HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-06-25 14:03:36
A+ A- Stampa articolo



Europa: alla Settimana della speranza il messaggio di don Pino Puglisi



Don Pino Puglisi il prete siciliano di Brancaccio ucciso dalla mafia nel '93 continua a far parlare di sé e del suo impegno per il Vangelo, l’uomo, la legalità. A lui - riporta l'agenzia Sir - è stata dedicata lunedì una serata che si è svolta nella Chiesa domenicana di Bruxelles e che nell’ambito della Settimana della Speranza, promossa dalla Comece, è stata animata dagli arcivescovi di Palermo e Catanzaro, il cardinale Paolo Romeo e mons. Vincenzo Bertolone. Un folto gruppo di persone hanno seguito i vari interventi, tra loro anche autorità religiose e politiche dell’Ue come il nunzio apostolico presso l’Unione europea, mons. Alain Lebeaupin, il vescovo ausiliare di Bruxelles, mons. Jean Kockerols, l’ambasciatore italiano presso il Belgio Alfredo Bastanielli e l’eurodeputato, membro della Commissione speciale europea sulle mafie e il crimine organizzato, Salvatore Iacolino. Beatificato quest’anno il 26 maggio scorso, “don Puglisi - ha detto il cardinale di Palermo, Paolo Romeo - non era il prete-antimafia, ma il prete per il Vangelo. Padre Puglisi toglieva quella coltre di omertà che bloccava un quartiere, privava di manovalanza la mafia, minava al cuore la criminalità organizzata, facendo conoscere l’amore di Dio per ogni uomo e offrendo soprattutto ai giovani un cammino degno e rispettoso della loro dignità, facendone uomini liberi”. Padre Puglisi - ha così proseguito l’arcivescovo di Palermo - “era cosciente dei rischi di correva ma non voleva correre il rischio di non rispondere alla sua vocazione”. La sua vita è un messaggio chiaro per la Chiesa e i cristiani d’Europa, che “non devono farsi prendere dal panico o dallo scoraggiamento ma continuare ad attingere la speranza dalla Parola di Dio. La vita di padre Puglisi è un oceano di speranza. Un chicco di grano che con il passare del tempo cresce e genera vita nuova”. Anche per mons. Vincenzo Bertolone, bisogna parlare di mafia e di don Pino Puglisi “nelle scuole, soprattutto laddove la dignità dell’uomo viene svenduta a pochi soldi, in contesti in cui la speranza viene meno, il rispetto delle istituzioni vacilla e la possibilità di riscatto sembra appartenere a pochi”. “Senza certezza di futuro - ha detto mons. Bertolone - non c’è speranza. Ma la speranza la costruiscono uomini e donne coerenti con le idee che professano e diventano uomini e donne credibili e pronti per quelle idee anche a dare la vita, come ha fatto don Pino. Fu ucciso per i suoi ideali, per il suo amore al Vangelo, per la sua predilezione per gli ultimi. Non ha tolto la libertà ai mafiosi, non ha impedito loro di fare affari. Ha semplicemente cercato di formare coscienze capaci di pensare cristianamente e di agire evangelicamente”. (R.P.)

Ultimo aggiornamento: 26 giugno




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá