HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-10 12:47:08
A+ A- Stampa articolo



Anno giubilare camilliano. Padre Chendi: “L’eredità di San Camillo è quella del Buon Samaritano”



Al via i festeggiamenti per il 400.mo anniversario della morte di San Camillo de Lellis, patrono universale dei malati e di chi si occupa di loro, in vista del 14 luglio prossimo in cui si aprirà ufficialmente l’Anno giubilare camilliano. Ieri solenne triduo di preghiera al Santuario di Bucchianico, in provincia di Chieti, paese d’origine del Santo; nei giorni scorsi, nella chiesa di Santa Maddalena in Campo Marzio a Roma, è stata inaugurata l’urna monumentale che ne ospiterà le spoglie. Al microfono di Roberta Barbi, il padre camilliano Augusto Chendi, sottosegretario del Pontificio Consiglio per gli Operatori Sanitari, racconta come ci si prepara all’evento:RealAudioMP3

R. – Con uno spirito molto gioioso, perché la nascita al cielo del proprio fondatore è motivo di gioia per tutta la Chiesa, ma in modo particolare per coloro che ancora oggi ne seguono il carisma. Abbiamo da poco celebrato con un forte impegno il Capitolo generale e quindi è motivo anche di un rinnovato impegno nel vedere nella figura di San Camillo colui che ci guida e ci dà una testimonianza da reinterpretare ancora oggi a servizio degli infermi e al tempo stesso anche al servizio di coloro che si prendono cura dei malati, cioè di tutti coloro che vivono all’interno dell’ospedale sul territorio e anche coloro che con il volontariato seguono le persone ammalate a casa.

D. - Gli ordini camilliani derivano, appunto, dalla spiritualità del Santo. Qual è la loro missione?

R. - La missione dell’ordine dei Chierici Regolari ministri degli infermi - meglio conosciuti come Camilliani - è quello di rendere visibile oggi la tenerezza della misericordia di Cristo per coloro che sono afflitti da sofferenza, angustie e solitudine; al tempo stesso avere per gli operatori sanitari un “cuore di madre” in questa opera di carità.

D. - Qual è l’attualità del carisma di San Camillo?

R. - L’attualità l’abbiamo davanti agli occhi tutti i giorni, nel senso che vediamo persone lacerate non soltanto nel fisico ma anche nel cuore, nei sentimenti, nella coscienza. Dobbiamo prenderci cura di queste persone in modo globale - una parola ormai consueta - una visione olistica della persona che comporta un’assistenza complessiva, umana, spirituale, morale, fisica, della persona ammalata. Al tempo stesso trovare anche dei modi perché il malato, in qualunque manifestazione esso si presenti, sia sempre al centro delle attenzioni del mondo sanitario e anche del mondo politico, senza emarginazioni e senza compromessi soprattutto dal punto di vista economico, finanziario.

D. - San Camillo che eredità lascia agli uomini di oggi?

R. - Lascia l’eredità del Vangelo, ovvero, del buon samaritano che ancora oggi - con coerenza, professionalità, con tanto amore e disponibilità - sa chinarsi sul prossimo sofferente, abbandonato e solo. Questa è la sua grande eredità.

Ultimo aggiornamento: 11 luglio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá