HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-06-18 17:13:38
A+ A- Stampa articolo



Organizzazioni civili afghane incontrano a Roma i giornalisti: lanciata la "Campagna 30%"



Incontro ieri a Roma tra esponenti di diverse organizzazioni della società civile afghana e i giornalisti per fare il punto sul processo di ricostruzione, di sviluppo e di riconciliazione nazionale in corso in Afghanistan. In particolare, la delegazione ha illustrato le attività di formazione e di sostegno alla popolazione locale finanziate dal Ministero degli Affari esteri italiano e affidate alla rete di Ong “Afgana”. A coordinare i lavori il portavoce della rete, Emanuele Giordana che, al microfono di Adriana Masotti, fotografa così l’Afghanistan di oggi:RealAudioMP3

R. - La società in generale è una società, per molti aspetti, ancora arretrata - secondi i nostri canoni - soprattutto nelle realtà rurali. Nelle città le cose sono diverse, perché molto dello sforzo civile, che ha accompagnato la campagna bellica, si è concentrato nelle città e quindi l’accesso allo studio è maggiormente garantito: tantissimi giovani, soprattutto ragazze, possono oggi andare non solo al liceo, ma anche all’università. E oggi il burqa, questo terribile indumento per noi, a Kabul è quasi difficile vederlo. Poi c’è l’aspetto che riguarda la società civile organizzata e questa è la novità: la crescita dell’associazionismo che ha come obiettivo lo sviluppo e la dignità dell’intera società afghana. Penso, solo per dirne una, che potrà sembrare strana, alle associazioni di poeti, che in Afghanistan sono fortissime e che sono - in questo caso la poesia - strumento di dialogo, anche di critica e di confronto. Poi naturalmente ci sono organizzazioni che lottano per la difesa dei diritti umani, per la difesa dei diritti delle donne, anche perché lì si è riversato molto del finanziamento occidentale, creando anche qualche problema e cioè l’abitudine, per alcune organizzazioni, a rispondere soprattutto alla domanda di chi dà i soldi, il quale molto spesso si cura molto di più di fare la sua bella figura nella società afghana che non di domandare quale sia l’esigenza reale della società.

D. - E proprio una delegazione di queste associazioni, di questa società civile organizzata afghana è venuta in Italia e oggi, a Roma, ha incontrato i giornalisti, nell’ambito di un progetto: un progetto che riguarda che cosa?

R. – Quello di rafforzare il ruolo della civiltà civile afghana in Afghanistan. Uno dei modi per rafforzarla è stato creare una serie di incontri - sui temi che vanno dal diritto di cittadinanza ai beni comuni, all’acqua pubblica, ai temi della difesa del lavoro, ai temi naturalmente della dignità della donna - in cui rappresentanti dell’associazionismo italiano sono andati a incontrare attivisti dei vari movimenti in Afghanistan o semplicemente studenti. Incontri che si sono svolti a Kabul, a Jalalabad, a Mazar Sharif, che sono poi culminati in una sessione accademica all’Università di Herat, dove erano presenti ricercatori italiani, afghani e stranieri, per fare un po’ il punto sugli studi che stanno nascendo in questo periodo e che riguardano proprio la società civile afghana.

D. - La Rete Afgana lancia anche una campagna: la “Campagna 30%”, che fa riferimento a quando ci sarà il ritiro definitivo dei militari italiani dall’Afghanistan…

R. – Esatto! Abbiamo rilanciato questa idea, che è quella per cui per ogni euro risparmiato col ritiro delle truppe - la spesa militare, lo ricordo, è stata fino adesso di circa due milioni di euro al giorno – di questo euro 30 centesimi devono essere rinvestiti in attività che riguardano il civile: dunque le infrastrutture o gli ospedali o le scuole… Ci rendiamo conto che è una campagna difficile, ma abbiamo notato - proprio in questi giorni - che l’idea si fa strada fra molti dei nostri parlamentari. Speriamo che questo, alla fine, si trasformi in nuove forme di finanziamento, di cooperazione civile di cui abbiamo bisogno dopo dieci anni, in cui abbiamo pensato soltanto e quasi esclusivamente all’aspetto militare.

D. - Non c’è il timore che dopo tanti sforzi, quando il supporto militare non ci sarà più, il Paese ripiombi nel conflitto? La presenza talebana è ancora forte…

R. - Quello che io ho registrato nei miei viaggi in Afghanistan e quello che è stato detto proprio in queste riunioni dai nostri ospiti afghani è che in realtà non c’è il timore di una nuova guerra civile, una volta che sarà completato il ritiro. Bisogna anche pensare che adesso c’è un esercito e una polizia che constano di 350 mila effettivi. Ci dicevano oggi i nostri amici afghani che il consenso ai talebani sarebbe attorno al 7 per cento, quindi basso. Il vero timore, però, è questo: che l’Afghanistan venga abbandonato non soltanto nelle mani dei talebani, ma anche ai grandi giochi che continuano a farsi attorno a questo Paese da parte degli Stati confinanti. Dicono gli afghani: “Non ci dovete abbandonare, perché non dobbiamo tornare ad essere vittima del “grande gioco”, per cui alla fine ogni Paese gioca la carta Afghanistan per i suoi interessi particolari”.
Ultimo aggiornamento: 19 giugno




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá