HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-14 10:58:40
A+ A- Stampa articolo



La Chiesa neozelandese ringrazia i fedeli: nonostante la crisi, più offerte



Per la prima volta le offerte dei fedeli alla Chiesa cattolica della Nuova Zelanda hanno superato il milione di dollari locali, ovvero i 500mila euro. Lo rende noto la Conferenza episcopale locale, spiegando che tale cifra si riferisce, in particolare, a quanti hanno contribuito con “la preghiera, il loro tempo e la loro disponibilità” alla campagna della Quaresima. “La generosità di molti porterà speranza a molti di più - scrivono i vescovi in una nota pubblicata proprio in questi giorni - nonostante le sfide finanziarie di questi tempi, tutti insieme abbiamo raccolto questi fondi che permetteranno alla Chiesa di portare molto avanti la sua missione, nella promozione della giustizia sociale e del pieno sviluppo umano, donando speranza ai più poveri e bisognosi nel mondo”. Ringraziando, quindi, “di tutto cuore” i donatori, i presuli neozelandesi esprimono apprezzamento per “i frutti di ogni offerta, sia di pochi che di migliaia di dollari”, tutti gesti egualmente “generosi”. “Più viene sostenuta, più la Chiesa può fare per mettere in pratica l’amore di Dio – si legge ancora nella nota – portando il Vangelo nella vita quotidiana, in modo pratico e reale”. Infine, la Chiesa di Wellington ricorda che i contributi serviranno ad aiutare le popolazioni colpite da calamità naturali, ma anche coloro che si trovano a combattere l’emergenza abitativa o gli studenti che necessitano di un sostegno nella formazione. Da notare che anche la Caritas nazionale ha girato un breve video di ringraziamento per mostrare, in concreto, come vengono impiegate le offerte dei fedeli a favore dei più bisognosi. (I.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá