HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-12 08:18:44
A+ A- Stampa articolo



Kinshasa. Il card. Pengo: il Secam sia “Osservatore presso l’Onu”



Il Secam, il Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar, sta cercando di ottenere lo status di Osservatore presso l’Onu: lo ha annunciato il card. Polycarp Pengo, presidente del Simposio stesso, inaugurando in questi giorni la 16.ma Plenaria dell’organismo, in corso a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo, fino al 14 luglio e dedicata al tema della riconciliazione, della giustizia e della pace. Nel suo intervento, il card. Pengo ha motivato la decisione con l’obiettivo di “portare il contributo della Chiesa a livello continentale, per cercare di supportare dell’Africa”. Il porporato ha poi esortato i governi africani a moltiplicare i loro sforzi per creare strutture sociali eque e giuste, a favore di uno sviluppo umano integrale di tutto il Continente. “Negli ultimi trent’anni – ha detto il card. Pengo – la Chiesa in tutto il mondo ha visto enormi cambiamenti che hanno posto nuove sfide per la missione di evangelizzazione affidataci da Gesù ed alcuni di questi cambiamenti sociali, politici e culturali derivano dal fenomeno della globalizzazione e della secolarizzazione”. Di fronte a tale scenario, ha continuato il presidente del Secam, la Chiesa non è rimasta a guardare, ma, ovunque si sia trovata, ha promosso e promuove ancora “lo sviluppo spirituale, morale e socio-economico delle persone”, apportando “contributi non piccoli nel campo dell’educazione, dell’agricoltura, dei servizi sociali e sanitari”, tra cui il sostegno ai “malati di Aids e di lebbra”. Poi, il card. Pengo ha notato, con amarezza, che “se guardiamo indietro agli ultimi 50 anni di indipendenza politica del Continente, troviamo in gran parte una storia di sfide economiche e socio-politiche”, in cui si trovano “problemi di malgoverno, conflitti etnici e religiosi, povertà, avidità, egoismo, sfruttamento delle risorse e distruzione dell’ambiente”. Pensando, quindi, a quanto scritto da Benedetto XVI nell’Esortazione apostolica “Africae Munus” - ovvero che “sul piano sociale, la coscienza umana è interpellata da gravi ingiustizie presenti nel nostro mondo, in generale, e all’interno dell’Africa, in particolare” – il porporato ha ribadito l’importanza di “incoraggiare i fedeli laici ad abbracciare l’impegno politico come un apostolato, per istituire il regno della giustizia, dell’amore e della pace, in nome del bene comune e in linea con la Dottrina sociale della Chiesa”. (A cura di Isabella Piro)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá