HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-09 18:56:15
A+ A- Stampa articolo



La Ue frena sull'abolizione dell'Imu: spostare le tasse dal lavoro alla proprietà



Sull’Imu, l’Unione Europea invita il governo a rispettare le raccomandazioni di Bruxelles che chiede di spostare la tassazione dal lavoro a consumi e proprietà. E il ministro dell’Economia Saccomanni si dice fiducioso sulla possibilità di raggiungere un accordo oggi sull’abolizione dell’imposta. Giampiero Guadagni:RealAudioMP3

Entro agosto sarà definito il percorso di riforma dell’Imu sulla prima casa. E su come si procederà, una posizione più chiara dovrebbe emergere domani dalla riunione tra governo e maggioranza. Le posizioni sembrano però ancora distanti. Il Pdl insiste per l’abolizione della tassa, chiede uno stop definitivo anche all’aumento dell’Iva, ricorda che i due temi sono al centro del programma dell’esecutivo e invita il ministro dell’Economia Saccomanni a non mettersi di traverso. Da parte sua Saccomanni si dice fiducioso sull'accordo e fa sapere che sull’Imu il governo lavora ad agevolazioni, a partire dal 2014, anche per capannoni industriali, negozi, terreni. Il problema principale resta quello della copertura: per Imu e Iva servono complessivamente e in tempi rapidi almeno 4 miliardi di euro. Risorse che peraltro secondo Confindustria sarebbe più utile destinare al pagamento dei debiti della pubblica amministrazione e alla riduzione del carico fiscale sul lavoro. E anche la Commissione europea chiede all'Italia di rispettare la recente raccomandazione di spostare la tassazione dal lavoro ai consumi e alla proprietà. Un modo piuttosto chiaro per manifestare perplessità sulle misure riguardanti Imu e Iva.

Ultimo aggiornamento: 10 luglio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá