HomeRadio Vaticana
foto testata   
altre lingue  

Home > Chiesa > notizia del 2013-07-17 14:12:20
A+ A- Stampa articolo



Gmg. Mons. Petrini: il Papa conquista tutti, anche i lontani dalla fede



Il comitato organizzatore della Gmg in Brasile ha reso noto che l’ammontare della spesa complessiva prevista per la Giornata è di 120 milioni di euro circa, il 70% dei quali proveniente dai contributi dei pellegrini. Le attività relative all’evento – spiegano gli organizzatori - hanno generato circa 20mila posti di lavoro e, secondo le stime, ci sarà nel complesso un impatto economico di più di 160 milioni di euro per il Brasile, ma in particolare per la grande metropoli carioca. Ma quali potranno essere i frutti spirituali della Gmg? Risponde mons. João Carlos Petrini, vescovo di Camaçari, nello Stato di Salvador de Bahia. L’intervista è di Antonella Palermo:RealAudioMP3

R. - C’è un’attesa impressionante, perché Papa Francesco sta conquistando tutti, anche quelli che sono di altre religioni, anche quelli che non vanno in chiesa da anni e anni. Quando io incontro queste persone, fanno sempre grandi elogi, addirittura si mostrano commossi perché il Papa ha questo modo semplice di comunicare, di parlare, che tocca il cuore delle persone con cose facili che loro capiscono. Si sentono immediatamente coinvolti. C’è una grande attesa.

D. - Lei presiede la commissione episcopale “Vita e famiglia”: i giovani quanto sono aperti alla vita e alla costruzione di una famiglia basata sui valori del Vangelo?

R. - Io direi che in Brasile si vive una situazione che per certi aspetti è paradossale. Un’inchiesta fatta alcuni anni fa, non molti, da un grande giornale di San Paolo diceva che il 98% delle persone intervistate, quindi anche i giovani, considerano la famiglia come un grande valore o il più grande valore della propria vita. Una situazione un po’ paradossale perché nei mezzi di comunicazione, nelle legislazioni che sono state elaborate recentemente, la famiglia non è poi così valorizzata, perlomeno la famiglia così come noi l’abbiamo sempre compresa, cioè come l’unione di un uomo e una donna che si vogliono bene, che si amano e che sono aperti a generare nuova vita e ad educare i propri figli. E’ come se questa famiglia fosse considerata un po’ del passato. Molte sono le famiglie dove c’è solo la donna e un bambino o due, tre bambini… Poi, tutte queste realtà di famiglie ricomposte dopo separazioni, dopo divorzi... E’ una situazione molto delicata per la Chiesa.

D. - Cosa vi aspettate da Papa Francesco?

R. - L’attesa è di una nuova Pentecoste nella Chiesa ma con un punto molto preciso. Nel mondo attuale - io credo che sia uguale un po’ dappertutto, non solo in Brasile ma anche in altre parti del mondo - è molto difficile incontrare persone adulte sia nel campo dell’arte, dello spettacolo, dello sport, della politica, persone adulte che siano ammirevoli e che possano stimolare nel giovane l’idea di una vita di dignità, di grandezza, di dedicazione seria al bene di tutti. La figura di Francesco fa eccezione. Un’eccezione ammirevole. Per cui, speriamo che le sue parole suscitino un nuovo entusiasmo per Gesù Cristo, un nuovo attaccamento alla Chiesa cattolica, ma che abbia anche la finalità di risvegliare nei giovani l’ipotesi di vivere secondo una grandezza che noi non vediamo frequentemente vicino a noi, ma che il Papa ci rende prossimo proprio in questi giorni a Rio de Janeiro.




Condividi






Chi siamo Schedule Contatti Produzioni RV Links Elettrosmog Museo RV Altre lingue Santa Sede SCV Cerimonie
All the contents on this site are copyrighted ©. Webmaster / Credits / Note Legali / Per la pubblicitá