HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Carità e Solidarietà > notizia del 2013-07-13 15:27:57
A+ A- Stampa articolo



L'Aquila. Il nuovo arcivescovo, mons. Petrocchi: si riaccenda la speranza per la città



L’Aquila rischia di morire. Ancora risuona l’eco delle drammatiche parole pronunciate pochi giorni fa da mons. Giuseppe Petrocchi, nuovo arcivescovo del capoluogo abruzzese, colpito nel 2009 dal sisma. Durante la messa, celebrata per l’inizio del suo ministero pastorale, in sostituzione di mons. Giuseppe Molinari, che ha lasciato per limiti di età, mons. Petrocchi ha ricordato le oltre 300 vittime del terremoto, ha parlato dei segni impietosi della tragedia, delle devastazioni umane e materiali, ed ha esortato L’Aquila e i suoi abitanti a divenire un inno alla Vita e al coraggio. Francesca Sabatinelli lo ha intervistato:RealAudioMP3

R. – Non c’è alcun tentativo – e non è possibile – di “cosmesi” architettonica, di copertura: chi va al centro dell’Aquila si rende conto che la città è ridotta in macerie. Questa immagine non può non rinviare ad un livello se si vuole più profondo di questo disastro, perché il terremoto non ha solo una valenza geologica. Il sisma non si limita soltanto a spezzare le case, a interrompere una vita urbana: il sisma tocca anche l’interiorità delle persone, provoca sussulti interni, timori, traumi. Una buona parte della popolazione è stata sradicata dai luoghi dove viveva, questo ha significato l’interruzione di tradizioni, di legami personali che sono stati tranciati. Quindi, il vissuto della città va guardato anche nelle reazioni che il sisma ha prodotto nella mente, nel cuore degli aquilani. Questa è gente che ha reagito con grande dignità, con grande forza d’animo.

D. – Mons. Petrocchi, in questi suoi primi giorni all’Aquila, ha visto, ha sentito in queste persone ancora la forza e la tenacia?

R. – Certo, anche se – come succede sempre in queste condizioni – bisogna alimentare la lampada della speranza, perché nelle persone rischia di diventare lentamente prevalente una rassegnazione di fronte a una condizione percepita come ineluttabile. Occorre ritrovare le ragioni per credere nell’avvenire.

D. – Lei ha lanciato un appello, forte: “I prossimi cinque anni saranno decisivi. Senza segnali nitidi la città non ci sarà più!”. Queste sue parole sono molto chiare: in che direzione vogliono andare?

R. – Vanno da un rilievo che io ho potuto fare nell’incontro con le autorità. Mi hanno fornito dei dati, la cui lettura è immediata: è in atto all’Aquila un esodo, numericamente robustissimo. Molte persone preferiscono trasferirsi altro, soprattutto sulla costa abruzzese. Questa, che io ho definito “emorragia demografica”, risulta ancora più inquietante se si tiene conto che sono ormai molti i giovani che preferiscono partire, diciamo così, in "esilio" per andare a cercare un destino migliore in altri luoghi. Se una città perde la risorsa prima che sono i giovani, la città vede oscurarsi l’orizzonte del suo futuro: è una città che sta perdendo la speranza.

D. – Lei sottolinea come la rinascita, la ricostruzione dell’Aquila debba partire dall’anima degli aquilani. Ma questo popolo ha bisogno di un sostegno che arrivi anche da fuori…

R. – Questa è gente dignitosissima! Non può essere una popolazione questuante: gli aiuti di cui ha bisogno vanno dati nel segno di una prossimità fraterna e collaborativa. Bisogna poi che i progetti, che vengono ipotizzati, siano cantierizzati e realizzati, che inizi quindi la stagione delle inaugurazioni. E’ chiaro, però, che i primi protagonisti della rinascita degli aquilani, sono gli aquilani. Io ho anche detto che la patologia più grave che potrebbe colpire questa città è quella della divisione, che determina polemiche, rivalità, contrapposizioni. Il rischio che si corre è che, frantumandosi il tessuto relazionale, possano essere incrementati gli individualismi e che il bisogno, in qualche modo, di recuperare una propria identità avvenga senza tener conto dell’insieme, senza cioè rimanere dentro il “noi”. Ecco, io vorrei che all’Aquila il buon “noi” - il buon “noi” Chiesa e il buon “noi” comunità civile - possa rappresentare la forza più alta e più nobile che consenta a questa città di risorgere.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá