HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-06-27 11:04:42
A+ A- Stampa articolo



Don Balducchi sul dl carceri: non risolve ma migliora la situazione



Per il ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri, il provvedimento sulle carceri approvato mercoledì è solo un primo atto di un progetto più ampio. Per il ministro, l’obiettivo è depenalizzare una serie di reati, puntando sulle pene alternative o sulla messa alla prova. Alessandro Guarasci ha sentito don Virgilio Balducchi, ispettore generale dei cappellani delle carceri italiane:RealAudioMP3

R. – Serve a rallentare in qualche maniera la situazione, in modo che possa esserci un momento di respiro nel discorso dell’emergenza carcere, perché cerca di fare entrare meno persone in carcere e di facilitare l’uscita dal carcere, in percorsi di responsabilità sul territorio, tipo i lavori socialmente utili, per le persone socialmente meno pericolose. Si sa che non è la soluzione del problema …

D. – Ma questo che cosa vuol dire, secondo lei? Bisogna lavorare più stabilmente sulle pene alternative e sulla messa alla prova?

R. – Sicuramente, bisognerà lavorare molto di più in questo senso. Ma questo avverrà soprattutto se il governo riuscirà a riformare l’amministrazione della giustizia, che veda il carcere come l’estrema ratio. E invece, per tutta una serie di reati e di illegalità, utilizzare strumenti che non prevedano come pena il carcere, ma pene di responsabilità sociale. Chiederei poi alle comunità cristiane di essere più disponibili all’accoglienza per percorsi di ri-socializzazione e di riconciliazione.

D. – Lei si è chiesto perché in Italia il braccialetto elettronico non sia mai decollato?

R. – Sinceramente, non lo so. So solo che hanno speso molti soldi per niente, anche se il braccialetto elettronico – per quanto mi riguarda – non lo considero una misura che permetta alla persona in quanto tale di decidere di cambiare il proprio comportamento rispetto all’illegalità.

D. – Si parla anche di amnistia ed è indicato come uno degli strumenti per risolvere il problema del sovraffollamento. Secondo lei, lo è davvero?

R. – L’amnistia, oggi come oggi, dovrebbe servire a fare in modo di azzerare un gran numero di procedimenti in corso e che non hanno soluzione veloce. Potrebbe essere addirittura uno strumento per dire: ok, facciamo un atto di conciliazione sociale e, a partire da quello, costruiamo una migliore giustizia.

D. – Molte persone sono in carcere per reati collegati alla tossicodipendenza o all’immigrazione non regolare. Sono leggi, queste, che vanno riviste?

R. – Sicuramente vanno riviste, tanto è vero che qualcosa, anche nel decreto, è rivisto. Siamo già su questa strada: alcune leggi che erano molto "carcerizzanti" hanno avuto qualche modifica all’interno della proposta. Speriamo che si vada un po’ più avanti.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá