HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-05-03 17:31:48
A+ A- Stampa articolo



Il commento di don Ezechiele Pasotti al Vangelo della Domenica



In questa sesta Domenica di Pasqua, la liturgia ci propone il passo del Vangelo in cui Gesù dice ai discepoli che chi lo ama, osserverà la sua parola. Quindi aggiunge:

“Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto”.

Su questo brano evangelico ascoltiamo una breve riflessione di don Ezechiele Pasotti, prefetto agli studi nel Collegio Diocesano missionario “Redemptoris Mater” di Roma:RealAudioMP3

Il Vangelo di oggi è un brano tratto dai discorsi di Gesù ai suoi discepoli durante l’ultima cena. Gesù annuncia loro: “Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui” (Gv 14,23). La missione del Signore è chiara: far sì che l’uomo divenga dimora di Dio. L’amore del Padre, che è brillato a noi nella Pasqua del Signore, e che in questo tempo pasquale ci viene quasi dato da toccare con mano nelle varie manifestazioni del Signore, deve essere custodito gelosamente, conservato, perché non vada perduto: questo è il significato etimologico della parola greca tradotta in italiano con “osservare”: la parola di Cristo, Cristo stesso, Parola di Dio all’uomo, prima, molto prima che un precetto da mettere in pratica, è un dono prezioso da custodire, è il Dono, infatti “la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato” (Gv 14,24). In una bella pagina di S. Giovanni della Croce, riportata nel Catechismo della Chiesa Cattolica (n. 65), egli dice che “dal momento in cui [il Padre] ci ha donato il Figlio suo, che è la sua unica e definitiva Parola, ci ha detto tutto in una sola volta in questa Parola… Perciò chi volesse ancora interrogare il Signore e chiedergli visioni o rivelazioni, non solo commetterebbe una stoltezza, ma offenderebbe Dio, perché non fissa il suo sguardo unicamente in Cristo…” (Salita al monte Carmelo, 2,22).

Ora, in cammino verso la Pentecoste, insieme al dono pasquale della pace, il Signore ci garantisce il frutto della sua Passione: “Il Paraclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto” (Gv 14,26). Questa memoria, questo “memoriale”, è innanzitutto il mistero dell’Eucaristia che celebriamo, il sacrificio di Cristo sulla Croce e la sua Risurrezione vittoriosa.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá