HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-14 10:58:36
A+ A- Stampa articolo



Mauritius: l’importanza per la Chiesa della scuola cattolica



“La Chiesa rende un vero servizio sociale attraverso le sue scuole e i suoi collegi”: è quanto scrive, in una nota, mons. Maurice Piat, vescovo di Port-Louis, nelle Isole Mauritius. In questi giorni, il presule ha presentato ai fedeli il progetto “Kleopas”, dedicato all’evangelizzazione e destinato a tre settori: famiglia, parrocchia e scuola. Articolato su tre anni – da settembre 2013 a maggio 2016 – il progetto formativo vedrà al primo punto proprio la formazione scolastica. “La Chiesa – spiega mons. Piat – investe nel mondo della scuola offrendo alla nazione le sue risorse umane e finanziarie a servizio della famiglia e del futuro dei giovani”. Quindi, il presule esprime la sua riconoscenza “per l’apporto inestimabile delle Congregazioni religiose femminili e maschili che si sono dedicate al servizio della gioventù locale e hanno donato all’educazione cattolica dinamismo e competenza”. Ribadendo, poi, la necessità di una scuola che “costruisca l’unità nazionale all’interno della diversità delle culture e delle religioni e che abbia un inquadramento morale aperto ai vantaggi della modernità”, mons. Piat afferma: “Per la Chiesa delle Mauritius si tratta di ridefinire la sua missione educativa, nel cuore delle nuove sfide che ci lancia il mondo contemporaneo”, ed è quindi importante impegnarsi per contrastare “l’abbandono scolastico e promuovere il senso civico e l’unità nazionale”. Il vescovo di Port-Louis guarda, inoltre, al contesto “pluralista” in cui la Chiesa si trova oggi ad operare e rassicura: la questione dell’identità delle scuole cattoliche e i legami tra scuola, famiglia e parrocchia saranno al centro del progetto “Kleopas”. Altro punto focale dell’iniziativa sarà “la qualità e la valorizzazione dei corsi di catechismo”, perché “anche se la scuola non è un luogo di proselitismo”, tuttavia, “nell’ambito di una cultura del dialogo”, essa, proprio “in quanto cattolica”, deve “valorizzare la catechesi e sostenere i catechisti, offrendo loro la migliore formazione possibile” e rafforzando i contatti con “i movimenti, le parrocchie e le famiglie”. Infine, mons. Piat esorta il settore scolastico a dare voce a tutte le persone in esso coinvolte, come docenti, genitori e giovani, e “tutti coloro che si mettono al servizio di questa nobile causa”. (I.P.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá