HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-01 15:10:50
A+ A- Stampa articolo



L'arcivescovo di Agrigento: il Papa a Lampedusa, segno di speranza per chi soffre



“La Chiesa agrigentina accoglie con immensa gioia la notizia della visita di Papa Francesco alla comunità di Lampedusa” e la considera un “dono di grazia straordinario”. Così si è espresso l’arcivescovo di Agrigento, incontrando la stampa, dopo l'annuncio della visita. Per mons. Francesco Montenegro, anche la scelta di Lampedusa, come primo viaggio, da parte del Santo Padre, è già un messaggio forte che “aiuta a leggere la storia con gli occhi di Dio”. Immigrazione, accoglienza e carità saranno le parole chiave, ha spiegato il presule al microfono di Gabriella Ceraso: RealAudioMP3

R. – Quando ho saputo che sarebbe venuto ho sentito un senso di grande commozione. E’ vero che ne avevamo parlato durante la visita "ad Limina" e avevo sottolineato l’importanza di Lampedusa per i nostri fratelli che vengono dall’Africa e per noi credenti, Chiesa che deve accogliere anche nella povertà. Ho visto il Papa molto attento alle notizie che gli davo e ho detto: sarebbe bello se lei volesse venire. Questa sorpresa però mi ha toccato perché ho visto che davvero c’è il cuore di un pastore che sente che c’è un fratello, che soffre e quindi la sofferenza è duplice. C’è la sofferenza degli immigrati ma c’è anche la sofferenza di una popolazione che nell’accoglienza ha cercato di dare tutto. Perché di loro non si deve parlare e pensare anche quando gli immigrati non ci sono?

D. - Guardando il programma notiamo che il Santo Padre desidera avere anche il contatto con il mare che per molti diventa nel viaggio una tomba…

R. – Sì, il numero dei morti sembra non interessare perchè hanno la pelle nera, c'è tanta indifferenza. Il mio desiderio l’ho sempre detto, cioè che il problema dell’immigrazione diventi davvero problema di tutte le chiese e di noi chiese che siamo in prima fila.

D. - Quali sono le vostre attese ma anche quali sono le istanze che, nel caso, sarà lei a portare al Pontefice?

R. - Io al Pontefice porterò tutto questo: tanta sofferenza che bussa alle nostre porte e l’accoglienza della mia gente, che quando c’era il pieno di stranieri all’isola ha svuotato armadi, ha messo a disposizione docce, pranzi, oggetti, vestiti. Loro riusciranno a capire che i loro impegni, i loro sforzi, la loro generosità, sono riconosciuti dal Papa. Abbiamo bisogno di sentire dalla sua voce quello che il Papa, il pastore, ci deve dire. Chi dovrebbe darci parole di speranza, dirci che se si ha un cuore grande si può guardare lontano? Lampedusa, Agrigento, sono un ponte con quel continente africano che non possiamo far finta che non esista.

D. - Oltre alla gioia e l’emozione avrete anche pochi giorni per la preparazione. Vi siete dati priorità, avete già pensato come preparare anche la comunità?

R. – Oggi stiamo dando la notizia ufficiale, ma il bello è anche che il Papa ci ha detto che vuole essere una visita privata dove non ci deve essere niente di eclatante. Ci sarebbe da dire che viene in punta di piedi! Ma quando si sta con i poveri è sempre in punta di piedi che si arriva, proprio per delicatezza e attenzione verso questa gente. Che lui voglia venire in punta di piedi, con la semplicità di un vescovo che guarda la sua gente e la guarda con gli occhi del cuore, credo che questo sia un grande insegnamento. Io lo dicevo oggi come battuta: se anche il Papa dovesse venire e non dire una parola, la stessa sua venuta è un messaggio in una realtà come questa.

D. – Avete già qualche riscontro anche dal punto di vista della presenza degli immigrati in quella giornata?

R. – No, non sono calcoli che si possono fare. Quando c’è buon tempo si guarda il cielo e si guarda lontano all’orizzonte perché è facile che arrivino e per fortuna non è niente di programmato. Ma c'è anche un’altra cosa che ripeto sempre ed è che quella dell’immigrazione non è più emergenza, dobbiamo avere il coraggio di cancellare questa parola: è uno stato di fatto. Oggi ne arriveranno 10, ne arriveranno 100, ne arriveranno 1000, ma il problema non è perché ne arrivano 1000: il problema è anche se ne arrivano 10, perché sono 10 uomini che vogliono vivere.

Ultimo aggiornamento: 3 luglio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá