HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Giustizia e Pace > notizia del 2013-07-16 15:47:54
A+ A- Stampa articolo



Papua Nuova Guinea. "No" della Chiesa locale al divieto delle fedi non cristiane



“Assurda a scioccante”: così la Chiesa locale, attraverso una nota inviata all'agenzia Fides dal direttore dell’Ufficio comunicazioni dei vescovi di Papua Nuova Guinea e Isole Salomone, padre Giorgio Licini, definisce l’approvazione, da parte delle due Camere del parlamento, di una mozione che vieta nel Paese il culto delle fedi non cristiane. Il provvedimento, proposto dal governatore della provincia di Hela, Anderson Agiru, per la Chiesa locale, che ha sempre difeso il supremo valore della libertà religiosa – fondamento di tutte le altre libertà – “contraddice decenni di conquiste e progresso nel campo dei diritti umani e delle libertà civili”. Il divieto, inoltre, s’infrange sulla Dichiarazione dell’Onu per i diritti umani del 1948 e discrimina i cittadini in base alla fede personale, cosa inaccettabile. “Il cristianesimo potrebbe definirsi una sorta d’identità culturale per la moderna Papua Nuova Guinea e le sue 850 tribù – aggiungono i vescovi – ma non bisogna mai dimenticare che la vera fede va al di là di semplici disposizioni costituzionali”. Dopo l’approvazione in parlamento, infatti, il ministro per lo Sviluppo della comunità e la Commissione per la revisione costituzionale istituiranno un gruppo bipartisan incaricato di redigere il testo del referendum. (R.B.)




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá