HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-07-12 13:17:32
A+ A- Stampa articolo



Sud Sudan: prolungato il mandato della missione Onu



Più uomini e mezzi per fermare le violenze nella regione orientale di Jonglei, ostaggio di un conflitto che ha già costretto a lasciare le loro case decine di migliaia di persone: a chiederli è il Consiglio di sicurezza, in una risoluzione che estende di un anno il mandato della missione delle Nazioni Unite in Sud Sudan (Unmiss). Nel documento - ripreso dall'agenzia Misna - approvato all’unanimità, si esprime “preoccupazione per un divario strategico tra la mobilità della missione e il costante e decisivo bisogno di una capacità aerea e di mezzi di spostamento, come elicotteri e natanti”. Hilde Johnson, inviata dell’Onu in Sud Sudan, aveva denunciato in settimana l’incapacità per i circa 6.900 effettivi di Unmiss di assolvere ai loro compiti con appena tre elicotteri a disposizione. A Jonglei l’esercito di Juba sta fronteggiando dall’anno scorso un gruppo ribelle guidato da un ex generale, David Yau Yau, sostenuto per lo più dalle comunità di etnia murle. Proprio ieri una radio cattolica della regione riferiva di militari “sotto assedio” nella zona di Pibor, uno degli epicentri degli scontri. Il Sud Sudan è divenuto indipendente da Khartoum nel 2011, dopo una guerra civile ultraventennale. Di fronte ai Consiglio di sicurezza, ieri, l’ambasciatore di Juba presso le Nazioni Unite Francis Mading ha riconosciuto le difficoltà del suo Paese in fatto di sicurezza e di rispetto dei diritti umani. “Questi problemi – ha detto il diplomatico – sono attribuibili alle conseguenze negative di un conflitto lungo e devastante che ha lasciato la popolazione traumatizzata, militarizzata e armata”. (R.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá