HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-06-30 08:59:50
A+ A- Stampa articolo



“I laici e la Chiesa”: il nuovo libro del sociologo Luca Diotallevi



“I laici e la Chiesa. Caduti i bastioni”: è il titolo del nuovo libro del sociologo Luca Diotallevi, edito dalla Editrice Morcelliana. Il libro si sofferma sulle sfide e difficoltà del ministero presbiteriale nel mondo contemporaneo e sulla vicenda del laicato cattolico italiano. “Una disamina lucida e a tratti tagliente – scrive Enzo Bianchi nella prefazione – che non sfocia mai in cinismo o rassegnazione”. Nel libro, si parla inoltre dell’esperienza delle Settimane Sociali dei Cattolici Italiani, di cui Diotallevi è vicepresidente del Comitato scientifico e organizzatore. Al microfono di Alessandro Gisotti, Luca Diotallevi si sofferma sulle premesse che hanno dato vita a questa sua nuova opera:RealAudioMP3

R. – Io di mestiere faccio il sociologo e destò in me un grande stupore trovare in un classico della teologia, come von Balthasar, un’interpretazione lucidissima della crisi di un certo mondo, che lui percepì negli anni Cinquanta. A metà anni Settanta, commentando i frutti positivi del Concilio, Ratzinger si rifece a questa analisi; l’analisi di von Balthasar aveva per titolo “Abbattere i bastioni”, la riflessione di Ratzinger culminava con questa domanda: “I bastioni – hai ragione tu – sono caduti”, rivolgendosi al suo più anziano collega, “i bastioni sono caduti: e adesso?”. Ecco: il libro è un tentativo di contribuire a questa grande domanda che tutti noi abbiamo di fronte, perché ce l’ha posta il Concilio e ce l’ha posta Paolo VI; un contributo al tentativo di rispondere alla domanda: che succede, dopo che sono caduti i bastioni?

D. – Pagine importanti del libro sono dedicate all’apostolato dei laici, che - viene specificato - non è la pastorale dei laici: una riflessione al riguardo …

R. – In momenti di grandi difficoltà, come quelli attraversati da tutta la nostra società negli anni Settanta, Ottanta e così via, la Chiesa, secondo me, ha spesso risposto con paura: la paura è stata il clericalismo – sentiamo le cose dure che del clericalismo ha detto in questi giorni anche Papa Bergoglio – e il clericalismo è stato offrire ai laici una "comoda prigione": quella di un’idea di Chiesa in cui tutto si riduce a pastorale. La pastorale come apostolato dei pastori è una cosa, ma l’apostolato dei laici è un’altra cosa: è il trattare con coraggio delle cose del mondo, cercando di ordinarle a Dio. E’ la differenza tra due luoghi molto importanti della Costituzione dogmatica sulla Chiesa, Lumen Gentium, in cui si dice che compito dei pastori è servire il popolo perché liberamente e ordinatamente segua il Signore; il compito dei laici è stare nella storia nella loro condizione secolare, e trattare delle cose del mondo. Questo lo devono fare seguendo l’insegnamento dei pastori, ma in coscienza assumendosi le proprie responsabilità.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá