HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-10 13:45:22
A+ A- Stampa articolo



Afghanistan: gli Stati Uniti pensano al ritiro totale delle truppe



“Gli Stati Uniti stanno valutando ogni possibilità sul futuro delle loro truppe in Afghanistan”. Ad affermarlo è il portavoce della Casa Bianca Jay Carney, che non esclude per il 2014 anche l’”opzione zero”, cioè il ritiro totale dei contingenti militari. Intanto i talebani hanno chiuso l’ufficio che avevano aperto in Qatar per i colloqui di pace con Stati Uniti e il governo Karzai. Ma quali sarebbero le ripercussioni nel Paese del ritiro dei soldati americani? Michele Raviart lo ha chiesto a Marco Lombardi, professore all’Università Cattolica di Milano, appena rientrato da Kabul:RealAudioMP3

R. - Parlando con gli afghani si dà per scontato che - opzione zero o non opzione zero - dall’anno prossimo, il grosso impatto sarà soprattutto sulla dimensione economica. La compagine internazionale ha creato un’economia fasulla, sovraccarica, evidentemente, di soldi e di beni che andranno via. Non si aspettano al contrario un impatto significativo sulla sicurezza, una sicurezza che già adesso si va deteriorando in maniera significativa.

D. – In che cosa consiste questo deterioramento per le persone?

R. - Siamo al ritmo, negli ultimi 40 giorni, a Kabul, di un attentato a settimana. Sicuramente anche all’interno dell’esercito ci sono dinamiche che non garantiscono l’affidabilità degli uomini che stiamo formando. Ci sono attentati da parte dei “blue”, esercito afghano, nei confronti dei “green”, i tutor internazionali, e sono in aumento. Ci sono episodi di diserzione e di abbandono dei posti da parte di uomini dell’esercito, portandosi via le armi, e quelle armi stanno tornando ai talebani.

D. – Le istituzioni che sono state create con l’aiuto degli occidentali possono reggere un ritiro delle truppe?

R. – Io credo che lo possano reggere, ma non lo possano però reggere da sole. Inevitabilmente, l’attesa di tutti è che ci sia una qualche forma di accordo tra il governo Karzai e quelli che chiamiamo talebani. Direi che questo è dato per scontato ancora una volta parlandone quotidianamente con la gente. L’aspetto problematico nei confronti del governo Karzai da parte del popolo è che è sentito come uno dei governi più corrotti.

D. – Si attende un passo di conciliazione con i talebani, che però oggi hanno chiuso il loro ufficio in Qatar che si occupava dei contatti con gli Stati Uniti. E’ verosimile un ritorno militare dei talebani a Kabul?

R. - Un ritorno dei talebani ci sarà sicuramente. Ci sarà negli accordi che comunque stanno prendendo con il governo Karzai. Quindi quello che probabilmente Karzai vuole, nei confronti dei talebani, è avere più controllo sui livelli di negoziazione e non concederlo tutto agli Stati Uniti. Karzai soffre un po’ la presenza statunitense e la vuole in maniera strettamente funzionale rispetto a una tutela che vuole nei confronti del Pakistan. Quindi, una tutela ai confini orientali, la vorrebbe funzionalmente affidata ancora agli americani.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá