HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-06 14:55:20
A+ A- Stampa articolo



Il card. Dziwisz: Giovanni Paolo II, un gigante della fede



Alle pagine dell’Osservatore Romano, l’arcivescovo di Cracovia, cardinale Stanisław Dziwisz, ha affidato il suo ricordo personale del Beato Giovanni Paolo II, all’indomani della firma del decreto per la sua canonizzazione da parte di Papa Francesco. “Ho passato quasi 40 anni accanto a un Santo”: inizia così, il porporato, il suo racconto, partendo dalla giovinezza del futuro Pontefice, perché “è dalla giovinezza che è diventato Santo”. “Fin dall’inizio in lui c’era un qualcosa in più – prosegue il presule – il centro della sua esistenza era Dio; Gesù è stato il suo primo e unico amore, al quale è rimasto fedele fino alla fine”. La fedeltà al Cristo, per Giovanni Paolo II, si manifestava nella preghiera e nel servizio: “S’incontrava con il Signore nel santuario del suo cuore – ricorda ancora il cardinale – ma lo cercava anche nel creato, nella bellezza della natura, ma specialmente negli uomini”. Più tardi, il suo mettersi a disposizione di Gesù si manifestò anche nel servizio alla Chiesa: “E Gesù, conoscendo le sue qualità di mente e di cuore gli ha affidato responsabilità sempre maggiori, fino al memorabile 16 ottobre 1978”. Da allora “ha dovuto ampliare le dimensioni del suo cuore, perché vi trovassero posto tutte le nazioni, le culture e le lingue”. Così, inoltre, il cardinale Dziwisz spiega perché la gente fosse così affezionata a Giovani Paolo II, affascinata dalla sua umanità, dalla sua personalità: “Ci vedeva la presenza di Dio”. E poi il suo amore per i giovani: “Insegnava loro l’autenticità della vita; era un insegnante esigente perché esigeva prima di tutto da sé, nella vita mirava sempre in alto”. Una vita vissuta di Dio e per condurre gli altri a Lui: “Contribuì alla caduta dei sistemi totalitari e all’apertura a Cristo di molte porte. Lo ha fatto con una forza da gigante. È stato un gigante della fede. Un potente dello spirito”. Una santità vissuta anche attraverso la croce: “Le sue parole sul senso della sofferenza, sulla sua dimensione salvifica erano parole autentiche, da lui stesso sperimentate – ha concluso il porporato – il 13 maggio 1981 in piazza San Pietro ha sfiorato il martirio, ma Dio gli ha salvato la vita perché introducesse la Chiesa nel terzo millennio del cristianesimo, perché aiutasse tutto noi a prendere il largo”. (A cura di Roberta Barbi)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá