HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-12 16:06:42
A+ A- Stampa articolo



Siria. Unicef: 4 milioni di minori in emergenza umanitaria



In Siria si aggrava la crisi umanitaria. Secondo fonti Unicef, sono 4 milioni i bambini che necessitano di assistenza mentre aumentano le segnalazioni di abusi sessuali e di utilizzo di bambini soldato. Intanto arriva la conferma che una delegazione delle Nazioni Unite andrà a Damasco per concordare le modalità con cui indagare sulle accuse dell'utilizzo di armi chimiche nel conflitto siriano. Sulla situazione dei bambini in Siria, Marco Guerra ha sentito Andrea Iacomini, portavoce di Unicef Italia: RealAudioMP3

R. - Quattro milioni di bambini hanno un immediato bisogno di aiuti umanitari. È una situazione davvero difficile, perché devono affrontare minacce e pericoli senza precedenti sia dal punto di vista fisico sia emotivo. Sono 6.500 i bambini uccisi fino ad oggi - secondo le fonti delle Nazioni Unite – ed un terzo di loro avevano meno di dieci anni. Ci sono decine di migliaia di altri bambini feriti. È una crisi umanitaria che sta assumendo davvero proporzioni vastissime.

D. – Non solo problemi legati alla violenza. La guerra espone i bambini ad innumerevoli rischi...

R. – Sì, uno semplicissimo è il caldo estivo che sta ampliando i rischi a cui sono esposti questi bambini. Le temperature sono in aumento, in un momento in cui l’acqua potabile in queste zone è sempre più scarsa. I sistemi igienico-sanitari stanno collassando, ci sono cumuli di rifiuti solidi che peggiorano, specialmente nei campi profughi. Aggiungiamo naturalmente la pressione sui Paesi che ospitano questo numero amplissimo di rifugiati, si parla 1,7 milioni di profughi che sono fuggiti dalla Siria: una situazione davvero esplosiva.

D. – I pericoli sono rappresentati anche dagli abusi sessuali. Non c’è fine all’orrore...

R. – Le Nazioni Unite hanno ricevuto delle evidenze di violenze sessuali contro donne e contro ragazze, specie durante i raid condotti dai militari siriani in alcune aree dove ci sono pesanti combattimenti, ma anche nei centri di detenzione e nei posti di blocco. Ci sono segnalazioni di stupri, di rapimenti di donne e ragazze da parte di gruppi armati dell’opposizione nelle città percepite come filogovernative. Poi c’è il ricorso al sesso come mezzo di sopravvivenza, che è purtroppo un altro dramma nel dramma di questa guerra, che oggi ha mietuto 93 mila vittime tra i civili.

D. – Sono arrivate voci anche di minori coinvolti direttamente nel conflitto come combattenti...

R. – In Siria le Nazioni Unite hanno ricevuto un numero sempre più alto di segnalazioni sull’utilizzo dei bambini da parte dei gruppi armati di opposizione. Ci sono evidenze molto forti che questi bambini vengano usati come combattenti, anche come messaggeri, portatori di cibo, per scopi interni come pulire, portare l’acqua e fornire l’assistenza medica ai feriti. C’è stato un rapporto del Segretario generale, in cui si parla proprio di forze armate siriane che hanno usato i bambini come scudi umani e ci sono state una serie di accuse di impiego di ragazzini, tra i 15 e i 17 anni, da parte delle milizie assediate dal governo, per incursioni nei villaggi. Queste - ci tengo a ribadirlo come Unicef – sono gravi violazioni dei diritti umani perché nessun bambino sotto i 18 anni deve esser utilizzato nei conflitti armati. Purtroppo in Siria accade anche questo.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá