HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-06-23 11:08:15
A+ A- Stampa articolo



I vescovi inglesi: ingiusto privare del diritto di voto i detenuti condannati



"Chi ha commesso un crimine può essere, ed a ragione, privato della libertà e detenuto in prigione, ma non smette mai di essere un cittadino”. Scrive così mons. Peter Smith, vicepresidente della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles, in una lettera pubblicata sul quotidiano The Guardian. Al centro della missiva del presule, la questione del voto per i detenuti: attualmente è, infatti, al vaglio del Parlamento inglese la proposta di revocare ai carcerati il divieto di votare, puntando invece al loro essere “parte del processo democratico”. “Riconosciamo – scrive mons. Smith – che le persone in prigione siano in grado di esercitare la loro responsabilità civica”. Definendo, quindi, la privazione del diritto di voto come una decisione “ingiusta ed obsoleta” che viola, per di più, “gli obblighi del Regno Unito nei confronti della Convenzione europea sui diritti umani”, il vicepresidente dei vescovi inglesi afferma che tale decisione “mina gli sforzi di aiutare i detenuti a cambiare le loro vite, dando l’idea che le loro opinioni non siano desiderate e che le loro voci non contino”. Senza dimenticare, continua il presule, che “molti detenuti, prima di essere spediti in prigione, già erano emarginati a causa della povertà o di abusi; rimuovere il loro basilare e democratico diritto di voto rende ancora più dannosa questa emarginazione”. Di qui, l’appello lanciato alle istituzioni affinché il regolamento carcerario venga ripensato sotto questo aspetto. (I.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá