HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-05-02 07:58:15
A+ A- Stampa articolo



Siria: sale la tensione sul possibile utilizzo di armi chimiche. Obama chiede prudenza



Crisi siriana. Scambio di accuse tra regime e ribelli sull’utilizzo di armi chimiche. L’ambasciatore siriano all’Onu parla di polveri usate su Idlib. Il presidente Obama invita alla prudenza nonostante le pressioni dei repubblicani per un possibile intervento. Aperto il fronte diplomatico: Stati Uniti e Russia dichiarano di voler lavorare insieme. Fausta Speranza ha chiesto ad Alessandro Colombo, docente di Relazioni internazionali all’Università di Milano, quale margine ci possa essere di azione congiunta tra Mosca e Washington:RealAudioMP3

R. – E’ molto difficile dirlo, perché è chiaro che gli obiettivi della Russia e degli Stati Uniti non sono convergenti. C’è un solo obiettivo comune – e credo che su questo Obama e Putin cercheranno di collaborare – che è la preoccupazione, condivisa dalla Russia e dagli Stati Uniti, da un lato per l’estensione dell’instabilità attorno alla Siria, dall’altro lato per il continuo rafforzamento della componente "jihadista" nell’insurrezione. Questo è l’elemento che preoccupa nella stessa misura gli uni e gli altri.

D. – Sulle preoccupazioni tutti d’accordo, ma sul da fare penso che sia molto difficile avere una linea. Abbiamo visto la spaccatura che è emersa all’interno del consesso Onu...

R. – Sul da fare non credo che ci siano grandi margini di accordo in questo momento, perché la posizione della Russia a suo modo è una posizione chiara. La Russia conta sulla perpetuazione dell’attuale regime politico in Siria, magari con una transizione interna. Questa potrebbe essere una soluzione. Il problema maggiore ce l’hanno gli Stati Uniti: sono gli Stati Uniti che in questo momento non hanno una politica chiara sulla Siria, perché da un lato vorrebbero l’abbattimento del regime di Assad, ma dall’altro lato non vogliono coloro che, con ogni probabilità, succederebbero ad Assad. Quindi, la posizione degli Stati Uniti in questo momento è una posizione di impasse totale, che si legge nel dibattito politico e anche nel dibattito intellettuale negli Stati Uniti sulla questione siriana. E’ molto difficile trovare una posizione comune, che non sia una sorta di "foglia di fico" su una sorta di transizione interna al regime. Ma in questo momento la transizione interna al regime è una soluzione che l’opposizione siriana non potrebbe neanche lontanamente immaginare come praticabile e meno che mai le sue componenti più radicali. Quindi, la situazione mi sembra, da un punto di vista diplomatico, pressoché disperata.

D. – Abbiamo parlato della possibile intesa Cremlino-Washington. Vogliamo dire che su questa congiuntura pesa l’Iran?

R. – Sì, naturalmente, l’Iran è l’altro elemento dell’equazione, è chiaro. La Federazione russa, tra l’altro, ha la posizione che ha sulla Siria anche per conservare buoni rapporti con l’Iran. Va detto – se si può aprire una parentesi – che il conflitto siriano è anche la prova definitiva di quello che in realtà si sapeva già, e cioè che non esiste un fronte comune dell’islam radicale. In Siria, si stanno combattendo da un lato jihadisti, più o meno legati ad Al Qaeda, con l’Iran e gli hezbollah dall’altra parte. Quindi, questa è una cosa che dovrebbe servire anche all’informazione – e perché no, al mondo politico – per proporre delle analisi un po’ meno rozze del rapporto tra Occidente e islam radicale.

D. – La questione delle armi chimiche ovviamente è uno spettro che sta un po’ sullo sfondo di tutto, ma c’è la sensazione che potrebbero essere usate come grimaldello per uscire dallo stallo...

R. – Gli Stati Uniti sono molto prudenti. In realtà, gli Stati Uniti continuano a frenare sull'ipotesi dell’uso di armi chimiche da parte delle truppe di Assad, facendo notare quello che in realtà è perfettamente ragionevole dal punto di vista militare e strategico, cioè che in una condizione come questa un uso anche confermato ma saltuario delle armi chimiche potrebbe non significare un ordine da parte del regime, ma un’iniziativa indipendente di qualche pezzo del personale. Ci si trova in una situazione nella quale è presumibile che la catena di comando sia totalmente saltata sia per i regolari che per gli irregolari. Quello che conta allora è come venga interpretato dai diversi attori questo uso saltuario, semmai avvenuto, di armi chimiche. Gli Stati Uniti, in questo momento, sono tra tutti i principali attori quelli che accentuano di più il carattere di prudenza e dicono: “Stiamo attenti, non precipitiamo, non arriviamo subito alle estreme conseguenze”, perché chiaramente sono il Paese che in questo momento è più preoccupato da un possibile coinvolgimento diretto in operazioni militari. Gli Stati Uniti non vogliono assumersi un altro compito paragonabile a quello che si sono assunti – con cattivi risultati, oltretutto – sia in Iraq sia in Afghanistan.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá