HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-10 14:05:53
A+ A- Stampa articolo



Il Centrafrica sull'orlo di una catastrofe sanitaria: la denuncia di Msf



Tre mesi dopo la presa del potere da parte delle forze Seleka, la Repubblica Centrafricana è nella morsa di una grave emergenza umanitaria, mentre la comunità internazionale assiste indifferente. La denuncia arriva da Medici senza Frontiere, che ha presentato un rapporto dal titolo: "La Repubblica Centrafricana abbandonata al proprio destino?". Salvatore Sabatino ha raggiunto nella capitale Bangui il capo-missione di Msf, Cristina Falconi:RealAudioMP3

R. - La situazione in questo momento a Bangui, come nel resto del Paese, è di estrema precarietà sia politica che sanitaria. A livello umanitario c’è una carenza di strutture, ma oggi c’è soprattutto una carenza di presenza sul territorio anche a livello di Ministero della Salute, che possa dare anche quel minimo che prima esisteva e che oggi non esiste più.

D. - Durante l’offensiva delle forze Seleka, ospedali e i centri sanitari sono stati saccheggiati ed il personale medico è fuggito. La situazione è rimasta tale?

R. - In questo momento noi, come Medici senza Frontiere, siamo ritornati nei nostri ospedali da già più di due mesi, quindi subito qualche settimana dopo i saccheggi nelle varie zone del Paese. Fortunatamente siamo riusciti a garantire un’assistenza minima anche durante il periodo di crisi acuta. Nel resto del Paese purtroppo manca il personale, i centri sanitari sono vuoti, non ci sono più farmaci e la popolazione non ha più accesso alla salute e quindi di conseguenza la realtà sanitaria e nutrizionale è estremamente grave.

D. - Infatti, i problemi maggiori riguardano la malnutrizione ed anche le malattie che in una situazione normale sarebbero abbastanza prevenibili. Parliamo soprattutto della malaria: c’è un aumento di questa patologia sul territorio…

R. - Sì. Non abbiamo le cifre di tutto il territorio perché purtroppo non esiste un sistema di sorveglianza epidemiologica, però possiamo sicuramente confermare che c’è stato e c’è un aumento progressivo dei casi di malaria. Nelle nostre strutture sanitarie abbiamo trattato un 33% in più di casi di malaria rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Anche la nutrizione che è indubbiamente legata alla mancanza di soldi: la popolazione non ha il modo ed i mezzi per comprare i beni di prima necessità. Sono stati attaccati durante la crisi e tuttora purtroppo ci sono casi di furti e di attacchi alla popolazione da parte di persone armate. Questo non permette loro di comprare cibo necessario per sostenere la famiglia e quindi la malnutrizione aumenta.

D. - Tra l’altro anche gli operatori di Medici senza Frontiere sono stati vittime di rapine e saccheggi negli ultimi mesi…

R. - Sì, in particolar modo nella prima fase della crisi purtroppo la nostra organizzazione, il nostro staff - come anche le altre organizzazioni presenti sul territorio - sono state vittime di attacchi e di furti. Nonostante questo siamo riusciti a far ritornare il nostro staff medico e non medico nei vari progetti, nelle varie zone e siamo riusciti a riprendere l’attività per essere vicini alla popolazione.

D. - Come diceva lei, ci sono anche problemi di risorse finanziarie: sono stati erogati solamente il 31% dei fondi che erano stati richiesti dalle Nazioni Unite per affrontare l’emergenza. Vuole lanciare un appello alla comunità internazionale?

R. - Grazie dell’opportunità. È un Paese che è stato dimenticato fino a tre mesi fa ed oggi è ancora dimenticato, nonostante la crisi recente. Questo può comportare solo un peggioramento della situazione nel Paese. Chiediamo alle istituzioni internazionali, alla comunità internazionale di tornare o di venire in Centrafrica; di mandare il proprio personale non solo a Bangui - la capitale - ma di farlo arrivare nelle zone più decentrate dove i problemi sono evidenti. Ci servono delle risposte concrete.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá