HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-06-18 12:54:59
A+ A- Stampa articolo



20.mo del Catechismo: il Giudizio universale, giudizio della misericordia



Il Giudizio universale sarà il giudizio della misericordia. E' quanto sottolinea il Catechismo della Chiesa cattolica che dedica pagine importanti al Giudizio universale. Il gesuita padre Dariusz Kowalczyk vi si sofferma nella 31.ma puntata del ciclo di riflessione sul Catechismo, a 20 anni dalla sua pubblicazione:RealAudioMP3

I cristiani professano che Gesù Cristo “verrà a giudicare i vivi e i morti”. Questo vuol dire che la storia del mondo e di ciascuno avrà il suo compimento. Nel Catechismo leggiamo: “Nel Giorno del Giudizio, alla fine del mondo, Cristo verrà nella gloria per dare compimento al trionfo definitivo del bene sul male che, come il grano e la zizzania, saranno cresciuti nel corso della storia” (n. 681)

Cristo è il Signore dei morti e dei vivi e come tale ci dice: “Abbiate fiducia; io ho vinto il mondo” (Gv 16,33). La sua sovranità però non si è ancora compiuta. E così la zizzania cresce insieme al grano.

Bisogna fare distinzione tuttavia tra il Giudizio universale, che verrà alla fine dei tempi, e il giudizio particolare, che avviene subito dopo la morte dell’individuo. “E’ stabilito per gli uomini – leggiamo nella lettera agli Ebrei – che muoiano una sola volta, dopo di che viene il giudizio” (9,27). Non c'è alcuna reincarnazione. La storia umana è lineare – ha il suo inizio e il suo fine. Abbiamo una sola vita e una sola morte. Il giudizio particolare riguarda la storia degli individui. Il Giudizio universale invece riguarda tutta la storia di tutte le generazioni.

Tutti abbiamo visto diverse rappresentazioni del giudizio e, qualche volta, queste ci fanno anche paura. Dobbiamo ricordare però che ci giudicherà Colui che per noi è morto sulla Croce. Il giudizio sarà quindi quello della misericordia. Si! “Saranno messi in luce la condotta di ciascuno e il segreto dei cuori” (CCC 678), ma non per condannare il peccatore, ma per purificarlo e salvarlo. E il criterio principale del giudizio saranno le parole di Gesù: “Ogni volta che avete fatto queste cose ad uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me” (Mt 25,40). Il male sarà svelato ma, prima di tutto, verrà ricordato ogni bene, anche il più piccolo, che abbiamo reso al prossimo.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá