HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-06-27 12:40:38
A+ A- Stampa articolo



Brasile: proteste in 18 città. Sindacati confermano lo sciopero



In almeno 18 città del Brasile, 12 capitali statali e altri sei centri di Rio, Pernambuco, Bahia e Espírito Santo, si è tornato a protestare ieri dopo le manifestazioni che mercoledì hanno portato di nuovo in piazza 80.000 persone, da San Paolo a Belo Horizonte a São Luís. Mentre il presidente della Fifa, Joseph Blatter, era in tribuna allo stadio Mineiro di Belo Horizonte per la semifinale Brasile-Uruguay, all’esterno si sono registrati disordini tra polizia e dimostranti, mobilitati per chiedere la fine della corruzione che ha gonfiato anche le spese per i mega-eventi sportivi e l’accesso a servizi di base di qualità. A Brasilia - riferisce l'agenzia Misna - gruppi di manifestanti hanno calciato palloni contro il cordone della polizia schierata a protezione del Congresso in una protesta pacifica contro le spese milionarie per le Coppe; il filo conduttore delle più imponenti manifestazioni popolari viste in Brasile nell’arco di 20 anni, che si è unito al malcontento per il carovita in un momento in cui l’economia del gigante sudamericano rallenta. Negli ultimi giorni, in sede legislativa le istanze della piazza sono state in parte ascoltate come dimostrano alcuni provvedimenti adottati d’urgenza: la bocciatura della Pec 37, la proposta di emendamento costituzionale che avrebbe reso più difficile proprio la lotta alla corruzione dilagante, la destinazione del 75% delle royalties petrolifere all’istruzione e il 25% alla sanità, il varo al Senato di una norma che cancellerebbe le imposte sui trasporti pubblici facilitando l’abbassamento delle tariffe e, ieri, il primo via libera a una riforma del codice penale che definisce la corruzione un “crimine odioso”. La presidente Dilma Rousseff ha lanciato la proposta di indire una consultazione popolare per convocare un’Assemblea Costituente incaricata di procedere a un’ampia riforma politica, nonostante l’opposizione di buona parte del Congresso. Oggi porterà l’iniziativa in parlamento suggerendo le domande che dovrebbero essere poste ai brasiliani: prime fra tutte, quale sistema di voto e quale tipo di finanziamento preferiscono per la campagna elettorale. Ma i problemi per Dilma sembrano appena cominciati: mercoledì ha ricevuto i rappresentanti dei cinque principali sindacati nazionali che le hanno confermato la convocazione di una “giornata di lotta” per l’11 luglio. (R.P.)

Ultimo aggiornamento: 28 giugno




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá