HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-06-18 20:22:06
A+ A- Stampa articolo



G8: crescita e lavoro. Cameron sulla Siria: divergenze ma tutti per la fine del conflitto



“La nostra urgente priorità è promuovere la crescita ed il lavoro”. Così la bozza del comunicato finale del G8 tenutosi a Enniskillen, in Irlanda del Nord. Al vertice, che si è concluso ieri, è stata raggiunta una posizione comune anche sulla lotta all’evasione fiscale. Sulla Siria vi sono state divergenze ma ''tutti vogliamo la fine del conflitto'', ha detto il primo ministro britannico, David Cameron, nella conferenza stampa finale. E per il premier italiano Enrico Letta dal summit vengono intese che spingono le politiche del governo. Il servizio di Debora Donnini:RealAudioMP3

Lavoro e crescita e una lotta coordinata all’evasione fiscale: sono i due temi che hanno visto il consenso degli otto leader mondiali riuniti per due giorni. "Sostegno alla domanda, sicurezza delle finanze pubbliche e riforme": le 3 ricette per promuovere crescita e lavoro specialmente per i giovani e i disoccupati a lungo termine, dice la bozza del comunicato finale. Sul fronte della lotta ai paradisi fiscali, dal G8 esce l’impegno allo scambio automatico di informazioni fra autorità fiscali. E per le multinazionali si vuole lavorare ad un modello comune perché dichiarino dove realizzano i profitti e dove pagano le tasse nel mondo. Anche la politica internazionale ha avuto il suo spazio al summit nordirlandese. Sulla Siria ''non è un segreto che vi siano state divergenze'' ma ''tutti vogliamo la fine del conflitto'', ha detto il primo ministro britannico, David Cameron, nella conferenza stampa finale. C’è una dichiarazione forte, sottoscritta anche dalla Russia, specifica Cameron. Si auspica, dunque, una inchiesta dell’Onu sul presunto uso di armi chimiche. Grande soddisfazione per il vertice dal premier italiano Enrico Letta. E’ emerso ''un grande ombrello” di intese “che - ha detto - spingono le politiche del mio governo; ho trovato molte conferme e stimoli molto forti''. L’Italia non è un sorvegliato speciale, specifica ribadendo che gli impegni con l’Ue saranno mantenuti. Letta poi annuncia che vertice italo-russo si terrà in autunno a Trieste e che dal G8 è venuta fuori una pressione che ormai darà risultati senza ritorno sul tema della lotta ai paradisi fiscali.

Ma cosa significa concretamente questo vertice per l’Italia? Debora Donnini lo ha chiesto a Tommaso Cozzi, professore di economia all’Università di Bari:RealAudioMP3

R. – Credo che possa rappresentare un Vertice della speranza, nel senso che forse è iniziato un cambiamento culturale. Di concreto, francamente, non credo ci sia nulla, se non delle intenzioni. Ma se non passiamo almeno ai propositi, il cambiamento culturale che ha portato ad una politica basata esclusivamente sul rigore, non potrà mai cambiare in una politica orientata alla crescita.

D. – Uno dei temi forti, dal punto di vista economico, è la lotta ai paradisi fiscali, coordinata. Da questo G8, cioè, esce l’impegno allo scambio automatico di informazioni fra autorità fiscali. Questo è un punto importante e rivoluzionario?

R. – Credo che questo sia un risultato concreto. La necessità di scambiarsi informazioni è soprattutto rivolta ai grandi evasori, dove in realtà poi si annida la stragrande maggioranza della quota evasa al fisco delle varie nazioni. Sicuramente, quindi, questo è un risultato importante. E’ stata declinata, infatti, una specie di road map in dieci punti, in cui si definiscono i passi da compiere per la lotta all’evasione fiscale internazionale.


Ultimo aggiornamento: 19 giugno




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá