HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Politica > notizia del 2013-07-17 16:12:16
A+ A- Stampa articolo



25 anni fa l'adozione dello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale



Si è celebrata ieri la Giornata della Giustizia penale internazionale a ricordo di quando, nel 1998, fu adottato lo Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale (Cpi), a oggi ratificato da 122 Paesi. Dalla sua nascita la Corte, stabilita a l'Aja, è chiamata a lottare contro l'impunità dei più gravi crimini internazionali. L'importanza dell'anniversario nelle parole di Marina Mancini, docente di Diritto internazionale penale alla Luiss Guido Carli di Roma, intervistata da Francesca Sabatinelli:RealAudioMP3

R. – L’adozione dello Statuto ha senza dubbio rappresentato un enorme passo avanti nella giustizia penale internazionale: la Corte Penale Internazionale è un tribunale internazionale permanente con giurisdizione su crimini di guerra, crimini contro l’umanità, crimine di genocidio ed il crimine di aggressione. La Corte non ha però purtroppo giurisdizione universale, può infatti pronunciarsi solo sui crimini che siano stati commessi sul territorio di Stati parti o da cittadini di Stati parti, tranne quando vi sia un deferimento del caso da parte del Consiglio di sicurezza, come è stato in relazione ai crimini commessi in Darfur e a quelli commessi in Libia.

D. – E’ singolare che però proprio tre Paesi membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu – parliamo di Stati Uniti, Russia e Cina – non abbiano aderito...

R. – Per ragioni diverse, questi tre Stati non sono parti dello Statuto della Corte penale internazionale. Gli Stati Uniti hanno firmato lo Statuto ma in seguito non lo hanno ratificato. L’amministrazione Bush ha adottato un atteggiamento di dura opposizione alla Corte penale internazionale nel timore che i propri militari, impegnati all’estero in missioni internazionali, potessero essere portati dinanzi alla Corte penale internazionale con accuse pretestuose. L’atteggiamento degli Stati Uniti è cambiato con l’amministrazione Obama.

D. – Si assiste anche oggi a gravissime violazioni dei diritti umani: un caso tra tutti, la Siria. Ma quali sono i limiti della giustizia penale internazionale?

R. – Molta strada ancora rimane da fare verso una giustizia penale internazionale che sia effettivamente efficace e universale. Per quanto riguarda la Corte penale internazionale, un limite grave – come ho già detto – è dato dalla necessità che gli individui sottoposti alla Corte siano cittadini di Stati parti o abbiano commesso crimini sul territorio di Stati parti della Corte. Gravissimi crimini sono commessi in Siria: è stato accertato che sia i ribelli che il regime di Assad si sono resi responsabili di crimini di guerra e contro l’umanità. Purtroppo, la Siria non è parte dello Statuto e dunque la Corte potrebbe processare e condannare eventuali responsabili di questi crimini soltanto se vi fosse un deferimento da parte del Consiglio di sicurezza. Il Consiglio di sicurezza è diviso sulla questione siriana, tant’è che non è stato possibile nemmeno adottare sanzioni nei confronti della Siria e dunque attualmente la Corte penale internazionale non può esercitare la sua giurisdizione sui crimini commessi in Siria.

Ultimo aggiornamento: 18 luglio




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá