HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-05-20 14:13:26
A+ A- Stampa articolo



Per i cristiani, i poveri non sono sociologia ma la carne di Cristo: il richiamo del Papa alla Veglia di Pentecoste



Che cos’è la “Chiesa povera e per i poveri” di cui parla Papa Francesco? Nella Veglia di Pentecoste con i movimenti e le nuove comunità, il Santo Padre si è soffermato su questo tema, rispondendo proprio ad una domanda su Chiesa e povertà. Nel servizio di Alessandro Gisotti, riproponiamo alcuni passaggi della risposta del Papa che ha innanzitutto sottolineato che i poveri per i cristiani non sono “una categoria sociologica”, ma la “carne di Cristo”:RealAudioMP3

Quando facciamo l’elemosina a un povero, lo guardiamo negli occhi, gli tocchiamo la mano o gli gettiamo la moneta? Papa Francesco ha posto un interrogativo lacerante per la coscienza di ogni cristiano. Un richiamo senza sconti per sottolineare con forza che la povertà, per chi si definisce cristiano, non può essere derubricata a “categoria sociologica o filosofica o culturale”. I poveri sono la carne di Cristo:

"Una Chiesa povera per i poveri incomincia con l’andare verso la carne di Cristo. Se noi andiamo verso la carne di Cristo, incominciamo a capire qualcosa, a capire che cosa sia questa povertà del Signore. E questo non è facile".

Dobbiamo “toccare la carne di Cristo – ha esortato – prendere su di noi questo dolore per i poveri”. E questo vale ancora di più in questo momento di crisi. Noi cristiani, ha avvertito il Papa, “non possiamo preoccuparci soltanto di noi stessi, chiuderci nella solitudine, nello scoraggiamento”. La Chiesa, ha detto ancora, non deve chiudersi in se stessa:

"Questo è un pericolo: ci chiudiamo nella parrocchia, con gli amici, nel movimento, con coloro con i quali pensiamo le stesse cose… ma sapete che cosa succede? Quando la Chiesa diventa chiusa, si ammala!".

La Chiesa, ha proseguito, “deve uscire da stessa” e andare “verso le periferie esistenziali, qualsiasi esse siano”. Certo, ha osservato, quando uno esce di casa e va per strada può succedere un incidente:

"Ma io vi dico: preferisco mille volte una Chiesa incidentata, incorsa in un incidente, che una Chiesa ammalata per chiusura! Uscite fuori, uscite!"

Noi, ha poi constatato con amarezza, viviamo una cultura in cui “quello che non mi serve lo getto via, la cultura dello scarto”:

"Oggi – questo fa male al cuore dirlo – oggi, trovare un barbone morto di freddo non è notizia. Oggi è notizia, forse, uno scandalo. Uno scandalo: ah, quello è notizia! Oggi, pensare che tanti bambini non hanno da mangiare non è notizia. Questo è grave, questo è grave! Non possiamo restare tranquilli!"

Noi, ha detto ancora, non possiamo diventare “cristiani inamidati”, “troppo educati”. Cristiani che “parlano di cose teologiche mentre prendono il tè”. Noi “dobbiamo diventare cristiani coraggiosi e andare a cercare quelli che sono proprio la carne di Cristo”. Il Papa ha, infine, preso spunto da un midrash biblico sulla costruzione della Torre di Babele per denunciare quanto ancora oggi, come migliaia di anni fa, la dignità di un operaio, di un lavoratore conti meno del denaro:

"Questo succede oggi: se gli investimenti nelle banche calano un po’… tragedia…come si fa? Ma se muoiono di fame le persone, se non hanno da mangiare, se non hanno salute, non fa niente! Questa è la nostra crisi di oggi! E la testimonianza di una Chiesa povera e per i poveri va contro questa mentalità".




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá