HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Udienze ed Angelus > notizia del 2013-05-10 16:06:10
A+ A- Stampa articolo



I vertici della Ccce in Vaticano. Il card. Erdö: il Papa è accanto ai cristiani dell'Europa



Prima udienza privata da Papa Francesco per la Presidenza del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (Cce) guidata dal cardinale Péter Erdö, arcivescovo di Esztergom-Budapest. Libertà religiosa, ecumenismo, questioni etico-sociali rilevanti per i cristiani d’Europa e delle aree limitrofe al centro del colloquio e della conferenza stampa che ne è seguita nella sede della nostra emittente. Il servizio di Gabriella Ceraso:RealAudioMP3

“E’ stato un incontro stupendo”, in cui abbiamo potuto raccontare al Papa tutte le nostre attività e i nostri progetti. Così il cardinale Péter Erdö sull’udienza con Papa Francesco:

“Soprattutto, per la forte impressione di essere accolti di cuore, cioè con grande interesse, con apertura e con grande incoraggiamento. E’ stato un conforto, un rinforzo per noi, una gioia particolare”.

Il Papa è stato interessato in particolare dalla tematica ecumenica su cui, dice il porporato, si è mostrato molto sensibile. “C’è bisogno di promuovere la vicinanza reciproca”, ha detto Papa Francesco. Ancora il cardinale Erdö:

“Dal punto di vista non solo strategico, ci sono dei problemi. Ma questa è anche un’occasione per far vedere nei fratelli cristiani delle altre confessioni la sensibilità per certi aspetti morali”.

Centrale per i vescovi europei, anche a colloquio con il Pontefice, la tematica religiosa declinata nei termini di libertà e riconciliazione. Se ne parlerà, sottolinea il cardinale Erdö, all’incontro del Patriarcato ecumenico del 17 e 18 maggio a Istanbul, per ricordare i 1700 anni dell’Editto di Milano, e all’Assemblea plenaria della Ccee il prossimo ottobre a Bratislava, dal titolo "Dio e lo Stato. Europa tra laicità e laicismo". A questo proposito, il presidente Ccee Erdö ha sottolineato le preoccupazioni emerse dalla relazione sulla cristianofobia ricevuta dall’Osservatorio europeo per le discriminazione e l’intolleranza religiosa. “Non si tratta di un fenomeno isolato”, afferma il porporato, citando pericolose tendenze legislative e ingerenze dei governi in Europa sul tema:

“Per esempio, vogliono inserire nella prassi di diversi gruppi religiosi la circoncisione, che volevano vietare alcuni tribunali in Europa, oppure la carne kosher, che è vietata in alcuni Paesi …”.

Immancabili i riferimenti alle situazioni dei cristiani perseguitati in Egitto e in Siria: il Consiglio, spiega il cardinale Erdö, ha pubblicato diverse lettere – per esempio ai cristiani copti d’Egitto e al Patriarca di Alessandria – per ribadire la propria vicinanza. Forte l’appello lanciato poi per il rilascio dei due Metropoliti ortodossi rapiti in Siria da diversi giorni, “una provocazione”, l’ha definita il cardinale Erdö, cui rispondere con una “parola di speranza e con il dialogo”:

“Speriamo si possa trovare una soluzione attraverso il colloquio, attraverso il dialogo, non soltanto per la loro posizione personale, ma anche per la situazione disumana di crisi che si trova in quel Paese”.

Da non dimenticare anche la difficile situazione dei vescovi di Bosnia Erzegovina, ridotti a minoranza, che chiedono sostegno concreto alla comunità internazionale. Ancora il cardinale Erdö:

“Sono rimasti il 5%, come scrivono, in alcune zone: solo il 5% della popolazione, e quelli che vorrebbero tornare non possono tornare. C’è uno sterminio davanti ai nostri occhi ed è nostro dovere ricordare, parlare, scrivere del fatto che questa è una grande ingiustizia. E’ vero che c’è stato l’accordo di Dayton, ma loro dicono chiaramente che oltre la Dichiarazione non si fa niente”.

Continuiamo a lavorare intensamente per la riconciliazione dei popoli d’Europa e all’interno delle società, hanno spiegato i vescovi, mostrando grande apprezzamento per la mobilitazione svoltasi in Francia contro la legge sui matrimoni e le adozioni per le coppie gay: “Un risveglio delle coscienze che la Chiesa sostiene”, afferma il cardinale Erdö. Per l’Italia è stato il cardinale Angelo Bagnasco, vicepresidente della Ccee, a tornare sull’idea che la Chiesa ha della famiglia - con i suoi punti di riferimento indispensabili quale “zoccolo duro della società” - e sul diritto, da salvaguardare, della cittadinanza per chi arriva in Europa e si integra con questa realtà. Il Consiglio ha voluto infine ribadire anche l’adesione della presidenza alla campagna europea "Uno di noi", che domenica prossima sarà ricordata in tutte le parrocchie italiane. La richiesta è che non vengano finanziate le sperimentazioni sugli embrioni umani, soggetti pieni di diritto. L’essenza dell’iniziativa, nelle parole del cardinale Angelo Bagnasco:

“Un gesto concreto e propositivo, perché la coscienza europea non perda se stessa rispetto al valore fondamentale del riconoscimento, della difesa e della promozione della vita umana in tutte le sue espressioni e in tutte le sue fasi”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá