HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2013-05-08 13:30:57
A+ A- Stampa articolo



Siria: silenzio sul sequestro dei due vescovi ortodossi



C'è solo il silenzio sul sequestro dei vescovi ortodossi rapiti il 22 aprile scorso nella periferia di Aleppo. Da settimane il patriarcato greco-ortodosso sta cercando di stabilire contatti per iniziare una possibile trattativa e comprendere le ragioni di questo gesto, che resta inspiegabile. Intervistato dall'agenzia AsiaNews, mons. Jean Clement Jeanbart, arcivescovo greco-melchita di Aleppo, sottolinea che "si brancola nel buio", "la situazione - spiega - è molto delicata, per ragioni di sicurezza il patriarcato ortodosso mantiene il silenzio ed evita di fomentare false notizie". Per il prelato l'unico elemento certo è che nessuno sa dove siano mons. Yohanna Ibrahim e mons. Boulos Yaziji e i due sacerdoti rapiti in febbraio. "I cattolici - continua - sono vicini ai loro fratelli ortodossi, con la preghiera e con la costante presenza fisica e morale". Mons. Jeanbart esprime tutto il suo dolore per un Paese, una popolazione e una città come Aleppo distrutta e martoriata dalla guerra, dalla fame, dalla disperazione. "L'intera città soffre - racconta - la popolazione è stanca e afflitta". Il vescovo spiega che le famiglie faticano a trovare viveri, carburante e anche gli altri beni più elementari scarseggiano. La Chiesa tenta di aiutare tutti senza distinzioni. Grazie alle donazioni, la comunità greco-melchita ha dato il via a un programma per sostenere i nuclei familiari più poveri, con sussidi pari al 50% dello stipendio medio di un operaio. A ciò si aggiunge la distribuzione quotidiana di viveri, assistenza medica e la scuola gratuita per i bambini. Per il prelato "sacerdoti, vescovi e religiosi hanno il compito di dare speranza alla gente e con aiuti materiali e attraverso parole di conforto". "La popolazione è consapevole che la Chiesa non li illude con false promesse". E da oggi, l'intero Paese è isolato anche per quanto riguarda le comunicazioni internet, l'unico ponte che insieme ai cellulari permetteva un contatto con l'esterno. Ancora da decifrare le cause del black-out. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá