HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-05-07 20:25:07
A+ A- Stampa articolo



Erdogan: i raid aerei sulla Siria sono inaccettabili



I raid israeliani sulla Siria sono inaccettabili: lo ha detto ieri il premier turco Erdogan, a tre giorni dal blitz su Damasco che avrebbe causato oltre 120 morti, in maggior parte militari e che il governo siriano accusa sia stato fatto utilizzando uranio impoverito. Erdogan ha inoltre chiesto l’intervento dell’Onu per evitare nuovi attacchi, mentre l’Iran ha chiesto formalmente un'indagine dell'Onu. Intanto i ribelli hanno annunciato di avere nelle loro mani 4 Caschi blu per assicurarne la protezione. E fa discutere la nota della Commissione Onu d'inchiesta sui crimini di guerra in Siria, da cui emerge che non ci sono prove "definitive" sull'uso di "armi chimiche” durante il conflitto. Una presa di posizione che giunge all'indomani delle dichiarazioni di Carla Del Ponte, membro della commissione, la quale ha parlato dell'uso del gas sarin da parte dei ribelli. Sulla posizione dell’Onu in relazione all’uso di gas letali, Massimiliano Menichetti ha intervistato il prof. Claudio Lo Jacono, direttore della rivista "Oriente moderno":RealAudioMP3

R. – Ho sentito le dichiarazioni di Carla Del Ponte e parlava di possibilità, con indizi molto forti, ma lei stessa non ha mai dato la certezza che fossero state usate armi chimiche dai ribelli. Ha parlato di situazione verosimile. Secondo me, quindi, l’Onu ha semplicemente sottolineato questo aspetto. Non mi sembra ci sia un vero e proprio contrasto.

D. – Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha detto che entro 24-48 ore, nel momento in cui ci fosse il via libera di Damasco, sarebbe pronto a mandare inviati per accertare l’utilizzo di queste armi chimiche. Succederà mai?

R. – Che Damasco dia questo permesso, mi permetto di dubitarne. Naturalmente me lo auguro. Un’autorizzazione a intervenire da parte dell’Onu su un teatro caldissimo come quello della Siria non potrebbe che portare l’accertamento della situazione a successivi sviluppi positivi, perché siamo veramente nel marasma delle informazioni e, in questa baraonda delle organizzazioni anti Assad. Si sa quello che pensa Assad e quello che vuole. Non abbiamo invece una chiarissima idea dello schieramento a lui avverso. E’ uno schieramento multiforme e totalmente disomogeneo, perché vi sono presenti patrioti e liberali. Ci sono fondamentalisti islamici, gruppi – come si è anche visto anche nel sequestro del giornalista de La Stampa – che fanno quasi una guerra a sé, in funzione puramente religiosa, contraria al regime alawita di Assad. Altri lottano per la libertà, per principi e nuovi orientamenti politici...

D. – Stati Uniti e Russia sembrano avvicinarsi sulle strategie per risolvere la crisi siriana. Rimane distante la Cina...

R. – C’è da augurarsi che questa comunione d’intenti possa trovare un riscontro nella realtà. Non c’è dubbio che la Cina e che la Russia abbiano in qualche modo tenuto in piedi il regime. Non so se con rifornimento anche di armi, ma in ogni caso, politicamente, hanno evitato un intervento più efficiente dell’Onu. Da questo punto di vista, sono stati un ostacolo per la pacificazione. Sicuramente, un intervento pacificatore poteva avvenire molto tempo prima e sarebbe potuto avvenire se la Russia non avesse opposto il suo veto a misure contrarie ad Assad.

D. – Le tensioni stanno aumentando nell’area anche per il raid israeliano di domenica in Siria…
R. - L’attacco fa correre il rischio a Israele di un riavvicinamento, in qualche modo, non solo tra Siria e Arabia Saudita, ma anche tra Iran e Arabia Saudita, nel nome di un astratto dovere di solidarietà islamica.

Ultimo aggiornamento: 8 maggio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá