HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-06-29 10:45:58
A+ A- Stampa articolo



Al "Festival dei Due Mondi", ciclo di meditazioni sulle opere di misericordia. Mons. Fisichella: la fede è incontro con Gesù



Dopo la felice esperienza dell'anno scorso, in cui le prediche sui sette vizi capitali hanno riscosso un interesse di pubblico eccezionale, quest'anno il "Festival dei Due Mondi" a Spoleto propone un nuovo ciclo di meditazioni dedicato alle Opere di misericordia spirituale. Sette appuntamenti fino al 13 luglio. Sull’importanza di riscoprire il significato di queste opere, Antonella Palermo ha intervistato mons. Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione, che collabora alla realizzazione dell’iniziativa:RealAudioMP3

R. – La fede non è una teoria, la fede è l’incontro con una persona. Papa Francesco, qualche settimana fa, ci ha detto che dobbiamo essere capaci di sostenere la cultura dell’incontro, ma incontrando Gesù bisogna incontrare anche gli altri. Le opere di misericordia non sono altro che l’esigenza di dover esprimere la propria presenza nel mondo di oggi. Tante volte non si conoscono a livello intellettuale o a memoria però le incontriamo quotidianamente, non sono altro che espressione della nostra vita quotidiana che siamo chiamati nella fede a dover vivere in maniera differente, cioè a voler dare un significato e a realizzarlo perché Gesù ci ha detto che ogni qual volta facciamo questo a uno dei più piccoli lo abbiamo fatto a Lui.

D. – Lei aprirà il ciclo di prediche con un intervento su “Consigliare i dubbiosi”: qual è la sfida di chi dice di aver fede?

R. – In qualche modo dobbiamo diventare anche noi dubbiosi con i dubbiosi. Il dubbio va anche sostenuto. Il dubbio come tale non è un elemento negativo, il dubbio è il tentativo di voler conoscere sempre di più. Il tentativo come già sosteneva Sant’Agostino, contiene già in sé la verità se si dubita è perché si vuole tendere alla verità. Quindi il consiglio è farsi vicino alla persona che ricerca e in questo modo essere capaci di vivere di misericordia. La misericordia, come dice la parola stessa, è il cuore che prova pietà, che si impietosisce, è il cuore che vuole incontrare, condividere, partecipare anche all’altra persona. Quindi non è il porsi in una situazione di superiorità nel momento in cui si consiglia. Ma è il porsi come la persona amica che fa un tratto di strada insieme.

D. - Possiamo dire che due parole chiave che attraversano tutte le opere di misericordia sono umiltà e pazienza?

R. - Certamente. Davanti alla misericordia siamo chiamati realmente a vivere di umiltà perché troviamo dinanzi a noi l’atto supremo della misericordia di Dio, cioè la sua bontà, la sua tenerezza nei nostri confronti e dall’altra parte anche la pazienza che invece ci tocca in quel cammino quotidiano che ci fa comprendere quanto l’idea da raggiungere sia alta, sia importante, e però noi siamo sempre deboli. In questa debolezza abbiamo bisogno anche di fare i conti con noi stessi, con le nostre contraddizioni e i nostri limiti. Davanti alla misericordia di Dio ci vuole solo ed esclusivamente il desiderio, che non deve mai venire meno, di chiedere noi stessi aiuto.

Ultimo aggiornamento: 1° luglio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá