HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-05-03 13:08:58
A+ A- Stampa articolo



Il cardinale Bagnasco: più sostegno alla scuola, serve vera parità



Il presidente della Cei, il cardinale Angelo Bagnasco, mette in guardia: basta tagli alla scuola, serve più sostegno dalle istituzioni. Intervenendo in un convegno a Roma, il cardinale afferma che in Italia manca un effettivo riconoscimento sul piano economico alle scuole paritarie, "nonostante le disposizioni in questa direzione della stessa Comunità Europea''. Il servizio di Alessandro Guarasci:RealAudioMP3

Per il cardinale Bagnasco, il sistema formativo deve rimanere al centro di ogni politica. Parlando al convegno ''La Chiesa per la scuola'', il presidente della Cei afferma che “una società che non investa energie economiche e umane nella scuola finisce per subordinare l'uomo al lavoro e al denaro, come appare in modo drammatico nella finanziarizzazione dell'economia”. Dunque, servono più finanziamenti e vanno evitati nuovi tagli. Forte poi il suo rammarico perché, dice, “a fronte del conclamato diritto alla scelta educativa, in Italia non è dato un effettivo e concreto riconoscimento sul piano economico alle scuole paritarie, nonostante le disposizioni in questa direzione della stessa Comunità Europea''. Una preoccupazione raccolta anche da don Francesco Macrì, presidente della Fidae, la Federazione che raccoglie la maggior delle scuole d’ispirazione cattolica:

R. - Il finanziamento pubblico previsto sembra che non raggiunga un risultato positivo, nel senso che ci sono stati degli accantonamenti che noi interpretiamo come tagli veri e propri. In più, c’è tutta la crisi economica del contesto, per cui moltissime famiglie non si possono assolutamente permettere il lusso di mandare il proprio figlio in una scuola a pagamento. Siamo di fronte a un’emergenza gravissima Molte nostre scuole stanno già chiudendo e aspettiamo - ce lo auguriam - che questo nuovo governo dimostri un certo interesse verso un ambito così importante, a servizio del pubblico e nell’interesse collettivo della nazione.

D. - Lei come risponde a chi dice se si danno soldi per la scuola privata, si tolgono finanziamenti alla scuola pubblica?

R. - Non interessa la natura giuridica dell’ente erogatore del servizio, ma ci s’interessa del servizio, o meglio della qualità del servizio. Per cui, un eventuale finanziamento alla scuola paritaria è un finanziamento che va nella direzione della garanzia di un servizio che risponde a questo diritto fondamentale dell’alunno di avere un’istruzione e un’educazione adeguata ai suoi interessi e ai suoi diritti. Quindi, non è un finanziamento che si contrappone al finanziamento della scuola statale, perché entrambe svolgono la stessa identica funzione: quella di essere un servizio nell’interesse del bene pubblico.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá