HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Religione e Dialogo > notizia del 2013-05-01 09:21:29
A+ A- Stampa articolo



Sri Lanka: cattolici, buddisti e musulmani insieme per fermare l’intolleranza religiosa



Fermare l'intolleranza etnico-religiosa e affermare la gioia della diversità: con questi obiettivi migliaia di giovani srilankesi cattolici, buddisti e musulmani si sono riversati nelle strade di Colombo, per protestare contro i recenti episodi di violenza e persecuzione perpetrati da gruppi radicali buddisti. Avvenuta il 28 aprile scorso, la manifestazione è stata organizzata da un movimento spontaneo e pacifico. "Ci stiamo ancora riprendendo da una lunga guerra civile - afferma all'agenzia AsiaNews Marisa De Silva, cattolica, tra gli organizzatori della manifestazione - eppure vediamo segnali d'odio crescere nella nostra società. Come giovani di questo Paese, sentiamo che è nostra responsabilità aiutare a costruire uno Sri Lanka libero dall'odio. Questo è il nostro primo passo, ma abbiamo un lungo cammino innanzi a noi". Tra i partecipanti ha sfilato anche un monaco buddista, il ven. Baddegama Samitha, che si è detto "molto felice dell'iniziativa delle nostre nuove generazioni, per sradicare il razzismo dal Paese. Hanno le mie benedizioni". Negli ultimi mesi i gruppi Bodu Bala Sena (Bbs) e Sinhala Ravaya ("eco singalese") hanno preso di mira le comunità islamica e cristiana. La missione dei due movimenti estremisti è di proteggere la popolazione buddista e singalese e la sua religione. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá