HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Cultura e Società > notizia del 2013-05-22 16:46:27
A+ A- Stampa articolo



Femminicidio: più centri anti-violenza e un cambiamento di mentalità



Una proposta di legge sul femminicidio e le violenze in famiglia è stata presentata nella sala stampa della Camera da parlamentari del Centro Democratico e dall’Associazione “Valore donna”. Ma di violenza sulle donne si è parlato anche in un incontro promosso a Roma dal ministro per le Pari opportunità, Josefa Idem, al quale sono intervenuti i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso. Tanti gli aspetti analizzati per un fenomeno complesso che oltre a norme adeguate, richiede misure di prevenzione, di protezione delle vittime e un cambio di mentalità collettivo. Adriana Masotti ne ha parlato con Emanuela Moroli, presidente dell’associazione “Differenza Donna”:RealAudioMP3

R. – Noi abbiamo preso parte alla riunione di cui lei parla e abbiamo fatto le nostre proposte. Se mi chiede quale sia la cosa più urgente, la cosa più urgente è aumentare il numero dei centri antiviolenza. Noi, infatti, ne abbiamo ben 5 a Roma e ciò nonostante tutti i giorni dobbiamo dire a donne che sono in pericolo di vita che non possiamo accoglierle perché non abbiamo posto. Quindi, la prima cosa, la più urgente, è aumentare il numero dei centri antiviolenza. Inoltre, è necessario anche rendere possibile la loro vita perché in Italia i centri antiviolenza sono strutture che vengono sostenute pochissimo e questo è gravissimo. Non si più lavorare senza un sostegno economico da parte delle istituzioni quando il tema è la violenza sulle donne, il femminicidio.

D. – Il presidente del Senato, Grasso, ha assicurato il suo massimo impegno perché venga costituita al più presto una commissione parlamentare per studiare il fenomeno. Ma c’è ancora bisogno di studiare?

R. – Sì, c’è bisogno di questa commissione. L’abbiamo chiesta noi di "Differenza Donna" per prime e ci teniamo molto che si metta in piedi questa Commissione perché ci sono tante cose da studiare. La prima è capire come evitare ancora che le forze dell’ordine quando una donna arriva in questura o negli uffici dei carabinieri, e chiede di essere in qualche modo aiutata e protetta perché rischia la vita, la denuncia di questa donna finisce dentro un cassetto e lì giace con il risultato che torna a casa e magari ci rimette la pelle. Bisogna capire come portare avanti ancora molte cose. Questa di formare le forze dell’ordine a un diverso atteggiamento nei confronti delle donne che subiscono violenza è una delle più urgenti.

D. – Poi, c’è forse da formare anche il personale sanitario…

R. – Sicuramente. Anche i tribunali hanno bisogno di una sensibilizzazione e non parliamo dei Pronto Soccorso per i quali noi abbiamo messo a punto un codice rosa, proprio per aiutarli ad intervenire con le donne che hanno subito violenza, in modo diverso da chi ancora crede che sono cadute dalle scale. Ci sarebbero molte cose da dire in proposito.

D. - Ci sono poi aspetti che sembrano più lontani, non direttamente attinenti; quello, ad esempio, educativo, dell’informazione, della pubblicità.

R. – Certo, è una cosa fondamentale. Se non si cambia la cultura dei più giovani, non avremo mai una condizione diversa per le donne del nostro Paese e questa è un’altra delle cose fondamentali. Ma, come vede, complessivamente, c’è una cultura da ribaltare perché finora il valore di una donna contenta, felice e libera non è stato considerato un valore. Invece, una donna in grado di esprimere tutte le sue potenzialità è una grandissima risorsa per tutta la società. E una donna che subisce violenza e quindi è rassegnata, svalorizzata, incerta, non può mai esprimerle.

D. – Concludiamo allora proprio su questo perché, tornando all’incontro di oggi, Pietro Grasso ha detto anche: la nostra è ancora una società maschilista…

R. – Ha ragione, ha assolutamente ragione. Noi lo tocchiamo con mano tutti i giorni, incontrando ogni giorno decine e decine di donne che di questa società maschilista sono vittime.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23 MAGGIO




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá