HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-05-20 14:36:59
A+ A- Stampa articolo



Siria: l’esercito di Assad riconquista la città strategica di Qusayr



Sono almeno una sessantina le vittime della violenta battaglia delle ultime ore a Qusayr, nel centro della Siria. La roccaforte è stata strappata domenica, dal controllo dei ribelli ed è tornata nelle mani delle truppe del regime. Nei combattimenti sono morti, a fianco delle truppe lealiste, decine di miliziani Hezbollah. Il servizio di Salvatore Sabatino:RealAudioMP3

Qusayr: una città strategica per diversi motivi. Si trova vicinissima al confine con il Libano e a Homs – la terza città della Siria – ed è sulla strada che collega Damasco alla costa. Ecco perché la battaglia è stata senza esclusioni di colpi; da terra e da cielo, con artiglieria pesante e bombardamenti aerei che hanno provocato decine di morti. Tra le vittime ci sarebbero anche una ventina di miliziani libanesi Hezbollah. Non è un caso che il premier israeliano Netanyahu, ieri, abbia sottolineato che “sarà fatto tutto il possibile” per impedire il trasferimento di armi ai combattenti del movimento sciita. Una minaccia, la sua, seguita a quelle giunte dal regime di Damasco, che sempre ieri ha puntato i suoi missili su Tel Aviv; la città ''sarà colpita - hanno fatto sapere uomini vicini ad Assad – se ci saranno nuovi raid'' dei caccia dello Stato ebraico. Maria Grazia Enardu, docente di Storia delle Relazioni Internazionali presso l’Università di Firenze:

"I missili russi di cui Assad dispone sono praticamente sempre in mano a consiglieri militari russi, che ne decidono l’uso e ne guidano il lancio. Questi missili sono pedine da giocare sul terreno di una trattativa diplomatica, su cui sia Mosca sia Washington hanno concordato dovrebbero avere luogo in giugno. E a questa trattativa Mosca, e quindi la Siria, vuole arrivare da posizioni di forza".

Intanto, proprio sulla Conferenza di giugno si accendono le polemiche. Mosca spinge affinché sia presente anche l’Iran, mentre dice che “non è giusto fissare una scadenza per le trattative”. Il processo potrebbe essere molto lungo e difficile, tanto da prevedere mesi, se non anni per giungere ad una soluzione.

Ultimo aggiornamento: 21 maggio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá