HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-05-16 11:42:44
A+ A- Stampa articolo



Messico: povertà e disoccupazione per circa 13 milioni di donne



Oltre 1 milione e 200 mila madri messicane di origini contadine sono diventate capi famiglia in seguito all’emigrazione dei rispettivi mariti e figli maggiori partiti alla ricerca di opportunità di lavoro nelle città. Rimanendo da sole, vengono sfruttate nelle fabbriche e private dei loro diritti fondamentali. Secondo la Confederazione Nazionale Contadina (Cnc), le più colpite da disoccupazione, povertà e aumento dei prezzi, sono circa 13 milioni di donne che vivono nelle comunità rurali. Di queste solo a 610 mila vengono riconosciuti i diritti sulla terra. In realtà, la popolazione femminile rappresenta appena il 14.2% dei quasi 3.5 milioni di titolari di diritti agrari in Messico. La Cnc ha dichiarato inoltre che nelle zone rurali il 37.7% delle donne fino a 24 anni di età soffre di povertà alimentare; quelle di fascia tra 25 e 44 anni, sono il 34.8%; da 45 a 64 anni, il 31.1%, e dai 65 in poi, sono il 32.2%. Stando alle stime della Commissione Economica per l’America Latina e i Caraibi (Cepal), una madre messicana che vive in zone rurali lavora il 53% in più rispetto agli uomini e quattro ore in più rispetto a quelle che vivono nelle aree urbane. Nonostante ciò, i loro stipendi sono minimi e insufficienti a causa dei recenti aumenti dei prezzi fino al 400% rispetto al 2012, dei generi di prima necessità come uova, pomodori, peperoni. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá