HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-06-20 08:19:53
A+ A- Stampa articolo



Fondazione “Migrantes”: no a misure di sola repressione, rivedere politica migratoria europea



La Fondazione “Migrantes” si augura che la Giornata mondiale del rifugiato possa diventare occasione per allargare la conoscenza del mondo dei rifugiati e richiedenti asilo nelle nostre comunità. E’ quanto si legge in un comunicato, a firma di mons. Giancarlo Perego, direttore generale di “Migrantes”. Quest’anno, continua la nota, la Giornata mondiale del rifugiato “coincide con giorni drammatici che hanno coinvolto molte persone in fuga: mille persone arrivate sulle coste siciliane in pochi giorni, la morte di migranti aggrappati a una rete per la pesca del tonno, che allungano la schiera dei 20 mila morti nel Mediterraneo, il ritorno dell’emergenza a Lampedusa”. La situazione dei rifugiati in Italia, avverte mons. Perego, “diventa drammatica nei Paesi segnati dalla guerra o per i Paesi confinanti: penso in particolare alla Siria e al Libano, alla Giordania o ai campi del Nord-Centro Africa o della Somalia ed Eritrea”. E sottolinea che “ogni anno cresce il numero di rifugiati e richiedenti asilo e cresce anche la consapevolezza di nuovi e allargati strumenti di protezione internazionale che sappiano rispondere a una situazione sempre più complessa”. Per la Fondazione “Migrantes”, “misure di sola repressione e reclusione o solo emergenziali, soprattutto nel contesto europeo dove oltre 330 mila persone nel 2012 sono rifugiate, non bastano”. Ancora, “misure solo attente alle persone e non alle famiglie risultano insufficienti e inefficaci” come anche quelle “misure che creano un continuo spostamento delle persone da un Paese all’altro facendo aumentare il disagio sociale”. Il Sistema Europeo Comune di Asilo, approvato dal Parlamento europeo e che entrerà in vigore nel 2015, prosegue mons. Perego, sarà “una cartina di tornasole per misurare il volto sociale dell’Europa, la capacità del nostro Continente di trovare risposte nuove per la tutela dei diritti dei rifugiati, ma anche per costruire una nuova, più efficace rete sociale”. “Protezione e cooperazione – conclude il direttore di “Migrantes” – sono le parole che dovrebbero sostituire espulsione e reclusione nella politica migratoria europea verso i rifugiati e richiedenti asilo”. (A.G.)

Ultimo aggiornamento: 21 giugno




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá