HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-06-20 14:24:41
A+ A- Stampa articolo



Pirateria. Rientrata in Italia la San Marco. Le coste orientali dell'Africa le più pericolose



Lotta alla pirateria. Rientrata a Taranto la nave militare italiana San Marco, dopo quasi sette mesi di attività nel Golfo di Aden, davanti le coste Somale. La missione Nato, Ocean Shield, è ora guidata dalla Spagna. Intanto il rapporto dell'International Maritime Bureau evidenzia che, per la prima volta, le coste dell'Africa occidentale sono diventate più pericolose di quelle orientali: 966 i naviganti che hanno subìto attacchi nel Golfo di Guinea, contro gli 851 da parte dei pirati somali. Secondo i dati i Paesi più a rischio sono Nigeria, Benin, Costa d'Avorio, Camerun, Guinea Equatoriale, Gabon e Togo. Massimiliano Menichetti ha raccolto il commento di Raffaele Cazzola Hofmann docente di storia dell’Asia all’Università di Enna ed autore del libro “I nuovi pirati - La pirateria del terzo millennio in Africa, Asia e America Latina” edito da Ugo Mursia:RealAudioMP3

R. - La pirateria è un fenomeno di portata assolutamente globale, più di quanto saremmo portati a pensare guardando le questioni che hanno riguardato purtroppo le navi italiane nel Golfo di Aden, nell’Africa orientale e anche - in qualche modo - dell’Oceano Indiano. In effetti il dato di una escalation di episodi nel 2012 al largo delle Golfo della Guinea, quindi nell’Africa Occidentale, è la dimostrazione concreta di un fenomeno che, in realtà, va già avanti da anni e che vede la pirateria ben presente in particolare - appunto - nell’Africa Occidentale, ma anche - pur con tassi minori - in alcune aree costiere del Sud America, del Centro America ed è anche dell’Asia Orientale.

D. - La pirateria ha volti diversi?

R. - Naturalmente lo scopo comune è quello di guadagnare soldi attraverso questi atti criminali. Ci sono poi delle differenze concrete: mentre nell’Oceano Indiano e al largo dell’Africa Orientale si punta molto sul sequestro degli ostaggi; al largo dell’Africa Occidentale, dove vi è un continuo avanti e indietro di petroliere, i pirati puntano soprattutto sulla presa di carichi di petrolio.

D. - Per quanto riguarda il Golfo di Aden è in atto una missione internazionale che cerca di bloccare il fenomeno, eppure questo non si ferma: 851 attacchi portati contro le navi…

R. – Guardando il Golfo di Aden e poi anche di Oceano Indiano, visto che poi i pirati stanno allargando sempre di più il loro raggio di azione, si parla proprio di una estensione di mare gigantesca. Quindi, per quanto vi siano molte missioni internazionali, a partire dalla missione della Nato e anche da una missione dell’Unione Europea – in cui l’Italia gioca un ruolo molto importante - e per quanto vi sia una crescente organizzazione da parte dei Paesi e delle organizzazioni internazionali, c’è un fattore geografico elementare che ci mette evidentemente in difficoltà. Però naturalmente, anche qui, 851 attacchi è un numero che fa impressione, ma 2-3 anni fa questo dato sarebbe stato molto più imponente: quindi si registrano davvero risultati sul piano della prevenzione.

D. - Come si può prevenire la pirateria?

R. - La pirateria è un fenomeno del mare, ma in realtà il primo mezzo di prevenzione è sulla terra ferma, ovvero lavorare per migliorare le condizioni di vita di popolazioni che trovano nella pirateria l’unica alternativa possibile. Non è casuale che i territori nel mondo in cui la pirateria è più forte - quindi appunto Golfo di Aden, Africa Orietnale, Africa Occidentale e anche alcune realtà del Centro America, come Haiti – siano territori poveri e disastrati.

D. - La missione dell’Onu verrà prolungata nel Golfo di Aden fino alla fine del 2014. Possiamo dire, quindi, che a livello globale la pirateria vede tutti uniti nel contrasto di questo fenomeno?

R. - In linea di principio certamente sì. Poi naturalmente ogni Paese è, più o meno, in grado di portare un contrasto concreto, però si può affermare che c’è un accordo. Poi c’è anche chi parla di Paesi e di governi, in via di sviluppo, che sarebbero conniventi con i pirati per creare tutto un giro di affari, ma su questo non mi spingerei troppo oltre.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá