il giudizio del­la Chiesa arrivi più facilmente a maturità". (IP6º 11, 1973, pag. 990).

 

           17 ott 1973      L'Organizzazione dei Paesi Arabi Esportatori di Petrolio (OAPEC), riunita in Kuwait, raggiunge l'ac­cordo di diminuire ogni mese la produzione di greggio del 5% per obbligare gli Stati Uniti a cambiare la loro politica in Medio Oriente. Il giorno precedente, le sei più importanti Nazioni produttrici di petrolio del Golfo Persico annun­ciano di aver aumentato il prezzo del greggio del 17% e di aver aumentato del 70% le tasse delle Compagnie petroliere. Inizia una crisi petrolifera mondiale che provocherà pure una crisi economica mondiale.

 

20 ott 1973        Discorso di Paolo VI ai partecipanti alla sessione plenaria della Pontificia Commissione per le Comunicazio­ni Sociali. Il Papa sottolinea la funzione delle comu­nicazioni sociali nello sviluppo dei rapporti umani, il diritto all'informazione e la testimonianza che la Chiesa deve dare al mondo attraverso i mezzi di massa. (IP6º 11, 1973, pag. 1010-1011).

 

17 nov 1973      Discorso di Paolo VI ai partecipanti al Convegno Nazionale promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana per i responsabili diocesani delle Comunicazioni Sociali sul tema: "Le comunicazioni sociali e il messaggio cristia­no". Il Papa dice tra l'altro:

"... la situazione in Italia non è affatto confortante. Basti accennare alla crisi morale che attraversa oggi il cinema... Ed anche nella Stampa, come in genere negli altri veicoli di in­formazione ... troppo spesso eventi attinenti a valori religiosi e cristiani vengono snaturati a notizia scan­dalistica, a fatti politici, a curiosità folcloristi­che". (IP6º 11, 1973, pag. 1110).

 

25 nov 1973      Il Presidente greco Papadopoulos è deposto in un colpo di stato incruento e sostituito dal genera­le Phaidon Gizikis.

 

 1 dic 1973        In Israele, morte del primo ministro David Ben Gu­rion.

 

 6 dic 1973        Negli Stati Uniti il Vice Presidente Gerald Ford entra in carica.

 

10 dic 1973       Messaggio di Paolo VI al Presidente dell'Assemblea Gene­rale delle Nazioni Uniti, Leopold Benites, nel 25º an­niversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Il Papa dice tra l'altro:

"Senza voler en­trare nel dettaglio di ognuna delle formule della cele­bre dichiarazione, ma considerando l'elevazione della sua ispirazione e l'insieme della sua redazione, noi possiamo dire che rimane l'espressione di una coscien­za più matura e più precisa dei diritti della persona umana". (IP6º 11, 1973, pag. 1186).

 

           17 dic 1973      All'aeroporto romano di Fiumicino guerriglieri arabi uccidono 31 persone e sequestrano un aereo te­desco.

 

           20 dic 1973      In Spagna il Primo Ministro Ammiraglio Luis Carrero Blanco è assassinato dai terroristi baschi. Verrà sostituito dal Ministro dell’Interno Carlos Arias Navarro.

 

           31 dic 1973      Diversi Paesi produttori di petrolio annunciano che pure loro incrementeranno di un 60-80% il prezzo del greggio a imitazione dei paesi del Golfo Per­sico.

 

31 dic 1973       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Personale dipendente: 240.

                        Agenzie di notizie collegate. 3 (ANSA, AGI, AFP).

                        Trasmettitori in esercizio: 15. (3 di OM, 12 di OC).

                                   Ore di produzione giornaliera media: 19/20.

                        Reti in esercizio: 3. (Rossa, Verde e Gialla).

                        Bilancio consuntivo annuale: 1.187.000.000 lit., pari a 10.586.000.000 lire del 1993.

 

_____________________________________________________________________________________________

 

1974

______________________________________________________________________________________________

 

 

 

       1974          I tecnici della Radio Vaticana hanno curato l'installazione di un organo con 5 tastiere e 6.819 canne nella nuova Sala delle Udienze. Inoltre hanno rea­lizzato nei Musei Vaticani l'installazione di una Rete di controllo audio e video e di una Rete di telefonia interna, con posti fissi e mobili, per la sicurezza del pubblico e delle opere d'arte ivi custodite. (Si tenga conto che i Musei Vaticani sono visitati da cir­ca 14.000 persone al giorno).

 

       1974          Il lavoro del pianterreno di Palazzo Pio rende possibile l'apertura di un nuovo e definiti­vo ingresso al Centro di Produzione da Piazza Pia Nº 3, di fronte a Castel Sant’Angelo. Cambia quindi l'in­dirizzo del Centro di Produzione, che fino a questo momento era stato Via della Conciliazione Nº 2 c. Inol­tre la Radio Vaticana può occupare pure il 2º Piano di Palazzo Pio, prima occupato da altre istituzioni, e iniziare l'adattamento dello stesso all’uso radiofo­nico.

 

       1974          Il Bollettino mensile “Radio Vaticana Programmes”, iniziato in italiano l’anno precedente 1973, si mantiene come pubblicazione unitaria, ma si arricchisce con annunci in altre 5 lingue (tedesco, spagnolo, francese, inglese e portoghese).

 

       1974          La corsa alle potenze in Onda Corta, caratteristica di questo periodo, porta nel 1974 al progetto di sostitui­re gradualmente i trasmettitori di Onda Corta di 100 kW, inaugurati a partire dal 1957, con altri, con antenne multibanda a cortine di dipoli e girevoli su 360 gradi circa.

 

       1974          Nel 1974, sotto la Direzione del nuovo Direttore Genera le P. Roberto Tucci, incomincia a tenersi ogni mese il Consiglio di Programmazione, in cui convergono i Diret­tori dei tre Settori della Radio (Programmi, Radiogior­nale e Tecnico), i responsabili dei Servizi Centrali (Redazione Centrale, Liturgia, Musicali e Propaganda) e i Coordinatori dei 4 Gruppi Linguistici in cui sono raggruppati i Programmi (Africano-Asiatico, Europeo Centrale, Europeo Nord-Orientale e Occidentale).

L'obiettivo del Consiglio di Programmazione è quello di imprimere a tutto l'insieme dei Programmi una linea comune nel rispetto della necessaria diversità e rela­tiva autonomia dei diversi Programmi, e di promuovere una più razionale utilizzazione delle risorse disponi­bili.

 

       1974          Nel 1974, il Radiogiornale, alla ricerca di una maggiore unità e di una maggiore diffusione del proprio ascol­to, cambia la sua sigla iniziale, introduce tra le set­te lingue in cui viene trasmesso dei cuscinetti musica­li adatti ad ognuna di esse, ed arricchisce le fre­quenze con cui è diffuso, affinché possa essere ascol­tato anche fuori dai Paesi cui ognuna delle sue edizio­ni va preferibilmente destinata.

 

        1974         A Ginevra, Conferenza Mondiale sulle Radiocomunicazioni Marittime. Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

       1974          Lancio del satellite sovietico per telecomunicazioni "Molnya 2".

 

       1974          Nella Gran Bretagna, la BBC inizia le sue trasmissioni sperimentali di "teletesto" col sistema CEEFAX, primo sistema di questo nuovo genere di comunicazione.

 

16 gen 1974      Discorso di Paolo VI al Comitato per le comunicazioni so­ciali della Conferenza Episcopale Tedesca, convenuto a Roma per una riunione con la Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali. (IP6º 12, 1974, pag. 53).

 

           18 gen 1974    Egitto e Israele firmano un accordo per il disimpe­gno delle loro truppe lungo il canale di Suez, con­cludendo il conflitto scoppiato con l'attacco egi­ziano del 6 ottobre 1973 contro le truppe israe­liane insediatesi nel Sinai dalla guerra del 1967.

 

20 gen 1974      Inaugurazione della trasmissione sistematica dell'Ange­lus del Papa. Prima la trasmissione di questo rito do­menicale era stata realizzata soltanto in determinate occasioni. Adesso diventa una trasmissione abituale. Lo sarà pure per i successivi pontificati.

 

 4 feb 1974        Negli Stati Uniti l'Esercito di Liberazione Simbionese sequestra Patricia Hearst, figlia del magna­te della stampa William Randolph Hearst. La seque­strata finirà per passare dalla parte di seque­stratori e parteciperà ad azioni terroristiche.

 

10 feb 1974       Paolo VI, in occasione dell'Angelus domenicale, parla dell'anniversario ricorrente della morte di Pio XI, con ricordi personali del suo predecessore, in partico­lare per quanto riguarda la Conciliazione tra l'Italia e la Santa Sede. (IP6º 12, 1974, pag. 169).

 

13 feb 1974       L'Unione Sovietica espelle dal Paese e priva della cittadinanza il romanziere dissidente Aleksandrei Solgenitsin.

 

28 feb 1974       In Gran Bretagna risultato incerto nelle elezio­ni politiche. Nessun Partito raggiunge la maggioran­za assoluta dei seggi. Il conservatore Heath non ot­terrà l'appoggio dei liberali, e i laburisti forme­ranno un  Governo il 4 marzo. Ma entro l'anno si arrive­rà a nuove elezioni.

 

            2 apr 1974      In Francia morte a Parigi del Presidente Georges Pompidou. Le elezioni presidenziali del 19 maggio saranno vinte da Valéry Giscard d'Estaing, che as­sumerà la carica il 27 maggio.

 

 8 apr 1974       Discorso di Paolo VI a dirigenti di Enti Radiofonici e Televisivi dell'Europa e dell'America del Nord, ospiti della Pontificia Commissione per le Comunicazioni So­ciali. Il Papa parla del peso che hanno preso nella vi­ta dell'uomo le tecniche audiovisive e delle responsa­bilità che ciò comporta. (IP6º, 12, 1974, pag. 328­-329).

 

          21 apr 1974      In Colombia il liberale Alfonso López Michelsen è eletto Presidente nelle prime elezioni libere do­po più di 20 anni.

 

22 apr 1974       In Israele il laburista Yitzhak Rabin è designato dal suo Partito per formare governo in sostituzio­ne di Golda Meir, dimessasi il 10 aprile preceden­te.

 

25 apr 1974       Colpo di Stato incruento in Portogallo. Una giunta militare di sette membri, guidata dal generale An­tonio di Spinola, depone il Presidente Américo To­más e il capo di governo Marcello Caetano e assu­me il potere. Il 15 maggio Spinola assumerà la Presidenza del Paese.

 

 1 mag 1974      L'Assemblea generale straordinaria dell'ONU approva una dichiarazione relativa all'instaurazione di un "Nuovo Ordine Economico Internazionale".

 

 6 mag 1974      In Germania Federale il Cancelliere Willy Brandt presenta le proprie dimissioni: il suo segretario Günther Guillaume era una spia della Germania Orientale. Il 16 maggio successivo gli subentrerà Helmut Schmidt.

 

13 mag 1974     In Italia un referendum rifiuta l'abolizione della legge sul divorzio.

 

14 mag 1974     In Gran Bretagna il Rev. Donald Coggan è eletto Ar­civescovo di Canterbury e Primate della Chiesa An­glicana in sostituzione del Rev. Michael Ramsey.

 

16 mag 1974     Pubblicazione del messaggio di Paolo VI per l'8ª Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali, quest'anno sul tema "Le comunicazioni sociali e l'evangelizzazione del mondo contemporaneo". Il Papa parla di diversi im­pegni.

"Per primo, quello di dare all'informazione e allo spettacolo contemporaneo una linea di sviluppo che faciliti la diffusione della Buona Novella e favo­risca l'approfondimento dei concetti della dignità del­la persona umana... Poi la ricerca per un rinnovamento dei metodi di apostolato applicando i nuovi strumenti audiovisivi e di stampa... Infine il ricorso agli stru­menti della comunicazione sociale per raggiungere i paesi, gli ambienti, le persone a cui l'apostolato del­la parola non può pervenire direttamente a causa di particolari situazioni per la scarsità dei ministri, o perché la Chiesa non può esercitare liberamente la sua missione”. (IP6º, 12, 1974, pag. 433).

 

           18 mag 1974   L'India fa esplodere la sua prima bomba atomica, diventando la sesta potenza nucleare (oltre Stati Uniti, Unione Sovietica, Gran Bretagna, Francia e Cina).

 

26 mag 1974     8ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali. In occasione dell'Angelus, Paolo VI dice tra l'altro:

 "Se abbiamo il senso della dignità e della necessità della Parola, noi dobbiamo diventare spiritualmente appassio­nati per il colossale fenomeno dei moderni mezzi di co­municazione sociale. (IP6º, 12, 1974, pag. 507).

 

 2 giu 1974        Prima trasmissione di "Studio A", programma musicale in stereofonia trasmesso in modulazione di frequenza, con­cepito e condotto in studio da P. John St. George. Con questa trasmissione nasce e incomincia a svilupparsi la 4ª Rete della Radio Vaticana, la Rete Bianca, in mo­dulazione di frequenza su Roma, ragione per cui finirà col chiamarsi "Rete locale romana". All'inizio utiliz­zava un trasmettitore FM di 5 kW. Le 2 ore iniziali di trasmissione (20,00-22,00) diventeranno 4 a partire dal 2 settembre (+ 13,00-15,00) e 6 a partire dal 1º novembre. Alla fine di novembre, 10.000 ascoltatori hanno sollecitato l'invio della gui­da mensile che offre il programma.

 

             1 lug 1974     In Argentina, morte del Presidente Juan Perón. Gli subentra la Vicepresidente, sua moglie, che aveva giá assunto le funzioni il precedente 29 giugno.

 

10 lug 1974       Pubblicazione del discorso di Paolo VI, destinato all’Udienza Generale, non pronunciato a causa di un'acutiz­zazione della malattia artritica del Papa. Il Papa in questo discorso parla di "scuotere dai nostri animi quel senso d'incertezza, di timidezza, di timore, che il clamore e l'audacia di inattese e spesso indebite contestazioni di nostri fratelli cattolici, talvolta nella funzioni di maestri della dottrina, hanno diffu­so nell'opinione del Popolo di Dio, quasi che il Conci­lio segnasse tale novità nella storia e nella vita vis­suta della Chiesa da squalificare il passato. (IP6º 12, 1974, pag. 648).

 

           15 lug 1974     In Cipro il Presidente Makarios è deposto da un colpo di Stato portato a termine da militari greci. Il colpo provocherà una tensione crescente tra le comunità greca e turca. Nei successivi 20-22 mag­gio, i Turchi invadono l'isola. Il 23 maggio, la giunta di Atene si dimette e chiama dall'esilio Karamanlis, e in Cipro il golpista Sampson, dimes­sosi, è sostituito da Cleridis.

 

 1 ago 1974       La Grecia recupera la normalità costituzionale, ma gli articoli riguardanti la monarchia rimangono sospe­si.

 

 8 ago 1974       Negli Stati Uniti, Richard Nixon, travolto dallo scandalo Watergate (spionaggio della convenzione del Partito democratico), si dimette da Presiden­te. Il giorno successivo, il Vicepresidente Ge­rald Ford assume la Presidenza del Paese.

 

 2 set 1974        Saluto di Paolo VI ai partecipanti all'Assemblea generale dell'UNDA, l'Associazione Internazionale Cattolica per la Radio e la Televisione. (Dublino, 1-6 set).

 

12 set 1974       In Etiopia, deposizione dell'Imperatore Haile Selassie I, dissoluzione del Parlamento e sospensione della Costituzione. Il Generale Aman Michael An­dom è messo a capo del Consiglio Amministrativo Militare.

 

27 set – 26 ott   Assemblea generale 3ª ordinaria del Sinodo dei Vescovi, che d’ora in poi sarà convocata ogni tre anni, sul te­ma: "L'evangelizzazione del mondo contemporaneo". Ne è Relatore il Cardinale Arcivescovo di Cracovia, Karol Wojtyla, il quale alla fine dell'Assemblea farà un bi­lancio finale della stessa ai microfoni della Radio Va­ticana.

Per speciale concessione della Segreteria del Sino­do, anche in questa occasione redattori designati dal­la Radio Vaticana assistono alle sedute generali. Il Radiogiornale può così fare nella trasmissione delle 14,30 un'informazione puntuale sulle sedute mattutine appena finite, e inoltre può realizzare durante tutto il Sinodo una trasmissione straordinaria serale.

 

   ott 1973         Viene chiuso il regolare collegamento radiotelegrafico della Radio Vaticana con la Gran Bretagna, che era stato inaugurato il 3 gennaio 1941, a causa della disponibilità di altri canali di telecomunicazione affidabili. (SRT 2,1).

 

10 ott 1974        In Gran Bretagna vittoria elettorale per scarso mar­gine (3 seggi) del Partito Laburista. Harold Wil­son forma governo.

 

           14 ott 1974      L'assemblea Generale dell'ONU riconosce l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina come "rappresentante del popolo palestinese" (105 voti a favore, 4 contro, 20 astenuti).

 

23 ott 1974        Pubblicazione di un Appello dei Padri Sinodali dal titolo "Diritti dell'uomo e riconciliazione". Parlando dei diritti politici e culturali, l'appello dice tra l'al­tro.

"Ognuno ha il diritto di partecipare alla vita po­litica con libertà e responsabilità. Ha pure il dirit­to di accedere liberamente all'informazione; diritto di parola, diritto alla libertà di stampa; diritto ad un'opinione diversa". (IP6º 12, 1974, pag. 1034).

 

13 nov 1974      La Pontificia Accademia delle Scienze celebra nell'Aula del Sinodo una solenne commemorazione del centenario della nascita di Guglielmo Marconi, alla quale assiste il Papa. Riferendosi a Marconi, il Papa definisce sforzo magico e profetico quello compiuto da Marconi a beneficio dell'umanità. (IP6º, 12, 1974, pag. 1096).

 

17 nov 1974      In Grecia chiara vittoria elettorale del Primo Mini­stro Karamanlis nelle prime elezioni libere dal 1964.

 

           26 nov 1974    In Giappone, il primo ministro Kakuei Tanaka, accu­sato di essersi servito della politica per arric­chirsi, annuncia le proprie dimissioni. Il 9 di­cembre successivo sarà sostituito da Takeo Miki.

 

29 nov 1974      In Francia, l'Assemblea nazionale approva la legalizzazione dell'aborto nelle 10 prime settimane di concepimento.

 

30 nov 1974      Paolo VI consegna al Direttore Generale dell'UNESCO il Premio per la Pace "Giovanni XXIII". Il Papa pronuncia un discorso. (IP6º, 12, 1974, pag. 1141).

 

 1 dic 1974        Prima trasmissione del programma rotocalco "Radiodomenica", programma festivo in stereofonia, sotto la guida di P. Pasquale Borgomeo, Capo della Redazione Centra­le. E' composto da commenti sull'attualità e reporta­ges giornalistici, ed è destinato a servire da pilota e da vetrina per l'insieme dei programmi dell'emitten­te.

 

             3 dic 1974     Lancio della sonda statunitense Pioneer 11, dopo a­ver sorpassato Giove, si avvia verso Saturno, al­le cui vicinanze dovrà arrivare dopo 5 anni, nel 1979.

 

16 dic 1974       Pubblicazione dell'Esortazione Apostolica di Paolo VI "Paterna cum benevolentia" sulla riconcilia-zione al­l'interno della Chiesa. In essa il Papa parla tra l'altro della polarizzazione del dissenso nella Chie­sa. (IP6º 12, 1974, pag. 1270 ss.).

 

20 dic 1974       Prima trasmissione del Programma "Speciale Anno Santo, 6983555, una redazione per voi", diretto da Mons. Pier­franco Pastore. E' un programma poliglotta, in italia­no, francese, inglese e spagnolo (più un giorno a set­timana in tedesco), che va in onda nei giorni feriali per due ore al giorno (08,00-09,00 e 13,00-14,00).

    In questo programma è introdotto, come servizio ai pellegrini, un notiziario di informazione generale sul­le aree della loro provenienza. Con ciò questo program­ma contribuisce in forma importante a consolidare la presenza dell'informazione generale di attualità nella tematica contestuale della Radio Vaticana. Nel 1976, finito l'Anno Santo, rimarrà nel palinsesto conservan­do la sua struttura fondamentale sotto una nuova deno­minazione: "Quattrovoci".

 

31 dic 1974       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Personale dipendente: 240.

                        Agenzie di notizie collegate. 3 (ANSA, AGI, AFP).

                        Trasmettitori in esercizio: 15. (3 di OM, 11 di OC, 1 di FM).

Ore di produzione giornaliera media: 19/20.

                        Reti in esercizio: 4. Rossa, Verde, Gialla e Bianca.

                        Bilancio consuntivo annuale: 2.187.000.000 lit., pari a 16.329.000.000 lire del 1993.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1975

_____________________________________________________________________________________________

 

 

       1975          A Ginevra, Conferenze dell’Unione Internazionale delle Telecomunicazioni (UIT) per la Radio-diffusione in Onde Lunghe e in Onde Medie. Allo Stato della Città del Vaticano (SCV) vengono assegnate in Onda media le frequenze di 1530 kHz e 1260 kHz, più un’altra frequenza di piccola potenza per servizio locale. Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

       1975          Nel Centro di Produzione di Palazzo Pio si conclude, con l'occupazione del 2º Piano, l'insediamento del­la Radio Vaticana. In questo stesso anno è creata una "Segreteria di Sede", che con dipendenza dalla Direzio­ne Generale, coordina l'attività amministrativa della stessa. Succede alla "Segreteria dei Programmi" nata nel 1968.

 

       1975          Anno Santo. La Radio Vaticana è completamente mobilita­ta: 8.322 ore di trasmissione nel corso dell'anno, 70 di esse in diretta. I trasmettitori funzionano per complessive 32.000 ore. I collegamenti con radiodiffusioni esteri sono 316.

 

       1975          Il Programma scandinavo della Radio Vaticana, nato nel 1953, che utilizzava già lo svedese e il danese, introduce l'uso regolare anche del finlandese.

 

       1975          Il Bollettino mensile “Radio Vaticana Programmes”, iniziato in italiano nel 1973, ed arricchito nel 1974 con annunci in altre 5 lingue (tedesco, spagnolo, francese, inglese e portoghese), aggiunge annunci in una settima lingua, il polacco.

.

       1975          In Gran Bretagna, l’Indipendent Boadcasting Autority (IBA) inizia le sue trasmissio­ni sperimentali di tele testo col sistema ORACLE.

 

           gen 1975         L'agenzia jugoslava TANJUG inaugura nelle vicinanze di Belgrado un grosso centro tecnico di ricezione e tra­smissione telegrafica, per metterlo a disposizione del "POOL" di Agenzie nazionali dei paesi non allineati, po­stulato nella riunioni di Algeri del 5-7 settembre 1973. Dopo un anno, 26 Agenzie nazionali e il servizio stampa dell'U­NESCO faranno capo a questo centro.

 

            19 gen 1975   In Cina, nuova Costituzione basata nelle dottrine di Mao. La carica di Presiedente, vacante dalla destituzione di Liu Shao-shi, è abolita.

 

            11 feb 1975    Nella Repubblica Malgascia, assassinio del Presidente Col. Richard Ratsimandrava.

 

            13 feb 1975    In Cipro, la comunità turca si proclama Stato sepa­rato e occupa il 40% del territorio al nord del­l'isola.

 

28 feb 1975       Le Comunità Economiche Europee e 46 nazioni sottosviluppate dell'Africa, i Caraibi e il Pacifico firmano a Lomé (Togo) un accordo di commercio e aiuto.

 

11 mar 1975      In Portogallo, tentativo di colpo di Stato dei so­stenitori del gen. Antonio di Spinola, che aveva guidato il colpo del 25 aprile 1974 ma si era poi dimesso e esiliato in Spagna. Il 12 si forma un nuovo governo di sinistra che il 14-15 decreta la nazionalizzazione della banca e delle assicu­razioni.

 

25 mar 1975      In Arabia Saudita, assassinio di Re Faisal per mano del suo nipote il principe Faisal Ibn Musad Ibn Abdul Aziz. Gli subentra il Principe Khalid. L'assassi­no sarà condannato e decapitato il 18 giugno succes­sivo.

 

 5 apr 1975        Nella Repubblica di Cina (Cina nazionalista), morte del Presidente Chiang Kai-shek a Taipei.

 

13 apr 1975       Nel Ciad, assassinio del Presidente N'Garta Tombalbaye. Il generale Noël Odingar prende il potere.

 

14 apr 1975       In Italia, promulgazione della Legge n. 103 su nuove nor­me in materia di diffusione radiofonica e televisiva. Viene confermata la riserva allo Stato delle trasmis­sioni radiotelevisive via etere, affidandone la gestio­ne ad una società a totale partecipazione pubblica, sottoposta alla vigilanza della commissione parlamenta­re che, fissando l'aggancio politico con il Parlamen­to, offra garanzie di indipendenza, obiettività, aper­tura alle diverse tendenze politiche, sociali e cultu­rali del Paese. La composizione del Consiglio di Ammi­nistrazione della società concessionaria 6 membri eletti dal'Assemblea generale e 10 dalla Commissione parlamentare (con 4 designazioni dei Consigli regiona­li) rispecchia l'impostazione pluralista della riforma. (Cfr. BISCARDI Aldo e LIGUORI Luca. L'impero di vetro. La prima grande indagine sulla RAI-TV. Torino. Società Editrice Internazionale. 1978. Pag. 32.).

La riforma porterà alla costituzione di due testate televisive (TG1 e TG2) e tre testate radiofoniche (GR1, GR2, GR3). Il primitivo carattere unitario della RAI, in cui era determinante l'influsso del Partito di maggioranza relativa, la Democrazia Cristiana, sarà progressivamente sostituito da tre centri d’influsso: la Democrazia Cristiana sul TG1 e sul GR2, il Partito Socialista sul TG2 e il GR1, e il Partito Comunista sul GR3 e, più tardi, quando all'ombra di un nuovo canale regionale verrà creato un nuovo TG, sul TG3. Le nomine e le assunzioni del personale si ispireranno nel futuro, secondo ammissione universale, ad una logi­ca di ferrea lottizzazione politica.

 

16 apr 1975       Saluto di Paolo VI ai Membri del Consiglio dell'Unione Cattolica Internazionale della Stampa (UCIP). Il Papa dice tra l'altro:

"...siete perfettamente consapevoli della responsabilità dei giornalisti cattolici, dei giornali e delle agenzie cattoliche che voi rappresen­tate; tutti quanti sono qui intorno a voi potrebbero dirvi quanto essi contano su di voi e sui vostri colle­ghi per presentare un'informazione esatta e proporzio­nata all'importanza dei fatti, in mezzo alla massa del­le notizie che li assalgono; essi contano su di voi per aiutarli a farsi un giudizio obiettivo, nella veri­tà e nella carità; essi contano anche di trovare pres­so di voi una testimonianza specifica della vita delle comunità cristiane, dei loro sforzi e dei loro proble­mi reali, che non silenzi il riferimento alla fede e al disegno autentici della Chiesa. Perchè è spesso at­traverso i giornali che la Chiesa e conosciuta, giudi­cata, stimata, soprattutto da coloro che sono lonta­ni". (IP6º, 13, 1975, pag. 304).

 

17 apr 1975       In Cambogia, finisce la guerra con la resa del go­verno di Long Boret ai Khmer rossi. Inizia un olo­causto di cui l'informazione parlerà poco.

 

19 apr 1975       Pubblicazione del messaggio di Paolo VI per la 9ª Giorna­ta mondiale delle Comunicazioni sociali, sul tema: "La riconciliazione". Il Papa parla dell’obiettività dell’informazione "punto di vista essenziale ... che cor­risponde al diritto di ognuno di sviluppare integral­mente la propria personalità, secondo verità, e di po­ter esercitare le proprie responsabilità con conoscen­za di causa". Il Papa accetta che l'informazione si possa arricchire con una certa "interpretazione", ma denuncia le manipolazioni che con pretesto di essa spesso si introducono. (IP6º, 13, 1975, pag. 315)

 

21 apr 1975       In Vietnam del Sud, il Presidente Van Thieu si di­mette denunciando l'inaffidabilità degli Stati Uniti, nomina a sostituirlo il vicepresidente Tran Van Huong e annuncia che questi cercherà di intavolare negoziati di pace.

 

25 apr 1975       In Portogallo, le elezioni danno la vittoria ai so­cialisti (38%) a ai Popolari Democratici (26%); netta sconfitta dei comunisti.

 

29 apr 1975       Le truppe comuniste del Vietnam del Nord entrano in Saigon. Le ultime truppe degli Stati Uniti abban­donano il Paese con un certo numero di vietnami­ti. Il giorno successivo, il generale Minh, nomi­nato presidente il 27, si arrende senza condizioni.

 

 8 mag 1975      Lettera del Cardinale Segretario di Stato, Jean Villot, al Presidente delle Settimane Sociali di Francia per i lavori della "Session de rencontres et de confronta­tions", sul tema della contestazione e del rinnovamen­to delle istituzioni. (IP6º, 13, 1975, pag. 416 ss.).

 

11 mag 1975     Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali. Con l’omelia di Paolo VI si rivolge ai diversi "Ministri e Diaconi della Parola trasmessa". Sugli ope­ratori della Radio dice:

"E voi, che traducete e preve­nite il messaggio stampato con quello vivo e scandito della vostra voce, profeti eloquenti e messaggeri ful­minei della Radio, e che carpendo all'etere le sue si­lenziose vibrazioni le trasmutate in eco sonante del vostro annuncio personale, strumenti, potremmo quasi dire angelici del dialogante monologo, allargato in cerchi immensi, per ignoti e  innumerevoli uditori". Il Papa parla poi dell'importanza e dell'etica delle comunicazioni sociali. (IP6º, 13, 1975, pag. 484).

 

             5 giu 1975     In Gran Bretagna, i cittadini confermano in referendum la loro volontà di rimanere nelle Comunità Economiche Europee.

 

11 giu 1975       Allacciamento con l'Agenzia telegrafica statunitense di informazione cattolica "National Catholic News Servi­ce" (NCNS o NC), con sede a Washington. Le linee tele­grafiche in arrivo alla Radio Vaticana diventano 4: AFP, ANSA, AGI, e NCNS.

 

14 giu 1975       Discorso di Paolo VI al collegio degli scrittori de "La Civiltà Cattolica", in occasione del 3000º fascicolo della rivista. (IP6º 13, 1975, pag. 630 e ss.).

 

15 giu 1975       Nella Repubblica Malgascia, Didier Ratsiraka, fautore quando era Ministro degli Esteri della svolta verso l'Unione Sovietica, è nominato Presidente.

 

25 giu 1975       Mozambico raggiunge la piena indipendenza diventan­do la Repubblica Popolare del Mozambico. Samora Moises Machel è Presidente.

 

26 giu 1975       In India, il governo di Indira Gandhi decreta lo stato di emergenza, realizza una ondata di arre­sti e impone la censura della stampa.

 

12 lug 1975       Sao Tomé e Principe raggiungono l'indipendenza. Ma­nuel Pinto da Costa è il primo Presidente.

 

17 – 19 lug 1975           La nave spaziale sovietica Soyuz  e  quella  statunitense Apollo si incontrano nello spazio.

 

29 lug 1975       Colpo di Stato incruento in Nigeria. Il Presidente Yakubu Gowon è destituito  e sostituito dal bri­gadiere Murtale Ramat Mohammed.

 

30 lug-1ago 1975            Conferenza al vertice di tutti i Paesi Europei  (meno Albania), incluso lo Stato della Città del

Va­ticano, più Stati Uniti e Canada, riuniti nella Conferenza per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (CSCE) a Helsinki. Il  vertice conclude con la firma dell'Atto finale di Helsinki, che ri­conosce le frontiere uscita dalla Guerra Mondiale e proclama la libera circolazione delle persone e delle idee. Questa ultima questione faceva parte del terzo paniere", dedicato alla "cooperazione nel settore umanitario e in altri settori", e in esso erano contenute tre pagine dedicate all'infor­mazione. I firmatari si proponevano "di facilita­re una più libera ed ampia diffusione di ogni ti­po di informazione e di incoraggiare la coopera­zione nel campo dell'informazione con altri Pae­si". I Paesi firmatari si impegnavano inoltre a incoraggiare la cooperazione tra gli organi di in­formazione di massa, comprese le Agenzie di stam­pa, e a metterli in condizioni di trasmettere com­pletamente, regolarmente e con rapidità i loro servizi senza espellerli o altrimenti penalizzar­li in relazione al legittimo svolgimento della lo­ro attività professionale". (Cfr. Lepri. o.c., pag. 117).

 

   ago 1975        A Santa Maria di Galeria iniziano i lavori per l'istallazione di un nuovo trasmettitore ad onde corte e della relativa antenna girevole, che sarà, nel suo genere, la più grande del mondo.

 

              ago 1975      Conferenze dei Ministri degli Esteri dei Paesi non alli­neati a Lima. Una risoluzione speciale è dedicata alla cooperazione nel campo dell'informazione. Si rende pub­blica l'offerta del Governo dell'India per ospitare nel 1976 una conferenza dedicata allo studio di questi temi.

 

           15 ago 1975    Colpo di Stato in Bangladesh e uccisione di Mujibur Rahman, Presidente fondatore della Ripubblica. Subentra Khandakar Mushtaque, i cui simpatiz­zanti avevano guidato il colpo.

 

           16 ago 1975    Dimostrazioni anticomuniste in Portogallo. Il 29 agosto, il Primo Ministro generale Vasco dos San­tos Gonçalves, accusato di promuovere i comunisti, è deposto e sostituito dall'ammiraglio Josè Pi­nheiro de Azevedo.

 

22 ago 1975      Prima Messa celebrata nella Cappella del Centro di Produ­zione di Palazzo Pio, ancora non insonorizzata né alle­stita come studio radiofonico.

 

           16 set 1975     Papua Nuova Guinea diventa indipendente. Michael Somare è il primo capo del governo.

 

19 set 1975       Nuovo governo portoghese secondo i risultati delle elezioni del 25 aprile precedente.

 

  1 ott 1975       Pubblicazione della Costituzione Apostolica di Paolo VI "Romano Pontifici Eligendo" circa la vacanza della Se­de Apostolica e l'elezione del Romano Pontefice. (IP6º 13, 1975, pg. 1015 ss.).

 

             9 ott 1975      Il Premio Nobel per la Pace è attribuito al padre della bomba all'idrogeno sovietica e avvocato del­le libertà civili, Andrej Sakharov.

 

         3 -7nov 1975     In Bangladesh l'esercito prende il potere. Il Presidente Mushtaque è sostituito da Abu Sadat

                                 Mohammed Sayem.

 

         6-7 nov 1975     Diecine di migliaia di marocchini realizzano la “Marcia Verde” sul Sahara Occidentale ancora 

                                 sotto l'autorità spagnola.

 

          10 nov 1975     I portoghesi abbandonano l'Angola, dove il giorno successivo sono proclamati due diversi governi.

 

         20 nov 1975      In Spagna, morte del generale Francisco Franco, al potere dal 1º ottobre 1936. Due giorni dopo, Juan Carlos I è proclamato Re di Spagna.

 

         25 nov 1975      Il Surinam raggiunge l'indipendenza. Ne è primo mini­stro Henk Arron.

 

         30 nov 1975      Il Dahomey diventa la Repubblica Popolare di Benin.

 

 8 dic 1975        Pubblicazione dell'Esortazione Apostolica di Paolo VI "Evangelii Nuntiandi" sull'evangelizzazione del mondo contemporaneo. Si tratta del documento che riassume i frutti della XXª assemblea generale ordinaria del Sino­do dei Vescovi su questo stesso tema, avutasi dal 27 set al 26 ott 1974. Nel Nº 45 di questo importante do­cumento, il Papa parla dell'utilizzazione degli stru­menti della comunicazione sociale nell'evangelizzazio­ne e del suo necessario completamento con un indispen­sabile contatto personale. Nella Parte V (num. 49-58) il Papa parla dei destinatari dell'evangelizzazione, che deve essere universale, inclusi i lontani, il mon­do scristianizzato, i non credenti, i non pratican­ti... (IP6º 13, 1975, pg. 1380-1438).

 

15 – 22 dic 1975  Conferenza intergovernativa organizzata dall'UNESCO a Parigi per preparare la Conferenza Generale dell'UNE­SCO a Nairobi. Il doppio obiettivo della libera cir­colazione delle informazioni e della promozione della mutua conoscenza e comprensione tra i popoli fa appa­rire due concezioni dell'informazione: i Paesi socia­listi insistono sulla non ingerenza e sulla sovranità nazionale controllate dai Governi, i paesi capitalisti sul libero flusso. La proposta di includere nel pream­bolo della dichiarazione della conferenza la risoluzio­ne 3379 dell'ONU che considerava il sionismo come una forma di razzismo provocherà l'abbandono della confe­renza da parte dei Paesi del Mercato Comune, Austra­lia, Canada, Stati Uniti, Norvegia e Israele.

 

31 dic 1975       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Personale dipendente: 240.

                        Agenzie di notizie collegate. 4 (ANSA, AGI, AFP, NCNS).

                        Trasmettitori in esercizio: 15. (3 di OM, 10 di OC, 1 di FM).

                        Reti in esercizio: 4. (Rossa, Verde, Gialla e Bianca).

                        Bilancio consuntivo annuale: 2.904.000.000 lit., pari a 18.505.000.000 lire del 1993.

 

______________________________________________________________________________________________

 

1976

______________________________________________________________________________________________

 

      

       1976          Nel 1976 nel Centro trasmittente di Santa Maria di Galeria si procede alla collocazione di un nuovo trasmettito­re Telefunken ad onda corta di 500 kW. Allo stesso tempo si procede alla costruzione della relativa antenna gi­revole: un ponte orizzontale di 85 m., appoggiato con quattro coppie di ruote che girano su un anello circo­lare, sulle quali si innalzano due torri di 79 m. di altezza. Da esse sono sospese due cortine di dipoli onde corte. Il giro completo dell'antenna si realizza in 12 minu­ti. Con queste caratteristiche, al momento della sua costruzione, l'antenna girevole di Santa Maria di Ga­leria è nel suo genere la più grande del mondo: con fasci stretti che riducono il campo elettromagnetico nelle aree non servite.

                       

       1976          Il Bollettino mensile “Radio Vaticana Programmes”, iniziato in italiano nel 1973, che dal 1975 includeva annunci in 7 lingue (italiano, tedesco, spagnolo, francese, inglese, portoghese e polacco), aggiunge annunci in altre due lingue: croato e sloveno.

 

       1976          I due sistemi di tele testo sperimentati in Gran Bretagna, CEEFAX e ORACLE, diventano operativi e definitivi.

 

       1976          La Francia realizza la sua prima dimostrazione pubblica di teletesto, sotto la denominazione di AN­TIOPE.

 

 1 gen 1976       Il Radiogiornale inizia la inclusione di una sezione di informazione generale dal titolo "Brevi dal mondo". Du­rerà fino a tutto il 1977.

 

 1 gen 1976       Prima trasmissione di "Con voi nella notte", programma di musica e commenti, introdotto dietro suggerimento personale di Paolo VI, grande lavoratore notturno.

 

 2 gen 1976       Il Programma "Speciale Anno Santo, 698 35 55, una reda­zione per voi", finito l'Anno giubilare, cambia titolo diventando il Programma "Quattrovoci".

 

 8 gen 1976       In Cina, muore il Primo Ministro Chu En-lai. Sarà sostituito da Hua Kuo-feng, ad interim il 7 febbraio, e definitivamente il 7 aprile successi­vo.

 

 4 feb 1976        Esplode in diversi Paesi (Giappone, Italia, Turchia, Mexico, Colombia, Olanda...) lo scandalo Lockheed: tangenti pagate dalla Compagnia aero­nautica statunitense per vendere gli aerei di pro­pria fabbricazione.

 

13 feb 1976       In Nigeria, tentativo di colpo di Stato. Il capo del governo Murtale Ramat Mohemmed è ucciso, ma gli insorti non riescono ad occupare il potere e verranno giustiziati l'11 marzo successivo.

 

27 feb 1976       Il leader comunista italiano Enrico Berlinguer rivendica a Mosca, durante il 25º Congresso del Par­tito Comunista Sovietico, una via indipendente per il comunismo italiano.

 

28 feb 1976       Discorso di Paolo VI ai giornalisti dell'Associazione della Stampa Estera in Italia. Il Papa parla della dif­ficoltà e delle esigenze per informare bene sulla Chie­sa, "ne ignorata damnetur" "non sia condan-nata, perché non conosciuta". Il Papa dice pure:

"Il pluralismo, che è tanto esaltato nella società contemporanea, ri­chiede per lo meno la tolleranza ed il rispetto per le opinioni degli altri. Eppure si assiste oggi, qua e là, a manifestazioni di intolleranza, delle quali è talora vittima la Chiesa Cattolica, mentre non sempre si leva la protesta dell'opinione pubblica e la voce dei giornalisti, che ne sono gli interpreti e le gui­de”. (IP6º, 14, 1976, pag. 136).

 

   mar 1976       In un Simposio sull'emancipazione dei mezzi di massa dei non allineati, avutosi a Tunisi, è rivendicata la so­vranità di ogni Paese sull'informazione che circola in esso. (Cfr. Lepri, o.c., 118; López Escobar, o.c., 313 ss).

 

15 mar 1976      Riforma della RAI. Sdoppiamento delle due Reti Televisi­ve e radiofoniche e dei due Telegiornali e Radiogiorna­li.

 

17 mar 1976      Discorso di Paolo VI ai partecipanti alla congregazione plenaria della Pontificia Commissione per le Comunica­zioni Sociali. (IP6º 14, 1976, pag. 194).

 

24 mar 1976      In Argentina, i tre comandanti dell'esercito depongono la Presidente María Estela Martínez de Pe­rón. Il 29 marzo successivo, il generale Jorge Ra­fael Videla assume la Presidenza del Paese.

 

 5 apr 1976        In Gran Bretagna James Callaghan diventa Primo Mini­stro in sostituzione del dimissionario Harold Wil­son.

 

11 apr 1976       Messaggio di Paolo VI per la 10ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "Le comunicazioni so­ciali di fronte ai diritti e doveri fondamentali del­l'Uomo". In esso il Papa, parlando degli strumenti del­la comunicazione sociale, dice tra l'altro:

"Si tratta certo di mezzi, ma essi non hanno solo una funzione strumentale, non servono solo a stabilire contatti o a diramare messaggi, non si prestano solo all'evasione ed al divertimento: sono anche e soprattutto strumenti educativi e, come tali, sono elevabili ad una più alta funzione, che è di ordine didattico e formativo". Poi, parlando dei diritti dell'uomo, dice: "...nel presente messaggio ci piace richiamare i compiti particolari che gli strumenti di comunicazione sociale hanno nei riguardi dei diritti e doveri fondamentali dell'uomo. Tra questi -e la moderna civiltà l'ha indubbiamente posto in maggiore rilievo- ve n'è uno che dipende, qua­si del tutto, dai mezzi di comunicazione: il diritto alla retta e completa informazione. Diremmo che persi­no la sana consapevolezza degli uomini circa i propri diritti e doveri dipende, in gran parte, dell'azione informativo-formativa degli strumenti della comunica­zione sociale". (IP6º 14, 1976, pag. 248-249).

 

18 apr 1976       Prima trasmissione della Radio Vaticana in Esperanto. Non si tratta di una nuova Sezione della Radio Vatica­na, bensì di inserti regolari in questa lingua artifi­ciale nel quadro della trasmissione "Con voi nella not­te".

 

25 apr 1976       In Portogallo, vittoria elettorale dei socialisti (106 seggi su 263) e del partito centrista Popu­lar Democratico (71 seggi). I comunisti ottengono soltanto 41 seggi.

 

27 apr 1976       Paolo VI annuncia la nomina di 20 nuovi Cardinali che verranno creati nel Concistoro del 24 maggio successi­vo.

 

30 mag 1976     10ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali sul tema: "Le comunicazioni sociali di fronte ai diritti e doveri fondamentali dell'uomo". In essa, parole di Pao­lo VI in occasione del Regina caeli. (IP6º 14, 1976, pag. 435).

 

 3 giu 1976        Nomina di P. Romeo Panciroli, Segretario della Pontifi­cia Commissione per le Comunicazioni Sociali, a Diret­tore della Sala Stampa della Santa Sede. Sostituisce il Professore Federico Alessandrini, che la dirigeva dall'11 lug 1970. Simultaneamente è nominato Vice Di­rettore Mons. Pierfranco Pastore.

 

             7 giu 1976     Una Commissione dell'Organizzazione degli Stati Americani accusa il regime militare cileno di arbi­trarietà, persecuzioni e torture. Il giorno suc­cessivo Kissinger critica a Santiago del Cile le violazioni dei diritti dell'uomo perpetrate dal governo.

 

 9 giu 1976        Saluto di Paolo VI all'associazione dei giornalisti cat­tolici belgi. Il Papa dice tra l'altro:

"Salutiamo quanti si sforzano di lavorare, alle volte non senza grande coraggio, a formare un'opinione pubblica cri­stiana... L'onore di una stampa veramente cattolica consiste ... nell'appoggiarsi su ferme convinzioni, nel cercare di dire la verità, anche se essa va contro corrente, nel far sentire, anche nel dominio morale, l'insegnamento autentico della Chiesa". (IP6º 14, 1976, pag. 468).

 

 9 giu 1976        In Spagna, i partiti politici vietati dalla fine della guerra civile nel 1939 tornano nella legalità, ma non il Partito Comunista.

 

20-21 giu 1976   In Italia, progresso dei comunisti nelle elezioni politiche (228 seggi). Ma la Democrazia Cristia­na, con 263 seggi,  conserva la maggioranza rela­tiva.

 

27 giu 1976       In Portogallo, elezione a Presidente del generale Antonio Ramalho Eanes.

 

29 – 30 giu 1976           Nella Conferenza di dirigenti di 29 Paesi comunisti a Berlino Est diversi di essi rivendicano l'indipen­denza di ogni partito nazionale per cercare la propria via al socialismo.

 

 2 lug 1976        Il Nord Vietnam e il Sud Vietnam si unificano in un solo Paese con Hanoi come capitale.

 

 8 – 13 lug 1976            La Conferenza dei Ministri degli Esteri dei "non-allineati", riunita a New Delhi, proclama che un Nuovo Ordine mondiale nell'informazione è im­portante quanto come un Nuovo Ordine economico interna­zionale.

 

 8 lug 1976        L’Indonesia lancia da Capo Canaveral ( USA) un proprio satellite di comunicazioni per uso interno.

 

17 lug 1976       Apertura a Montreal dei 21.mi Giochi Olimpici.

 

20 lug 1976       La sonda spaziale statunitense Viking I raggiunge Marte e invia fotografie dalla superficie del pia­neta.

 

28 lug 1976       In Italia, la sentenza n. 202 della Corte Costituzionale riconosce il "servizio pubblico nazionale" della radiotelevisione, ma non accetta il monopolio e introduce il diritto di emissione in ambito locale di trasmissioni radiotelevisive ad iniziativa di soggetti privati, fondandolo esplicitamente sulla libertá di espressione attraverso qualsiasi mezzo di diffusione, proclamata dall'articolo 21 della Costituzione italiana. (Cfr. BISCARDI Aldo e LIGUORI Luca. L'impero di vetro. La prima grande indagine sulla RAI-TV. Torino. Società Editrice Internazionale. 1978. Pag. 98.).

 

            28 lug 1976    In Cina, due violenti terremoti nel nordest. Si par­la di 700.000 morti, ma il governo cinese mantie­ne il segreto e non chiede aiuti internazionali.

 

      16 ago-20 1976     Conferenza dei Paesi non allineati a Colombo (Sri Lanka). L’enfasi è posta sul “colonialismo

                                 eco­nomico".

 

              3 set 1976    La sonda spaziale statunitense Viking II raggiunge Marte e invia fotografie dalla superficie del pia­neta.

 

              9 set 1976    In Cina, morte a Pechino di Mao Tse-Tung, fondatore nel 1949 della Repubblica Popolare Cinese.

 

30 ott-4 nov 1976 Convegno ecclesiale italiano sul tema "Evangelizzazione e promozione umana”.

                       

 

            12 ott 1976     In Cina, il Primo Ministro Hua Kuo-Feng è nominato pure Capo del Partito Comunista Cinese, in sosti­tuzione del defunto Mao Tse-Tung. Sono arrestati i "4 di Shanghai", tra i quali la vedova di Mao, Chiang Ching.

 

26 nov 1976      Nella XIX Assemblea Generale dell'UNESCO, svoltasi a Nairobi, si combattono, senza arrivare allo scontro, di­verse concezioni della comunicazione e dell'informazio­ne. Secondo C. Kirkpatrick, direttore del Chicago Tribune e membro della delegazione statunitense, che esprimeva il punto di vista occidentale, "il progetto di risolu­zione dell'Assemblea [che questa, in omaggio alla con­cordia, non arrivò a votare] rifletteva l'opinione di coloro che concepiscono i mezzi come strumenti dello Stato e aspirano pertanto ad imporre l'ideologia di un insieme di Paesi al resto del mondo". Infatti diceva: "Gli stati sono responsabili, per quel che riguarda l'attività nel campo internazionale, di tutti i mezzi di massa che sono sotto la loro giurisdizione". Nel­l’Assemblea si chiede al Direttore generale Amadou Mah­tar M'Bow di studiare i problemi della comunicazione alla luce dei progressi tecnologici e della recente e­voluzione dei rapporti mondiali in tutta la sua com­plessità e ampiezza. Il Direttore creerà a questo sco­po una commissione, di cui sarà nominato Presidente Sean MacBride. (Cfr. López Escobar, o.c., 360-377, 393).

 

             2 nov 1976    Negli Stati Uniti, il democratico Jimmy Carter vin­ce le elezioni presidenziali di fronte al repub­blicano Gerald Ford, subentrato alla Presidenza dopo le dimissioni di Nixon.

 

           10 nov 1976    In Libano, le truppe siriane occupano Beyruth. L'ingresso dell'esercito siriano in Libano era iniziato il 31 maggio.

      dic 1976      In un Seminario Panafricano dell'Unione Cattolica Internazionale della Stampa (UCIP), tenutosi a Oua­gadougou (Alto Volta, oggi Burkina Faso) le gran­di Agenzie internazionali sono accusate di eserci­tare un imperialismo culturale.

 

              2 dic 1976    In Messico, inizia la Presidenza di José López Portillo, che subentra a Luis Echeverría.

 

              7 dic 1976    Kurt Waldheim è rieletto Segretario generale dell'O­NU per un secondo quinquennio.

 

            15 dic 1976     In Spagna, referendum in favore della riforma demo­cratica del paese.

 

            24 dic 1976     In Giappone, nomina a Primo Ministro di Takeo Fukuda, in sostituzione del dimissionario Takeo Miki.

 

31 dic 1976       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate. 4 (ANSA, AGI, AFP, NCNS).

                        Trasmettori in esercizio: 15. (3 di OM, 11 di OC, 1 di FM).

                                   Ore di produzione giornaliera media: 33 h 50’.

                        Reti in esercizio: 4.

                        Bilancio consuntivo annuale: 2.588.000.000 lit., pari a 14.153.000.000 lire del 1993.

 

 

 

______________________________________________________________________________________________

 

1977

_____________________________________________________________________________________________

 

                       

       1977          Il Bollettino mensile “Radio Vaticana Programmes”, che dal 1976 includeva annunci in 9 lingue (italiano, tedesco, spagnolo, francese, inglese, portoghese, polacco, croato e sloveno), aggiunge una decima lingua: l’Esperanto.

 

       1977          A Ginevra, Conferenza Mondiale sulle Radiocomunicazioni e Radiodiffusioni via Satelliti. Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

      

       1977          La Francia inizia le sue sperimentazioni di video testo (trasmissione di testi e grafici per cavo, bidireziona­le) sotto la denominazione di TELETEL. E' il primo si­stema sperimentato di video testo.

 

       1977          In Germania, prima dimostrazione pubblica di tele testo col sistema VIDEOTEXT.

 

       1977          Un terzo dei quotidiani degli Stati Uniti usano già sistemi editoriali elettronici di redazione/composizione.

 

   gen 1977        Entra in servizio nel Centro trasmittente di Santa Maria di Galeria del Trasmettitore di Onda Corta Telefunken SW2500.

 

 1 gen 1977       La Chiesa Episcopaliana, avendo ammesso nel 1976 l'ordi­nazione sacerdotale delle donne, ordina una donna di Indianapolis. Il 16 settembre successivo, questa deci­sione provocherà nella congregazione uno scisma e la creazione della Chiesa Anglicana del Nord America.

 

 6 gen 1977       In Cecoslovacchia, 240 intellettuali proclamano la formazione di "Carta 77", un gruppo che richiama il rispetto dei diritti dell'uomo sanciti nell'At­to finale di Helsinki del 1975. Malgrado gli arre­sti della polizia, il gruppo aumenta in breve tempo superando le 600 personalità.

 

          17 gen 1977     Negli Stati Uniti riprendono le esecuzioni capitali con la fucilazione nello Utah di Gary Gilmore, sulla base della decisione della Corte Suprema (lu­glio 1976): secondo la quale con tale punizione non si viola la Costitu­zione.

 

18 gen 1977      Inaugurazione del Servizio Previsioni, pubblicato dalla Redazione Centrale. Dopo un periodo sperimentale fini­rà pubblicando un Calendario mensile, (chiamato prima P-45 e poi P-35, per esprimere l'anticipo nei riguardi del periodo di copertura con cui è pubblicato) e un ca­lendario settimanale (chiamato con lo stesso criterio P-7). Sul Calendario P-45 la Redazione Centrale fa un'offerta di materiali redazionali in rapporto con gli avvenimenti previsti che, sottoposta al parere dei Programmi riuniti in Gruppi Linguistici, finirà conso­lidandosi nel Consiglio di Programmazione.

 

          20 gen 1977     Negli Stati Uniti, Jimmy Carter assume la Presiden­za come conseguenza della sua vittoria elettorale del 2 nov 1976.

 

 3 feb 1977        In Etiopia, uccisione del capo dello Stato generale Teferi Benti. Il colonnello Mengistu Haile Mariam diventa il nuovo capo di governo.

 

16 feb 1977       La Redazione Centrale inizia la distribuzione delle "Co­municazioni della Redazione Centrale", che diventeran­no uno strumento di documentazione continua per tutte le redazioni della Radio.

Inizia un'importante trasformazione della Redazione Centrale, che da redazione produttrice di "Studi" tema­tici diviene efficace strumento di informazione e di documentazione di attualità. Il Progressivo allac­ciamento con le Reti di diverse Agenzie telegrafiche, l'agilità nella distribuzione dell'alimentazione infor­mativa, renderà la diverse unità di produzione di Pro­grammi, le sue 40 redazioni linguistiche, capaci di rispondere in prima persona alla natura essenzialmente informativa del mezzo Radio.

 

18 mar 1977      Nel Congo, assassinio a Brazzaville del Presidente Marien Ngouabi. Un comitato di 11 militari assume il potere.

 

20 mar 1977      In India, il Primo Ministro Indira Gandhi e il suo Partito del Congresso, che ha governato il Paese dall'indipendenza nel 1947, soffrono una dura sconfitta elettorale. Il Partito Janata ottiene 270 seggi dei 542 della Camera bassa, ed ha inol­tre il supporto dei 28 seggi del Partito della De­mocrazia. Il 24 marzo successivo, Morarji Desai, tenuto in carcere fino a due mesi prima, è nomina­to Primo Ministro. Il 3 ottobre successivo Indira Gandhi verrà arrestata per corruzione e il 13 di­cembre si dimetterà dal Comitato del suo Partito.

 

 7 apr 1977        In Germania Federale, assassinio a Karlsruhe del Procuratore Generale Sigfried Buback. L'attentato è attribuito al gruppo che si riferiva agli arre­stati Baader e Meinhof. Il 18 ottobre successivo, i capi del gruppo Baader-Meinhof sono trovati senza vita nella prigione di massima sicurezza di Stuttgart, a seguito di suicidio secondo le autorità del carcere.

 

            9 apr 1977      In Spagna, il governo legalizza il Partito Comunista dopo 38 anni di interdizione imposti dal go­verno del generale Franco, in tempo utile perché possa concorrere alla prime elezioni parlamentari libere del paese.

 

18 -20 apr 1977 Colloquio  internazionale di  Firenze sul  "Libero scambio di informazioni fra paesi industrializzati e paesi in via di sviluppo". In esso appare con forza negli inter­venti di diversi rappresentanti dei paesi in via di sviluppo, l'idea di promuovere uno scambio "più equili­brato" dell'informazione. (Lepri, o.c., pag 122; López Escobar, o.c., 377-380).

 

18 apr 1977       Allacciamento con la Rete 3ª dell'Agenzia italiana "Agen­zia Giornalistica Italia", sulla quale detta Agenzia italiana distribuisce separatamente il "Notiziario mon­diale dell'Associated Press", una selezione dei dispac­ci dell'Agenzia statunitense, tradotti in italiano, sotto la sigla AGI/AP. Le linee telegrafiche in arrivo alla Radio Vaticana sono 5: AFP, ANSA, AGI, AGI/AP e NCNS.

 

22 apr 1977       Il Consiglio di Programmazione nella sua seduta di aprile determina le fasi essenziali e il ritmo che d'ora in poi seguirà il "Processo mensile di Programmazione in comune". Questo d'ora in poi seguirà un calendario prefissato dall’inizio dell'anno, si baserà per quel che riguarda i contenuti e le direttive sui Calendari di Previsioni e osserverà un ordine del giorno funzionale e metodi­co, che viene proposto "ad experimentum" e che divente­rà poi definitivo.

 

28 apr 1977       Visita a Paolo VI dell'Arcivescovo di Canterbury e Primate della Chiesa Anglicana, Dott. Frederick Donald Cog­gan.

 

           6 mag 1977     Il leader etiopico Mengistu Haile Mariam, in visita a Mosca, conclude accordi che avvicinano economi­camente e politicamente l'Etiopia all'Unione So­vietica.

 

12 mag 1977     Messaggio di Paolo VI per l’11ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "Le comunicazioni so­ciali e la pubblicità: vantaggi, pericoli, responsabi­lità". (IP6º 15, 1977, pag. 478).

 

21 mag 1977     Discorso di Paolo VI ai partecipanti ad un convegno dell'Unione Cattolica Pubblicità. (IP6º 15, 1977, pag. 509).

 

22 mag 1977     11ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali sul te­ma: "Le comunicazioni sociali e la pubblicità: vantag­gi, pericoli, responsabilità".

 

24 mag 1977     Nell'Unione Sovietica, Nikolai Podgorny è espulso senza spiegazioni dal Politburo del Partito.

 

 4 giu 1977        Nell'Unione Sovietica, presentazione del progetto di una nuova Costituzione. Gli studiosi occiden­tali la trovano in tutto simile a quella stali­niana del 1936. In essa i diritti umani sono ga­rantiti dallo Stato "di conformità con gli inte­ressi dei lavoratori e con il proposito di rin­forzare il sistema socialista". La Costituzione conferma il ruolo guida del partito Comunista: entrerà in vigore il 7 otto­bre successivo.

 

15 giu 1977       Nomina di Mons. Giuseppe Caprio a Sostituto della Segre­teria di Stato. Subentra a Mons. Giovanni Benelli, no­minato Arcivescovo di Firenze.

 

15 giu 1977       In Spagna, prime elezioni parlamentari libere dal 1936. Vittoria elettorale del Centro guidato dal capo di governo Adolfo Suárez. I socialisti sono il secondo partito. Modesti risultati dei comuni­sti e della destra.

 

           16 giu 1977     Nell'Unione Sovietica, il Segretario del Partito Leonid Brezhnev è nominato dal Soviet Supremo an­che Capo dello Stato in sostituzione di Podgorny, espulso dal Politburo il 24 maggio precedente.

 

27 giu 1977       Concistoro per la nomina di quattro Cardinali: Giovanni Benelli, Arcivescovo di Firenze, ex Sostituto delle Se­greteria di Stato, Joseph Ratzinger, Arcivescovo di Mo­naco di Baviera, Bernardin Gantin, Arcivescovo di Coto­nou e Luigi Ciappi. Inoltre il Papa manifesta il nome del Cardinale creato "in pectore" nel concistoro del 1976: si tratta di Frantisek Tomasek, Amministratore Apostolico di Praga

 

           27 giu 1977     Djibouti, già protettorato francese, proclama la propria indipendenza a seguito del referendum dell’ 8 maggio precedente.

 

 9 lug 1977        Discorso di Paolo VI alla Federazione Italiana Settimanali Cattolici, all'Unione Cattolica Stampa Italiana e al quotidiano "Avvenire". Dei settimanali cattolici il Papa dice:

 "Siete ... voci che informano ma soprattut­to formano. Come è noto, quando si tratta di settimana­li non si pone tanto l'esigenza delle rapidità e abbon­danza dell'informazione, che è compito del quotidiano, quanto quella di una prima sintesi, di una pur somma­ria valutazione che contenga gli elementi per un futu­ro e più comprensivo giudizio. (IP6º, 15, 1977, pag. 704).

 

22 lug 1977       In Cina, riabilitazione di Deng Hsiao-Ping, caduto in disgrazia dopo le agitazioni che seguirono in aprile 1976 la morte di Chu En-Lai. Allo stesso tempo è confermata l'espulsione politica della "gang dei quattro", cui apparteneva la vedova di Mao, Chiang Ching.

 

           10 ago 1977    Panama e Stati Uniti raggiungono un accordo per il controllo totale del canale da parte di Panama a partire dall'anno 2.000. Gli accordi verranno fir­mati a Washington da Carter e Torrijos il 7 set­tembre, e dovranno poi essere ratificati da ambe­due i Paesi.

 

            11 ago 1977   Nel conflitto armato tra Somalia e Etiopia per la questione della Somalia Occidentale, si stima che vi siano state diecine di migliaia di vittime.

 

11 ott 1977        Nella Repubblica Araba dello Yemen, assassinio del Presidente colonnello Ibrahim al-Hamdi.

 

30 set – 29 ott   Assemblea generale 4ª ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema: “La catechesi da dare nel nostro tempo, so­prattutto ai bambini e ai giovani".

In stretta collaborazione col Radiogiornale, i cui redattori sono presenti nell'Aula Sinodale, la Redazio­ne Centrale mette tempestivamente a disposizione delle redazioni gli interventi dei Padri Sinodali nelle sedu­te plenarie, distribuisce ai programmi una trascrizio­ne delle informazioni che i redattori del Radiogiorna­le trasmettono sistematicamente dall'Aula, e organizza alla fine di ogni seduta un incontro con un esperto che vi ha assistito. Per l'intera durata del Sinodo il Radiogiornale realizza una trasmissione vespertina straordinaria, che attualizza anche all'interno della Radio l'informazione a disposizione di tutti i Programmi.

 

 7 ott 1977        Messaggio di Paolo VI per il cinquantenario dell'Unione Cattolica Internazionale della Stampa (UCIP) in occa­sione del suo Congresso a Vienna (10-16 ott) sul tema: "Une Presse pour l'homme: la relation entre le journal et le lecteur". Il Papa parla del bisogno di corrispon­dere al diritto primordiale degli utenti: quello di es­sere formati ad apprendere essi stessi il meglio possi­bile la verità, e "di prendere in considerazione i cen­tri di interesse dei lettori", ma evitando di "lusinga­re soltanto bisogni superficiali, curiosità malsane, sentimenti settari". Appartiene pure ai giornalisti cattolici "fare scoprire ... gli aspetti esaltanti e i segni di speranza degli avvenimenti, far comprendere pure la vita della Chiesa, così spesso male percepita dalla grande stampa profana". (IP6º, 15, 1977, pag. 918).

 

           20 ott 1977      In Thailandia, i militari spodestano il governo ci­vile di Thanin Kraivichien, da loro stabilito un anno prima.

 

29 ott 1977        Lettera del Cardinale Segretario di Stato, Jean Villot, al Presidente dell'UNDA (Associazione cattolica della Radio e la televisione) in occasione della sua assem­blea generale a Namur, sul tema "Le esigenze della nostra società e la risposta dei mass-media". In essa si legge:

"... importa inchinarsi sui bisogni reali degli uomini, di tutti gli uomini, così come essi si manifestano concretamente, e l'onore dei cristiani con­siste nell'amare i loro fratelli abbastanza per deci­frare con simpatia i loro disaggi di ogni tipo, le loro aspirazioni, le loro speranze, e per aiutarli an­che a stabilire una gerarchia dei valori, capace di re­lativizzare certi desideri superflui, illusori o noci­vi". (IP6º 15, 1977, pag. 992).

 

 1 nov 1977       Gli Stati Uniti abbandonano l'Organizzazione Inter­nazionale del Lavoro, a causa delle sue deviazio­ni politiche e dell'applicazione degli stessi cri­teri nella valutazione delle condizioni del lavo­ro in tutto il mondo.

 

            9 nov 1977     Il Presidente di Egitto, Anwar al-Sadat, in una di­chiarazione a sorpresa, annuncia che "è pronto ad andare in persona al Parlamento di Israele" per superare gli ostacoli che impediscono la pace in Medio Oriente. Il 15 novembre successivo il Primo Ministro israeliano Menahem Begin lo invita for­malmente, e il 20 novembre Sadat, ricevuto a Geru­salemme come Capo di Stato, si rivolge al Parla­mento di Israele: Israele si deve ritirare dai territori occupati dal 1967, e deve “parlare” con i Palestinesi. Il 27 novembre Sadat convoca al Cai­ro una conferenza preparatoria di quella di Gine­vra. Si forma un gruppo di oppositori alla politi­ca di Sadat, che si riuniscono a Tripoli dal 2 al 5 di dicembre. Diversi Paesi arabi rompono i rap­porti con l’Egitto. Il 26 dicembre Sadat e Begin si incontrano in Egitto.

 

 1 dic 1977        Udienza di Paolo VI a Edward Gierek, Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Operaio Unificato Polacco.

 

31 dic 1977       Alla fine dell'anno la Radio Vaticana aveva le seguenti dimensioni:

                        Agenzie di notizie collegate. 4 (ANSA, AGI, AFP, NCNS).

                        Trasmettitori in esercizio: 15. (3 di OM, 11 di OC, 1 di FM).

                        Ore di produzione giornaliera media: 34 h 20’.

                        Reti in esercizio: 4.

                        Bilancio consuntivo annuale: 2.761.000.000 lit., pari a 12.785.000.000 lire del 1993.

 

 

 

______________________________________________________________________________________________

 

1978

______________________________________________________________________________________________

  

       1978          A Ginevra, Conferenza Mondiale sui servizi mobili aeronautici. Vi partecipa la Radio Vaticana per essere direttamente interessata (Radiodiffusione) e in rappresentanza del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano (telecomunicazioni in genere). (Giu 11).

 

                  1978        Gli Stati Uniti iniziano le loro sperimentazioni di teletesto sotto la denominazione di TOUCH-TONE.

 

 2 gen 1978       Nomina del Prof. Valerio Volpini a Direttore de "L'Osservatore Romano". Subentra a Raimondo Manzini, che lo aveva diretto dal 1º aprile 1960.

 

10 gen 1978      In Nicaragua, l'assassinio del proprietario e direttore del quotidiano "La Prensa", Pedro Joaquín Chamorro, provoca una rivolta contro il regime del Presidente Anastasio Somoza. Il 23 gennaio successivo la nazione sarà paralizzata da uno sciopero generale che durerà fino al 7 febbraio.

 

18 gen 1978      Parole di Paolo VI ai dirigenti della Radio televisione Svizzera Italiana. (IP6º, 16, 1978, pag. 46).

 

13 feb 1978       Udienza di Paolo VI al Presidente Egiziano Anwar el Sa­dat.

 

13 feb 1978       La Redazione Centrale incomincia a offrire un Servizio di documentazione di Agenzia sul mondo marxista, quoti­dianamente aggiornato con i dispacci di Agenzia che giungono alla Radio relativi a quell’area. Sarà il ger­me del futuro Servizio di Documentazione di Agenzia, che verrà inaugurato 3 mesi e mezzo più tardi, il 1º giugno 1978.

 

15 feb 1978       In Rhodesia è annunciato un accordo per il riconoscimento della maggioranza nera nel Paese, accet­tato da tre importanti capi neri (il Vescovo Muzo­rewa, il Rev. Sithole e il senatore Chirau) ma ri­fiutato dal Fronte Patriottico di Nkomo e Mugabe.

 

27 feb 1978       Allacciamento con l'Agenzia telegrafica REUTER. Le linee telegrafiche in arrivo alla Radio Vaticana diventano 6: AFP, REUTER, ANSA, AGI, AGI/AP e NCNS.

 

 2 mar 1978      Lettera del Cardinale Segretario di Stato, Jean Villot, in occasione di diverse riunioni di delegati dei vari episcopati di Oceania per le Comunicazioni Sociali, culminate a Palmerston North, Nuova Zelanda (21-26 feb). (IP6º, 15, 1978, pag. 165 ss.).

 

 8 mar 1978      Discorso di Paolo VI ai partecipanti all'Assemblea plenaria della Pontificia Commissione per le Comunicazioni Sociali riunita per trattare i problemi più urgenti della pastorale dei mass media. (IP6º, 15, 1978, pag. 199).

 

          16 mar 1978     In Italia, rapimento dell’ex Presidente del Consiglio e Presidente della Democrazia Cristiana, Al­do Moro e uccisione della sua scorta da parte del­le Brigate Rosse, che in un successivo comunicato esigono per liberarlo il rilascio di 15 brigati­sti carcerati.

 

18 mar 1978      In Pakistan, condanna a morte dell'ex Primo Ministro Zulfikar Ali Bhutto, deposto dal colpo di stato militare del luglio 1977.

 

19 mar 1978      In Francia elezioni legislative. Vittoria di stretta misura nel secondo turno da parte centro de­stra. Il 31 marzo, il Presidente Giscard d'E­staing nomina Raymond Barre Primo Ministro.

 

22 mar 1978      In Indonesia l'Assemblea Consultiva del Popolo, rielegge Presidente per un terzo quinquennio il gen. Suharto.

 

24 mar 1978      L’Etiopia annuncia la sua vittoria sulla Somalia nel­la guerra per il territorio di Ogaden. Il risulta­to è attribuito all'appoggio militare cubano e tecnico sovietico ricevuto dall'Etiopia.

 

 4 apr 1978        In Angola, inizia l'offensiva del governo angolano rinforzato con truppe cubane contro l'UNITA guida­ta da Jonas Savimbi.

 

 9 apr 1978       Nomina di Padre Pasquale Borgomeo a Direttore dei Pro­grammi della Radio Vaticana, in sostituzione di Padre Jorge Blajot, destinato a Direttore Generale della Ca­dena de Ondas Populares Españolas (COPE). P. Félix Juan Cabasés sostituisce P. Borgomeo come Capo della Redazione Centrale.

 

13 apr 1978       In Sahara Occidentale il fronte Polisario continua la sua guerriglia contro il Marocco e la Maurita­nia, che si erano divisi l'ex colonia spagnola dal 1975.

 

18 apr 1978       Negli Stati Uniti il Senato approva il Secondo Accordo sul canale di Panama. Il Primo era stato ap­provato il 16 marzo. I trattati prevedono il pie­no passaggio della responsabilità del Canale al Panamá.

 

22 apr 1978       Lettera di Paolo VI alle Brigate Rosse, che avevano sequestrato il 9 maggio l'onorevole Aldo Moro. (IP6º, 16, 1978, pag. 298).

 

           25 apr 1978     Il Primo Ministro sudafricano B. J. Vorster annun­cia che il suo governo è pronto a garantire l'in­dipendenza dell'Africa del Sud-Ovest o Namibia. Lo stabilimento del nuovo paese indipendente è pre­visto per il 31 dicembre 1978.

 

26 apr 1978       Allacciamento con l'Agenzia telegrafica transnazionale EFE, con sede centrale a Madrid. Le linee telegrafiche in arrivo alla Radio Vaticana diventano 7: AFP, REU­TER, ANSA, EFE, AGI, AGI/AP e NCNS.

 

27 apr 1978       In Afghanistan colpo di stato militare e uccisione del Presidente Sardar Mohammed Daud Khan. Inizia una guerra civile che produrrà migliaia di morti. Il 30 aprile un Consiglio Rivoluzionario guidato da Nur Mohammad Taraki, dirigente del gruppo comunista Khalk, assume il controllo del potere.

 

28 apr 1978       Messaggio di Paolo VI per la 12ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali, sul tema: "Il recettore: atte­se, diritti, doveri". (IP6º, 16, 1978, pag. 312).

 

  7 mag 1978     12ª Giornata mondiale delle Comunicazioni Sociali sul tema: "Il recettore: attese, diritti, doveri"..

 

             9 mag 1978   In Italia, le Brigate Rosse uccidono Aldo Moro dopo una prigionia durata 54 giorni, durante i quali il dirigente democristiano ha scritto 20 lettere. Il governo italiano si era rifiutato di trattare la liberazione dei 15 brigatisti richiesta dai se­questratori. Il corpo di Moro è abbandonato in una macchina parcheggiata nelle vicinanze delle sedi sia del partito Comunista sia della Democra­zia Cristiana.

 

           11 mag 1978   Nello Zaire, i guerriglieri del Fronte Nazionale di Liberazione del Congo invadono la zona meridionale dello Shaba. La Guerra sarà vinta dal governo di Kinshasa con l'aiuto di truppe belghe e francesi.

 

13 mag 1978     Paolo VI celebra il funerale per Aldo Moro, nel quale pronuncia una solenne preghiera. (IP6º, 16, 1978, pag. 362).

 

18 mag 1978     In Italia, il Senato approva una legge per la legalizzazione dell'aborto. la Camera dei Deputati l'aveva approvata il 14 aprile precedente.

 

           20 mag 1978   Nella Cina nazionalista di Taiwan inaugurazione del­la Presidenza di Chiang Ching-Kuo, Primo Ministro dal giugno 1972, figlio di Chiang Kai-Shek.

 

23 mag – 30 giu Assemblea generale straordinaria delle Nazioni Unite per il disarmo, con lo scopo di ridurre la cor­sa agli armamenti e orientare la risorse verso lo sviluppo economico.

 

 1 giu 1978        Inaugurazione del Servizio Agenzie della Redazione Cen­trale, messa a disposizione sistematica per tutte le redazioni dell'emittente, dei dispacci delle 7 agenzie in arrivo alla Sala Telescriventi della Radio Vaticana (REUTER, AFP, ANSA, EFE, AGI, AGI/AP y NCNS), classifi­cati secondo temi (6) ed aree geopolitiche (26).

Le modalità del nuovo Servizio della Redazione Cen­trale vengono illustrate in uno Studio della collezio­ne di Studi della stessa Redazione, pubblicato e di­stribuito il 31 maggio 1978. (ANNO XXII n.9).

 

             1 giu 1978     In Cina, rilascio di 110.000 detenuti molti dei quali erano stati arrestati durante la campagna anti­destra del 1957 o durante la Rivoluzione Cultura­le degli anni ‘60. Per la prima volta, l'agenzia d'informazione Hsinhua riconosce che diecine di migliaia di cittadini di Sanghai e Pechino sono stati "crudelmente torturati e perseguitati".

 

              7 giu 1978    In Cina, il primo vice primo ministro Deng Hsiao-Ping accusa il Vietnam di aver espulso 100.000 cinesi e di inchinarsi verso il principale nemico del­la Cina: l'Unione Sovietica.

 

21 giu 1978       Parole di Paolo VI all'Associazione dei giornalisti cat­tolici del Belgio. Il Papa dice tra l'altro:

“Mettete in comune tutte le vostre capacità di conoscenza dei problemi della nostra società, di presentazione adegua­ta dell'insegnamento del Magistero della Chiesa, di ri­sveglio delle coscienze anestetizzate da un'opinione pubblica spesso manipolata e bassamente materialista". (IP6º, 16, 1978, pag. 492).

 

 7 lug 1978        Le Isole Salomone, dopo 85 anni di dominio britannico, raggiungono l'indipendenza.

 

8 lug 1978         In Italia, Pertini eletto Presidente della Repubblica.

 

10 lug 1978       In Mauritania il Presidente Moktar Ould Daddah è spodestato da un colpo di stato militare incruen­to. Il potere è assunto da una giunta militate guidata dal Colonnello Mustafa Ould Salek.

 

25 lug 1978       In Gran Bretagna, nascita a Lancashire del primo neonato-provetta, la bambina Louise Joy Brown.

 

Fine lug 1978     Viene annunciato che Paolo VI, per motivi di salute, non potrà recitare pubblicamente l'Angelus domenicale. E' la prima consistente notizia sulla sua malattia.

 

 6 ago 1978       Alle 21,40, Paolo VI muore a Castelgandolfo. Le trasmis­sioni ordinarie della Radio Vaticana vengono interrot­te per dare al mondo il triste annuncio. La morte di Paolo VI e il breve pontificato (33 giorni) di Giovan­ni Paolo I determinano un anno 1978 che vedrà tre Pa­pi, due periodi di sede vacante e due Conclavi, una sfida per la Radio del Papa.

 

 7 ago 1978       In Colombia, insediamento del Presidente Julio Tur­bay Ayala dopo la vittoria liberale il 4 giugno precedente sul conservatore Belisario Betancur.

 

            7 ago 1978     In Honduras, colpo di stato militare incruento e deposizione del Presidente Juan Alberto Melgar Cas­tro. Una giunta militare riconosce come nuovo Pre­sidente il generale Policarpo Paz García.

 

 8 ago 1978       Gli incalzanti e continui bisogni di documentazione provocati dal periodo di Sede Vacante provocano l'introdu­zione della distribuzione a mano, immediata e sistema­tica, della documentazione contenuta nelle "Comunica­zioni della Redazione Centrale", sotto la scritta: SE­DE VACANTE. DISTRIBUITA A MANO. Questa scritta, appena eletto il successore di Paolo VI, verrà sostituita per un certo tempo dalla scritta HABEMUS PAPAM. DISTRIBUI­TA A MANO. Ma l'importante è che questa abitudine del­la distribuzione immediata a mano, che tende a cambia­re lo stile della documentazione delle 40 unità reda­zionali della Radio, non verrà abbandonata nel futuro, diventando una norma.

                        E' un'importante innovazione anche e soprattutto nel modello del ritmo di lavoro, che diventa più incalzan­te, come conviene alla produzione radiofonica. Perche le "Comunicazioni della Redazione Centrale", che già dalla nascita portavano, oltre al numero, la data, ora e minuto della loro diramazione, con l'abitudine della loro immediata distribuzione, appena moltiplicate in fotocopia, proiettano sull'intera emittente il motto della Redazione Centrale. "Per la nostra Redazione, su­bito è già troppo tardi".

 

10 ago 1978      Nella Congregazione generale dei Cardinali viene letto il testo delle ultime volontà di Paolo VI. (IP6º, 16, 1978, pag. 590).

 

12 ago 1978      Cina e Giappone firmano un accordo storico di pace e amicizia, superando lo stato di guerra tra i due paesi che durava dal 1930. Il trattato di­chiara che né la Cina né il Giappone cercheranno l'egemonia in Asia o nel Pacifico e che tutti e due i Paesi si opporranno agli sforzi di qualsia­si altro Paese o gruppo di Paesi di stabilire ta­le egemonia. L'accordo verrà ratificato il successi­vo 23 ottobre.

 

26 ago 1978      Inizio del Conclave per l'elezione del successore di Paolo VI.

Dall'inizio del Conclave la Radio Vaticana effettua una trasmissione straordinaria "Speciale Conclave", in onda alle 10,00 e alle 16,30 (in coincidenza con l'ora­rio delle fumate), da una postazione ester­na allestita sul braccio di Carlomagno con visibilità del co­mignolo della Sistina.

                        Di nuovo un impiegato della Radio Vaticana è rinchiu­so nel recinto della riservatissima assemblea, per far fronte agli eventuali problemi di carattere elettroni­co che si potessero presentare in essa e, in particola­re, per attivare, una volta fatta l'elezione papale, i due microfoni che, sigillati in una scatola, si trova­no sistemati all'esterno della Loggia Centrale (a sua volta sigillata) della Basilica Vaticana, gli stessi microfoni attraverso i quali il Cardinale Protodiacono farà l'annuncio dell'eletto e il nuovo Pontefice salu­terà e benedirà per la prima volta la folla. Per que­sto compito è designato di nuovo il Tecnico Sig. Pie­tro Mancinelli.

 

22 ago 1978      In Kenya, morte del Presidente Jomo Kenyatta. Verrà sostituito da Daniel Arap Moi il 10 ottobre suc­cessivo.

 

26 ago 1978      Sufficientemente avanzati i lavori di installazione e di collaudo del nuovo trasmettitore di Onda Corta e della sua antenna girevole, il sistema è spe­rimentato per alcune trasmissioni straordinarie con occasione del Conclave e degli avvenimenti del giorni successivi.

 

26 ago 1978      Alle 12,02, prima fumata nera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Fine del Pontificato di Paolo VI,

Quarto Papa della Radio Vaticana.

Pontificato durato 15 anni, 1 mese e 16 giorni.

 

 

 

 

 




<<   Sommario   >>


Chi siamo Palinsesti Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá