HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-02 13:28:27
A+ A- Stampa articolo



Cina, vietato abbandonare gli anziani: nuova legge impone ai figli di accudirli



Una nuova legge in Cina tutela il diritto degli anziani ad essere accuditi dai figli. Oggi sono circa 185 milioni gli ultrasessantenni in Cina, destinati a raddoppiare entro il 2030. La normativa ha aperto un vivace dibattito nel Paese, soprattutto nei siti on line, oltre che suscitare interesse a livello internazionale. Roberta Gisotti ha intervistato Francesco Sisci, corrispondente a Pechino de "Il Sole 24 Ore".RealAudioMP3

20 giorni di permesso l’anno a chi lavora da dedicare ai genitori, telefonare, visitarli portando con sé anche coniuge e figli, assisterli nei bisogni quotidiani, sanità, pratiche amministrative, socialità, ricreazione e sport, aiuti economici. Vietato dunque abbandonare ma anche trascurare i genitori, pena multe pecuniarie ed anche detentive per i recidivi. Francesco Sisci, perché questa legge, cosa sta accadendo agli anziani cinesi?

R. – Direi che è innanzitutto il segno di una rivoluzione sociale: se il governo deve fare una legge per proteggere i diritti degli anziani vuol dire che è crollato il valore principale della famiglia cinese, quella fondata sul rispetto, anzi sull’adorazione quasi degli anziani. Gli anziani non sono più i capi famiglia, non sono più l’oggetto intorno a cui si avvolge la grande famiglia. Gli anziani sono le persone che devono essere in qualche modo eliminate o trascurate. Questo è accaduto per la rivoluzione sociale di questi ultimi 30 anni, che ha distrutto i valori tradizionali della società confuciana ma anche per un fatto oggettivo. Spesso, infatti, le famiglie di figli unici si trovano prese in una morsa: da soli, due figli unici, devono prendersi cura di quattro genitori anziani e poi magari di due figli, perché i figli unici invece hanno la possibilità di avere due figli invece che un figlio solo. Quindi, l’onere non solo finanziario ma anche affettivo di cura e di attenzione diventa enorme.

D. – Come scrive un blogger, ci si chiede se la pietà filiale, che dovrebbe essere naturale, può essere imposta per legge...

R. – Certamente un intervento dello Stato non è sostitutivo ma almeno pone un argine, dice che la pietà filiale dovrebbe essere rispettata.

D. - Una presa d’atto dello Stato che comunque pone un problema molto grave anche in prospettiva, adesso che questo Paese si è aperto ai modelli di un’accelerata industrializzazione e di assimilazione ai modelli capitalistici…

R. – Sì, è il combinato disposto di due elementi: questa occidentalizzazione estrema, questa americanizzazione, direi spinta, che fa del culto della gioventù, dell’efficienza, il modello unico e, d’altro canto, i limiti oggettivi del peso economico e di attenzione dovuto al figlio unico. Questo combinato, naturalmente, ha fatto esplodere l’ultimo valore fondamentale della cultura confuciana e quindi lo Stato è intervenuto, direi positivamente in questo caso.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá