Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2013-06-15 15:33:08
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



E' Beato, il 'Giusto tra le Nazioni', Odoardo Focherini




RealAudioMP3 Migliaia di persone hanno partecipato in piazza Martiri, a Carpi, alla cerimonia di beatificazione di Odoardo Focherini - nato nel comune modenese nel 1907 - 'Giusto tra le Nazioni, 'Martire della fede', che per la sua opera a favore degli ebrei durante l'Olocausto fu arrestato e morì a 37 anni nel 1944 nel campo di concentramento di Hersbruck. Padre di famiglia, assicuratore, giornalista, amministratore dell'Avvenire d'Italia, dirigente dell'Azione cattolica italiana, il Beato Focherini "è una figura di grande attualità" come ha ricordato il vescovo di Carpi, monsignor Francesco Cavina. "Ha incarnato una visione profondamente umana del cristianesimo" spiega il presule. "In un periodo drammatico della storia d'Italia e dell'Europa, dominato da ideologie tenebrose e maligne, Focherini, aderendo a Cristo Via Verità e Vita, ha difeso, anche con la vita, la dignità della persona umana, l'inviolabilità della coscienza ed il diritto alla libertà di pensiero e di religione". "Nel momento di ricostruzione che la nostra diocesi, con le diocesi vicine, sta vivendo, dopo il terremoto del maggio 2012 - commenta Ilaria Vellani, presidente dell'Azione Cattolica di Carpi - la figura di Focherini ci dà coraggio e speranza". "Il nostro è uno stato d'animo di gioia e gratitudine", aggiunge Paolo Trionfini, carpigiano, presidente della commissione storica nella fase diocesana del processo di beatificazione. "Gioia, per questo dono che la Chiesa ci ha fatto, indicando Odoardo Focherini come modello di santità. E gratitudine perché questa straordinaria figura diventa modello di venerazione per tutta la Chiesa universale". "Focherini - aggiunge - fa parte di quella generazione di italiani cresciuti nelle fila dell'Azione cattolica che durante la seconda guerra mondiale hanno speso sul campo la loro formazione. Alcuni assunsero incarichi di rilievo nel dopoguerra, altri come Focherini, seppero compiere scelte straordinarie in frangenti decisivi per salvare i priopri fratelli, in questo caso ebrei". Una figura, quella del Beato Focherini, che oltre a offrire un modello laico di Santità, dimostra ancora una volta l'importante contributo dei cattolici all'aiuto agli ebrei nell'epoca della Shoah. (A cura di Fabio Colagrande)