HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2013-07-09 14:11:42
A+ A- Stampa articolo



Il parroco di Lampedusa: Francesco, "capitano" di una grande nave di carità



Una delle tappe più significative del breve viaggio di Papa Francesco a Lampedusa è stata quella nella Chiesa di San Gerlando, vero punto di riferimento per l'isola. Il nostro inviato a Lampedusa, Massimiliano Menichetti, ha chiesto al parroco, don Stefano Nastasi di tracciare un bilancio della storica giornata di lunedì: RealAudioMP3

R. – Mi ha colpito particolarmente, per esempio, una foto mentre lui tiene l’omelia da quell’ambone nato dal riciclo di alcuni timoni di barche di migranti, con sotto il mare disegnato nella parete che sostiene il tutto: a vedere quella foto, viene fuori quasi un “capitano che guida una grande nave”. Bellissima questa immagine che forse riassume un po’ tutto. A conclusione di questa giornata ciò che mi ha colpito maggiormente è stato il clima di familiarità che abbiamo vissuto: più che la presenza del Papa, per me personalmente è stata la presenza del pastore, del nostro vescovo, che d'altronde ha questa dimensione: la presenza del vescovo di Roma, vescovo tra i vescovi che presiede nella carità.

D. – Don Stefano, lei è parroco da più di sei anni. Il 2011 è stato un periodo tremendo per l’isola: oggi (ieri - ndr), ha presentato una comunità molto diversa rispetto ad allora...

R. – Sì, sicuramente. Però, non è un 2011 che si è cancellato: appartiene alla memoria di questa comunità, alla memoria della nostra società o della nostra comunità europea se vogliamo. È quello che volevamo raccontare al Papa in parole semplici o in immagini. Ho presentato a lui due passaggi di un video che raccontano il 2011, ma raccontano anche l’oggi: nel primo video, c'è quello che è accaduto la notte tra il 7 e l’8 maggio del 2011 a Cala Maluk, dove si incagliò una barca, si salvarono centinaia di persone ma tre morirono. Ma allo stesso tempo, mi ha fatto piacere fargli vedere anche un video, che risale a qualche mese fa, del “Natale degli eritrei”, sperimentato e vissuto con noi nella parrocchia della comunità.

D. – Di solito, si dice “che cosa resta dopo una giornata di questo tipo”. In realtà, per quello che è successo qui, si deve dire “che cosa inizia adesso?”…

R. – Penso che per noi inizia l’invito, o la provocazione, a non lasciarsi rassegnare in quel bene che è possibile fare, in quel prendersi premura dell’altro. Non lasciarsi ingabbiare dall’indifferenza perché la tentazione è forte per le tante realtà di miseria che viviamo, non soltanto in termini economici ma anche su altri piani, o fragilità che attraversano la nostra società o le nostre comunità. È forte la tentazione di lasciarsi prendere e avvolgere dall’indifferenza. È proprio dall’indifferenza che bisogna uscire, senza temere, senza avere paura della compassione, così come ci ha detto Papa Francesco.

Ultimo aggiornamento: 10 luglio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá