HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-05 15:00:11
A+ A- Stampa articolo



Bilancio Santa Sede: il ruolo delle attività caritative e pastorali



Le dimensioni economiche delle attività caritative e pastorali legate alla Santa Sede sono davvero rilevanti e oggi possono essere conosciute nei dettagli grazie alle novità dei Bilanci consuntivi consolidati pubblicati giovedì scorso. Ce ne parla Davide Dionisi:

I Bilanci consuntivi consolidati della Santa Sede per l’anno 2012 presentano alcune novità rilevanti, che non appaiono alla sola lettura del Comunicato conclusivo della riunione del Consiglio dei Cardinali detto “dei 15”. E ciò soprattutto per quel che attiene alle attività “pastorali” e “di carità” che fanno capo alla Santa Sede. Finora, la presentazione tradizionale dei bilanci consolidati della Santa Sede comprendeva solo due aree principali: da una parte le attività che fanno capo al Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e dall’altra quelle che fanno capo alla Curia Romana (Congregazioni, Pontifici Consigli, Rappresentanze Pontificie, Attività di comunicazione sociale…). Dalla Santa Sede, però, dipendono anche tante altre attività importanti, con una dimensione economica significativa, che perciò rientrano nella competenza della Prefettura degli Affari Economici quanto al controllo dei bilanci, e di cui è stata pubblicata recentemente per la prima volta una presentazione sistematica nel Sito della Prefettura degli Affari Economici.

Si tratta anzitutto di attività che possono essere definite “pastorali”, come le Basiliche maggiori, i Santuari che dipendono dalla Santa Sede, le parrocchie pontificie, i Penitenzieri e altre Istituzioni minori. Anche le attività “caritative” sono una realtà molto grande, che comprende ad esempio le Pontificie Opere Missionarie, l’Obolo di San Pietro, la Caritas Internationalis, l’Elemosineria Apostolica, la Fondazione “Aiuto alla Chiesa che Soffre” e la ROACO (Riunione Opere Aiuto Chiese Orientali). La Prefettura degli Affari Economici, come appare dal suo Sito, si è impegnata per la prima volta a formulare un bilancio consuntivo consolidato anche di queste due importanti aree di attività.

La prima, quella “pastorale”, presenta rispettivamente entrate e uscite per oltre 70 milioni di Euro, con un risultato leggermente positivo. La seconda, quella “caritativa”, presenta entrate e uscite per circa 275 milioni di Euro, anche in questo caso con un risultato leggermente positivo. E’ interessante osservare che un tale volume di attività economica è di per sé superiore a quello dello stesso Stato della Città del Vaticano (261 milioni di entrate) o a quello dell’intera Curia (250 milioni di entrate). Si tratta, cioè di oltre 275 milioni di euro che vengono ricevuti e successivamente distribuiti per attività caritative. Ed è importante notare come il 98% delle entrate nel settore della carità derivano dalle donazioni dei fedeli e il 92% delle uscite è destinato alla distribuzione delle stesse donazioni per le finalità a cui sono destinate.

Ciò vuol dire che il denaro che entra, esce effettivamente per le attività a sostegno di chi soffre o è in difficoltà. Solo in piccolissima parte viene destinato al personale e all’organizzazione, a differenza di quanto avviene in molte altre istituzioni. Evidentemente la carità è, e resta, un impegno molto importante non solo della Chiesa universale, ma anche della Santa Sede. In conclusione, è da apprezzare che una presentazione più comprensiva e allo stesso tempo dettagliata dei bilanci economici delle tante istituzioni che fanno capo alla Santa Sede permetta di far comprendere meglio che essa, aldilà delle attività di governo della Chiesa universale e di comunicazione, promuove una vastissima attività caritativa.

Ultimo aggiornamento: 6 luglio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá