Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2013-05-22 17:47:01
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Istat: manca il lavoro per la crisi. L'integrazione sociale a rischio. E' il fallimento dell'azione politica.




RealAudioMP3 Disoccupati sfiduciati che non cercano più lavoro, Potere d'acquisto ridotto, consumi delle famiglie in forte calo. La crisi economica, secondo il "Rapporto Annuale 2013 sulla situazione dell'Italia", firmato dall'Istat, porta i giovani tra i 15 ed i 29 anni a non andare a scuola e a non cercare lavoro. Un quadro preoccupante, con ricadute dirette anche sui processi di integrazione sociale del Paese, dove non solo gli italiani ma anche i migranti in arrivo dalle sponde del Mediterraneo sono a rischio. Per Manuela de Marco, dell'ufficio immigrazione di Caritas italiana, ad Otranto (Le) per il Meeting internazionale Caritas sui temi delle migrazioni, la crisi economica "oltre alla mancanza di lavoro che genera precarietà e talvolta scontri sociali, toglie fondi alle strutture incaricate di seguire ed aiutare i migranti sul territorio nazionale". I dati Istat, sono confermati anche dall'indagine del rapportogiovani.it avviata dall'Istituto Giuseppe Toniolo di Milano in collaborazione con l'Università Cattolica di Milano e la Fondazione Cariplo. Per il prof. Alessandro Rosina, docente di Demografia e Statistica della Cattolica, "In Italia abbiamo uno dei valori più elevati di under 25 senza lavoro e di giovani che non studiano. Una situazione simile e preoccupante anche per gli under 30". Una realtà che chiama in causa la politica e quanti gestiscono il bene comune del Paese per l'incapacità dimostrata nel trovare possibili soluzioni ai problemi. (a cura di Luca Collodi)