HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-05 14:29:55
A+ A- Stampa articolo



Karol Wojtyla, una vita che è un miracolo: le testimonianze del card. Rylko e di mons. Oder



Il Beato Giovanni Paolo II sarà presto Santo. L'annuncio, in pochi istanti, ha fatto il giro del mondo suscitando la gioia di milioni di fedeli e non solo. Alessandro Gisotti ha raccolto a caldo l’emozione del postulatore della Causa di Beatificazione e Canonizzazione, mons. Slawomir Oder:RealAudioMP3

R. – Le prime parole sono soprattutto parole di gratitudine a Dio, perché la vita di ogni Santo è manifestazione della sua gloria, e il Signore ha cantato veramente un bellissimo cantico della Sua gloria nella vita di Giovanni Paolo II. Personalmente, per me, è una grande, grande gioia, un momento in cui sento che questi otto anni, che abbiamo percorso, vissuto, arrivano veramente al traguardo. E quel traguardo io lo vedo nel compiersi delle indicazioni di Papa Benedetto XVI, che ho ricevuto all’inizio del processo: “Fate presto, ma fate bene”.

D. – E’ possibile per lei dire qualcosa di questo miracolo?

R. – Posso dire che il caso che è stato preso in considerazione è avvenuto in Costa Rica e riguarda la guarigione di una donna, una giovane donna, da un aneurisma al cervello.

D. – Come nel caso, probabilmente, della beatificazione, anche qui c’erano molte notizie di miracoli...

R. – Sì, devo dire che in questi otto anni dalla sua morte, Giovanni Paolo II si è mostrato davvero un grande taumaturgo. Tante persone hanno segnalato le grazie personali che hanno ricevuto. Non tutte queste segnalazioni naturalmente possono essere considerate come veri e propri miracoli, perché magari non rientrano nei criteri applicati dalla Congregazione delle cause dei santi, ma per ognuna di queste persone si tratta di un vero miracolo: dell’incontro personale con il Santo.

D. – Forse il più grande miracolo è lui stesso, è la sua vita?

R. – Assolutamente, e questo è in qualche modo la conferma di quel messaggio che lui ha annunciato per tutto il suo Pontificato, riprendendo il messaggio del Concilio Vaticano II, della vocazione universale alla santità. In uno dei suoi ultimi documenti, lui stesso diceva: “Uscite al largo! Vivete la vita secondo la misura alta!”. E questo è il messaggio della sua vita: che questa misura alta di un’esistenza cristiana sia assolutamente possibile.

D. – Noi abbiamo ancora nelle orecchie e negli occhi quel “Santo subito!” gridato e mostrato l’8 aprile del 2005. In qualche modo il popolo di Dio era stato buon profeta quel giorno...

R. – Assolutamente sì. E’ stato un grido profetico. Quel grido del popolo di Dio “Santo subito!” non è più soltanto un grido dell’affetto del popolo, ma ha trovato la sua oggettività e riscontro storico nei documenti raccolti.

La canonizzazione di Giovanni Paolo II è un evento straordinario per tutta la Chiesa. Particolarmente in festa sono i giovani, di ieri e di oggi, che hanno preso parte alle Giornate Mondiali della Gioventù da lui ideate e che si apprestano a partecipare alla Gmg di Rio de Janeiro. Proprio in partenza per il Brasile è il cardinale Stanyslaw Rylko che ha conosciuto il nuovo Santo 50 anni fa, quando – nel 1963 - è entrato nel Seminario diocesano di Cracovia. Alessandro Gisotti ha chiesto al cardinale Rylko di confidare la sua emozione per questo evento: RealAudioMP3

R. - Questa notizia suscita soprattutto una grande gioia ed una profonda gratitudine al Signore. È un dono immenso per la Chiesa dei nostri tempi: Papa Giovanni Paolo II Santo. Come qualcuno ha detto: “Il Beato Giovanni Paolo II è un Papa che non muore”. È rimasto vivo nei cuori di tanti fedeli sparsi in tutto il mondo, è vivo nel cuore di quanti ogni giorno pregano nella Basilica di San Pietro presso l’altare che custodisce le sue reliquie. È un Papa che vive.

D. - E’ molto significativo anche che questo annuncio avvenga nell’Anno della Fede e Karol Wojtyla, ancora prima che da Papa e poi da Papa ovviamente, è stato davvero un testimone straordinario di fede per tutti…

R. - Penso che la canonizzazione del Beato Giovanni Paolo II proprio nell’Anno della Fede sia una coincidenza particolarmente significativa. Nell’omelia della Messa di Beatificazione di Papa Wojtyla, Benedetto XVI diceva: “Benedetto sei tu Giovanni Paolo II perché hai creduto”. Papa Giovanni Paolo II è stato veramente un “gigante della fede”. “Totus tuus” - tutto di Dio - e perciò completamente dedicato alla causa dell’uomo. Le sue parole “Non abbiate paura, aprite le porte a Cristo” hanno plasmato veramente la vita di una generazione di cristiani.

D. - Mancano pochi giorni alla Gmg di Rio e lei ovviamente è particolarmente impegnato per questo evento. Ci sono milioni e milioni di giovani ed ex giovani che sono legati alla Gmg. Un’idea nata dal cuore di Giovanni Paolo II, anche questo ovviamente ha una grandissima importanza…

R. - Giovanni Paolo II è - possiamo dire in maniera particolare - anche il “Papa dei giovani”. Fondatore delle Giornate mondiali della gioventù, grazie alle quali è nata una nuova generazione di giovani nella Chiesa: i giovani del incondizionato a Cristo ed alla sua Chiesa. Lui stesso diceva di sé: “Io sono amico dei giovani…” - ma aggiungeva - “…un amico esigente”. Non aveva mai paura di porre davanti ai giovani traguardi alti ed esigenti. Quindi oggi, alla sua potente intercessione affidiamo i frutti spirituali della prossima Gmg di Rio de Janeiro ormai imminente.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá