HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Religione e Dialogo > notizia del 2013-05-23 13:52:23
A+ A- Stampa articolo



Nepal: cattolici, musulmani e indù ricordano l'attentato alla cattedrale di Kathmandu



Centinaia di persone si sono riunite nella chiesa dell'Assunzione di Kathmandu per ricordare il terribile attentato avvenuto il 23 maggio 2009 e costato la vita a due persone e causato 13 feriti. "Non abbiamo paura di continuare il nostro servizio nel nome di Dio", ha affermato padre Robin Rai, parroco della cattedrale in una chiesa gremita non solo di cattolici, ma anche di indù e musulmani. "Le minacce degli estremisti - ha aggiunto - non ci spaventano, proseguiremo la nostra missione con ancora più vigore". Il sacerdote ha sottolineato che i "i cattolici non sono per la vendetta, ma da sempre lavorano per il bene della società e dell'uomo, in solidarietà con tutte le altre fedi religiose". Alla cerimonia erano presenti anche le famiglie delle vittime e i sopravvissuti all'attacco. Shyam Rai, rimasto gravemente ferito dall'esplosione della bomba piazzata dagli estremisti indù, dichiara all'agenzia AsiaNews che questa esperienza drammatica "ha aumentato la sua fede in Dio. Ora sono pronto ad affrontare qualsiasi avversità nel Suo nome". La piccola comunità cattolica di Kathmandu ha condiviso la preghiera insieme con i rappresentanti musulmani e indù, che in questi anni hanno dimostrato in più di una occasione la loro solidarietà ai cristiani. Damodar Gautam, leader indù e delegato del Consiglio per il dialogo interreligioso, spiega che "l'attacco non ha nulla a che fare con la nostra religione. Nessun fedele ha il diritto di compiere un tale gesto utilizzando il pretesto della fede". "Purtroppo - aggiunge - l'induismo è da anni preda degli estremisti, che compiono violenze in nome della religione". In questi anni, il Nepal ha registrato diversi omicidi e attacchi contro le minoranze religiose, di solito per mano di estremisti indù. Il Nepal Defence Army (Nda), il gruppo responsabile dell'attentato alla cattedrale dell'Assunzione di Kathmandu, è responsabile anche dell'attacco alla moschea di Birantnagar nel 2010 e della morte di padre John Prakash nel 2008. A tutt'oggi molti dei suoi leader sono in carcere. Nonostante le minacce e gli attentanti, la comunità cattolica nepalese è cresciuta in questi anni. Oggi conta oltre 7mila fedeli e costituisce circa 0,45% della popolazione. Le sue opere, soprattutto quelle educative sono conosciute e stimate in tutto il Paese. Nel 2011 il governo ha dichiarato il Natale festa nazionale, consentendo ai cristiani processioni e manifestazioni a cui partecipano ogni anno centinaia di persone di altre fedi. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá