HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-05-02 11:48:47
A+ A- Stampa articolo



Nord Corea: condannato a 15 anni di lager un cristiano americano



La Corte Suprema della Corea del Nord ha condannato ieri a 15 anni di lavori forzati il cittadino statunitense Kenneth Bae - identificato dalle autorità del regime con il nome coreano Pae Jun-ho - con l'accusa di "aver commesso crimini contro lo Stato". Lo ha riferito l'agenzia ufficiale del governo, la Kcna, che non spiega quali siano questi crimini. Bae, un operatore turistico coreano, ma con cittadinanza americana, era stato arrestato a novembre mentre si trovava insieme a cinque turisti che erano entrati in Corea del Nord attraverso il porto nord-orientale di Rajin. Secondo il quotidiano sudcoreano Kookmin Ilbo, le autorità di Pyongyang hanno rinvenuto "informazioni sensibili" nell'hard disk del computer di uno dei membri del gruppo. Ma Bae è anche definito da alcune fonti un "devoto cristiano" che, nei suoi viaggi al Nord, ha portato avanti un'opera missionaria che potrebbe aver attirato l'attenzione delle autorità e provocato l'arresto e la condanna. In Corea del Nord non esiste libertà religiosa e i fedeli sono all'ultimo posto nella scala gerarchica della società. La sentenza è la più dura mai emessa dalle autorità giudiziarie del Nord contro un cittadino straniero. Di solito ai lavori forzati vengono condannati i colpevoli di omicidio, stupro o rapina, oppure i fedeli di qualche religione che non si piegano al controllo e all'ateismo di Stato. Secondo alcuni analisti, questa decisione dimostra la "disperazione" del regime, guidato dal giovane Kim Jong-un, che sta cercando di tornare al tavolo dei colloqui con la comunità internazionale dopo l'escalation di tensione degli ultimi mesi. Le minacce, la chiusura della zona intercoreana di Kaesong e lo spostamento di missili sulla costa orientale - in grado di colpire Stati Uniti e Giappone - hanno isolato ancora di più il Paese, che ha perso anche l'appoggio della Cina. Lo scorso 29 aprile gli Usa avevano chiesto al regime di Pyongyang "l'immediato rilascio" di Bae, senza ottenere risposta. Per il Korea Herald, questo caso somiglia a quello delle due giornaliste americane arrestate nel 2009, condannate a 12 anni di lavori forzati e poi liberate grazie all'intervento della Clinton (allora Segretario di Stato Usa), che in cambio consentì a riprendere l'invio di aiuti umanitari. (R.P.)

Ultimo aggiornamento: 3 maggio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá