Logo Radio Vaticana Radio Vaticanawww.radiovaticana.va
One-O-Five live

RSS PODCASTRSS TEXT
Come AscoltareCome Ascoltare
Chi Siamo


Home > notizia del 2013-07-01 15:54:44
A+ A- Drucken Share on Facebook Tweet this Follow us on Twitter



Papa Francesco, più collegialità e un ecumenismo che valorizzi le differenze




RealAudioMP3 Tre pensieri sul ministero petrino, guidati dal verbo "confermare", per spiegare i compiti del ministero episcopale e in particolare di quello del Vescovo di Roma. E' stato questo il tema dell'omelia pronunciata il 29 giugno scorso da Papa Francesco, celebrando nella Festività dei Ss. Pietro e Paolo, nella Basilica Vaticana, una Messa durante la quale ha imposto il pallio a 35 nuovi vescovi. In che cosa è chiamato a confermare il Successore di Pietro? "Confermare nella fede": e cioè "confessare il Signore lasciandosi istruire da Dio". "Confermare nell'amore": e cioè "consumarsi per amore di Cristo e del suo Vangelo". E, infine, "confermare nell'unità": cioè "essere servitori dell'unità". "Dobbiamo andare per questa strada della sinodalità - ha affermato Papa Francesco alla presenza di una delegazione del Patriarcato ecumenico di Costantinopoli - crescere in armonia con il servizio del primato". "Uniti nelle differenze - ha aggiunto - non c'è un'altra strada cattolica per unirci". "Il Papa mette l'accento sulla dimensione della sinodalità, cioè del camminare insieme", spiega il teologo Giannino Piana. "Questa sottolineatura della corresponsabilità va gestita all'interno della Chiesa gerarchica, nei rapporti tra il papato e l'episcopato, ma deve diventare uno stile di vita per tutta la comunità cristiana". "Il rapporto tra il servizio petrino e le chiese locali - aggiunge il teologo - è da tempo messo in discussione, soprattutto dopo il Vaticano II che ha riproposto il tema della collegialità. Mi sembra che mettendo l'accento sul servizio che la Chiesa di Roma deve offrire alla comunione tra le Chiese il Papa sottolinei l'importanza di una gestione collegiale della Chiesa. La Chiesa di Roma può realizzare questo scopo attraverso il discernimento della fede e la realizzazione di un'azione caritativa che oggi, nell'era della globalizzazione, deve coinvolgere tutto il mondo". "Anche l'insistenza del Papa su una comunione ecclesiale che non significa uniformità e sulla ricerca di 'unità nelle differenze' è figlia del Concilio" continua Giannino Piana. "Questa idea di unificazione che non significa omogeneità appiattente, ma rispetto delle differenze storiche e geografiche, mi sembra sia anche un invito a un nuovo stile di ecumenismo, caratterizzato dalla valorizzazione, appunto, delle differenze. Pur mantenendo il ruolo centrale, unificatore, della Chiesa cattolica". (A cura di Fabio Colagrande)