HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-06-13 13:46:26
A+ A- Stampa articolo



Grande attesa a Carpi per la Beatificazione di Odoardo Focherini



Odoardo Focherini: padre di famiglia, giornalista, cristiano impegnato nella Chiesa italiana degli anni ’30 e ’40 del secolo scorso sarà beatificato, questa mattina, nella sua Carpi nella Celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Angelo Amato, prefetto per la Congregazione delle Cause dei Santi. Focherini, nato nel 1907, morì martire a soli 37 anni nel 1944 nel campo di concentramento di Hersbruck: fu deportato per aver salvato un centinaio di ebrei. Luca Tentori ha sentito per noi un suo compagno di prigionia che oggi vive a Bologna:RealAudioMP3

Ha 86 anni, Franco Varini, ma i ricordi della sua giovinezza sono precisi e puntali con date, ore e nomi. Perché la storia violenta, che a lui non ha fatto sconti, lascia impressi i ricordi per tutta una vita. Fu prigioniero nel campo di concentramento di Fossoli, in Emilia, all’età di 17 anni perché una spia lo denunciò come partigiano. Qui nel luglio 1944 conobbe Odoardo Focherini:

"Era un tipo molto silenzioso e molto gioviale. Molto attento soprattutto a coloro che avevano momenti di tristezza. Per questo ho sempre avuto l’impressione che fosse un sacerdote, perché bastava che io mi sedessi un attimo su una panca un po’ sconsolato - e lo ero veramente - che subito arrivava l’abbraccio di Odoardo. Quest’uomo mi prese sotto la sua protezione e di fatto sono diventato suo figlio".

E in quei mesi, come spesso accade nel cammino cristiano, l’intreccio tra due grandi vite di fede: Odoardo Focherini e Teresio Olivelli, altro imponente figura di cattolico italiano del Novecento. Quest’ultimo si salvò miracolosamente dalla fucilazione e fu nascosto e sfamato nello stesso campo di Fossoli da Focherini:

"Quest’uomo che ha sette figli a casa, che ha fatto espatriare più di cento persone, per cui è un super condannato, riesce comunque nel campo a compiere l’atto di eroismo più grande che si possa compiere: si fa carico di un condannato a morte. E qui c’è tutta la grandezza di Odoardo Focherini, perché se un altro avesse 'venduto' Teresio Olivelli, diciamoci la verità, sarebbe stato liberato".

Ma il 5 agosto 1944 tutti i prigionieri rimasti nel campo furono trasferiti a Bolzano e Olivelli senza coperture fu catturato dalle SS. Lo rividero sfigurato dalle percosse qualche giorno dopo:

"Corsi subito a cercare Odoardo che era lì. Odoardo mi mise una mano sulla spalla e cominciai a parlare e Odoardo a piangere. Odoardo Focherini ha fatto l’impossibile. Abbiamo vissuto un primo periodo poi insieme a Flossenbürg. Poi lì ci siamo divisi: lui è finito a Hersbruck, dove è morto malamente e io sono finito a Dachau, e la mia storia è continuata successivamente e a portarmi dietro con certezza non solo il ricordo ma il sorriso di Odoardo che dall’alto dice: “Dai topolino (il soprannome che mi dette Odoardo e che mi è rimasto per tutta la vita). Topolino forza, ce la dobbiamo fare” e ce l’abbiamo fatta"!

“Non mi sentivo un eroe, ma un ragazzo di 17 anni che non voleva morire, ha concluso Franco Varini a microfoni spenti. Sono "sull’altra sponda" rispetto alla Chiesa, ma ho voluto testimoniare al suo processo di Beatificazione perché era un uomo giusto, per me, un Santo”.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá