HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2013-06-30 14:32:56
A+ A- Stampa articolo



Camerun: appello della Caritas per i nigeriani in fuga da "Boko Haram"



Continuano a cercare rifugio nel nord del Camerun, al confine con lo Stato nigeriano di Borno i cittadini della Nigeria costretti alla fuga dalle violenze del gruppo fondamentalista "Boko Haram". L’Osservatore Romano riferisce l’appello della Caritas locale: “Se nessuna azione sarà organizzata nelle prossime settimane, il rischio di una tragedia umanitaria sarà inevitabile”, riferiscono dalla diocesi di Maroua-Mokolo, dove, da circa un anno, sono iniziate ad arrivare famiglie, in prevalenza cristiane e animiste, spaventate dagli scontri in corso fra "Boko Haram" ed esercito. La situazione è diventata ancora più delicata nelle ultime settimane, al punto che, solo il 10 giugno, circa diecimila persone hanno oltrepassato il confine tra Nigeria e Camerun. Altre difficoltà potrebbero arrivare con l’inizio, ormai imminente, della stagione delle piogge. La Caritas sottolinea dunque la situazione delle quarantamila famiglie rifugiate nei distretti di Koza e Mayo e nel dipartimento di Mayo Sava. “Notiamo con rammarico — scrive in una lettera il referente della Caritas, Edouard Kaldapa — un completo silenzio riguardo alla condizione di queste popolazioni rifugiate”. “Questa situazione dura da più di un anno e né i media nazionali né quelli internazionali se ne sono occupati. Nessuno vuole correre il rischio di avvicinarsi a queste zone isolate dei monti Mandara e dell’Estremo-Nord, eppure i bisogni sono urgenti”, prosegue l’operatore umanitario. La Caritas, preoccupata in particolare per lo scarso accesso all’acqua e le condizioni igieniche precarie, fa appello ad una risposta rapida. “Il poco che queste persone hanno portato con sé — spiega Kaldapa — finirà presto. Stiamo entrando nella stagione delle piogge e questo è il momento di impegnarsi nei campi per raccogliere il necessario per sfamare le famiglie, ma senza terra a disposizione per i rifugiati sarà difficile”. L’atmosfera complessiva è di grande insicurezza: “malgrado la presenza di alcuni elementi del Battaglione di intervento rapido (le forze speciali dispiegate nella zona dal Governo camerunense), i rifugiati e la popolazione locale vivono nell’inquietudine”. (D.M.)

Bollettino del Radiogiornale della Radio Vaticana Anno LVII no. 181




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá